MOTOGP 2022. GP DI GERMANIA SACHSENRING

Weekend nel cuore della ex DDR per il Motomondiale 2022. L’unica certezza è che, dopo ben 8 edizioni di fila, non troveremo il solito vincitore perché convalescente. Marquez abdicherà e con esso anche la Honda. La casa giapponese vanta addirittura una striscia ancora più lunga: Pedrosa aveva vinto le due precedenti edizioni per un totale di 10 di fila della casa dell’ala dorata.

Quartararo si presenterà in terra germanica col petto in fuori dall’alto dei suoi 22 punti di vantaggio su Espargaro e dei ben 66 su quello che sarebbe stato il suo più diretto antagonista (sulla carta) Bagnaia.

Il francese si dovrà difendere dall’alfiere Aprilia che nessuno avrebbe dato così brillante ad inizio campionato. L’entusiasmo suo e del suo box sono un fattore da non sottovalutare, perché Aprilia si sta dimostrando anche molto creativa da punto di vista aerodinamico. Dopo l’alettoncino sulla coda, i veneti hanno provato una nuova carena “bombata” ed allargata nella parte bassa per creare maggior carico aerodinamico alle basse velocità. Non è dato a sapersi se verrà usata al Sachsenring ma potrebbe essere adatta proprio a circuiti del genere tipicamente “lenti”.

I ducatisti ormai non devono più far calcoli. Pecco Deve cercare di non sdraiarsi (o farsi sdraiare) da qui a fine stagione, sperando in qualche passo falso dei 4 che ha davanti in classifica generale (due con la sua moto). Bastianini deve ritrovare la rotta persa da qualche gara. Su di lui non c’è pressione, perché sta già facendo una stagione al di sopra delle aspettative comunque andrà. Però, si sa, l’appetito vien mangiando e ciò che è stato messo in cascina nelle prime gare è già “ampiamente digerito”.

Sarà della partita anche Martin reduce dall’operazione al tunnel carpale che, per i motociclisti di oggi, ormai è generalizzato come il gomito del tennista. Altri (vedi Zarco e Miller in passato) hanno smaltito velocemente i postumi, quindi i presupposti per far bene ci sono anche per lo spagnolo che piega più di tutti.

La griglia sarà rimpolpata dalle Yamache B, dalle KTM (#speriamosialavoltabuona) dalle Honda (#cisiamoperdoveredifirma) e dalle Suzuki che qualche speranza in più potrebbero darcela. Ad oggi sia Mir che Rins sono senza un manubrio 2023, quindi ben intenzionati a far meglio che possono per “spendersi” sul mercato.

Buona gara a tutti.

(immagine di copertina tratta da tuttomotori web)

Salvatore V.

 

PS.

Mi permetto una carrellata di grid girls dello scorso anno che male non fa, alla faccia di chi non le vuole più in giro per le piste.

(immagine tratta da motociclismo)

(immagine tratta dal sito ufficiale della Motogp)

(immagine tratta dal sito eventas.eu)

SBK 2022-MISANO. BAUTISTA VINCE DUE VOLTE, GLI ALTRI FATICANO

La riviera adriatica ha sorriso all’alfiere della casa “padrona” di casa.

Bautista ha vinto imperiosamente le due gare “lunghe” lasciando a Ragzatliogu la Superpole race della mattina di domenica. Nel frattempo ha messo dietro in tutte e tre le gare il diretto rivale Rea che esce da Misano distante in classifica di 36 punti.

Sembrano tanti, ma con tre gare a weekend sono ancora un nonnulla. Tra lui, Rea e Toprack non si frappone mai nessuno a meno di eventi eccezionali.

A Misano il solo Rinaldi ha potuto (e solo in gara 2) finire davanti ad uno dei tre big: in ottica campionato è davvero poco visto che loro tre stanno facendo un campionato a parte nel quale (ad oggi) Alvaro è l’unico a non aver sbagliato nulla. Però lo spettro del 2019 aleggia costante nel box rosso e nei sogni di tutti i ducatisti. Dita incrociate.

