F2 SAKHIR 2020 – NO TIME FOR LOSERS

Mick Schumacher ha vinto il campionato di F2, dopo aver mostrato il meglio e il peggio del suo repertorio, davanti a Callum Ilott, che invece ha vissuto forse il peggior weekend dell’anno. Ma procediamo con ordine.

[COURTESY OF FORMULA 2 VIA TWITTER.COM]

Nel precedente GP del Bahrain Ilott aveva recuperato otto punti e ha ridotto il distacco da Schumacher jr a -14, ma sarebbe andata molto meglio se non avesse speronato Jehan Daruvala in gara-2. Ora per vincere dovrebbe mostrare lo stesso passo di allora (fattibile ma non scontato) sperando in un weekend complicato del rivale (decisamente meno probabile). Il terzo incomodo per il mondiale, Yuki Tsunoda, necessita di un miracolo giacché dovrebbe compiere il weekend perfetto sperando che Schumacher jr non conquisti alcun punto. Con il futuro dei piloti già noto (Schumacher jr in F1 con la Haas, Ilott che non correrà neanche in F2, Tsunoda verosimilmente in F1 con la Alpha Tauri) il gran finale ha un po’ di fascino in meno. Si segnala che Jack Aitken, impegnato in F1, sarà sostituito in Campos da Ralph Boschung.

Parentesi curiosa sui numeri: poiché tra Ilott e Schumacher ballano solo 14 punti, tecnicamente l’inglese, che è secondo in classifica, potrebbe conquistare matematicamente il campionato prima dell’ultima gara. Grazie alla diversa ripartizione dei punti tra le due gare, se conquistasse pole,  gpv e vittoria in gara-1 arriverebbe in gara-2 con un +17 su Schumacher, impossibile da rimontare in una Sprint Race.

[COURTESY OF GPGRANDSTAND.COM]

Le Carlin mettono subito in chiaro che anche sull’Outer Circuit, un tracciato inusuale per molte ragioni (non ultima la quantità di buche in curva 6), restano la squadra da battere. Al termine delle prove libere, terminate anzitempo per l’esplosione del motore della HWA di Artem Markelov, Yuki Tsunoda conclude davanti al teammate Jehan Daruvala di ben 2.28 decimi, tanto considerando che il distacco dal primo all’ultimo è di solo 1.1s secondi. Terzo è Luca Ghiotto su Hitech, davanti al vincitore della scorsa Feature, Race Felipe Drugovich, e al teammate nonché futuro pilota della Haas Nikita Mazepin. I due contendenti al titolo sono più indietro: Schumacher jr è settimo mentre Ilott addirittura 18°.

[COURTESY OF FORMULA 2 VIA TWITTER.COM]

Come da previsione, le qualifiche sono molto incasinate. Il traffico di 22 vetture in pista nello stesso momento in un tracciato di 3.06km di tracciato ha fatto sì che riuscire a portare a termine il proprio giro senza ostacoli è stato il discriminante tra una prestazione buona e una pessima. I piloti che hanno anticipato l’uscita in pista, facendo segnare il tempo nei primi minuti, con pista sporca ma aria pulita, sono stati quelli che si sono qualificati meglio.

È il caso di Tsunoda, che va in pista nei primi minuti e fa segnare un 1:02:676 che rimarrà imbattuto. La strategia di uscire prima di tutti è seguita anche da Mazepin (2°), Daruvala (3°), Robert Shwartzman (4°) e Markelov (7°, di gran lunga la miglior qualifica dell’anno). Dopo di loro il caos, fino a quando, a quattro minuti dal termine, Ghiotto si gira e causa una bandiera rossa. La sessione è poi ricominciata, ma negli ultimi due minuti si vedono solo manovre disperate per accaparrarsi la posizione migliore; giusto Roy Nissany migliora il proprio tempo.

[COURTESY OF FORMULA 2 VIA TWITTER.COM]

Qualifica disastrosa per il leader di campionato. A differenza del compagno di squadra, per tutta la sessione ha faticato a trovare aria pulita davanti a sé e languiva in 18a posizione quando, nel tentativo di farsi strada attraverso il gruppo nell’ultimissimo tentativo, si scontra con Nissany in curva 10; bandiera rossa, sessione finita sul serio e peggiore qualifica in carriera per il tedesco. La strategia in qualifica ha funzionato meglio con Robert Shwartzman, che invece partirà quarto. Se Atene piange, Sparta non ride: anche Ilott incontra le medesime difficoltà e non va oltre il 9° posto (secondo peggior risultato stagionale). Comunque davanti al teammate Guanyu Zhou, 11°. L’inglese ha ancora la possibilità di conquistare un risultato importante, specie se mantiene un passo come quello del weekend scorso.

