Archivi tag: FIA

BASTIAN CONTRARIO: LA COLPA DI VINCERE

Il mondiale 2021 passerà alla storia come uno degli ultimi più tirati della storia recente della F1. Mettendomi a fare i conti a partire dal 2010, mi rendo conto che proprio l’anno che ho citato ed il 2012 sono stati serrati fino all’ultimo. Nel 2011 e nel 2013 per Vettel fu quasi una formalità, poi è arrivato il 2014 e tutto è cambiato. In quell’anno è iniziato il dominio turbo ibrido della Mercedes di Toto e di Hamilton, il quale salvo il 2016, dove fu un regolamento di conti interno e, fatta eccezione per il 2018 dove Vettel impensierì marginalmente il campione del mondo inglese, ha di fatto sempre lottato contro il nulla.
Mi spiace (soprattutto per gli agguerritissimi tifosi di Hamilton) essere così caustico nei suoi riguardi, solo che la realtà viene facilmente distorta e, soprattutto, quando il tempo passa, è ancora più semplice modificarla. Sono sicuro che fra dieci anni, quando Hamilton ormai sarà passato a fare concerti oppure lo stilista di alta moda, se ne diranno di tutti i colori sulle sue gesta ultra decennali. Come sempre, la storia è scritta dai vincitori, solo che nello sport (e la F1 non fa eccezione a questo), la memoria dei fatti non la si può scalfire, né modificare ed è per questo che del campione inglese si potrà dire di tutto riguardo alla sua bravura (perché è vero!) tranne che ha avuto vita difficile… almeno fino a quest’anno. A memoria, da quando l’inglese ha infilato il casco la prima volta in F1, da quando non soffriva così? Nell’anno del suo esordio, incontrò sul suo cammino un signore di nome Alonso (chi c’era nel 2010 e 2012 a tenere vivo il mondiale fino alla fine tra l’altro?) col quale fu lotta vera ed intestina, l’anno successivo si sudò il mondiale fino all’ultima curva con una Ferrari (bei tempi quelli!), che tanto aveva lasciato per strada. Di fatto il buon Hamilton e a Dio piacendo, abbiamo dovuto aspettare il 2021 per rivedere un campionato serrato ed avvincente come quello che stiamo vivendo ora.
Il preambolo era doveroso, perché, nel frattempo che attendavamo il miracolo di una lotta corpo a corpo e a distanza (in dipendenza del circuito), i tempi sono cambiati e non poco e con loro; anche il modo di approcciare criticamente alle corse. In seguito all’incidente come quello accorso domenica scorsa tra Verstappen ed Hamilton, che dovrebbe essere la normalità per una lotta al titolo, lottare è divenuta quasi una colpa: la colpa di vincere appunto. Personalmente parlando, la sportellata che i due contendenti al titolo si sono dati è stata oro colato per le mie papille gustative. Sia chiaro, non godo nel vedere piloti che si sbattono fuori o peggio che si facciano male (di questi tempi ahimè è doverosa questa specificazione), semmai mi fa piacere vedere due super sportivi che non mollano un centimetro per poter ottenere quello che vogliono e cioè vincere a qualunque costo! Purtroppo, come era prevedibile, immediatamente dopo l’accaduto e a sangue più freddo il giorno seguente, ho assistito ad una pioggia di analisi, fotogramma per fotogramma, nel cercare di capire chi avesse più colpa, nello smascherare chi fosse più in difetto rispetto all’altro. Ha davvero così importanza una cosa del genere in una manovra come quella a cui abbiamo assistito domenica scorsa? Qui non si parla del fatto che l’uno ha sbattuto volontariamente fuori l’altro ed in maniera eclatante anche. Qui si parla del fatto che entrambi “di mestiere” hanno cercato di uscire l’uno davanti all’altro dopo la chicane, magari con “l’altro” insabbiato pure! Davvero ci si vuole applicare su chi, sportivamente parlando, sia stato più figlio di puttana in quella manovra? Davvero si vuole analizzare che “l’insensibile” Verstappen ha abbandonato “la scena del delitto” lasciando il povero Hamilton solo al suo destino? Il povero Hamilton (quando festeggiava a casa sua con l’olandese in ospedale, era lo stesso povero?) che tra l’altro, mentre Max andava via, nel contempo aveva già inserito la retro per cercare di guadagnare la pista… alla faccia dell’avversario che stava passando a piedi in quel momento e di tutti quelli che si sono preoccupati dei muscoli del suo collo.
