F1 2020 – GRAN PREMIO DI SPAGNA

E’ bastata una gara storta da parte della Mercedes per dare fiato alle trombe di un campionato “riaperto”. Con queste (false) aspettative supportate dai media si arriva alla terza gara consecutiva e alla sesta complessiva del mondiale 2020.

Si arriva al circuito Barcellona che è un pò come la “casa lontano da casa” per gli anglotedeschi: nell’era ibrida 5 successi e un solo passaggio a vuoto nel 2016 quando Rosberg e Hamilton giocarono all’autoscontro.

Il circuito del Montmelò è un vero banco prova per le varie vetture, tanto da essere considerato dagli addetti ai lavori una vera e propria “galleria del vento” su pista. Proprio per questo motivo solitamente chi è veloce su questa pista lo è anche su molti altri tracciati del mondiale.

Il motivo di questa grande importanza per i costruttori è da attribuire ai tre settori che presentano caratteristiche piuttosto diverse tra loro; il settore 1, infatti, è formato dal lungo rettilineo del traguardo, una esse e un curvone verso destra entrambi molto veloci da percorrere quasi in pieno, almeno a serbatoi più scarichi; il settore 2 è composto da una serie di curve (due a 180°, una curva verso sinistra in dislivello e una curva veloce verso destra che si percorre in pieno (sempre a serbatoi scarichi); l’ultimo settore, il famosissimo “terzo settore”, incubo dei Ferraristi ormai da anni, è contraddistinto da curve lente e una sola curva veloce verso destra (che porta sul rettilineo principale). Serve quindi una gran potenza sul rettilineo (non necessariamente con punte di velocità altissime), un elevato carico (ecco a cosa serve la potenza) e un ottimo telaio, con una meccanica agile in entrata di curva e piantata a terra in uscita.

Charles Leclerc (MON) Ferrari SF1000.
Formula One Testing, Day 2, Thursday 20th February 2020. Barcelona, Spain.

Dal punto di vista degli pneumatici, alla luce di quanto appena descritto, è un circuito piuttosto neutro, forse leggermente front limited, ma in ogni caso, al netto delle differenze progettuali tra le monoposto, non è una pista che necessita di evidenti assetti “protettivi” sul consumo: bisogna essere efficaci sia sull’asse anteriore che su quello posteriore, solitamente prediligendo assetti più morbidi per agevolare il grip nel terzo settore senza soffrire troppo il rollio e sfruttare il carico aerodinamico (chi può) per avere stabilità nei curvoni veloci.

Per quanto riguarda l’usura dei freni non è un problema (rientra nella categoria dei circuiti mediamente impegnativi per i freni, come Austria e Ungheria), ma le forti decelerazioni (la più dura è quella alla curva 10 in cui i piloti arrivano a 328 km/h e azionano i freni per 3,04 secondi, con carico sul pedale del freno di 201 kg e decelerazione di 5,4 g) e le elevate temperature che si aspettano questo weekend spingono i team a varie soluzioni di dischi per migliorare la dissipazione del calore. Grazie ai dati fornitici da Brembo (che ringraziamo), sappiamo che ciascun pilota può optare fra sei diverse soluzioni di dischi anteriori: c’è l’opzione medium cooling con 800 fori, high cooling con 1.250 fori e very high cooling con 1.480 fori. Per ciascuna di queste è disponibile anche l’opzione con lavorazione sul diametro esterno, il cosiddetto “groove”. Nel caso del very high cooling i fori sono disposti su 7 diverse file, nell’ipotesi intermedia su 6 file e nella restante su 4 file: misurano 2,5 millimetri di diametro l’uno e vengono realizzati, uno alla volta, da un macchinario di precisione. Per completare i fori di un singolo disco sono necessarie dalle 12 alle 14 ore di lavoro ininterrotto. La tolleranza di lavorazione è di soli 4 centesimi.

Cortesia di autosprint.corrieredellosport.it

Ora, è difficile pensare ad una replica della gara della scorsa settimana, con una Mercedes che sembra aver più peccato di eccessiva sicurezza piuttosto che avere una problema reale di competitività in determinate condizioni.