[COURTESY OF FORMULA 2 VIA TWITTER.COM]

La gara appare un’incognita per tutti. I piloti sono concordi sul ritenere che in un tracciato così corto e veloce, simile a un ovale, dove ogni curva è un punto di sorpasso, avrà luogo molta azione. Probabile anche che i dossi in curva 6 triteranno un po’ di sospensioni.

[COURTESY OF FORMULA 2 VIA TWITTER.COM]

Tsunoda parte bene, ma una manovra aggressiva di Mazepin in curva 1 lo relega in terza posizione, dietro al russo della Hitech e al connazionale della Prema. Peggio va a Christian Lundgaard (ART), sesto in qualifica, che stalla sulla griglia. La confusione conseguente aiuta Markelov, a inserirsi in quarta posizione (considerate che la HWA per prestazioni quest’anno è una sorta di Haas della F2).

Più indietro, i contendenti per il titolo hanno avuto un buono start: Ilott recupera due posizioni ed è 7 con gomme morbide, davanti a Zhou con gomme dure. Per Schumacher jr, partito accanto ai piloti meno accorti della griglia, i primi giri sono stati un inferno, ma alla fine è riuscito a recuperare svariate posizioni come suo solito. Alla terza sportellata ricevuta nelle prime due tornate il tedesco, partito su dure, si rende conto dell’inutilità di prendersi rischi eccessivi, anche perché Ilott sembra già in difficoltà. Dopo tre giri Schumacher è 13°, mentre Ilott viene passato da Zhou (gioco di squadra assente in UniVirtuosi) e non sembra dotato di un grande passo.

[COURTESY OF FORMULA 2 VIA TWITTER.COM]

I primi giri sono stati pazzeschi, dopodiché i piloti si quietano per evitare di evitare di strapazzare troppo le gomme; ci sarà meno stress laterale, ma il tracciato resta molto abrasivo, è mezzogiorno e la gara è lunga (48 giri). Malgrado le difficoltà, Ilott aspetta qualche giro prima di fermarsi. La sua gara si sta mettendo male: al giro 17, quando si ferma, è quinto, di un soffio davanti a Schumacher, che ora può continuare la sua rimonta (probabilmente lo avrebbe passato lo stesso).

[COURTESY OF FORMULA 2 VIA TWITTER.COM]

In testa il trio di testa stacca progressivamente gli altri, grazie anche al tappo di Markelov. Arrivato il momento delle soste, Tsunoda esce dai box davanti Mazepin e Shwartzman dopo aver ritardato la sua, ma viene risorpassato nell’arco di poche curve da entrambi a causa delle gomme fredde. Nel frattempo, i piloti partiti su dure (capeggiati da Zhou) iniziano la consueta gara di nervi e di gestione delle gomme.

[COURTESY OF FORMULA 2 VIA TWITTER.COM]

Tsunoda rompe gli indugi e a una quindicina di giri dal termine mostra i muscoli. Al giro 36 attacca Shwartzman in curva 1, ma è forzato ad abbandonare a causa di Lundgaard, che usciva dai pit in quel momento. Non sarà l’ultima volta che il pilota danese, doppiato, impatterà sulla gara dei primi. La resistenza russa viene comunque piegata poco dopo in curva 4. Nel frattempo si fermano i piloti partiti su dure, Zhou per primo (beccandosi una penalità di 5s per speeding in the pitlane) e Schumacher jr per ultimo. Il cinese è ottavo mentre il tedesco è dodicesimo, ma entrambi mostrano un passo di 2s più veloci degli altri. Ilott è l’ultimo dei piloti di testa, ma più che attaccare deve pensare a difendersi.

[COURTESY OF FORMULA 2 VIA TWITTER.COM]

La lotta per la vittoria che ha avuto luogo negli ultimi quattro giri è tra le più intense della stagione. Lundgaard (doppiato) sorpassa sia Shwartzman che Tsunoda, e insieme al giapponese va a dare la caccia a Mazepin. Lundgaard si sdoppia in curva 10, facendo perdere tempo al russo. Tsunoda allora lo attacca sul rettilineo dei box, ma Mazepin lo stringe contro il muro dei box. Malgrado la difesa criminale l’alfiere della Carlin riesce lo stesso a portare a termine la manovra, sia pur mettendo tutte e quattro le ruote oltre la riga bianca (gli steward li investigheranno entrambi, ma il giapponese sarà assolto).

