F1 2024 – GRAN PREMIO DI MONACO

Da un circuito storico all’altro , si parte dall’Enzo e Dino Ferrari di Imola per arrivare all’iconico cittadino del Principato di Monaco. Anche qui’, sara’ ripetitivo come discorso, ma l’iconicita’ e’ tutto un retaggio del passato, in una F1 che, magari a torto, veniva percepita come una vera sfida tra temerari, sfida che le strette vie del Principato sublimavano come pochi altri circuiti.

Oggi, complice anche le dimensioni extralarge delle monoposto attuali, questa sfida rimane parzialmente confermata nelle qualifiche mentre la gara e’ solo un noioso torpedone che raggiunge il punto piu’ imbarazzante al passaggio alla Loews, una roba che neanche i Suv in fila per arrivare a Portofino puo’ reggere il confronto.

immagine da motorbox.com

Detto cio’ e soddisfatto il momento del ‘si stava meglio quando si stava peggio’, torniamo alla stretta attualita’ che vede una curiosa teoria parzialmente confermata dalla realta’ dei fatti: la Red Bull puo’ essere battuta o quanto meno regolarmente insidiata. E a fare tutto cio’ non e’ la Ferrari, migliore candidata considerando il trend dell’ultima stagione bensi’ la McLaren che sotto la guida di Stella cometa ha fatto un salto che avremmo definito quantico anche solo un anno fa. 

Bravi loro e male per i Rossi che pero’ hanno dimostrato di poterci entrare a fare a spallate in quel gruppetto, soprattutto se elimineranno qualche defaillance in qualifica e nelle strategie di gara (si lo so, non ridete…). A parte gli scherzi, la SF-24 e’ migliorata dopo l’ultimo step di sviluppo imolese e Leclerc si aspetta molto anche da quelli che verranno introdotti a breve, sempre posto il fatto che gli altri non migliorino di pari passo se non di piu’.

A Monaco la Ferrari viene data come la favorita dagli addetti ai lavori e se non fosse per il fatto che questi ultimi si sono sbagliati piu’ volte di quanto faccia Leclerc quando va in overdriving, ci sarebbe anche da credergli. In ogni caso ci si aspetta molto dalla Scuderia e chissa’ se per la prima volta Leclerc potra’ essere profeta in patria.

immagine da motori.it

Ovviamente sia Verstappen che la McLaren, che per l’occasione sfoggera’ una livrea dedicata a Senna, non sono d’accordo e cercheranno di sovvertire questo pronostico con il risultato che ci aspetta una lotta infuocata in qualifica, per la gara chissa’.

Mercedes, inaspettatamente, non esce con le ossa rotte da Imola e addirittura punta anch’essa a formare un forza 4 di scuderie in lotta per il podio e per la vittoria. Non so quanto possa essere giustificato questo ottimismo ma evidentemente gira roba buona in quel di Brackley.

immagine da rossomotori.it

Chi e’ chiamata ad un riscatto e’ l’Aston Martin, inguardabile a Imola e piuttosto sottotono negli ultimi Gp. Se neanche Alonso riesce a metterci una pezza e le sue prestazioni si avvicinano a quelle del compagno di team la situazione e’ grave, soprattutto per un team che per risorse economiche e outlook sembra essere in rampa di lancio per arrivare a giocarsi il mondiale nel 2026.

Le altre dovranno accendere un cero a santa Devota e sperare in qualche exploit in qualifica, magari con qualche inaspettato regalino di qualche pilota piu’ quotato. Acchiappare un buon posto in griglia e poi fare catenaccio fino alla bandiera a scacchi. In questo potrebbe aiutare la minaccia di pioggia in qualifica che sembra piuttosto reale.

Di Alpine non parlo piu’ dato che li avevo dati per dispersi a Imola e invece, tutto sommato, non sono poi andati cosi’ male. Ecco, diciamo che questa volta spero vadano bene…

Sul fronte mercato piloti sembra che Sainz sia rimasto con il classico cerino in mano: solo l’Audi resta come valida opzione che seppur potenzialmente vincente e’ un po’ un salto nel buio. Sia Red Bull che Mercedes sembrano puntare su altro: usato sicuro e obbediente Perez per gli austriaci e fascinazione e scommessa italiana per i tedeschi che sembrano voler promuovere dal 2025 Kimi Antonelli.