Non si diventa campioni a caso, di certo non dando spazio al proprio diretto avversario: ne sa qualcosa Prost con Senna e ne sa qualcosa Hill con Schumacher, citando due esempi a caso. Sia a Max che a Lewis importava uscire prima dalla chicane, non tanto per avere più punti dell’altro, tagliato il traguardo alla fine, quanto per il fatto di dimostrare chi comanda in pista. Il leone (questo esempio fu già fatto su questa rubrica) che comanda ha capito che nel suo territorio c’è un nuovo maschio (niente sessismo, in natura funziona così!) che lo vuole spodestare e l’unico modo per far valere la propria legge è quello di abbatterlo. Hamilton, di mestiere, sa benissimo che per vincere contro il giovane leone ha un solo modo e cioè ricorrere ad ogni trucco possibile per tenerselo dietro (in Inghilterra tutto bene vero?). Di rimando, Verstappen sa (perché è così che è stato educato) che se vuole ottenere quello che desidera non deve avere alcuna riverenza nei riguardi del re. Davvero credete che questi due campioni si scompongano a tutte le analisi e alle accuse di colpevolezza che vengono date all’uno o all’altro? Se non fossero colpevoli di voler vincere, vuol dire che non starebbero dove sono in questo momento e, forse, non lo meriterebbero nemmeno. Verstappen, come è costume da parte ormai della FIA, viene punito “postumo”, dopo tre ore dalla fine della gara, quando poi in piena azione viene comunicato che non si sarebbe proceduto ad investigazione. Ebbene, vi posso garantire che il buon Max non solo farà “spallucce” a questa punizione, addirittura sono sicuro che se si ripresenterà l’occasione di non lasciare spazio di certo non lo lascerà. Anzi, la FIA ha creato i presupposti affinché ci sia nuova battaglia in Russia, dato che l’olandese sarà costretto a rimontare furiosamente.
Di fatto se si crede che la ramanzina che comunque è stata fatta ad entrambi, sebbene sia stato punito solo uno, servirà a calmarli in pista in futuro, allora non si è capito nulla. L’incidente italiano non è stato l’ultimo e potete scommetterci che, in un questi ultimi otto GP che rimangono, i due si beccheranno nuovamente. Come ripeto da tempo ormai, ciò che peserà tantissimo nell’assegnazione dell’iride non saranno le vittorie quanto gli errori commessi da ambo le parti. Se proprio vi piace il gioco “trova il colpevole” allora nel GP d’Italia conclusosi domenica scorsa, l’unico colpevole è il box dei bibitari. Premiati ogni domenica di gara per i pit più veloci di tutti i tempi, cannano nel momento cruciale della gara, creando il presupposto dell’incontro scontro in prima variante. Verstappen, su una pista che non gli dava ragione, ha condotto (fino a poco prima del pit) il GP in maniera esemplare (assurde le McLaren sul dritto!), salvo poi essere affossato dalla squadra, il resto è conseguenza come si suol dire. Si vince e si perde insieme, non si dice cosi? Ebbene la pressione in pista è per tutti ed oneri e onori sono ripartiti in egual misura tra box e pilota e la somma degli errori sarà determinate in questo.
Hamilton è già a quota due sportellate in questo mondiale e ciò fino all’anno scorso era quasi impensabile, questo solo per far capire il grado di combattività che c’è in pista. Sarà così fino a Dicembre: Hamilton troppo furbo, Verstappen troppo insensibile, colpa sua, colpa dell’altro… godetevi questa lotta perché nessuno dei due permetterà all’altro di passare, a qualunque costo; non c’è colpa più grande di cui un pilota voglia essere accusato che è quella di vincere.