Wolff si è affrettato a dichiarare che hanno capito i motivi dei problemi di blistering e quindi sono pronti per il caldo della catalogna. Insomma, i veri problemi per Wolff sono altri, quelli che si presentano al tavolo delle trattative per la firma del Patto della Concordia, e in parte alla querelle sul caso “copygate” che vede coivolta la Racing Point e di conseguenza Mercedes.

immagine da oasport.it

Se la deadline per la firma del Patto è stata posticipata di una settimana, proprio per avere più tempo per mettere tutti d’accordo (per tutti si intende Ferrari e Mercedes), il caso “copygate” si è gonfiato e sgonfiato come un palloncino, dato che, come i dieci piccoli indiani di Agata Christie, a tenere duro nell’appello alla decisione della Fia sono rimaste solo Renault e Ferrari.

Ritirati tutti i team che inizialmente avevano preso parte alla protesta e che montano tutti una PU Mercedes o in procinto di utilizzarla, ovvero Williams e McLaren. Ci sta tutto, non si pestano i piedi a chi ti dà una mano a continuare a competere in F1, ma a questo punto c’è da chiedersi sul perché abbiano inizialmente deciso di unirsi a Renault e Ferrari.

Queste ultime continuano la loro protesta che vedrà l’epilogo al tribunale internazionale della Fia. L’impressione è che la Fia voglia proseguire su una linea “soft” nei confronti di Racing Point e di non prendere in considerazione di punire in qualsiasi modo la Mercedes.

immagine da newsabc.net

Ferrari cerca di recuperare “peso” politico facendo la voce grossa in questa protesta ma probabilmente dovrà accontentarsi di aver lanciato solo un avvertimento ai concorrenti anglotedeschi. Doveroso ma troppo poco e troppo debole.

Red Bull, zitta zitta, manda avanti gli altri team e cerca di capire cosa di buono può venire fuori per se stessa dalla vincenda, in tema di rapporto simbiotico con Alpha Tauri. In caso di nulla di fatto avrebbe via libera a fare dell’ex Toro Rosso una vettura gemella della Red Bull della casa madre.

Verstappen punta affinché ci sia un gran caldo al Montmelò che possa mandare in tilt nuovamente le Mercedes. Difficile che possa capitare per due volte di fila ma sarebbe già un ottimo inizio per loro.

Ferrari è in costante ricerca d’autore in questo periodo, sia in pista che ai tavoli della Fia. Incassata una ottima prestazione, viste le premesse, con Leclerc a Silverstone cerca di ripetere l’exploit in Spagna pur senza portare aggiornamenti e sperando solo che la monoposto reagisca positivamente alla temperature elevate previste. Per il desaparecido Vettel invece un nuovo telaio, che suona come un contentino per un pilota che è sempre più un corpo estraneo all’interno della squadra. Forse una fermata anticipata in questa stagione per poi ripartire nel 2021 più centrato non sarebbe una cattiva idea.

Ai tavoli FIA la situazione è alquanto interessante: La Formula 1 e la Federazione Internazionale stanno dichiarando ‘guerra’ al party-mode, la mappatura estrema che aumenta notevolmente le prestazioni in qualifica. L’obiettivo è quello di mettere fine agli escamotage messi in atto dai motoristi per aggirare il regolamento; certamente la meno colpita sarebbe la Ferrari, già “beccata” (o vittima di una imbeccata, dipende dal punto di vista) nel 2019 e disarmata per questo 2020. La più colpita sarebbe la Mercedes, con Helmut Marko che stima il vantaggio in Q3 dai 7 decimi ad 1 secondo al giro. I team sono stati informati dalla FIA che le nuove restrizioni saranno messe in atto dal Gran Premio del Belgio: ennesimo scellerato cambio in corsa per ravvivare un mondiale finito o Ferrari inizia a battere i pugni e inizia ad ottenere la par condicio?

McLaren si è un po’ smarrita dopo le ottime prestazioni iniziali. Soffre soprattutto sul passo gara e intorno a loro i concorrenti sembrano aver fatto un passo avanti che loro non hanno compiuto. La gestione del caldo al Montmelò sarà cruciale anche per loro.

Racing Point rimane con la spada di Damocle del caso “copygate”. Una stagione strana per la futura Aston Martin, data come protagonista del mondiale che non sta rispettando le attese di un potenziale maggiore di quanto visto in pista e coinvolta in una querelle legale in cui è ormai palese si scontrano interessi ben più grandi di loro. Una nota positiva c’è ed è il ritorno di Perez che, guarito dal coronavirus, può tornare in squadra e correre il GP di Spagna.

Williams e Alfa Romeo sono destinate a non lasciare il ruolo di cenerentole dello schieramento. Un peccato per due piloti come Russell e Raikkonen che avrebbero molto da dire con monoposto più competitive.