In chiusura piccola nota su Ferrari: nel nuovo patto della Concordia il bonus storico dedicato alla Scuderia sara’ confermato ma in qualche modo ‘congelato’, ovvero una cifra fissa che non seguira’ un eventuale andamento al rialzo dei ricavi che il circus potra’ ottenere, come avviene tutt’ora. Chissa’ come la prenderanno i grandi capi di Torino…

Rocco Alessandro

 

BASTIAN CONTRARIO: IL SORPASSO

Signore e Signori che mi leggete alla fine della giostra, chiamata GP di Imola, i tanto attesi aggiornamenti della Ferrari hanno funzionato o no? Nella mia vita ho imparato, soprattutto sulla mia pelle, che le cose o funzionano o non funzionano. Quindi in valore assoluto, considerando il risultato ottenuto da un lato e disatteso dall’altro, perché inutile nasconderlo che il pensiero ce l’avevamo messo, gli aggiornamenti non hanno funzionato come ci si aspettava. Questo in valore assoluto appunto, perché poi andando a vedere l’andamento della gara (da qui poi il tanto amaro in bocca) questi upgrade il loro dovere lo hanno svolto eccome, tant’è vero che la Rossa (di LeClerc) era quella che meglio preformava con le gomme paradossalmente, solo che non riusciva a raggiungere e sorpassare la McLaren di Norris e la Red Bull di Verstappen, cosicché alla fine è giunto inevitabile il sorpasso dei papaya ai danni della Beneamata. Come ho già scritto su queste righe, la curva di miglioramento per quanto riguarda questo regolamento, si sta appiattendo ed inevitabilmente chi ha fatto bene i compiti a casa (infatti AMG rema e dubito che la vedremo protagonista anche l’anno prossimo), si è avvicinato a Red Bull. Premesso che non immaginavo che questo avvicinamento sarebbe arrivato cosi velocemente, c’è da dire che il bello dell’attuale stagione, è proprio quello che abbiamo tre top team uno a ridosso dell’altro (domenica scorsa i primi tre erano raggruppati in un decimo) e proprio per questo ho scritto in passato che è davvero un peccato che l’anno prossimo finisca tutto, perché con il livello di competizione raggiunto in termini di sviluppo, a parità di macchina, solo i piloti avrebbero fatto la differenza con inevitabile guadagno dello spettacolo. Di contro (c’è sempre il trucco), questa attuale realtà ci dice anche che la concorrenza è aumentata e dunque, se non sei perfetto, può succedere quello che abbiamo visto proprio durante il GP imolese e cioè che Charles più di tanto non riusciva ad avvicinarsi a Norris, con il risultato che la Rossa in pista di sicuro non era la seconda forza e, l’inevitabile sorpasso nei riguardi della Ferrari è stato consumato sotto i nostri occhi.

