Archivi tag: GP Azerbaigian

VERSTAPPEN PASSEGGIA A BAKU. LA FERRARI RIPOSA.

Il campionato Indycar, pardon, il campionato del mondo di Formula 1 fa tappa nel cittadino di Baku. “Una gara dalla quale ci si può aspettare di tutto”, per dirla con Binotto. 

Ma non per la pole, che è ormai un’esclusiva di Charles Leclerc. Con un giro incredibile, rifila 3 decimi al secondo, che non è Verstappen e nemmeno il suo compagno di squadra Sainz, bensì Perez, che da qualche gara pare più in forma della prima guida Red Bull.

Si spengono i semafori, e si capisce subito che per Leclerc sarà una pessima giornata. La partenza di entrambe le Red Bull è da manuale, e Perez passa primo in curva 1. Come se non bastasse, Charles spiattella l’anteriore destra. Il messicano della Red Bull guadagna velocemente diversi secondi.

Al giro 7, il ferrarista si riavvicina a Perez, ma ha Max alle calcagna, con la possibilità di aprire il DRS. A differenza delle gare precedenti, questo non è sufficiente per consentire a Max un facile sorpasso sul lunghissimo rettilineo di Baku.

Al giro 10 altra mazzata per la Ferrari: Sainz si ritira con problemi idraulici. Viene attivata la Virtual Safety Car, e la Ferrari ne approfitta per effettuare il cambio gomme di Leclerc, che, purtroppo risulta più lento di 3 secondi. Charles riesce a mantenere la terza posizione, e la VSC viene disattivata prima che la Red Bull riesca a fare effettuare il pit-stop ai suoi piloti. 

Al giro 15 Verstappen supera Perez, al quale viene intimato di non combattere. Poi il messicano inizia a girare molto lentamente, perdendo fino a 3 secondi al giro su Leclerc, che, invece segna giri veloci a ripetizione. Al giro 17 Checo si ferma, e riesce a stare davanti a Russell, quarto, di un soffio.

Al giro 19 è il turno di Verstappen, che in questo momento ha soli 7 secondi di vantaggio su Leclerc, il quale ritorna in testa alla gara, ma con gomme con ben 9 giri in più rispetto a Max. 

La durata delle gomme però non è un problema, perchè al giro 22 la PU n. 2 esala l’ultimo respiro. 

Al giro 35 tocca a quella di Magnussen, ed esce nuovamente la Virtual Safety Car. In Red Bull, visto che ormai alle spalle non c’è più alcuna minaccia, decidono prudenzialmente di operare un altro cambio gomme. A questo punto della gara, Perez si trova a 12 secondi da Verstappen, mentre al terzo posto c’è l’inossidabile Russell, e al quarto Gasly.

Al giro 44, il francese dell’AlphaTauri viene raggiunto e superato dal rimontante Hamilton, alle prese con un fastidioso mal di schiena. 

La gara finisce così con una doppietta Red Bull, seguita dalle due Mercedes. Al quinto posto Gasly, ritornato su ottimi livelli, seguito da Vettel. Poi Alonso, Ricciardo, Norris e, a chiudere la zona punti, Ocon. 

Nessun motorizzato Ferrari nelle prime 10 posizioni. E su 4 ritiri, tutti e 4 hanno riguardato macchine motorizzate Ferrari. 

Purtroppo per la Ferrari e per i suoi tifosi, Baku rischia di essere lo spartiacque del mondiale. Doppietta Red Bull contemporanea a doppio ritiro Ferrari. Come nella prima gara, ma a parti invertite. E con la differenza che alle spalle ci sono solo vittorie Red Bull, e che ora il problema è l’affidabilità, anche, ma non solo, del motore endotermico. 

Fra una sola settimana si correrà a Montreal, altro circuito da motore. C’è poco tempo per correre ai ripari. E c’è da sperare che in Ferrari non siano costretti a risolvere i problemi depotenziando la PU, con conseguente perdita di prestazione. Perchè, se così fosse, rischieremmo di vedere una restante parte della stagione caratterizzata dal fastidioso dominio di un solo pilota. E sarebbe poco sopportabile, dopo essere ritornati a vedere gare combattute nel 2021 e nella prima parte di questa stagione.

* immagine in evidenza dal profilo Twitter @F1

F1 2022 – GRAN PREMIO D’AZERBAIGIAN

Per l’ottavo appuntamento stagionale della F1 si passa da un circuito cittadino all’altro, da Montecarlo a Baku. Entrambi circuiti cittadini ma non potrebbero essere più diversi uno dall’altro anche se una cosa resta in comune: il margine per errori praticamente nullo concesso ai piloti.

Si arriva a Baku archiviando il primo terzo di campionato e con la certificazione della prima (mini) fuga in classifica piloti e costruttori con la Red Bull e il suo pilota di punta Verstappen a issarsi in cima alla classifica.