Vito Quaranta

BASTIAN CONTRARIO: LA PIOGGIA DI LIKE

Parto in quarta nel “Bastian contrario” di questa settimana, perché tanta è la delusione, tanta è la rabbia ed il rammarico che il GP del Belgio ha lasciato sul palato degli appassionati. Parlo di appassionati e non di tifosi di proposito, perché i primi sono stati i protagonisti ed i veri eroi del weekend. I secondi, invece, soprattutto quelli social, hanno dato il meglio di sè, perché ciò che conta è il consenso… come se piovesse; perché non basta l’acqua che scende dal cielo belga a cui badare, pure della pioggia di like ci siamo dovuti preoccupare. Lascio a persone molto più esperte di me il compito di commentare gli eventuali aspetti tecnico – regolamentari di questo nefasto e plumbeo GP. Da parte mia preferisco rivolgere le mie attenzioni al grande pubblico che si è avvicinato alla F1 e che da una tastiera virtuale (quando ha vinto l’ultimo mondiale la Ferrari, la tastiera del cellulare ancora si toccava!) elargisce giudizi e condanna senza posa (anche il sottoscritto naturalmente) chiunque osi contraddire il pensiero perbenista, a senso unico e politically correct del “safe”, a qualunque costo.

Di sicuro, tra le righe di questa rubrica, mai leggerete censure e proposte di bannare dai social coloro i quali odiano ad oltranza. Il compianto Umberto Eco era assolutamente contrario e classista a riguardo. Diceva che i social hanno dato voce anche agli idioti da bar. Vero! Eppure la libertà viene oltre ogni cosa e quella di espressione non è da meno. Perché cosi come un uomo (e donna) qualunque è libero di dire ciò che meglio crede, allo stesso modo i tanti uomini e donne, che stanno dalla parte opposta, hanno la libertà di scegliere se leggere o meno quei commenti. Divago? Non credo, in quanto “il volgo digitale”, disprezzato da Eco, è una realtà forte in ogni ambito e la F1 non è esente da tutto questo.

I tanti tifosi, assiepati dietro le loro tastiere (gli appassionati, quelli veri, erano all’addiaccio a sperare che succedesse il miracolo), erano in fremito e, allo stesso tempo, freddi come cecchini, pronti a sparare su chiunque avesse osato dire “fateli correre”. Come si è arrivati a tutto questo? Com’è possibile che nello sport che è uno dei più pericolosi al mondo e, nel contempo, la falange che lo ha sempre seguito, che è sempre stata la più rispettosa, sia dei piloti (che rischiano la vita in pista) che tra loro stessi (tanto da vederli uno addosso all’altro sulle stesse gradinate, indipendentemente dai colori che seguono), si è potuta ridurre in questo stato? Ebbene, anche se odio ammetterlo, la prima responsabile in tutto questo è proprio la nostra F1 la quale se da un lato dopo la morte di Ayrton Senna ha elevato gli standard di sicurezza, nel contempo ha contribuito ad educare le masse allo “stay safety” a trecento sessanta gradi e ad oltranza. Nessuno e ripeto nessuno vuole vedere cadaveri sparsi sulla pista tra lamiere contorte eppure il nostro amato sport non sarà mai sicuro al cento per cento. Nonostante questo, il “sistema F1” ha educato i tanti tifosi, che si sono affacciati a questo sport, che la sicurezza è cosi importante che deve addirittura snaturare lo stesso sport, che per antonomasia e per definizione è rischioso. Unito a questo metodo educativo, vi è da aggiungere la scelleratezza della eliminazione dei test in pista (non ditemi che quattro giorni di prove in pista siano sufficienti) a favore di milionari simulatori, i cui software, per quanto sofisticati, non potranno mai sostituire la realtà del circuito. Si prenda Lando Norris: il ragazzo al sabato era “in tiro forte” e con molta probabilità avrebbe anche centrato la pole (la prima fila era ampiamente alla sua portata), tanto che spingeva come se non ci fosse un domani. Proprio questo spingere lo ha ingannato, portandolo rovinosamente tra le barriere del circuito belga. Questi piloti, purtroppo  (a differenza dei loro colleghi del passato), non avendo l’opportunità di girare, hanno una sensibilità che di sicuro non è comparabile agli uomini che li hanno preceduti e, nel contempo, hanno una percezione del pericolo totalmente diversa. Naturalmente mi riferisco alle condizioni estreme che abbiamo visto proprio in questo ultimo weekend di gara e che nel passato sarebbero state considerate routine, (alla condotta delle gestione e alla particolare situazione meteo ci arriviamo dopo).