In un mondiale cosi tirato (per il secondo posto, perché dopo quello che Verstappen ha dimostrato non credo ci siano dubbi su chi conquisterà nuovamente il mondiale) ogni dettaglio conta e può fare la differenza e, sebbene Ferrari era ottima sulle gomme, è anche vero che il problema congenito che si porta dal primo GP e cioè la qualifica, purtroppo al momento sembra non essere stato risolto. Con tre vetture che praticamente si eguagliavano in una pista dove è difficilissimo sorpassare (singolare che dopo le qualifiche abbiano fatto vedere lo speciale “Villeneuve – Pironi, dove a Imola se le sono date di santa ragione tra sorpassi e contro sorpassi!) partire dietro, significa condannarsi a conservare la posizione di partenza a meno di stravolgimenti miracolosi. I tre di testa hanno impresso un ritmo praticamente identico e, come ho detto poc’anzi, in questa condizione sono proprio i piloti a fare la differenza. Gli ultimi venti giri sono stati indicativi del loro comportamento e ciò che è balzato all’occhio è che purtroppo, dei tre, quello che ha sbagliato è stato proprio LeClerc. Si possono trovare mille giustificazioni al suo errore eppure il fatto rimane e cioè, che è stato lui ad andare lungo alla “Gresini” e non i suoi avversari che di fatto sono stati chirurgici. A tal proposito Verstappen nel weekend imolese ha dimostrato perché è campione e che di certo, non lo è solo perché ha un mezzo superiore alla concorrenza. Questo infatti poteva valere l’anno scorso, non di sicuro in questa stagione. Signore e Signori qui si sta parlando di uno sportivo che è dedicato anima e corpo, letteralmente parlando, alla causa delle corse automobilistiche da competizione e non c’è niente che lo distoglie da questo chiodo fisso. Verstappen, prima di scendere in pista per la gara, si è sparato una challenge virtuale (di corse di durata!) vincendola tra l’altro. Mentre i suoi colleghi dormivano o si svagavano, l’olandese si è messo a gareggiare per i fatti suoi anche se virtualmente. Max ha un solo pensiero, una sola fissa, è completamente concentrato ad un solo mood e non c’è altra distrazione per lui se non quella di vincere. Questa sua forma mentis l’ha poi dimostrata in gara con una finezza ed una freddezza di guida annichilente. Credo che tutti abbiate notato il fatto che sia stato richiamato ufficialmente perché ha superato il numero massimo dei (maledetti) track limit. Ebbene Max non ha sbagliato inconsapevolmente perché sopraffatto dalla pressione di chi lo seguiva, se mai l’olandese sapendo che aveva a disposizione tre “jolly” da giocarsi prima che venisse punito, li ha sfruttati tutti cercando di accumulare più vantaggio possibile (“mangiandosi” tutta la pista possibile), creando cosi un “cuscino” che potesse farlo stare tranquillo nei riguardi di Norris dietro. Tutto questo sapendo che dopo non avrebbe potuto sbagliare più, qualunque cosa fosse successa… ed infatti non lo ha sbagliato! Come ci si fa a difendere da un campione del genere? Come si può pensare di battere uno cosi? Allo stato attuale Verstappen è all’inizio del suo apice di forma ed uno cosi, non lo batti a meno che non si decida di rischiare l’osso del collo. Purtroppo tanti, troppi, hanno derubricato la causa della sua vittoria alla pole ottenuta grazie alla scia dell’incolpevole Hulkenberg (il quale è stato anche attaccato a mezzo social… queste sono le conseguenze delle telecronache urlate), quando non ci si vuole rendere conto che si è di fronte ad uno che non lascia nulla al caso e, che per metodologia di approccio alle gare, può tranquillamente essere paragonato a Schumacher. Sono ferrarista e, assumendomi le responsabilità di quello che scrivo, è giusto lasciare il tifo fuori (mi piacerebbe tanto dirne quattro a quel “campione” che ha mostrato il dito medio all’olandese mentre usciva per il suo giro lanciato!) e cercare di essere il più lucidi possibili e allo stato attuale Verstappen è una spanna sopra tutti.

Come mai Charles ha sbagliato? Il sedile inizia a scottare? La sua SF24 presentava, a causa degli aggiornamenti portati, degli aspetti sconosciuti di inguidabilità? L’ho detto prima, di giustificazioni se ne possono trovare a iosa, resta il fatto che dei tre di testa quello che ha clamorosamente sbagliato (aggiungendo che gli è andata anche bene visto che Sainz è stato veramente opaco, Piastri era troppo distante e Perez non ha fatto altro che litigare col circuito) è stato proprio lui e questo fa male, anche perché il monegasco è attualmente secondo nel mondiale piloti e questo senza mai aver vinto un GP! Ciò è clamoroso, a proposito di campioni, perché viene da chiedersi cosa sarebbe capace di fare se avesse una monoposto al 100% competitiva e, con questo voglio dire affidabile a partire dalle qualifiche. A quanto ho capito, la SF24 ha del potenziale ancora inespresso e bisognerà aspettare Barcellona per arrivare alla quadra di tutto (sperando che a Maranello non inizino ad usarla come abitudine quella “del buttare le mani avanti”). Nel frattempo al buon Charles consiglio di sfruttare questo tempo a disposizione per concentrarsi di più alla pista perché come detto, uno come Verstappen, se non hai la testa al 100% dedicata completamente alla pista difficilmente lo batti. Ad ogni modo il sorpasso è avvenuto e, la gara di casa del monegasco, può essere il campo di battaglia ideale per effettuare il contro sorpasso.

Buon GP di Montecarlo a tutti.

Vito Quaranta

NON E’ UN’ALTRA FORMULA 1: VERSTAPPEN 5 DI 22 AD IMOLA

Imola, finalmente. Dopo due anni di attesa, il circus ritorna sulle rive del Santerno, e lo fa a 30 anni esatti di distanza da quel tragico week-end. Di cui non parleremo in questo articolo, visto che lo abbiamo già fatto da un’altra parte, è già stato fatto sul circuito, e lo rifaremo anche noi fra una settimana a Trebbo, Ma, onestamente, è anche ora di guardare avanti, al di là del giusto ricordo di chi ha dato la vita per la propria passione.

