Archivi tag: Blog del Ring

BASTIAN CONTRARIO: LA SALUTE E’ LA PRIMA COSA

Nonostante la F1 sia ferma, per le dovute e sacrosante ferie (mi riferisco a ingegneri e meccanici, perché i piloti in ferie ci stanno sempre), il circo fa comunque parlare di sé. Come ho già detto in passato, mai nome più azzeccato è questo (con tutto il rispetto per chi nel circo ci lavora davvero), per il carrozzone della massima serie del motor sport su quattro ruote. L’argomento è, manco a farlo apposta, la sicurezza e per “mamma” FIA, si sa, la salute è la prima cosa.

Del resto, in nome della sicurezza si fa tutto, si muovono le montagne se necessario e si rende possibile l’impossibile… gli ultimi due anni insegnano del resto. Dal 1994 e cioè da quando ci lasciarono per sempre il povero Ratzenbergher e sua maestà Ayrton, la Federazione prese a cuore realmente la sicurezza dei piloti, i quali, alla fine della giostra, erano loro e solo loro a rischiare il culo ogni volta che scendevano in pista. Nel giro di quasi trent’anni, da quel tragico weekend i progressi raggiunti sono stati sbalorditivi, un fulgido esempio da seguire. Un appassionato qualunque, confrontando le attuali monoposte con quelle dei primi anni duemila (quindi senza andare troppo lontano nel tempo), si potrebbe tranquillamente chiedere come diavolo facessero a correre prima! Carbonio, titanio, cellula di sicurezza praticamente impenetrabile, l’Halo che potrebbe sorreggere un bus londinese a due piani, tuta ignifuga e guanti biometrici in modo da poter monitorare in qualunque istante i parametri vitali del pilota che li indossa… meraviglioso! Cosa si vuole di più? Ebbene (non c’è nulla da fare, c’è sempre il trucco), la nostra cara Federazione si perde per un acino di sale come si suol dire.

Si prenda il “fenomeno” del momento, il famoso porpoising. Iniziano i test, le monoposto si muovono per essere sgrezzate e nello stupore generale di ingegneri pluri laureati, di personale altamente specializzato per il calcolo computazionale e persino da parte di quelli che devono lavare i pavimenti, ci si accorge che le vetture in rettilineo rimbalzano… vanno su e giù manco fossero yo yo! Ormai la frittata è fatta e, nonostante i simulatori da decine di milioni di dollari che ogni squadra ha a disposizione, nessuno ha previsto il maledetto inconveniente. La Federazione che mette la sicurezza al primo posto che fa? Esatto, nulla. Ci si arrangia con quella manciata di test che si ha a disposizione (che ricordo da quest’anno le giornate di allenamento sono passate da otto a sei) e ci si presenta al primo appuntamento della stagione alla “Dio me la mandi buona”. Del resto la salute è la prima cosa e quindi, tutto il circo, per cercare di capire al meglio prima e debellare il dannato fenomeno dopo, sfrutta tutte le FP (gare comprese), di tutti i GP ai quali abbiamo assistito sino ad ora. Perché come sapete, la F1 è divenuto ufficialmente l’unico sport che si deve praticare senza allenarsi. Bastano i simulatori no? Ormai è la fiera dell’assurdo: per inseguire una chimera, quale quella del risparmio e dell’inquinare meno (in F1!), si è arrivati al paradosso di rendere questo sport “una sorpresa” e quindi poco sicuro. Se è vero che il porpoising da non poche noie al pilota (addirittura il buon Toto ha affermato che questi “salteggi”, per dirla alla Genè, possono recare danni al cervello… sappiamo tutti perché il team principal dei teutonici abbia detto una boiata del genere), con i test in pista, in quanto tempo le squadre sarebbero riuscite a risolvere il problema? Certo quelle più preparate e avanti nello sfruttare questo nuovo regolamento (leggi Ferrari e Red Bull) sono riusciti già nell’impresa; gli altri prima o poi arriveranno.

La salute è la prima cosa, allora cosa c’è di logico nel non far girare i piloti in pista liberamente per migliorare la macchina e prendere confidenza con essa sempre di più? Com’è possibile che esiste questa regola del parco chiuso per cui se al sabato piove, la domenica, se asciutto, corri con gli assetti da bagnato (e viceversa naturalmente)? Dov’è la sicurezza in tutto questo? Nell’ultimo sciagurato (per Ferrari si capisce) GP a cui abbiamo assistito, Verstappen (e con lui la sua squadra), hanno capito nei giri che ti portano alla griglia dipartenza, che le Hard non andavano. Al di la dell’inamovibilità rossa, com’è possibile che prima di un GP non ci sia più il warm up e al suo posto solo tre o quattro miseri giri di riscaldamento, prima di prendere posto sulla griglia di partenza? Domande alle quali, sono sicuro, non troverò mai risposta eppure sono doverose, soprattutto alla luce della politica perseguita dalla F1 e di quello che è accaduto nell’immediato passato e, soprattutto, di recente.

