Archivi categoria: WSBK

WSBK 2022- BAUTISTA ATTERRA IN AUSTRALIA  DA CAMPIONE DEL MONDO

E quattro. Dopo il filotto di titoli in MotoGp Alvaro Bautista si laurea Campione del Mondo Sbk e regala alla Ducati il quarto iride 2022. Manca all’appello solo il titolo Costruttori SBK che ormai è “quasi” una formalità.

 

62 punti in palio a Phillip Island con un distacco di 49 punti sulla Yamaha e sarà fatta anche per quello…

In pratica a Ducati basta un podio in una delle due gare “lunghe” per fare un en-plein mai riuscito e per rendere questo 2022 un anno davvero storico.

Bautista ha riportato a casa un titolo che mancava dai tempi del grande Troy Bayliss in Ducati. 

E’ vero, nel 2011 Checa si laureò campione del mondo Sbk ma la Ducati era quella del team Althea di Genesio Bevilacqua e, indubbiamente, non è la stessa cosa. Non c’era il team ufficiale il cui ultimo iride risale al 2009.

Fare doppietta Piloti-Costruttori ha tutto un altro sapore…..

Il pilota è la punta dell’iceberg quando si realizza un risultato importante. Il pilota è colui il quale prende gli onori sul podio, ma dietro di lui ci sono tutti i ragazzi che lavorano quotidianamente per metterlo nelle condizioni di riceverli.

Tra questi ragazzi spicca un nome su tutti ovvero il suo team manager Serafino Foti.

Ex pilota, pistaiolo vero ha avuto il pelo sullo stomaco di riportare a casa Bautista dopo quanto accaduto nel 2019, dopo un titolo lanciato nella ghiaia dallo spagnolo in una maniera che ha pochi precedenti nella storia delle corse. Eppure “Sera” ha avuto il coraggio di riprovarci convinto di riuscirci…. Ed ha avuto ragione lui.

Adesso Alvaro ha il DOVERE di ripagarlo portando a casa per lui il titolo Costruttori.

In fondo non serve che racimolare 16 fottuti punti tra quelli che Phillip Island metterà a disposizione questo weekend.

Ho già decantato tante volte la pista australiana come una delle più belle del mondo. Ducati può vincere anche qui e Alvaro (libero da pressioni di classifica generale) potrebbe fare quanto fatto dal suo “predecessore” Troy Bayliss nel 2008. L’australiano si laureò campione dopo gara 1 di Magny Cours, dopodichè vinse gara 2 e le successive due a Portimao ammutolendo tutti.

I tifosi oggi non vogliono tanto. Basterebbe un podio in Gara 1 in modo da far brindare il box già sabato e viversi le due gare domenicali con più serenità.

A Phillip Island però ci saranno in pista anche gli altri.

Primi tra tutti Toprack e Johnny Rea che con Bautista hanno condiviso la maggior parte dei podi stagionali. 

Sul turco c’è da dir poco se non che è il solito cavallo pazzo dal quale tutto si può attendere. Rea avrà il dente più avvelenato. La sua stagione non è stata al livello di quelle perfette di anni addietro e qualche errorino di troppo lo ha reso più “umano”.

Poi ci sono gli altri ancora, ovvero quelli che hanno raccolto le briciole lasciate dai tre big. Magari ci scappa la sorpresa da Rinaldi?

E’ finita anche quest’anno, quasi… Speriamo che finisca come i tifosi italiani desiderano e divertitevi seppur l’orario dell’Australia non è proprio comodo per noi europei..

Grazie Alvaro, ma soprattutto grazie Serafino.

 

WSBK 2022 – ROUND D’INDONESIA

Penultimo appuntamento del mondiale superbike in quel di Mandalika, Indonesia. Round che coincide con il primo match point per Bautista per chiudere definitivamente la pratica mondiale, titolo che in Ducati aspettano dal 2012 quando vinse Checa.

Paradossalmente se lo giocherà sulla pista peggiore dell’anno in termini di variabili che possono scompaginare i valori in campo. In primis, non ci ha mai corso con Ducati, si correrà su un asfalto completamente rifatto con tutto quello che comporta in termini di evoluzione della pista durante il weekend e il meteo potrebbe non essere dei migliori.

immagine da insella.it

Insomma, ci sarà un gran daffare per lo spagnolo e il suo team per cercare di mettere insieme tutti i pezzi nel modo giusto. Sarà così anche per gli altri ma è chiaro che quando hai la possibilità di vincere il mondiale c’è un pizzico di pressione in più.