Un filotto di quattro gare vinte per gli anglo-austriaci, in cui hanno semplicemente dimostrato come siano più abituati e capaci a gestire situazioni complicate e cariche di tensione e portare a casa il massimo risultato possibile.

immagine da alvolante.it

Per contro Ferrari sconta una disabitudine figlia delle sciagurate stagioni che si sono susseguite dal 2018 in poi, in cui al massimo si lottava per una sporadica vittoria o per un podio, cosa ben diversa dal doversi giocare ogni GP in una singola chiamata ai box o con una strategia particolarmente efficace.

Peccato perchè da Barcellona si può dire che la SF-75 sia la più completa monoposto in pista e non sarebbe stato uno scandalo se Leclerc fosse stato il vincitore dei quattro GP che invece sono andati agli alfieri Red Bull.

Una somma di errori, problemi tecnici e sciagurate strategie di gara hanno vanificato totalmente quanto di buono fatto nelle prime tre gare di stagione. In questo senso la tappa di Baku deve servire agli uomini di Maranello come un nuovo inizio di campionato.

Le prove al simulatore hanno promosso la SF75 sul tracciato azero ma quì la Red Bull fa decisamente più paura considerando la velocità di punta che potrà sfoderare sul lungo rettilineo che immette sul traguardo. La SF-75 dalla sua potrà far valere la stabilità in frenata e l’ottima trazione ma servirà anche il decisivo apporto di Sainz e del muretto box per portare a casa la vittoria.

Pirelli porterà le stesse mescole utilizzate a Montecarlo dato che il circuito di Baku è poco esigente nei confronti degli pneumatici in termini di forze laterali e usura.

Sarà interessante capire come la Ferrari si approccerà al weekend azero dopo la batosta e le polemiche di Montecarlo. Il rischio è quello di vivere ogni appuntamento come una sorta di ultima spiaggia per recuperare punti ad una Red Bull solidissima in gara e quindi aumentare il rischio di commettere errori.

immagine da rossomotori.it

L’utilizzo del terzo turbo e MGU-H per Leclerc sembra andare proprio nelle direzione di non lasciare nulla di intentato sul piano delle prestazioni, anche se è un fatto ormai che Ferrari dovrà forse anticipatamente rispetto alle previsioni, scontare una penalità per il futuro utilizzo di componenti della PU oltre il numero di tre concesso dal regolamento.

Attesa anche per la Mercedes che cercherà di confermare a Baku i progressi visti da Barcellona in poi. La W13 è indubbiamente migliorata anche se sinceramente sembra un pò sopravvalutata nelle sue prestazioni in pista considerando il distacco da Red Bull e Ferrari che rimane comunque molto ampio. Bravi invece, soprattutto con Russell, a raccogliere sempre il massimo possibile sfruttando i problemi altrui.

Nel pacchetto di mischia del mid-field difficile anticipare chi andrà bene e chi no. Tra McLaren, Alpine, Alfa Romeo e Alpha Tauri sono troppe le variabili in gioco e fare un pronostico diventa difficile.

Certo è che Bottas potrebbe essere un fattore per emergere dalla lotta, dato che al finlandese piace il tracciato azero e l’Alfa può contare su una PU di primo livello (quando non ha problemi).

Chi riuscirà a trovare il giusto compromesso tra asse anteriore e posteriore, cercando di non far raffreddare troppo le gomme anteriori nei lunghi rettilinei e non surriscaldare le posteriori nei tratti soggetti a maggiori trazione avrà un bel vantaggio in ottica gara.

immagine da sport.sky.de

Al momento l’Aston Martin è una sorta di work in progress dopo il cambio radicale di filosofia aerodinamica che l’anno avvicinata molto (forse troppo) alle forme della RB18. Baku potrà essere un buon test per verificare la bontà del nuovo pacchetto aerodinamico, facilitato dal fatto che non ci sono curve veloci da affrontare, attuale punto debole della verdona della F1.

Per la Haas l’ìmperativo, come sottolineato da Steiner, è letteralmente non fare danni. Ormai la conta dei pezzi di ricambio per le monoposto distrutte in pista comincia ad essere davvero impattante sulle finanze di una squadra che deve fare i conti con il budget cap.

Schumacher è sotto osservazione in questo caso, avendone distrutte già due a Miami e Montecarlo oltre al fatto che le sue prestazioni in pista sono, al momento, francamente insufficienti.

Williams resta sempre un pò la cenerentola del gruppo, aggrappata alla buona luna di Albon e a particolari condizioni di gara che possono avvicinarla alla zona punti. Quanto meno sarà più difficile per loro fare danni in fase di doppiaggio così come successo a Montecarlo anche se non bisogna mai porre limiti alla provvidenza…

Baku di solito offre sempre gare spettacolari e con tante sorprese, forse proprio quello che non vuole la Ferrari che in situazioni caotiche ha già dimostrato di non essere proprio il massimo. Servirà fare bottino pieno in terra azera anche solo per mandare un segnale, che la lotta è viva e quelli di Maranello sono della partita. Se lo augurano in tanti, di sicuro non Red Bull e probabilmente neanche quel simpaticone di Norbert Haug ma per il campionato sarebbe oro colato.