*immagine in evidenza da pekintours.com

Rocco Alessandro & Chris Ammirabile

1+

MOTOGP 2020-GP AUSTRIA-RED BULL RING

Secondo appuntamento del trittico agostano del Motomondiale sulla pista austriaca di Zeltweg (fatemela chiamare cosi….).

Tre gare tutte d’un fiato dalla Repubblica Ceca sino alla “Stiria” della prossima settimana. Il RedBull Ring  riesce così ad ospitare ben quattro appuntamenti Mondiali in due mesi nei massimi campionati di moto ed auto in virtù di quest’anno “eccezionale”: complimenti a loro.

Si riavviano i motori in un clima arroventato dalle polemiche sul gommista francese reo di “favorire” gli uni piuttosto che gli altri. Sfortunatamente non ci sarà Marquez che avrebbe messo d’accordo tutti e placato gli animi. I fornitori degli pneumatici sono nell’occhio del ciclone perché “tutto il Motorsport è paese”. Chi scrive ha sempre mal digerito i campionati “monogomma”, soprattutto quelli a livello mondiale: la competizione dovrebbe essere in ogni area del “pacchetto” che scende in pista nessuno escluso. Ciò non accade più perciò ci teniamo le polemiche ricorrenti ogniqualvolta arrivano i mal di pancia di chicchessia (e se arrivano qualche fondo di verità ci dovrà pur essere..)

Lo scorso weekend mi ero sbilanciato in pronostici riuscendo nella mirabolante impresa di non azzeccarne uno manco per sbaglio…. Non ne farò.

Quartararo è stato chiarissimo accusando Michelin e Ktm di aver fatto test proprio a Brno ed a Spielberg. Diventa automatico mettere gli austriaci tra i potenziali favoriti per la vittoria in quella che, tra l’altro, è anche la pista di casa sia per loro che per il loro main sponsor proprietario dell’impianto.

La pista non dovrebbe essere favorevole a Yamaha ed esserlo invece per Ducati. Ma se “del doman non v’è certezza” figuriamoci se ce ne possa essere oggi (giovedì) per domenica.

La stagione di Borgo Panigale sta assumendo contorni disastrosi man mano che passano i weekend. Si è passati dal moderato entusiasmo per il podio nella prima gara di Jerez (tracciato “fastidioso” sia per la moto che per il pilota di punta) sino ad arrivare allo sconforto di Brno. Se noi tifosi giudichiamo negativamente la stagione della Rossa nazionale a quattro ruote, quella della Rossa a due è davvero devastante con risultati finali ben peggiori.

All’indomani dell’incidente occorso a Marquez si era aperta una possibilità che a Bologna e Forlì non sono ancora riusciti a cogliere. Un risultato negativo (mancata vittoria) metterebbe fine ad ogni aspirazione mondiale: a Spielberg si DEVE VINCERE, punto.

Perché Marc ritornerà…. e quando ritornerà avrà la fame, la voglia e la capacità di vincerle tutte per dimostrare al mondo che il Re è sempre lui.

Gli aspiranti al titolo hanno l’obbligo di far più punti possibile, primo fra tutti Fabio Quartararo che è attualmente leader del Campionato. Il dubbio più grande è capire come Yamaha possa “digerire” un mondiale vinto da un team satellite piuttosto che dall’ufficiale dopo tutti questi anni di digiuno.

In lotta lassù ci restano comunque tre moto di Iwata con Morbidelli che si è issato in terza posizione a pari punti con Dovizioso dietro ai due “giovani” della Yamaha.

Stiamo assistendo ad un Campionato incerto e divertente ma forse non l’abbiamo ancora capito.

 

Moto2

Gli italiani comandano e lo fanno anche con un certo piglio essendo i vincitori di tutte le gare disputate dalla ripresa post lockdown. Nulla fa pensare che Bastianini e Marini possano accusare cali improvvisi di competitvità anche se il Campionato è comunque tirato.

Forza Italia.

 

Moto3

Quando tutte le gare finiscono con una decina di piloti in un secondo e mezzo sotto la bandiera a scacchi, tutto è sempre possibile.

Spielberg è un’altra di quelle piste fatte apposta per vedere una gara di scie continua, di sorpassi e controsorpassi, un’altra gara in cui diventa difficile far pronostici. Dopo Foggia toccherebbe ad Arbolino, ma il leader del Campionato Arenas ha ottimizzato meglio di chiunque altro ed ha già 18 punti di vantaggio sul secondo in classifica. E non sono pochi.

 

Buone gare a tutti.

Salvatore V.