Il vantaggio di 82 punti in classifica è più che rassicurante e gli permetterebbe di accontentarsi di arrivare secondo nelle tre gare previste per vincere il titolo. Non crediamo che sarà questa la tattica dello spagnolo ma non deve neanche fare troppi calcoli anche perchè Razgatlioglu non ha nulla da perdere come Rea.

Il turco arriva in Indonesia con la consapevolezza che ormai non dipende più da lui. Magari sarà proprio Rea ad aiutarlo in una rimonta che avrebbe dell’impossibile ma in ogni caso avrà una sola scelta obbligata, vincere tutte le gare a disposizione.

immagine da tuttomotoriweb.it

Rea si trova nello scomodo ruolo di “osservatore” che però potrebbe metterci più che uno zampino nella lotta al titolo. Molto dipenderà dallo stato di forma con cui la sua Kawasaki scenderà in pista, se sarà quello visto nelle ultime uscite allora si dovrà davvero accontentare di essere un semplice spettatore.

Per gli altri, la tante variabili in gioco potrebbero giocare a favore, vedi Honda e BMW ma molto dipenderà dalle motivazioni dei piloti in gioco che nel caso di Redding, ad esempio, non sembrano proprio al top. Anzi, ormai la battaglia sembra ormai più dialettica, con la polemica sul famigerato perso minimo da imporre a Bautista (o comunque ai piloti più “leggeri”) che ha tenuto banco nelle ultime due settimane.

Tra l’altro, un “peso massimo” potrebbe esordire in superbike nel 2023, mentre un altro tornerà sicuramente. Il primo è Petrucci, che potrebbe correre con il team Barni nel 2023, anche se Ducati preferirebbe vederlo nel MotoAmerica per questioni di visibilità del marchio e anche perchè non saprebbero con chi sostituirlo. Il secondo è Sykes che correrà nel 2023 con il team Puccetti e quindi di nuovo in sella a quella kawasaki che tante soddisfazioni gli ha regalato.

immagine da motociclismo.it

Tutto pronto quindi per un appuntamento storico per Ducati, che potrebbe centrare per la prima volta la doppietta mondiale MotoGP e SBK, la certificazione di un dominio tecnologico nell’ambito delle moto sportive che sembrava follia fino a qualche anno fa e sembra ancora incredibile considerando le dimensioni e le capacità finanziarie della casa di Borgo Panigale in confronto ai colossi giapponesi.

Difficile che la partita si chiuda già al sabato, Toprak dovrebbe combinare un disastro. Molto più facile che gara 2 della Domenica possa sancire il trionfo dello spagnolo. Ma tanto deve ancora accadere prima di allora per cui godiamoci quello che sembra un weekend di gara ad alta tensione.

*immagine in evidenza da motograndprix.motorionline.com

Rocco Alessandro

WSBK 2022 – ROUND DI ARGENTINA

Dopo il round portoghese che ha ribadito la supremazia del binomio Bautista/Ducati si va a correre a Villicum per il round argentino del mondiale superbike.

Pista che è da sempre un pò in incognita dato il manto stradale che più di una volta ha regalato brutte sorprese ai piloti. Se va bene è “solo” molto sporco, se va male praticamente inaffrontabile.

Di sicuro i piloti si troveranno una pista in rapida e continua evoluzione per cui quello che vale al venerdì nelle prove libere potrebbe non valere al sabato e alla domenica.

Bautista guarda tutti dall’alto con 56 punti di vantaggio su Razgatlioglu e ben 82 su Rea. Gli inseguitori dovranno rischiare qualcosa in più del dovuto per cercare di ribaltare la situazione anche se crediamo che solo Bautista potrà fare qualcosa in tal senso.

immagine da insella.it

La pista argentina è molto “tricky” per cui lo spagnolo dovrà essere bene accorto a non concedere punti facili ai suoi rivali. Potrebbe essere forse il primo round dell’anno in cui aspettare le mosse dei suoi avversari senza rischiare nulla o quasi.

Il turco e il nordirlandese invece sono quasi con le spalle al muro. Lo fa capire soprattutto la pletora di lamentele sul fatto che la V4 di Bautista è un missile in rettilineo. Di solito, quando un pilota si lamenta della moto altrui è perchè non ne ha per contrastarlo con la propria, per cui ottime notizie per Ducati.