Questo atteggiamento, da parte della federazione, reiterato nel tempo, ha portato dall’altra parte (della barricata); un atteggiamento ostile nell’approcciare a condizioni del genere. Ed infatti è stato un delirio di “speriamo che non si facciano male”, “interrompete le qualifiche”, “tu vuoi i morti in pista!” (sì, mi è stato detto anche questo) e dulcis in fundo, ad incidente di Norris appena accaduto, arriva Vettel (a sincerarsi delle condizioni del collega  e ad invocare bandiere rosse prima, condizionando non poco l’operato di Masi il giorno seguente), che con il suo atteggiamento ha contribuito non poco ad educare questa orda di leoni da tastiera, che tanto tengono alla salvezza del singolo. Le stesse orde che poi si sono scatenate alla domenica, perché lo spettacolo gli è stato negato da quella stessa “madre”, che li ha educati a credere alla sicurezza ad oltranza ed al perbenismo da social acchiappa like a pioggia . Ho citato Vettel perché lui si è reso protagonista di quell’episodio al sabato, eppure, tutti i piloti si sono stati responsabili di quanto accaduto domenica. Come mai non hanno fatto sentire la loro voce a riguardo? Come mai i più anziani ed esperti non sono andati da Masi? Per quale motivo al sabato lo stesso Vettel invocava la sospensione della sessione di qualifiche e poi il giorno dopo, con condizioni ben peggiori, si ostinava a rimanere in auto, quando ormai si era capito che avrebbero sospeso tutto?

Nel frattempo la pioggia scendeva copiosa su SPA e con essa anche il buio. La disastrosa condotta di gestione della gara iniziava ad assomigliare sempre più a quella che abbiamo visto a Suzuka 2014. Alla fine ha prevalso il buon senso, anche se è stato applicato nel modo più scellerato possibile: le condizioni di gara che abbiamo visto domenica scorsa erano proibitive e questo è innegabile. Solo, io mi chiedo come sia stato possibile accettare il fatto di compiere quei tre giri dietro la safety car esclusivamente per rendere valida l’assegnazione del cinquanta per cento dei punti, quando tutto il circo (ormai è una costante questa parola su questa rubrica), se ne sarebbe potuto uscire in maniera pulita, facendo girare tutti i piloti alle quindici, anziché alle diciotto passate, dietro Bernd Maylander. In questo modo, tutto il mondo si sarebbe reso conto che le condizioni erano improbe e tutti se ne sarebbero fatti una ragione. Purtroppo di ragionare non ne ha voluto sapere nè il mondo della F1, rispettando il protocollo con quella farsa del festeggiamento sul podio (Russell rispecchia tutta l’educazione di questa nuova “generazione simulatore”) nè tanto meno i tifosi da tastiera, i quali si sono scagliati contro l’assegnazione del punteggio: che piaccia o meno, il GP (per regolamento) con quei giri, è stato validato, cosi come lo si voglia o no, le qualifiche sono state disputate, quindi ha ragione Brawn quando dice “che è giusto premiare il coraggio dei piloti visti sabato”. Tanto si sa, qualunque fosse stata la scelta, bisognava scontentare qualcuno e, ad essere sincero, forse, l’aver deciso in favore di ciò è stata l’unica cosa sensata che la FIA ha fatto domenica. Con buona pace di Hamilton che avrebbe potuto parlare e far valere il suo carisma durante quello stillicidio (facile farlo dopo) e dei tanti incontentabili tifosi, i quali, non paghi di quella situazione meteo, hanno detto e fatto di tutto per continuare a vedere quella incessante pioggia di like  di cui tanto hanno bisogno.