La Ferrari presenta la versione 2.0, sulla quale si sono dette meraviglie. Che al sabato non si sono concretizzate, nonostante il dominio del venerdì e un Verstappen impegnato a conoscere bene le vie di fuga, che quest’anno sono in ghiaia. Max la piazza in pole, di un soffio davanti alle due McLaren, con Lecler quarto e Sainz quinto. La domenica, però, la Ferrari partirà in seconda fila, per la penalità comminata a Piastri causa impeding.

Partenza senza emozioni, e per 15 giri i primi 6 restano nell’ordine con il quale sono scattati dalla griglia. Il vantaggio di Verstappen è di 5 secondi su Norris. La strategia ideale prevede una sola sosta, e, in un circuito dove è impossibile superare, le possibilità di cambiare l’ordine sono limitate al momento della sosta.

Norris si ferma al giro 23, ma Lando non riesce a stare davanti a Perez. Al giro successivo è il turno di Piastri, e poi di Vestappen, mentre le Ferrari restano in pista. 

Leclerc si ferma al giro 26, e anche Leclerc si ritrova dietro a Perez, con Norris che ha aumentato il suo vantaggio. Sainz attende ancora 2 giri per fermarsi, e questo gli costa la posizione su Piastri e pure lui si trova dietro il messicano.

Nella seconda parte di gara non succede praticamente niente. Leclerc si avvicina a Norris, poi va lungo alla variante alta e la sua corsa per la seconda posizione finisce lì. Norris si avvicina a Verstappen, giusto per fare urlare un po’ i telecronisti, ma resta dietro.

Finisce così con Verstappen vincitore davanti a Norris, Leclerc, Piastri, Sainz,  Hamilton, Russell, Perez, Stroll e Tsunoda.

Ora si va a Monaco, altro circuito dove non si supera. La ghiaia non è servita a dare un po’ d’emozione, vediamo se il guard rail potrà aiutare a non farci dormire. Ormai dobbiamo attaccarci a quello.

P.S. Se si aggiorna e gli altri aggiornano di più, si rimane sempre lì.

P.S. 2 Il buon Max si è svegliato alle quattro per fare il suo stint della 24 ore del Nurburgring virtuale, che ha pure vinto. E questo deve fare pensare perchè, se come si sente dire in giro, lui o è in macchina o è al simulatore, non a giocare, come fanno gli altri colleghi, ma a confrontarsi con professionisti che, a suo dire, lo battono pure, e lui ne è contento perchè così impara. Si spiega come mai sia sempre davanti agli altri e, in particolare, al suo compagno di squadra, di un bel po’. Potremmo definirlo “un secchione”, ma questo è un tratto comune a tutti coloro che in carriera hanno raggiunto traguardi importanti a livello di numeri.

P.S. 3 L’aria di casa fa male agli strateghi Ferrari. La strategia di oggi è stata furba tanto quanto quella adottata un mese fa al WEC.

P.S. 4: i cronisti di Sky, nonchè Genè, sono convinti che Verstappen abbia vinto grazie alla scia presa ieri da Hulkenberg che gli ha consentito la pole. Lasciamoglielo credere.

P.S. 5: sempre i cronisti di Sky, sono convinti che questa sia un’altra Formula 1, perchè Lando è arrivato ad 1 secondo da Sky. Lasciamoglielo credere.

P.S. 6: ancora i cronisti di Sky sono convinti che la Ferrari sia a posto col degrado gomme perchè Sainz ha fatto il suo giro veloce all’ultima tornata. Ma Sainz è arrivato a 22 secondi da Max. Quindi delle due l’una, o non è vero o in Ferrari vogliono usare il treno di gomme anche a Monaco.

P.S. 7: Mi tocca rimpiangere Poltronieri e Mazzoni.

P.S. 8: non so perchè ma tutte le volte che Leclerc ci dà dentro ad Imola, mi aspetto sempre l’errorino. E, purtroppo, regolarmente arriva nella stessa curva.

 

F1 2024 – GRAN PREMIO DELL’EMILIA ROMAGNA

Dopo un anno dalla cancellazione dell’edizione 2023 a causa dell’alluvione, si torna sul circuito del Santerno per la prima tappa europea del mondiale 2024.