Gara 1 è stato un assolo con Bautista che, quando ha deciso di rompere gli indug,i ha dato uno strappo a suon di giri veloci fiaccando tutta la concorrenza. L’unico a provare una resistenza il solito Toprack che però è stato tradito in gara 1 dalla sua R1.

Il turco ha fatto sua la Superpole Race, con l’impressione che Bautista non abbia voluto forzare: forse era consapevole che nel pomeriggio di domenica avrebbe ristabilito le gerarchie. E così è stato. Dopo qualche giro di sfogo da parte del turco (sempre pronto a prendersi rischi) Bautista ha dato lo stesso strappo del sabato ottenendo il medesimo risultato.

In gara 2 il suo compagno Rinaldi è riuscito in una bella rimonta dal decimo posto di partenza. Il recupero è culminato con il sorpasso ad un Johnny Rea troppo sotto tono per essere vero. Il gran caldo ha messo in difficoltà il grip ed il setup della sua Kawa. In ogni caso l’inglese ha fatto il suo limitando i danni il più possibile perchè è una garanzia. Esce da Misano con più punti di Toprack alla fine del weekend.

Poi ci sono tutti gli altri che ormai più che attori sono comparse. Redding è irriconoscibile sulla BMW.  Le due Honda HRC sono ancora ben lontane da un livello che possa loro permettere di aspirare ad un podio in assenza di disgrazie dei tre davanti. Rispetto allo scorso anno abbiamo perso Locatelli sulla Yamaha ed anche Lowes sulla Kawa, piloti che nel 2021 erano comunque a tiro di scarico e che adesso finiscono le loro gare molto distanti dai primi. Ci aggiungo, per finire, anche quella promessa di nome Garrett Gerloff che è stato addirittura in odore di Motogp.

Adesso un mese di stop e ci si rivedrà tutti a Donington Park dove, magari, la presenza di una pioggia estiva potrà regalare qualche sussulto.

Salvatore V.

(immagine di copertina tratta dal sito ufficiale della SBK)

VERSTAPPEN PASSEGGIA A BAKU. LA FERRARI RIPOSA.

Il campionato Indycar, pardon, il campionato del mondo di Formula 1 fa tappa nel cittadino di Baku. “Una gara dalla quale ci si può aspettare di tutto”, per dirla con Binotto. 

Ma non per la pole, che è ormai un’esclusiva di Charles Leclerc. Con un giro incredibile, rifila 3 decimi al secondo, che non è Verstappen e nemmeno il suo compagno di squadra Sainz, bensì Perez, che da qualche gara pare più in forma della prima guida Red Bull.

Si spengono i semafori, e si capisce subito che per Leclerc sarà una pessima giornata. La partenza di entrambe le Red Bull è da manuale, e Perez passa primo in curva 1. Come se non bastasse, Charles spiattella l’anteriore destra. Il messicano della Red Bull guadagna velocemente diversi secondi.

Al giro 7, il ferrarista si riavvicina a Perez, ma ha Max alle calcagna, con la possibilità di aprire il DRS. A differenza delle gare precedenti, questo non è sufficiente per consentire a Max un facile sorpasso sul lunghissimo rettilineo di Baku.

Al giro 10 altra mazzata per la Ferrari: Sainz si ritira con problemi idraulici. Viene attivata la Virtual Safety Car, e la Ferrari ne approfitta per effettuare il cambio gomme di Leclerc, che, purtroppo risulta più lento di 3 secondi. Charles riesce a mantenere la terza posizione, e la VSC viene disattivata prima che la Red Bull riesca a fare effettuare il pit-stop ai suoi piloti. 

Al giro 15 Verstappen supera Perez, al quale viene intimato di non combattere. Poi il messicano inizia a girare molto lentamente, perdendo fino a 3 secondi al giro su Leclerc, che, invece segna giri veloci a ripetizione. Al giro 17 Checo si ferma, e riesce a stare davanti a Russell, quarto, di un soffio.