Vito Quaranta

BASTIAN CONTRARIO: OLTRE OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO

In questa parte dell’anno sportivo, in cui la F1 per regolamento è ferma, apparentemente c’è poco di cui parlare, eppure sarà perché sono un Bastian contrario, volete che non trovi lo spunto giusto nonostante il silenzio dei motori? In questo ultimo periodo ha tenuto banco la squalifica del podio di Vettel al GP d’Ungheria. Immediata è stata la levata di scudi in difesa del cavaliere tedesco senza macchia che per l’ennesima volta è stato funestato e frustrato dal destino ad egli avverso. Il fatto è che su queste righe non mi pongo il problema se la squalifica del tedesco sia stata giusta o meno, anche perché com’è successo a lui poteva succedere a qualunque altro pilota. Qui il problema è casomai se sia giusto che la F1 (ed i suoi appassionati che ancora si affannano a seguirla) si sia ridotta a decidere le sorti di una gara in tribunale e, quindi, ad arrivare ad una sentenza definitiva oltre ogni ragionevole dubbio.
Il caso di Vettel e della sua Aston Martin “in Stroll” è solo l’ultimo triste caso di questa decadente F1 dove purtroppo la pista è divenuta un contorno ed i protagonisti sono diventati gli ingegneri che interpretano prima e applicano dopo il regolamento. Con tutto il rispetto per questi professionisti, mi permetto di ricordare a lor signori che fino a prova contraria chi è che rischia i gioielli di famiglia, ogni domenica di gara, non sono quelli che studiano i cavilli a cui aggrapparsi a fine gara, bensì sono quei ragazzi che sembrano indistruttibili e che invece sono “solo” uomini che inseguono un sogno. Il caso “Aston Martin contro la FIA” è un caso eclatante di quello che è divenuto il nostro sport che, come ho già detto qualche settimana fa proprio su questa rubrica, sta diventando sempre più circo e sempre meno circus… con tutto il rispetto per i circensi, si capisce! Sapete quanti soldi vale quel secondo posto tolto a Vettel? Se qui si crede che la lotta venga perorata per salvare l’onore al tedesco e rendergli giustizia, allora è meglio cambiare canale. Per carità, Vettel quella posizione se l’è sudata tutta indipendentemente da come è giunta, vero è che chi è arrivato primo, guarda caso, è proprio quella Alpine che si sta contendendo con la squadra inglese il primato di quinta forza e, di conseguenza, il “premio partita” che gli arriverà a fine anno.
È di questo che si sta parlando, di soldi e di regolamenti cervellotici che sono concepiti (in teoria) per rendere il prodotto più avvincente ed invece non fanno altro che mortificarlo. Ed ecco che, per conoscere il risultato di un GP, non è più sufficiente la bandiera a scacchi; è fondamentale raggiungere il livello “oltre ogni ragionevole dubbio” e quindi si deve ricorrere all’appello per questo o per quell’altro problema. Ad essere sinceri, non vedo neanche dove sia lo scandalo riguardo all’episodio Aston Martin: il regolamento parla chiaro ed è vecchio quanto la F1 stessa; ogni monoposto deve arrivare al traguardo con un quantitativo sufficiente di benzina per poter effettuare i controlli di routine da parte del personale addetto. Il serbatoio della Aston di Vettel è arrivata al traguardo con il serbatoio più secco di un Martini (questa battuta presa da Die Hard II fa sempre la sua figura!). Sembra che la storia finisca lì, invece no, è proprio lì che inizia la battaglia legale che diviene una telenovela e che, di conseguenza, ecclissa tutto (e dire che di gesta e di azioni ce ne sono da raccontare nell’ultimo GP a cui abbiamo assistito prima che arrivasse la pausa estiva): tutti con il fiato sospeso, per cercare di allungare il brodo già annacquato di questa storia. Al fatidico giorno si viene a scoprire che l’appello Aston in realtà deve passare innanzitutto attraverso una presentazione preliminare (una barzelletta!) delle argomentazioni a disposizioni. La tragedia è che la suddetta e sola presentazione preliminare è già stata sufficiente di per se per smontare tutto il processo.
Chi ha vinto in tutta questa storia? Personalmente, credo che non sia giusto parlare di vincitori, bensì di perdenti e di mortificati. Lo sport, il nostro sport (!), ne esce perdente e tutti gli appassionati, che stoicamente lo seguono arrivano alla fine di questo processo, mortificati oltre ogni ragionevole dubbio. Una gara dovrebbe finire con lo sventolare della bandiera a scacchi e non in un’aula di tribunale (se ci arriva) o peggio in una presentazione preliminare. Non è la prima volta che alcune gare si siano dovute decidere in appello, come si suol dire, solo che prima era la pista con i suoi cavalieri del rischio quali protagonisti assoluti. Questa tendenza, purtroppo, l’abbiamo vista nascere proprio con la Ferrari di Schumacher (ricordate Ross “banana” Brown con la squadretta in mano che misura il pezzo incriminato? Che tempi quelli!) e che poi è esplosa negli ultimi dieci anni. Purtroppo gli interessi economici in F1 sono divenuti esponenziali e con essi sono divenuti al dir poco arzigogolate determinate regole che, inevitabilmente, richiedono tempo per interpretarle. La F1 non ha bisogno di questo, ne tanto meno i suoi appassionati che, oltre ogni ragionevole dubbio, vogliono solo vedere sport e non politica e tribunali.