E’ sempre un piacere tornare su quello che molti appassionati definiscono’”terra santa” della F1, il circuito Enzo e Dino Ferrari di Imola, considerando l’unicita’, la storia e i corsi e ricorsi storici che lo hanno visto protagonista.

Pista ‘vecchio stile’, stretta, tecnica, in cui il pilota puo’ fare la differenza se riesce ad acquisire la giusta confidenza e non a caso amatissima dai piloti.

immagine da funoanalisitecnica.it

Ci si arriva dopo un’inaspettata vittoria McLaren con il pilota la cui ricerca del primo sigillo era diventata in pratica un meme, Lando Norris. Determinanti gli sviluppi portati in pista a Miami e anche una buona dose di fortuna grazie ad una safety car sfruttata al momento giusto ma si sa che chi vince festeggia e chi perde spiega e anche questo caso non fa eccezione.

Il Gp imolese e’ anche il primo vero crocevia della battaglia degli aggiornamenti sulle varie monoposto, in virtu’ delle sue caratteristiche di pista ‘vera’ che riesce a dare i giusti feedback in termini di bonta’ o meno degli sviluppi.

A parte Mclaren che ne ha gia’ portati parecchi a Miami, tutti gli altri proveranno il primo grande step evolutivo. Ci si aspetta molto da quello Ferrari, piu’ volte annunciato, sul punto di vederlo gia’ a Miami e poi nuovamente rinviato.

immagine da funoanalisitecnica.it

Attesa grande (come ogni sviluppo che viene da Maranello) mista ad una certa apprensione data dal fatto che in passato e’ gia’ capitato piu’ volte che la montagna partorisse il topolino oppure addirittura neanche quello. Non ci aspetta miglioramenti miracolosi ma una migliore resa delle gomme in qualifica e una maggiore capacita’ di sfruttare il potenziale della monoposto in gara, miglioramenti sufficienti da permettere ai nostri di giocarsela piu’ da vicino con la Red Bull.

Anche loro porteranno delle novita’, un pacchetto che Marko, dall’alto della sua arroganza ha definito come ‘previsto da mesi’ con il sottinteso che anche in questo csao per gli altri non c’e’ speranza. Certo e’ che la pista imolese potrebbe adattarsi come un guanto alle caratteristiche della RB20 per cui restano i favoriti d’obbligo.

La grande nobile in decadenza Mercedes non sara’ da meno, con degli aggiornamenti che pero’, a detta di Wolff, mitigheranno soltanto la cronica instabilita’ della W15 che necessita di ‘parecchi GP’ prima di trovare una cura definitiva ai suoi problemi. Si prospetta l’ennesima gara in sordina. Curiosita’ invece nel tastare il polso del pubblico italiano nei confronti di quello che nel 2025 sara’ ufficialmente uno dei due idoli di casa, sir Lewis Hamilton. Di sicuro sara’ un weekend diverso da quelli sperimentati in passato con la priorita’, per una volta, di tenersi dietro il suo compagno di squadra.

immagine da planetf1.com

Ovviamente anche tutti gli altri team porteranno il loro carico di novita’ sperando che questo ‘carico’ si traduca in pista in monoposto piu’ competitive , fermo restando che con tutta probabilita’ il fanalino di coda restera’ l’Alpine. A proposito della scuderia francese sembra che i due piloti stiano cercando in tutti i modi una diversa sistemazione per il 2025, come dargli torto poverini.

Sara’ un Gp importante per tanti motivi, in primis per capire se davvero le inseguitrici Ferrari e McLaren potranno avere solide speranze di lotta con Red Bull nel proseguio della stagione. Occhio al meteo che rimane un po’ incerto nell’arco del weekend con possibile peggioramento alla domenica, con temperature non elevate che di sicuro non andranno a favore dei Rossi di casa.

Restano ovviamente sempre aperte le vicende del mercato piloti che vede Sainz ancora non accasato definitivamente a nessuna squadra, Sempre il lizza Mercedes, Audi e Red Bull, con la prima che forse si fa preferire per il migliore compromesso (per il pilota) tra ingaggio e prospettive di competitivita’. In casa Ferrari invece annunciati due nuovi tecnici di peso in arrivo da Mercedes e il cambio al muretto di Leclerc che passa da Xavi Marcos a Bryan Bozzi.