 

(immagine di copertina tratta da busforfun.com)

0

F2 GP 70° ANNIVERSARIO – THE DOWNWARD SPIRAL

Il GP del 70° anniversario di F1 (che qui in F2 appellerò Silverstone-2 per ovvi motivi) è stata forse la gara che ha segnato la svolta nel mondiale. Callum Ilott ha completato il sorpasso in classifica su Robert Shwartzman, che non è riuscito a fermare l’emorragia di punti e ora è terzo dietro anche a Christian Lundgaard. Ma proseguiamo con ordine.

[COURTESY OF MOTORSPORT.COM]

Dopo averne saltati tre quarti, alla fine è Mick Schumacher a concludere in testa le Prove Libere. Il quarto posto di Shwartzman testimonia i progressi della Prema rispetto allo sfacelo della scorsa settimana (allora conclusero 11° e 14°), mentre le Hitech al contrario sembrano in diffioltà (12° e 13°). Come per la F1, anche qui la Pirelli ha portato gomme più morbide rispetto a Silverstone-1.

[COURTESY OF P300.COM]

Già dalle qualifiche si intuisce l’aria che tira. Ilott (UniVirtuosi) batte Lundgaard (ART) e conquista la seconda pole stagionale (primo a riuscirci), dopo che per buona parte della sessione era rimasto fuori dalla top-10. La buona stella dell’inglese si è palesata sotto forma di spin di Gelael che ha impedito alla maggioranza dei piloti di completare l’ultimo tentativo. Tra questi il più danneggiato è stato il teammate di Ilott, Guanyu Zhou, sesto e costretto ad abbandonare il giro dopo aver segnato il record nel primo settore. A completare il momento importante del motor-racing inglese, Jack Aitken (Campos, migliore qualifica della stagione) e Dan Ticktum (DAMS) si spartiscono la seconda fila, davanti a Luca Ghiotto (Hitech) e al già citato Zhou. Altra notte senza stelle per le Prema, con Schumacher 8° e Shwartzman 11°. Sempre meglio di Marcus Armstrong con l’altra ART, 20°, che più che nella notte è sprofondato in un buco nero.

[COURTESY OF MOTORBOX.COM]

Rispetto agli ultimi tempi, la Feature Race ha avuto sviluppi più lineari e meno imprevedibili. Come lo scorso fine settimana, i piloti sulla grigia sono equamente divisi tra chi parte su morbide e chi su dure. I primi cinque sono su option, il primo degli “alternativi” è Zhou. Al via Ilott mantiene la posizione; Ticktum si insedia alle sue spalle, ma verrà progressivamente risucchiato dal gruppo e non sarà mai sui radar per il podio. Pessime partenze invece per Ghiotto e soprattutto Zhou, che perde cinque posizioni, nonché la leadership dei piloti su strategia alternativa. Le gomme morbide mostrano un decadimento molto marcato e chi ci è partito inizia ad essere in sofferenza già dal quarto giro (soprattutto Ticktum e Ghiotto). Ilott mostra un passo migliore della concorrenza e il tentativo di Lundgaard di sopravanzarlo con un undercut sarà vano. Dopo le soste dei piloti partiti sulle morbide comanda Schumacher; Mazepin lo incalza, ma malgrado la buona volontà in questo stint non riuscirà a superarlo. A seguire a tre secondi il teammate Shwartzman, più in palla rispetto a Silverstone-1, che nei primi giri si è difeso un po’ oltre il limite da Zhou, quarto a cinque secondi. Nella fase centrale di gara appare chiaro che la strategia alternativa non si sta rivelando superiore a quella normale: i piloti che hanno già pittato riescono a girare con continuità almeno un secondo più veloce degli altri, e le morbide non sembrano in grado di reggere una rimonta indemoniata come quella di Zhou a Silverstone-1.

[COURTESY OF YAHOO.COM]

Arrivati nell’ultimo terzo di gara, iniziano i cambi gomme per quelli davanti. Un po’ in anticipo rispetto alle previsioni (probabilmente per parare un undercut), al 20° giro Schumacher è il primo a rientrare; gli altri aspetteranno due giri, e saranno sufficienti perché, una volta esaurite le soste, il tedesco si ritrovi ad essere il più lento degli “alternativi”. Questa volta il russo della Hitech riesce a sorpassarlo (una staccata alla Stowe con due ruote sull’erba, manovra migliore del weekend) e completa la rimonta passando nei giri seguenti anche Deletraz e Tsunoda, mentre Shwartzman e Zhou rimangono bloccati alle sue spalle, impossibilitati a capitalizzare la strategia alternativa a causa del passo lento di Schumacher. Finiranno in quest’ordine; almeno il cinese si porta a casa i punti per il gpv (in realtà di Daruvala, solo che l’indiano ha concluso fuori dai punti, solo che da regolamento conta il gpv dei piloti in zona a punti).

