ROSSI, PENSA SE CI AVESSI PROVATO….A SMETTERE.

Se ti metti in testa di parlare di Valentino Rossi ti trovi sempre di fronte ad un imbarazzo estremo.

Devi fare un sacco di premesse, devi sperare di non essere frainteso per evitare che finisca in caciara…

Chi scrive lo ha apprezzato per i risultati sportivi dei tempi che furono ma non l’ha mai amato per i comportamenti tenuti nei riguardi dei colleghi. Nonostante ciò mi è pure simpatico, eppure la “stampa di regime” è riuscita a farmelo diventare fastidioso.

E’ comprensibile che il tifoso oltranzista accampi scuse di qualsiasi genere per difendere il proprio beniamino, ma deve altresì essere concesso agli “altri” di poterlo criticare quando ne hanno ben donde alla luce dei risultati degli ultimi anni. Quello che invece è meno comprensibile è vedere il giornalismo che diventa “tifo”, perché le dichiarazioni partigiane sono ormai diventate troppo ridondanti.

Ieri ho intravisto un servizio in Tv che parlava di “rispetto” per quello che ha fatto in passato…. Come se un posto in MotoGp su una moto ufficiale fosse un posto riservato di diritto come per i Senatori a vita a Palazzo Madama. No, dai così non va proprio bene.

Valentino è vittima del suo stesso operato, ovvero del dileggio che nei primi anni adottava nei confronti dei propri avversari. Era giusto allora? Se la risposta è affermativa allora deve essere giusto anche oggi, per equità nei riguardi di tutti i professionisti del manubrio. Io penso che fosse sbagliato già all’epoca, ma oggi non ce ne si può lamentare perché si raccoglie ciò che si è seminato per anni.

Io sono un amante del Motorsport e trovo che non sia bello assistere a tali vicende. Noi, quelli vecchi, abbiamo sempre amato i piloti a prescindere e non abbiamo mai “tifato contro”. Questo fenomeno si è acuito con l’avvento dei media e della mediaticità dello stesso Vale: le sue colpe sono quelle di non aver mai proferito parola per stoppare questo meccanismo che non è mai appartenuto al nostro sport.

Ma veniamo al tema principale sul quale vorrei dare la mia inutile opinione: il momento giusto per staccare la spina.

E’ già passato da un pezzo, ad essere onesti, ma perché? Perché Rossi è costretto a macchiare i suoi splendidi e meritati trionfi con queste prestazioni scialbe e scadenti?

Non sarebbe stato meglio cambiare campionato (magari davvero la SBK) ed evitare tutto questo? Altri lo hanno fatto con alterne fortune ma lui, il Campionissimo, perché non ci ha provato?

Non c’è polemica nel mio pensiero, davvero, solo tanto rammarico nel poter immaginare le motivazioni senza averne la certezza.

E se Valentino fosse prigioniero di tutto ciò che si è creato intorno a lui? Mi sono fatto l’idea che, se fosse stato per lui, avrebbe smesso da un pezzo con buona pace di quella parte di media che ci tengono a sottolineare il contrario. Rossi è troppo intelligente per non aver pensato a quello che doveva essere il momento giusto per mollare tutto. Magari è proprio il “tutto” che ha paura di mollare lui, il protagonista di tanti anni, e tutto l’indotto che ha generato. Mancano le alternative, soprattutto adesso che i rivali più importanti degli ultimi anni buoni sono o ritirati (Lorenzo) o in difficoltà (Marquez).

Voglio pensare che il circo lo stia tenendo dentro con dei contratti e delle pressioni da cui non può sfuggire, perché ad uno bravo come lui di sicuro “tira il culo” finire dietro tutte le domeniche….sapendolo addirittura prima di partire, aggiungo.

Mi spiace ma non riesco a pensarla diversamente, perché se corresse solo per la gioia di farlo lo potrebbe fare ovunque, anche in un team minore piuttosto che in un’altra categoria. E lui stesso è troppo sveglio per illudersi di poter ancora vincere un campionato contro questi ragazzini terribili. Quindi le motivazioni di questo “accanimento” sono altre, per forza..

In barba ai giornalisti che chiedono rispetto (gli stessi che non lo hanno avuto con altri) i tifosi del Motociclismo mal tollerano vederlo andare in giro per il mondo esposto come un fenomeno da baraccone, come quell’attrazione speciale in declino dei vecchi spettacoli itineranti…

L’unica cosa che mi sento di dire per chiudere è che non doveva finire così, né per lui né per lo sport, perché ci abbiamo perso tutti.

Che peccato.

Salvatore V.

(immagine in evidenza tratta da sportfair)

 

+2