[COURTESY OF FORMULAPASSION.COM]

Nel frattempo Zhou sorpassa Shwartzman (il più in crisi del gruppo di testa), Drugovich e lo stesso Mazepin. Il cinese dà tutto sé stesso negli ultimi giri, raggiunge Tsunoda ma non riesce a passarlo. Nel frattempo Drugovich si libera del russo della Prema, raggiunge Mazepin e da vita a un bel duello, con il russo che prima lo spinge contro il muro dei box (di nuovo) e poi lo porta fuori pista in curva 4 per difendere la posizione (tanto che il brasiliano centra un pannello in polistirolo in frenata).

[COURTESY OF GPGRANDSTAND.COM]

Dopo 48 giri di azione, Tsunoda vince su Zhou (che continua a mostrare quando sia bravo in gara ma pessimo nelle qualifiche), Mazepin, Drugovich e Shwartzman. Ilott è malinconicamente sesto, mentre Schumacher termina di poco alle sue spalle. Grazie ai punti del giro più veloce il tedesco mantiene intatto il suo vantaggio di 14 punti sul rivale della UNI Virtuosi. Le speranze per Ilott sono ridotte al lumicino: per conquistare il mondiale deve vincere (o arrivare secondo+gpv) con Schumacher fuori dalla zona punti (un evento che non accade da Silverstone-1). Tsunoda invece è matematicamente tagliato fuori.

[COURTESY OF FORMULA 2 VIA TWITTER.COM]

Con la prestazione nella Feature Race, la Prema conquista il titolo riservato ai costruttori per la prima volta in F2 (seconda se si considera la Gp2), così come la UNI Virtuosi il secondo posto. Il terzo posto è ancora in forse, visto che la Hitech ha 25 punti di vantaggio sulla Carlin con 29 ancora disponibili.

[COURTESY OF FIAFORMULA2.COM]

La guida pericolosa di Mazepin sarà punita nel postgara con due penalità di 5s, che lo faranno terminare in 9a posizione, e con 4 punti sulla patente, che lo porteranno ad 11 punti totali (quindi a un passo dal ban). Certo che sbarazzarsi di Grosjean e Magnussen per passare a Mazepin non dev’essere stata una gran bella idea per Steiner (aggiornamento last minute: non è un buon inizio…).

BAHRAIN, BAHRAIN – DECEMBER 06: Mick Schumacher of Germany and Prema Racing (20) and Dan Ticktum of Great Britain and DAMS (2) lead the field into turn one at the start during the Round 12:Sakhir Sprint Race of the Formula 2 Championship at Bahrain International Circuit on December 06, 2020 in Bahrain, Bahrain. (Photo by Dan Istitene – Formula 1/Formula 1 via Getty Images)

Nella Sprint Race di 32 giri parte così in pole Dan Ticktum, seguito da Daruvala, Schumacher e Ilott. Il tedesco parte bene e scavalca l’indiano, ma alla frenata di curva 4 manca l’apice, blocca le gomme e per un niente manca Ticktum. Può ancora continuare in seconda posizione, ma l’anteriore dx è spiattellata. Inizia così il suo calvario. Dopo pochi giri iniziano ad apparire vibrazioni importanti, ma anche Ticktum, in testa, non sembra passarsela bene. Il più attivo in questa fase sembra Ilott, che scorge all’orizzonte la possibilità di diventare campione.

[COURTESY OF FORMULA 2 VIA TWITTER.COM]

Dopo una breve VSC a causa di un detrito perso da Deletraz, Schumacher subisce Daruvala, che al 7° giro lo sorpassa e va ad inseguire Ticktum. Anche Ilott inizia a pressare Schumacher, e dopo l’ennesimo bloccaggio del tedesco con una manovra brillante lo sorpassa in curva 4. Il tedesco ha le gomme troppo danneggiate per restare in pista ed è costretto a pittare. Passerà il resto della gara lontano anni luce dalla zona punti. Questo è il momento il cui la vittoria si configura come una possibilità concreta per Ilott, ma è anche in cui la situazione inizia a precipitare. Schumacher resistendo strenuamente ha costretto Ilott a chiedere troppo alle sue gomme. Il resto della gara dell’inglese sarà un inferno.