Il giochino della moto “che va di più” è vecchio ma viene sempre utile per cercare di mettere pressione agli avversari e alla federazione che potrebbe agire in ottica 2023 per riequilibrare le dinamiche del campionato. In passato, quando vinceva Rea non abbiamo sentito tutte queste lamentele e soprattutto nel 2021 la velocità in rettilineo di Redding non era poi tutto questo grosso problema per gli altri, a parità di moto. Quest’anno invece…

Nel 2021 Razgatolioglu ha vinto due gare su tre, segno che la pista gli va a genio. Vedremo se questo round lo porterà a ridurre il distacco da Bautista. Se ciò non dovesse succedere lo spagnolo avrà il primo match point già al round di Indonesia.

Francamente vediamo Rea già fuori dalla lotta al titolo. Più che i punti di distacco è la difficoltà a girare forte nella seconda parte di gara a mettere fuori gioco l’alfiere Kawasaki. E’ evidente come la casa giapponese debba rimboccarsi le maniche è proporre una moto ben più competitiva della attuale, altro che lamentarsi a mezzo stampa. La V4 versione 2023 è già pronta sulla rampa di lancio per cui gli altri dovranno regolarsi di conseguenza.

immagine da it.motorsport.com

Il layout della pista di Villicum sembra adattarsi bene alle Ducati per cui sono attesi nelle posizioni che contano anche Rinaldi e Bassani, con quest’ultimo voglioso di riscattare il primo vero errore di stagione in gara 2 a Portimao.

Honda e BMW faranno di tuto per essere della partita ma molto dipenderà dalla “luna” dei loro piloti, con Lecuona e Redding usciti piuttosto sottotono dalle ultime gare. La stagione sta per finire, serve finire bene per cominciare al meglio il 2023.

*immagine in evidenza da roadracingworld.com

Rocco Alessandro

TOPRAK DOPPIETTA, BAUTISTA REGGE L’URTO, REA ABDICA ANCORA. PORTUGAL WSBK

Anno 2021, fine del GP a Portimao. L’allora Pilota Factory Aruba chiude tutte e tre le gare al 2° posto, perdendo punti sia da Razgatioglu che da Rea, si ritrova a 54 punti dalla testa della classifica.

Anno 2022, la musica è cambiata… O meglio il Pilota è cambiato. Alvaro Bautista è in testa al Mondiale con ben 56 punti su Razgatioglu. Praticamente 100 punti in più rispetto a Redding.

La moto è rimasta uguale, il Pilota è nettamente più forte o nettamente più leggero? Opto per la prima, poiché Micheal Rinaldi non è un peso massimo eppure le prendeva regolarmente da Redding. La differenza la fa tutta il Campione del Mondo 250…

In tutta onestà trovo ridicole le “scusanti” di Rea e Razgatioglu sul peso del Pilota e la potenza della moto. Kawasaki e Yamaha hanno tanto da lavorare se vogliono vincere il Mondiale Piloti e battere questo binomio.

Sia in gara 1 che in Superpole Race si impone Razgatioglu davanti a Bautista. Mentre in gara 2 vince lo Spagnolo. Tra chiude tutte le gare sul gradino più basso del podio e dice addio, anche quest’anno, alle possibilità di vincere il Mondiale. C’è da dire che gara 1 è stata più corta, quindi il vantaggio è stato tutto per Razgatioglu.

Resta da capire quale sia il fattore dominante per Ducati/Bautista. A mio avviso sono gli unici che riescono e sfruttare gli pneumatici fino all’ultimo giro, nelle gare lunghe. Hanno fatto un ottimo lavoro ed il Mondiale Piloti, che manca dal lontano 2011, è sempre più vicino.

Quello che mi chiedi è come mai Rinaldi, che pesa quasi quanto Bautista, non sia al secondo posto in classifica Piloti… La differenza la fa tutta il buon Alvaro, che ha migliorato notevolmente l’approccio alla gara ed è in debito con Ducati di un Mondiale (2019). Rea ancora ringrazia…

Un Jonnhy che purtroppo è in una naturale fase calante della carriera ma che continua a regalare show (pole stratosferica) nonostante non sia più il cannibale di un tempo. Tempo che passa per tutti, anche per i cannibali.

Argentina, Indonesia ed Australia. 3 Round alla fine. Sarà uno spettacolo.