Vito Quaranta

BASTIAN CONTRARIO: LA SOLITUDINE DEI MIGLIORI

Al primo appuntamento austriaco, in casa Red Bull, i bibitari segnano (in questo periodo di campionato europeo passatemi il termine calcistico) l’uno a zero a loro favore; aumentando cosi il vantaggio sia in classifica costruttori che piloti. Chi l’avrebbe detto che avremmo avuto uno stravolgimento cosi marcato delle gerarchie in campo? Proprio guardando la classifica e soprattutto la condotta della gara e distacchi all’arrivo, mi sono reso conto di una cosa: tutti noi aspettavamo con ansia questo momento, tutti noi bramavamo una lotta in pista che da troppo tempo mancava. Invece? Invece Max ha condotto in solitaria il suo trionfale GP in casa Red Bull, proprio come ci ha abituati l’attuale campione del mondo in questi ultimi anni. Evidentemente è destino che se vinci, se sei il migliore; sei anche solo.

La solitudine dei migliori è contraddistinta da cavalcate incessanti verso la vittoria, da inquadrature sterili e monotematiche, perché tanto sono da soli e c’è ben poco da inventarsi dal punto di vista dello show televisivo. Ne sanno qualcosa gli sponsor di Hamilton che hanno dovuto spingere sulla visibilità; visto che il campione non offriva spunto televisivo. Allo stesso modo, sta accadendo a Max; come giusto che sia.