[COURTESY OF METROPOLITANMAGAZINE.IT]

Mentre Daruvala e Ticktum continuano a lottare per la vittoria, Ilott inizia a elargire decimi su decimi. L’indiano sorpassa il britannico al giro 25, lo stesso in cui Tsunoda (partito ottavo) sorpassa Ilott per il podio. Il giro dopo Ilott deve cedere strada anche a Zhou ed è ora quinto. Con sette secondi a separarlo dal secondo posto (il minimo per battere Schumacher) la sua lotta per il titolo può dirsi finita. Tsunoda passerà Ticktum al penultimo giro per completare la doppietta Carlin, mentre Ilott crolla (forse anche psicologicamente) e chiuderà 10° e fuori dai punti.

[COURTESY OF EVOINDIA.COM]

Dopo 32 giri vince l’indiano Jehan Daruvala. Prima vittoria in F2 per lui, dopo aver conquistato il primo podio otto giorni prima. Nel corso della stagione è stato battuto nettamente dal compagno di squadra, ma ha mostrato di saper reagire e, dopo aver cambiato il motore in Russia, è riuscito a trovare della performance in più che gli è valsa la riconferma in Carlin. Secondo è proprio Tsunoda (gpv), che manca per poco il weekend perfetto, mentre Ticktum torna sul podio dopo parecchi mesi (se si esclude la gara di Monza, dove vinse ma fu squalificato per irregolarità tecnica). Quarto è Zhou, che conferma il suo stato di forma in Bahrain, seguito da Shwartzman (come 24 ore prima, pimpante all’inizio ma in ombra nel finale), Alesi (secondo arrivo a punti dopo la primissima gara in Austria), Ghiotto (in rimonta dalla 16a posizione) e Drugovich (autore di una brutta partenza).

[COURTESY OF FIAFORMULA2.COM]

Schumacher, 18° alla bandiera a scacchi, è il nuovo campione, 215 punti contro 201 per Ilott e 200 per Tsunoda (che col terzo posto conquista i punti necessari per ottenere la Superlicenza). Quarto è Shwartzman con 177 punti, quinto Mazepin con 164 e sesto Zhou con 151.5, che nell’ultimo weekend di corse scavalca Lundgaard (settimo a 149) e Deletraz (ottavo a 134). Chiudono la top-10 Drugovich (121 punti) e Ghiotto (106 punti).

Dopo una stagione di questo tipo, una delle più entusiasmanti degli ultimi anni, rimasta senza un vero padrone fino al calare dell’ultima bandera scacchi e con 12 vincitori diversi, c’è molto da dire. L’articolo della prossima settimana sarà dedicato all’analisi dell’intero campionato. Qualcosa però la si può già dire.

12 mesi fa Mick Schumacher disse ai microfoni: “Queste Pirelli F2 sono ancora più difficili da capire di quelle della Formula 1“, ma allo stesso tempo rassicurava l’intervistatore dicendo che “i punti in campionato di quest’anno non riflettono il mio vero potenziale“. Col senno di poi, Schumacher jr aveva ragione.Il Mick che abbiamo visto questa stagione è ben lungi dall’essere un mattatore alla Leclerc o alla Russell, con errori più o meno gravi che lo hanno rallentato nella corsa al titolo. Ma la costanza di risultati importanti, ancor più di quanto non fu per De Vries l’anno scorso, non lascia molto spazio alle polemiche: Schumacher si è meritato la promozione in F1.

[COURTESY OF FIAFORMULA2.COM]

Chi scrive non è ancora del tutto convinto (anzi, non lo è proprio) che Schumacher sia il più veloce o il più promettente in ottica futura, ma devo ricordare (in primis a me) che il campione non è necessariamente il più veloce, ma è colui che arriva a fine anno con più punti. E in un anno così anomalo come questo, così ricco di talenti, di vincitori diversi, di alti e bassi per tutti, la cosa più importante di tutti era macinare punti. Tale mentalità da ragioniere è ciò che gli è valso il campionato: zero partenze dalla prima fila, appena due sessioni concluse davanti a tutti (le due vittorie), ma ben dieci podi in ventiquattro gare (gli avversari al massimo ne hanno segnati sette). Certo l’esordio in F1 sarà un’incognita. Schumacher jr potrebbe mantenere la performance del 2020, e già potrebbe non bastare, così come potrebbe ricominciare con il suo ciclo fisiologico dell’anno di transizione. L’importante (e questo vale per tutti i piloti che fanno il salto di categoria) è che fan e media non gli stiano eccessivamente col fiato sul collo e che gli diano tempo di esprimere al meglio le proprie potenzialità senza addossargli inutili responsabilità. Perché se c’è una cosa che l’ultimo round ci ha ricordato, è che nemmeno Schumacher jr è immune alla pressione.

Lorenzo Giammarini a.k.a. LG Montoya

[Immagine di copertina tratta da Formulascout.com]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0