[COURTESY OF P300.COM]

Non succedono altri sconquassi e Ilott va a vincere il GP con 8 secondi di vantaggio (il distacco più elevato quest’anno) su Lundgaard, che nel finale ha alzato il ritmo per timore di ripetere i guai della Mercedes in F1 la settimana prima. Terzo è Aitken a 12s, anch’egli nella “terra di nessuno” per buona parte della gara. A seguire i già citati Mazepin, Deletraz (che zitto zitto da un po’ di gare intasca sempre risultati prestigiosi), ai ferri corti con Ticktum in occasione del suo sorpasso, e Tsunoda; a seguire il terzetto di cui ho già raccontato le gesta, in settima, ottava e nona posizione. Silverstone amara per Ghiotto (13°, vittima di un pit stop lento), Armstrong (14°) e Ticktum (15°, in grandissima difficoltà nella gestione delle gomme).

[COURTESY OF INSIDERACING.COM]

Il “dramma” ritorna con la Sprint Race. Alla partenza i primi tre (Shwartzman, Schumacher e Tsunoda) mantengono le posizioni, mentre Aitken con il consueto ottimo scatto sorpassa Mazepin e Deletraz e si installa alle loro spalle. Partenza rivedibile ma ok per Ilott, che perde due posizioni, di cui una a favore del teammate Zhou. Dopo qualche giro si delineano le storyline principali della gara: il duello per la vittoria tra il trio di testa,  e quello per la piazza d’onore tra i piloti che vanno da Aitken, quarto, a Mazepin, ottavo. Schumacher è più veloce, ma Shwartzman tiene botta per quasi tutta la gara, in un paio di casi costringendo il tedesco all’errore, che a sua volta deve guardarsi le spalle da un pimpante Tsunoda.

Quanto non mancano che due giri alla fine Schumacher ha l’occasione migliore della gara alle Brooklands: mette il muso davanti al russo nel Wellington Straight, ma in frenata stringe eccessivamente la traiettoria e anziché il punto di corda trova la monoposto del compagno di squadra, che non può non tamponarlo. Schumacher finisce fuori pistaperde la posizione su Tsunoda, ma l’ex leader di campionato ci rimette invece l’ala e la possibilità di concludere a punti. Schumacher e Shwartzman sono veramente i piloti Ferrari del futuro… Dopo due giri di pressing, il giapponese vince la sua prima gara davanti al tedesco. Non c’è un vero e proprio colpevole “legale” tra Schumacher e Shwartzman (MSC poteva essere meno aggressivo e SHW più accomodante, ma non c’è stata una manovra sconsiderata o pericolosa), però la responsabilità sportiva è più del tedesco che non del russo. Con un attacco meglio congegnato poteva vincere, l’avversario non ne aveva più. Il podio è completato da Aitken, alle prese con un posteriore ballerino, che si difende Deletraz, quarto, che non porta a casa il sorpasso per un guasto al DRS ma almeno riesce a difendersi da Zhou, quinto. A Ilott basta pertanto un sesto posto per allungare in campionato, visto che anche Lundgaard termina lontano dai punti,  frenato dal cedimento dell’anteriore sx (conseguenza anche dei numerosi bloccaggi del pilota danese).

[COURTESY OF FIAFORMULA2.COM]