 

Francky

TOPRAK VINCE, REA STENDE BAUTISTA. MONDIALE RIAPERTO.

Round di Francia a dir poco pazzesco, Bautista vince gara 1 mentre Toprak si prende le altre due. In Gara due Jonnhy stende Bautista. Toprak ringrazia.

È stato un round davvero “incredibile” questo di Francia. Il Campione del Mondo in carica ne esce vincitore e ringrazia Jonnhy Rea che, in gara due tentando il sorpasso su Bautista, arriva lungo e si tocca con il Pilota Ducati. Risultato Bautista a terra e Jonnhy punito con un long lap penalty.

Rea ha osato buttare in terra Bautista. Avesse tirato giù Razgatioglu o fosse successo il contrario, tra Toprak e Jonnhy, nessuno si sarebbe scandalizzato più di tanto. Adesso si grida allo scandalo, quasi come fossimo ritornati in Argentina 2018, dai cugini della MotoGP.

La penalità per Jonnhy a mio avviso sarebbe dovuta essere più “pesante”, un doppio Long lap penalty. Da qui a pretendere la bandiera nera però… Un contatto di gara, un errore che ha coinvolto il Pilota sbagliato. Fine.

Nella gara 1 si assiste all’incredibile uscita di scena sia di Rea che di Razgatioglu, entrambi cadono e regalano letteralmente la vittoria a Bautista davanti ad un ritrovato Redding ed uno spettacolare Axel Bassani. Bautista vince in solitaria e guadagna 25 punti importantissimi.

Nella SP Race invece la musica cambia, Bautista non riesce a contenere Razgatioglu nonostante abbia una moto palesemente più forte. Quando apre il gas nel curvone era praticamente imprendibile ma il Campione del Mondo è su un altro livello quando si tratta di frenare ed entrare in curva. Razgatioglu vince la SP Race davanti a Bautista che regola egregiamente Rea, in un duello mozzafiato all’ultimo giro.

In gara due succede il disastro tra Rea e Bautista. Qualcuno ha visto addirittura un braccio largo di Jonnhy e volontarietà nell’azione. Anni ed anni di sconfitte probabilmente fanno ragionare in maniera poco lucida. Il Campione del Mondo Razgatioglu vince davanti a Rinaldi e Bassani. Soltanto 5° Rea che chiude dietro a Lowes.

MONDIALE APERTISSIMO.

Mancano 5 Round alla fine, tra due settimane si va in Catalogna a casa di Alvaro Bautista. Ci sono ancora 10 gare “normali” e 5 sprint Race per un totale di 310 punti a disposizione. Razgatioglu è dietro Bautista di soli 30 punti, mentre Rea solamente di 47.

Classifica Mondiale.

REA CHE SUCCEDE?

L’alfiere Kawasaki è in netta difficoltà, questo è il quarto round che non riesce a vincere una gara. L’ultima vittoria risale a maggio ad Estoril, troppo per uno come lui. Sicuramente in altri tempi non avremmo visto quella manovra così azzardata, in Kawasaki devono ritrovare un Pizzico di lucidità, perché specialmente nelle Gare 2 fanno molta più fatica degli altri.

MERCATO PILOTI

Tiene banco il “caso Bassani“. Un Pilota di questo calibro deve ottenere un trattamento da ufficiale, si vocifera che Barni lo “strappi” a Motocorsa ma ci si aspettava un chiamata da Aruba. Il team Factory invece sembra voler continuare con Rinaldi. Dovrebbe entrare nel Mondiale il Campione del Mondo Moto2 2021 Remy Gardner, prendendo la sella di Gerloff. Anche qui ci chiediamo perché non quella di Locatelli, che non sta disputando una stagione eccelsa. Da vedere anche come si evolverà la situazione di Aegerter, che potrebbe ritrovarsi senza sella in SBK avendo probabilmente due Mondiali Supersport nel palmares.

CALENDARIO

Le ultime 5 gare si correranno in Spagna (Montmelo), poi si andrà il Portogallo (Portiamo) ed Argentina (Villicum) ad ottobre,  Indonesia (Mandalika) ed il round finale in Australia (Phillip Island) nel mese di Novembre. Attenzione alla pioggia, qualcuno potrebbe alzare la manina per non correre, come accadde ad Imola qualche anno fa…

Appuntamento tra due settimane sul circuito del Montmelo.