*immagine in evidenza da fanpage.it

Rocco Alessandro

 

F1 2021 – GRAN PREMIO D’AZERBAIGIAN

Il GP di Montecarlo, come da copione, ha offerto poco spettacolo in pista ma ha reso nuovamente incertissima la lotta per il titolo mondiale.

Complice il tragicomico ritiro di Leclerc, quello altrettanto fantozziano di Bottas e una gara davvero incolore del leader Hamilton, Verstappen si è portato a casa vittoria e primo posto nella classifica mondiale.

Quattro miseri punti dividono i due unici contendenti al titolo 2021 dopo che le prime quattro gare avevano dato la netta impressione che il pacchetto Hamilton/Mercedes fosse ben più attrezzato di quello Verstappen/Red Bull.

Adesso è il turno di Baku e del suo tracciato cittadino a metà strada tra la velocità di Monza e le stradine del Principato.

Ecco, diciamo subito che la palma del “maniavantismo” questa volta se la becca la Ferrari, che ha già dichiarato che correrà in difesa sul circuito azero.

immagine da quotidiano.net

Le simulazioni hanno dato poche speranze ai rossi di condurre una gara da protagonisti, principalmente per la presenza dei lunghi rettilinei che dovrebbero penalizzare non poco la SF21H.

Certo potrebbero esserci delle sorprese, in primis la gestione delle gomme di uno step più morbido rispetto al GP del 2019, ma in Ferrari sembrano pronti a vivere un weekend in cui dovranno cercare di mettersi alla spalle il triello Aston Martin/Alpine/Alpha Tauri piuttosto che combattere con McLaren.

Proprio la McLaren viene data come grande protagonista a Baku grazie alle velocità di punta elevate mostrate in questo inizio di stagione. Norris è gran forma e reduce dal podio monegasco, qualche dubbio in più su Ricciardo che non ha un gran feeling con la pista azera: due ritiri nelle ultime due edizioni e il famoso autoscontro con l’allora team-mate Verstappen.

Uno che di scontri a Baku se ne intende è Vettel che arriva ringalluzzito dall’ottimo weekend di Montecarlo che probabilmente (anche se lui non lo ammetterà mai) gli ha fatto capire di avere ancora qualcosa da dare al mondo della F1. Non è da meno il suo compagno Stroll che a Baku ha conquistato il suo primo podio in carriera e si è sempre fatto valere.

immagine da motorbox.com

Paradossalmente proprio la Aston Martin è l’incognita del weekend, una monoposto che nelle intenzioni doveva ricalcare le prestazioni della W11 Mercedes ma che si sta rivelando peggiore delle aspettative.

In Alpine e Alpha Tauri al momento il problema più grande sono i piloti. Se per Tsunoda, dopo gli exploit iniziali e le tante (troppe?) lodi c’è stata una netta involuzione anche caratteriale che lo ha messo nel mirino di Marko, sorprendente invece pensare ad un Alonso come l’attuale anello debole della Alpine.

Lo stesso Alonso ha più volte ammesso che al momento fa fatica a “copiare” le prestazioni di Ocon ed è in difficoltà soprattutto per un calendario che lo hanno visto correre su piste sulle quali non correva da un bel pò di tempo, guardando al GP di Francia come ad un nuovo inizio di campionato.

immagine da motorbox.com

Il GP di Monaco è stato sorprendente anche nel dualismo Schumacher/Mazepin, con il primo che ha inanellato una serie di errori che ci si sarebbe aspettati dal secondo. Baku sarà l’ennesima tappa di un campionato corso nelle ultime posizioni e valido esclusivamente come apprendistato, con l’imperativo di portare a casa un weekend con le macchine integre per entrambi.

Tra Williams e Alfa Romeo puntiamo decisamente più sulla prima che sulla seconda ma difficilmente porteranno a casa qualche punto alla fine della gara di domenica.

Dulcis in fundo, i due litiganti Mercedes e Red Bull. Come per gli ultimi appuntamenti continua il teatrino delle accuse reciproche, risposte piccate e provocazioni: ali flessibili, track limits, guerre psicologiche e tecnici “rubati”.

Non ci si fa mancare neanche il vecchio adagio del “ci aspettiamo un GP difficile” oppure “vedo i nostri avversari forti su questa pista”, niente di nuovo anche se molto noioso.

immagine da motorbox.com

Di sicuro entrambi i team dovranno elevare il loro livello di attenzione ed efficienza in gara dato che a Baku spesso e volentieri ci sono state gare “pazze” in cui cogliere l’attimo e fare le scelte giuste al momento giusto.

Probabilmente più che in altri circuiti saranno fondamentali Bottas e Perez, con il finlandese che è sempre andato molto forte in Azerbaigian.

Pirelli, come già accennato, porterà delle mescole di uno step più morbide rispetto all’ultima edizione datata 2019, questo dovrebbe far considerare ai team una strategia alternativa a quella dell’unica sosta.

Curiosità soprattutto nel capire se Hamilton ha resettato il cervello dopo lo sfacelo monegasco e se Verstappen è davvero entrato in modalità “prostiana”, ovvero quando non si può vincere, non strafare e accontentarsi di quello che viene.

*immagine in evidenza da alvolante.it

Rocco Alessandro