Al giro 19 è il turno di Verstappen, che in questo momento ha soli 7 secondi di vantaggio su Leclerc, il quale ritorna in testa alla gara, ma con gomme con ben 9 giri in più rispetto a Max. 

La durata delle gomme però non è un problema, perchè al giro 22 la PU n. 2 esala l’ultimo respiro. 

Al giro 35 tocca a quella di Magnussen, ed esce nuovamente la Virtual Safety Car. In Red Bull, visto che ormai alle spalle non c’è più alcuna minaccia, decidono prudenzialmente di operare un altro cambio gomme. A questo punto della gara, Perez si trova a 12 secondi da Verstappen, mentre al terzo posto c’è l’inossidabile Russell, e al quarto Gasly.

Al giro 44, il francese dell’AlphaTauri viene raggiunto e superato dal rimontante Hamilton, alle prese con un fastidioso mal di schiena. 

La gara finisce così con una doppietta Red Bull, seguita dalle due Mercedes. Al quinto posto Gasly, ritornato su ottimi livelli, seguito da Vettel. Poi Alonso, Ricciardo, Norris e, a chiudere la zona punti, Ocon. 

Nessun motorizzato Ferrari nelle prime 10 posizioni. E su 4 ritiri, tutti e 4 hanno riguardato macchine motorizzate Ferrari. 

Purtroppo per la Ferrari e per i suoi tifosi, Baku rischia di essere lo spartiacque del mondiale. Doppietta Red Bull contemporanea a doppio ritiro Ferrari. Come nella prima gara, ma a parti invertite. E con la differenza che alle spalle ci sono solo vittorie Red Bull, e che ora il problema è l’affidabilità, anche, ma non solo, del motore endotermico. 

Fra una sola settimana si correrà a Montreal, altro circuito da motore. C’è poco tempo per correre ai ripari. E c’è da sperare che in Ferrari non siano costretti a risolvere i problemi depotenziando la PU, con conseguente perdita di prestazione. Perchè, se così fosse, rischieremmo di vedere una restante parte della stagione caratterizzata dal fastidioso dominio di un solo pilota. E sarebbe poco sopportabile, dopo essere ritornati a vedere gare combattute nel 2021 e nella prima parte di questa stagione.

* immagine in evidenza dal profilo Twitter @F1

F1 2022 – GRAN PREMIO D’AZERBAIGIAN

Per l’ottavo appuntamento stagionale della F1 si passa da un circuito cittadino all’altro, da Montecarlo a Baku. Entrambi circuiti cittadini ma non potrebbero essere più diversi uno dall’altro anche se una cosa resta in comune: il margine per errori praticamente nullo concesso ai piloti.

Si arriva a Baku archiviando il primo terzo di campionato e con la certificazione della prima (mini) fuga in classifica piloti e costruttori con la Red Bull e il suo pilota di punta Verstappen a issarsi in cima alla classifica.

Un filotto di quattro gare vinte per gli anglo-austriaci, in cui hanno semplicemente dimostrato come siano più abituati e capaci a gestire situazioni complicate e cariche di tensione e portare a casa il massimo risultato possibile.

immagine da alvolante.it

Per contro Ferrari sconta una disabitudine figlia delle sciagurate stagioni che si sono susseguite dal 2018 in poi, in cui al massimo si lottava per una sporadica vittoria o per un podio, cosa ben diversa dal doversi giocare ogni GP in una singola chiamata ai box o con una strategia particolarmente efficace.

Peccato perchè da Barcellona si può dire che la SF-75 sia la più completa monoposto in pista e non sarebbe stato uno scandalo se Leclerc fosse stato il vincitore dei quattro GP che invece sono andati agli alfieri Red Bull.

Una somma di errori, problemi tecnici e sciagurate strategie di gara hanno vanificato totalmente quanto di buono fatto nelle prime tre gare di stagione. In questo senso la tappa di Baku deve servire agli uomini di Maranello come un nuovo inizio di campionato.