Eppure la delusione resta: dai primi GP si era capito che non sarebbe stata la solita cavalcata in solitaria di Lewis e di conseguenza ci saremmo aspettati dei ruota a ruota intensi e soprattutto frequenti. Per un po’ abbiamo accarezzato il sogno, poi Red Bull ha iniziato a dilagare, AMG ad affondare lentamente e siamo arrivati alla situazione di sempre; e cioè alla solitudine dei migliori. Red Bull ha sviluppato la macchina e sebbene all’inizio alcuni dati non tornavano, hanno fatto quadrato e sono riusciti ad esplodere tecnicamente; poi uno come Verstappen ha fatto il resto. AMG si è letteralmente plafonata e le stilettate di Hamilton a riguardo nemmeno si contano più. Lewis sa benissimo che questo può essere il suo ultimo anno per superare “quota Schumacher”, perché il prossimo è un’incognita per tutti. Non è detto che AMG parta già con un progetto competitivo, non è detto che AMG riesca a dominare da subito (Dio non voglia!)… quindi il campione inglese ha fretta. Per contro Mercedes ha fatto intendere, per bocca del solito Toto, che presto dovranno prendere una decisione per quanto riguarda gli sviluppi della vettura 2022. Brutte notizie quindi per il campione inglese, specie che ora sta definendo anche i termini del rinnovo del contratto. Rinnovo che personalmente mi lascia stupito ed allo stesso tempo perplesso. Infatti credevo (non solo io che conto poco ad essere sinceri) che la star inglese avesse lasciato quest’anno. È anche vero che non ci aspettavamo una Red Bull cosi competitiva e forse nemmeno lo stesso Hamilton, il quale dopo la scorpacciata dell’anno scorso (complice la castrazione della PU Ferrari) forse pensava di poter replicare anche quest’anno in beata solitudine. Un esempio su tutti sono state le amare lacrime nel principato di Monaco… quella vittoria spettava a lui di diritto, perché palcoscenico migliore per sfoggiare l’orgoglio nero (tanto caro a Lewis) con Serena Williams; proprio non c’era. Invece quella solitudine gli è stata tolta, rubata e con molta probabilità non gli verrà restituita.

Chi invece non ci pensa proprio a fermarsi negli sviluppi, a costo di essere anche impopolare è proprio la Red Bull, la quale proprio per le motivazioni di incertezza dell’anno prossimo, preferirebbe abbonarsi alla quarta fila con l’inizio del nuovo mondiale e non abbandonare questa opportunità cosi ghiotta. I bibitari con Helmut Marko in testa, hanno la possibilità di far vincere dopo Vettel, il secondo pupillo della loro breve storia, che da tanto tempo allevano ed hanno spinto fino a quasi bruciarlo. Ne è passata di acqua sotto i ponti ed ora Max è pronto per il suo sogno. Se c’è una cosa che vincere sempre comporta, oltre a quella di essere solo; è quella della fiducia. Vincere è come una droga certo e la fiducia che da essa ne deriva è ineguagliabile: in Francia Max sbaglia la partenza…era nervoso era evidente. La sua personale cavalcata solitaria, fino al sorpasso di Hamilton e al conseguente trionfo, gli hanno dato un carica non indifferente. Lo si è visto domenica scorsa, dove il pupillo olandese della Red Bull non solo non ha ricommesso lo stesso errore; addirittura la vicinanza di uno come Hamilton nemmeno lo ha scalfito.

Cosa accadrà nel momento in cui la FIA delibererà l’utilizzo delle nuove mescole posteriori in nome della sempre invocata sicurezza? La Red Bull di Verstappen continuerà ad essere imbattibile lasciando l’olandese solo davanti a tutti, oppure il campione inglese riprenderà a dominare?

Se la prima ipotesi, allora AMG riceverà un duro colpo dal quale dubito che si possa riprendere. A tal proposito, considerando l’incetta di titoli fatta in questi ultimi lunghi sette anni, la scelta di concentrarsi sul 2022 sarà conseguenza logica; con buona pace di Hamilton.

Se la seconda invece, non solo potremmo assistere ad un capovolgimento della classifica; inevitabilmente saremo investiti tutti da una ridda di polemiche senza fine, perché la F1 avrà consumato l’ennesima porcata della sua storia. Del resto la sicurezza è l’arma perfetta, l’alibi indistruttibile per poter attuare i veri piani dell’una o dell’altra squadra che attualmente comandano in F1. Una cosa è certa: comunque vada, avremo uno solo che vincerà, uno solo che dominerà e che condurrà quasi nell’anonimato il GP di turno… questo è il destino di chi deve vincere; questa è la solitudine dei migliori.

Vito Quaranta