Nella seconda gara di casa Ilott (106 punti) ha capitalizzato l’ottimo stato di forma, dopo che nelle scorse gare per un motivo o per l’altro (sfortuna, strategia, errori) aveva guadagnato meno del previsto. Al momento è il favorito per la vittoria finale, e non solo per il margine di venti punti sugli inseguitori: è il più veloce in pista, ha imparato ad essere consistente in gara. corre per il miglior team del lotto e ha più esperienza dei diretti avversari; lo slancio inoltre è dalla sua. Negli anni passati Russell e De Vries costruirono la vittoria iridata proprio in questo periodo: sfruttando un periodo di magra per gli avversari e continuando a martellare senza pietà, scavarono intorno a metà campionato un solco in classifica che alla fine fu il margine con cui vinsero. Shwartzman (85) è chiamato a un compito non facile, quello di stoppare la fuga di Ilott; il tracciato di Barcellona, sede del prossimo GP, sembra adatto alla missione. La situazione in classifica sarebbe ben migliore senza lo scontro con Schumacher, ma è ancora gestibile: venti punti si possono recuperare, a patto di essere realmente più veloce dell’avversario, cosa che però alla fine non ha fatto vedere in molte occasioni (pur mostrando molte altre qualità positive). In mezzo Lundgaard (87) sembra essere quello con minori possibilità: è veloce e costante ma gli sono mancati guizzi particolari, in un senso e nell’altro, e la ART sembra essere la più debole dei “top team”. I rispettivi teammate sembrano fuori fuoco.  Sia Schumacher che Ilott, settimi con 61 punti, sono molto indietro malgrado un passo in molte occasioni simile a quello dei compagni di scuderia. Non sono (ancora) tagliati fuori dalla lotta per l’iride, ma urgono weekend senza problemi. Parlando degli outsider, Mazepin, quarto (71), si conferma essere la sorpresa di questa parte di stagione. La Hitech non è il team più veloce in qualifica, ma sembra essere quello che fa lavorare meglio le gomme in gara (insieme alla UniVirtuosi); dal canto suo Mazepin riesce a far funzionare il pacchetto, al contrario di Ghiotto, che dopo la vittoria in Ungheria non ha più mosso la classifica. Tsunoda (6°, 62) finalmente ha preso le misure col campionato (anche in senso letterale, finora ha rotto in media un alettone a gara) e se riuscisse a ripetere gli exploit mostrati finora potrebbe essere un serio pretendente al podio iridato.

[COURTESY OF SKYSPORT.COM]

[Immagine in evidenza tratta da Motorsport.Motorionline.com]

Lorenzo Giammarini, a.k.a. LG Montoya

0

GOMME MICHELIN. CI RISIAMO ⁉️

 

Cosa succede nel Motomondiale ⁉️

Parliamoci chiaro, siamo in regime di Monogomma e certe porcate non succedono più…

Si si quelle….

Adesso le gomme vengono assegnate in modo random ad ogni squadra però….

Sono anni che i Piloti si lamentano del fornitore Francese, arrivano bordate a destra e a manca quasi fosse una combinazione al corpo ed alla testa da parte di Mike Tyson.

Da quando Michelin è rientrata nel Circus (2016) abbiamo assistito a Mondiali molto più combattuti (VERO) ma anche ad episodi che hanno fatto venire più di qualche dubbio (COMPLOTTISTI⁉️)

Lungi da me elencare questi episodi vorrei soffermarmi sulle bordate di Rossi,  Miller e Quartararo degli ultimi giorni.

Premessa Michelin quest’anno ha portato nel Motomondiale una gomma differente, i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Una gomma più performante che può essere sfruttata da TUTTI. FINALMENTE AGGIUNGO. 

Ricordate i problemi Yamaha con Michelin nel 2016, con le dichiarazioni di Jorge Lorenzo nel corso della stagione⁉️

Quest’anno sembra che un po’tutte le case abbiano ritrovato vigore (eccezione Aprilia) e ben venga per lo show, sembra anche che i malumori nel paddock siano più forti di quanto non sembri.

Nelle scorse settimane ci fu un duro botta e risposta tra Valentino Rossi e Taramasso (Michelin), il primo accusava il secondo (legge contrappasso) di aver portato uno pneumatico con compound troppo “morbido” che non si addice alla sua stazza….(Bud Spencer?)

In tutta risposta⬇️⬇️⬇️

Immagine tratta dal sito GPone.com in merito all’intervista a Piero Taramasso

 

Ma veniamo ai giorni recenti….

JACK MILLER Abbiamo avuto un  sacco di problemi, poi vedi che in pista ci sono due Francesi, che non hanno nessun problema, e pensi che sia una cosa bellissima

https://twitter.com/AngyFra89/status/1292360601847595008?s=19

Mentre alcuni minuti fa…

Fabio Quartararo “Penso che alla fine del lockdown la KTM abbia fatto molti test a Brno ed in Austria. Penso anche che la Michelin abbia lavorato con loro Per scegliere la gomma giusta per questa gara”

https://twitter.com/AngyFra89/status/1293073869570441216?s=19

Detto ciò….