Le prove al simulatore hanno promosso la SF75 sul tracciato azero ma quì la Red Bull fa decisamente più paura considerando la velocità di punta che potrà sfoderare sul lungo rettilineo che immette sul traguardo. La SF-75 dalla sua potrà far valere la stabilità in frenata e l’ottima trazione ma servirà anche il decisivo apporto di Sainz e del muretto box per portare a casa la vittoria.

Pirelli porterà le stesse mescole utilizzate a Montecarlo dato che il circuito di Baku è poco esigente nei confronti degli pneumatici in termini di forze laterali e usura.

Sarà interessante capire come la Ferrari si approccerà al weekend azero dopo la batosta e le polemiche di Montecarlo. Il rischio è quello di vivere ogni appuntamento come una sorta di ultima spiaggia per recuperare punti ad una Red Bull solidissima in gara e quindi aumentare il rischio di commettere errori.

immagine da rossomotori.it

L’utilizzo del terzo turbo e MGU-H per Leclerc sembra andare proprio nelle direzione di non lasciare nulla di intentato sul piano delle prestazioni, anche se è un fatto ormai che Ferrari dovrà forse anticipatamente rispetto alle previsioni, scontare una penalità per il futuro utilizzo di componenti della PU oltre il numero di tre concesso dal regolamento.

Attesa anche per la Mercedes che cercherà di confermare a Baku i progressi visti da Barcellona in poi. La W13 è indubbiamente migliorata anche se sinceramente sembra un pò sopravvalutata nelle sue prestazioni in pista considerando il distacco da Red Bull e Ferrari che rimane comunque molto ampio. Bravi invece, soprattutto con Russell, a raccogliere sempre il massimo possibile sfruttando i problemi altrui.

Nel pacchetto di mischia del mid-field difficile anticipare chi andrà bene e chi no. Tra McLaren, Alpine, Alfa Romeo e Alpha Tauri sono troppe le variabili in gioco e fare un pronostico diventa difficile.

Certo è che Bottas potrebbe essere un fattore per emergere dalla lotta, dato che al finlandese piace il tracciato azero e l’Alfa può contare su una PU di primo livello (quando non ha problemi).

Chi riuscirà a trovare il giusto compromesso tra asse anteriore e posteriore, cercando di non far raffreddare troppo le gomme anteriori nei lunghi rettilinei e non surriscaldare le posteriori nei tratti soggetti a maggiori trazione avrà un bel vantaggio in ottica gara.

immagine da sport.sky.de

Al momento l’Aston Martin è una sorta di work in progress dopo il cambio radicale di filosofia aerodinamica che l’anno avvicinata molto (forse troppo) alle forme della RB18. Baku potrà essere un buon test per verificare la bontà del nuovo pacchetto aerodinamico, facilitato dal fatto che non ci sono curve veloci da affrontare, attuale punto debole della verdona della F1.

Per la Haas l’ìmperativo, come sottolineato da Steiner, è letteralmente non fare danni. Ormai la conta dei pezzi di ricambio per le monoposto distrutte in pista comincia ad essere davvero impattante sulle finanze di una squadra che deve fare i conti con il budget cap.

Schumacher è sotto osservazione in questo caso, avendone distrutte già due a Miami e Montecarlo oltre al fatto che le sue prestazioni in pista sono, al momento, francamente insufficienti.

Williams resta sempre un pò la cenerentola del gruppo, aggrappata alla buona luna di Albon e a particolari condizioni di gara che possono avvicinarla alla zona punti. Quanto meno sarà più difficile per loro fare danni in fase di doppiaggio così come successo a Montecarlo anche se non bisogna mai porre limiti alla provvidenza…

Baku di solito offre sempre gare spettacolari e con tante sorprese, forse proprio quello che non vuole la Ferrari che in situazioni caotiche ha già dimostrato di non essere proprio il massimo. Servirà fare bottino pieno in terra azera anche solo per mandare un segnale, che la lotta è viva e quelli di Maranello sono della partita. Se lo augurano in tanti, di sicuro non Red Bull e probabilmente neanche quel simpaticone di Norbert Haug ma per il campionato sarebbe oro colato.