Ormai anche il ‘buon’ Marcos era diventato un meme vivente in termini di errori commessi in gara nei confronti del suo pilota e alla fine, inevitabile, e’ arrivato il cambio della guardia, sperando che non si passi dalla classica padella alla brace.

Imola di solito regala sempre gare appassionanti , anche solo per il fatto che e’ una pista in cui c’e’ lotta vera anche senza bisogno di millemila sorpassi. I tifosi della rossa sperano che cosi’ come Imola 2022 segno’ l’inizio della fine di quel mondiale, cosi’ l’edizione 2024 possa farla svoltare in positivo. Si aspettano gli sviluppi, sperando che non siano come Godot.

*immagine in evienza da hideaways.in

Rocco Alessandro

1° MAGGIO 1994: A VOLTE LE VERITA’ NON SI POSSONO RACCONTARE

Sono passati 30 anni da quel tragico week-end a cavallo fra aprile e maggio del 1994, quando la Formula 1 perse due dei suoi protagonisti, e fu costretta a farsi un’esame di coscienza, quando ormai tutti pensavamo che correre a 300 all’ora dentro strettissimi gusci di carbonio, a pochi metri dai muri, fosse un’attività meno pericolosa che andare in bicicletta.

Ovviamente così non era, nemmeno lontanamente, e ci volle un fine settimana maledetto, ambientato in un luogo traboccante di passione per i motori e dall’intitolazione iconica, per affermarlo in maniera chiara e senza possibilità di smentita.

Ma se una delle due tragedie aveva una motivazione chiara, immortalata dalle telecamere, quello che è successo sulla Williams numero 2 guidata da colui che viene considerato da tantissimi il più grande pilota di Formula 1, è tutt’altro che chiaro.

Non sono bastati 30 anni, un processo e fiumi di parole per trovare un motivo certo alla prematura trasformazione di un grande campione in una leggenda destinata a scaldare i cuori ancora per tante generazioni a venire. Perchè certe verità sono difficili da raccontare, anzi, non si possono proprio raccontare.

C’è chi non si è rassegnato a questo, in particolare alcuni giornalisti che nei giorni immediatamente successivi si sono soffermati su alcuni particolari che non quadravano nel relitto di quella FW16 che rappresenta uno dei pochi passi falsi di Adrian Newey (anche se, di lì a poco avremmo scoperto che aveva già in mano la soluzione). Quei giornalisti hanno voluto andare fino in fondo, attraverso un’attività, quella del giornalismo investigativo, che non erano certo abituati a fare, perchè “motorsport is dangerous”, punto e basta, quando un pilota muore non c’è niente da investigare.

Franco Nugnes all’epoca dei fatti lavorava per Autosprint sotto la direzione di Carlo Cavicchi e oggi è direttore della testata online it.motorsport.com, di sicuro una delle più autorevoli, se non la più autorevole, nel vasto panorama della comunicazione motoristica online.

Franco era uno dei suddetti giornalisti, e ora, a 30 anni esatti di distanza dai fatti, ha pensato di raccogliere in un volume di oltre 300 pagine, intitolato “Senna: le verità” (ed. Minerva), i dettagli dell’inchiesta dell’epoca, raccogliendo nuovamente le testimonianze di chi i fatti li ha vissuti dal vivo, per ricostruirli nuovamente e riscoprire quelle verità che, all’epoca, non si potevano raccontare perchè erano scomode o, se si raccontavano, non venivano condivise da tutti quelli che in Formula 1 ci lavoravano.

Il vostro Pier Alberto avrà il piacere di parlare di questo libro con l’autore, nell’ambito del Festival “Trebbo sui Generis”, che si terrà a Trebbo di Reno, frazione del comune di Castel Maggiore alle porte di Bologna, il 25 e 26 maggio. Si tratta di una kermesse culturale nella quale 24 autori presenteranno le proprie opere in un ambiente intimo e accogliente come quello del centro di lettura “L’isola del tesoro”. Assieme al sottoscritto, ad intervistare Franco Nugnes ci sarà Emiliano Tozzi, direttore di collana presso l’editore Minerva.

L’appuntamento è per domenica 26 maggio alle ore 11. Qui sotto trovate il programma completo della rassegna, cui si può accedere gratuitamente e che sarà anche trasmessa online sul canale YouTube del centro di lettura.