È lecito porsi delle domande⁉️ Onestamente io lo faccio ed ho una mia personale opinione ⬇️

“CHE SUCCEDE⁉️ (Breve, brevissima ma carica di significato)”

Come mai molti Piloti si stanno lamentando così apertamente del successo di altri colleghi⁉️ 

Puó essere che Michelin non riesca a garantire una qualità UGUALE per ogni singolo pneumatico ed a sorte capiti lo sfigato di turno che fa una gara di merda⁉️ (Rossi a Jerez, Vinales a Brno, Dovizioso etc etc etc)

Naturalmente ciò non toglie il merito a nessuno, anche perché con Marquez in pista onestamente non ci sarebbero state tutte queste “scaramucce”, quando il gatto non c’è i topi ballano…

…e facciamoli ballare finché possono…

 

 

P.S. Non ti sei fatto ingannare dal titolo provocatorio e sei arrivato alla fine dell’articolo. Bravo😉

0

MOTOGP 2020- BRNO IL GIORNO DELLA PRIMA VOLTA

Che il 2020 fosse un anno “strano” a livello globale ormai l’avevano capito anche i cartelli stradali..

Ed è così che a Brno va in scena la gara che non ti aspetti con tutti i valori ribaltati nonostante una gara “regolare”: nessuna  caduta eccellente, nessuna rottura “nobile”.

Podio completamente inedito con il primo vero big relegato in quinta posizione e contemporanea perdita di verginità di Binder, Morbidelli,  Ktm ed team Avintia.

(immagine tratta da raisport.it)

La vittoria di Brad e del “Kappone” è stata perentoria, liscia, pulitissima e senza aiuti di alcun tipo: bravi, bravissimi davvero a saper gestire una gara con intelligenza senza prendere rischi.

Con la prima di KTM e di Binder c’è il ritorno alla vittoria di una moto anticonvenzionale,  con un telaio a traliccio tanto caro ad un’altra Casa che lo ha abbandonato: nella preview  si auspicava la conferma in gara dei progressi visti in prova e gli austriaci non hanno perso tempo: grandi.

Il ragazzo sudafricano è stato perfetto, temporeggiando ad inizio gara per preservare le gomme pur mettendosi davanti al proprio caposquadra Pol Espargaro. Poi ha cominciato a pestare secco sul proprio ritmo “mangiandosi” in sequenza le 5 moto che aveva davanti dopo i primissimi giri: 10 e lode Brad, ottimo.

Splendido il nostro Morbidelli secondo. Partito a fionda, ha lasciato sul posto anche “il nuovo che avanza” Fabio Quartararo, creandosi un gap che gli ha permesso di guidare la corsa in modo autorevole e sicuro per tanti giri. Bravo, salvo poi non poter nulla nei confronti del rimontante Binder.  Forte dell’intelligenza sportiva che lo contraddistingue è sceso  a miti consigli portando a casa il primo podio MotoGp della vita. Chi scrive ama i piloti “diversi” e Franco è uno di loro. Non ha la stessa Yamaha degli altri tre, ma non se ne è mai lamentato (seppur avrebbe dovuto avercela come da accordi iniziali)… ma va bene così.  Scuola diversa, molta umiltà e poche parole: 10 anche per Franco.

Ritorno sul podio di  Zarco.  Porta con se la prima Ducati in pista, targata Avintia, regalando al team indipendente la prima gioia iridata. Ironia della sorte ci torna nel giorno in cui la gara la vince quella KTM che lo aveva reso l’ombra di se stesso e lo aveva mandato in depressione. Chissà se sarà riuscito a godersi il risultato come dovrebbe…

Il pilota che va via da Brno con l’amaro in bocca più “amaro” di tutti è Policio Espargaro: sembrava scritto che il primo pilota in grado di fare il risultato grosso con la K potesse essere lui ed invece?  Si è ammucchiato in curva 1 con Zarco quando il suo compagno ormai era davanti. L’incidente con il francese è stato ambiguo perché frutto dell’incrocio di traiettorie dovute al suo rientro  verso il cordolo dopo un lungo: lo spagnolo doveva aspettarsi che al rientro avrebbe trovato Zarco in quel punto (incolpevole a mio vedere) e lo ha centrato mandando nella ghiaia una giornata che poteva e doveva essere molto diversa.

A tal proposito Zarco è stato penalizzato con un “long lap” che per fortuna non gli ha fatto perdere la posizione ma, con il senno di poi, il tempo per andare a recuperare Morbidelli. E’ stato illuminante vedere Ciabatti e Tardozzi imbestialirsi con la direzione gara molto più dei dirigenti Avintia, a dimostrazione che la giornata “bolognese” è stata disastrosa e che meriterebbe un analisi approfondita a se.