*immagine in evidenza da fanpage.it

Rocco Alessandro

 

WSBK 2022 – ROUND DELL’EMILIA ROMAGNA

Il mondiale superbike 2022 comincia a entrare davvero nel vivo con l’appuntamento sul circuito Marco Simoncelli di Misano per il round dell’Emilia Romagna.

Il copione sarà probabilmente lo stesso visto nei precedenti appuntamenti ma non per questo sarà scontato o noioso perchè i tre contendenti del mondiale 2022 continueranno a suonarsele di santa ragione.

In testa arriva Bautista, un pò a sorpresa verrebbe da dire, che ha saputo ritrovare un gran feeling con la V4 Panigale e sfruttare al massimo le defaillance dei suoi contendenti principali per accumulare un vantaggio di 17 punti su Rea.

immagine da tuttomotoriweb.it

Misano potrebbe essere una bella occasione per rimpolpare questo vantaggio, considerando che può essere considerata una pista amica della Ducati e dove nel 2021 Rinaldi fece furore con due successi in tre gare. Obbiettivo dello spagnolo quello di non commettere errori e puntare alla vittoria se le condizioni lo consentiranno, evitando di farsi trascinare in bagarre deleterie o cercare di raggiungere un risultato impossibile da ottenere.

Per Rinaldi potrebbe essere l’ennesima gara del rilancio in questo 2022 che lo sta sempre più allontanando dai progetti Ducati per il 2023. Sarebbe ottimo per lui e per il suo compagno di squadra e già solo replicare a metà la prestazione dell’anno passato sarebbe una gran risultato.

Rea arriva carico di aspettative a Misano, ennesima pista che l’ha visto più volte vincitore in passato. Le gare all’Estoril sono andate peggio del previsto in termini di punti ottenuti ma molto bene in quanto a feeling di guida con la sua Kawasaki, motivo in più per andare all’attacco. Il gran caldo potrebbe essere un ulteriore alleato considerando che la gestione delle gomme in gara sarà un fattore più critico che nelle gare precedenti.

immagine da moto.it

Razgatlioglu è ancora un work in progress per tanti motivi. Bene ma non benissimo all’Estoril, alla ricerca della prima vittoria stagionale che tarda ad arrivare e già staccato di oltre 50 punti dalla vetta della classifica. Nonostante ciò si dice fiducioso per la gara romagnola in cui la sua Yamaha dovrebbe arrivare con molti problemi in meno rispetto a quelli visti fino ad ora.

Work in progress anche il suo futuro, dato che almeno per il 2023, le porte della motoGP saranno chiuse per lui. Il test sulla M1 resta sempre in programma ma diciamo che non gli gira proprio benissimo al turco in questo momento.

Dietro i tre capofila il vuoto o quasi… Sarà interessante capire se Redding e la sua BMW avranno fatto quello step per potersela giocare più da vicino per il podio. Intanto Van der Mark non sarà della partita a Misano causa frattura al collo del femore destro rimediata in Portogallo, al suo posto Ilya Mikhalchic.

immagine da press.bmwgroup.com

Anche Honda arriva con grosse aspettative a Misano. Al 99% non saranno in lotta per la vittoria ma sarebbe importante anche per loro confermare quanto di buono fatto vedere in questo inizio di stagione e se possibile fare meglio.

Infina una nota positiva arriva dal comitato organizzativo del round romagnolo. Nel primo vero ritorno a Misano post-pandemia si punta a raggiungere i volumi di affluenza pre-pandemia e i prezzi vanno in questa direzione, davvero bassi se confrontati a quelli di altri eventi auto/motociclistici. A questo in aggiunta molti eventi previsti per il weekend di gare e diverse aree attrezzate in circuito per i più piccoli.

Davvero un bel segnale per cercare di riavvicinare il grande pubblico ad eventi che negli ultimi anni sono sempre più visti come preclusi a chi non ha grandi possibilità economiche.

*immagine in evidenza da meetingecongressi.com

Rocco Alessandro

Life is racing, all the rest is waiting