(immagine di motosprint.it)

Il primo big in classifica della gara “strana” è Valentino Rossi che (a detta della “TV di stato” della categoria) è stato immenso e commovente nelle difficoltà e nella voglia di lottare. Peccato che davanti gli sia finito un altro pilota la cui gara non è stata esaltata quanto dovuto: Alex Rins corre ancora attaccato con il nastro dopo la caduta di Jerez, e lo fa su una Suzuki che non ha ancora vinto gare e fatto podi in questo 2020. Benintesi, bravo Rossi ad aver fatto una gara più che onorevole, ma indispettisce il fatto che si tenga sempre e solo a far risaltare le sue gesta dimenticandosi di altri piloti quando gli stessi stanno facendo anche meglio.

E adesso? Il de profundis di tutti i big….

Quartararo è partito discretamente accodandosi a debita distanza dal suo compagno di squadra nelle fasi iniziali per poi precipitare risucchiato giro dopo giro da chiunque fosse a tiro.

Vinales non è stato degno di una sola inquadratura che sia una dalla partenza all’arrivo: ha preso i punti del quattordicesimo posto solo perché la gara è durata il tempo giusto di non fargli perdere altre posizioni.

Invidiose di Maverick, le Ducati si sono tenute lontane dalle telecamere anch’esse:  Dovizioso (terza desmomoto in pista due posizioni dietro Miller!!) solo undicesimo e Petrucci in scia al forlivese.

Tira un’aria bruttissima nel box rosso che non ci ha capito nulla per tutto il fine settimana su una pista che avrebbe dovuto esaltare le caratteristiche della moto e di Dovizioso stesso. L’aria del divorzio in corso incombe come in altre estati bolognesi recenti. Nella giornata del numero 33 (Binder, Bastanini e Verstappen) tre vittorie mondiali fanno 99…..JLO… (che non è Jennifer Lopez).

Jack Miller è stata la seconda Ducati in pista ben lontano dal podio di Zarco anche lui. L’australiano parla poco, non cerca mai scuse, è uno vero e sincero quindi si tende a credere alla sue parole. Al sabato ha lanciato una bomba in merito ai presunti favoritismi che Michelin possa riservare a piloti francesi come Quartararo e Zarco.. Di pancia si dovrebbe rifuggire dai complotti, ma Michelin ha storicamente prestato il fianco a queste “interpretazioni” quindi un fondo di verità potrebbe esserci.

La realtà è che con la nuova Michelin posteriore ci stanno litigando un po’ tutti a turno, primi fra tutti i ducatisti: tra questi l’unico ad aver dato l’impressione di capirla ha pensato di spaccarsi una gamba al sabato… Ironia a parte, forza Pecco torna presto che qui abbiamo bisogno di te.

Honda? Senza Marquez non si batte chiodo. Sono diventate tutte delle Aprilia qualsiasi: Incredibile!

Salva la faccia solo l’ottavo posto di Nakagami col team di Cecchinello. Il quindicesimo posto di Marquez jr a 25 secondi e Bradl ultimo a quasi un minuto sono drammatici.

 

Moto2

Enea “la bestia” ha concesso il bis con una gara maiuscola condotta dall’inizio alla fine e lasciando i suoi avversari a debita distanza senza possibilità di tentare di superarlo. Bastianini è maturato tantissimo e, seguito da quel vecchio marpione di Giovanni Sandi, pare aver raggiunto il top della tranquillità. Adesso è in testa al mondiale, con in scia quel Luca Marini che ha portato a termine una gara consistente in una giornata che aveva capito già dal sabato non sarebbe stata la sua. Ad oggi sono i due favoriti del mondiale.

 

Moto3

Il primo ad aver inaugurato la giornata delle “prime volte” risponde al nome di Denis Foggia. Anche per lui prima vittoria mondiale in modo netto e limpido. Non è facile nella categoria dei ragazzini fare una gara come la sua, perché è stato in testa per buona parte della gara con il resto del gruppone attaccato ai suoi scarichi ma incapace di sferzare attacchi decisi per togliergli il primato. Non l’hanno passato manco con le scie…… Altra vittoria tricolore nelle classi minori a sottolineare che il vento è cambiato.

(immagine tratta da repubblica.it)

 

A Brno c’è la fortezza di Spielberg. A trecento chilometri di distanza in Austria c’è la pista di Spielberg: ci si rivede da venerdì con il liquido refrigerante dei motori ancora caldo.

 

Salvatore V.

(immagine in evidenza tratta da automotornews.it)

0

Life is racing, all the rest is waiting

Motor Racing League plugin by Ian Haycox