Nel GP inglese, abbiamo visto tutti il volo di Zohu. Ebbene è stato notato anche che il roll bar della sua Alfa Romeo ha ceduto… e questo non deve esistere né in cielo e né in terra! Allora Halo e guanti biometrici divengono solo cinema se poi vengono a mancare le basi. Questo dovrebbe creare un polverone ed invece è stato tutto insabbiato e messo “all’ordine del giorno” nel cercare di aiutare i mal di testa di Toto e del suo pluridecorato alfiere… mi riferisco alla direttiva che deve intervenire ad eliminare, o quanto meno ad arginare, il fenomeno del porpoising. Sembra che alla fine, in nome della sicurezza (la saluta è la prima cosa ricordatelo… soprattutto se serve a non far venire il mal di testa a Toto!), si sia arrivato all’accordo di sollevare le monoposto di quindici millimetri. Il che è spettacolare, considerando che le vetture 2023 erano già nel “forno” e forse, alcune sono già anche uscite! Da qui si ritorna, come in un circolo vizioso, nel cercare di capire se questa direttiva avrà avuto effetto e, purtroppo, lo scopriremo solo nella sei giorni di test dell’anno prossimo. Al di là delle patetiche motivazioni di Wolff e di tutto il teatro inscenato da Hamilton quando esce dalla macchina (alla fine il fenomeno è per tutti… com’è che gli altri non si trascinano con il deambulatore come fa il campione inglese? Se è AMG ad aver cannato completamente il progetto, si dia da fare nel migliorarlo, con le regole che Lei ha voluto), la F1 è entrata in una spirale senza fine. Impone regole, decide come intervenire sulla progettazione della monoposto, vuole sapere ogni movimento delle squadre nel dedalo di leggi che promulga per poi perdersi su una questione della quale non ci sarebbe nemmeno di cui discutere. Il sottoscritto si rifiuta di credere che aumentando le giornate di test pre stagionali e dando (su ventitré GP spalmati su un intero anno) almeno trenta giorni di test liberi, le squadre non riescano a coprire i costi che di sicuro lieviterebbero ma non al punto tale da non poterli sostenere. Allora mi chiedo “cui prodest” tutto questo circolo vizioso? C’è sempre un tornaconto finale… del resto la salute è la prima cosa.

 

Vito Quaranta

LA DIGRESSIONE DI SELDON: UN 2016 SHACKERATO, ON THE ROCKS CON QUALCHE CHICCO DI RISO!

 

La  “leggerezza della passione”, quel modo molto personale per condividere gli stessi eventi partendo spesso da convinzioni diverse, ma facendo comunque parte di una comunità con valori e riferimenti uguali per tutti, si è riassunta in questo luogo nel dialogo scherzoso che spesso è teso a cercare il dialogo ove non c’è concordia di opinioni. In quel bellissimo 2016, ahimè non per la Ferrari…, lo spirito era eccezionalmente positivo!

La battuta trasversale leviga e congiunge i gradini, fa intendere all’interlocutore che non vuole essere prevaricante, meno che mai offensiva. E’ il suggello del comune intendimento, ovvero dell’armonia cercata anche quando non si è d’accordo. E’ magari la risata che vi portate dietro tutto il giorno, o anche più. Che vi fa scorrere meglio la monotonia dei minuti meno piacevoli della giornata.

Mi è venuto in mente quindi di cercare ciò che più ci ha unito nell’allegria di questo sport. Perché è anche allegria, è bene ricordarlo! Cosa più delle battute, dei commenti ironici, degli sfottò, ci ha avvicinato alla condivisione di questa passione?

Bene! In questo articolo raccolgo le frasi, quasi sempre brevi, che hanno lasciato il segno. Non cercate tra di esse per forza la scintilla della risata incontenibile. Spesso sono fini, ciniche, geniali. Fanno sorridere, non per forza ridere. E’ un estratto della stagione 2016, cominciata con i test prestagionali e finita con Abu Dhabi e Nico WDC.

Nota minore: pur facendo parte di questo gruppo dal primo mese del primo anno (precisamente dal 25 novembre 2015) non troverete le mie, perché evidentemente era destino (poichè scomparse con la cancellazione del primo account), che non comparissero.

 

Divertitevi, se potete…

 

 

Morok6 anni fa Ma Alonso è come la madre dell’aceto, che trasforma anche il vino buono.

Fiammetta Krtica6 anni fa Da Arai a annegai

lucx6 anni fa •  Dai hanno una macchina che definire tale è un’offesa al pandino di “Sanchez” 😀

Morok6 anni fa  Le emozioni più forti del week end le ho avute dal soffiatore da giardino nel raccogliere le foglie dopo il GP.

Andras6 anni fa “è forse finita quando i tedeschi han bombardato Pearl Harbor????” (cit)

LS6 anni fa E dunque comincio ad infestare pure qua.

Morok6 anni fa Poi ci sarebbe il discorso riguardante il motorsport, soprattutto su cosa significhi quel “sport”, ma rimando alla prossima.

Voloandre6 anni fa Nessun disTurbo

Alex Sacchi6 anni fa Las Vegas…..il Tilkodromo prima che arrivasse Tilke

Alex MC126 anni fa “Non è un paese per preti” semi-cit.

Fabrizio Colombari Grumpy6 anni fa Io minatore non tecnico :-))

marloc6 anni fa Da tempo sostengo che RG è un Massa 2.0; veloce quando tutto gli gira bene ma fondamentalmente appena scavi un pochino salta fuori l’imperioso cazzaro di fondo.

LS6 anni fa • Mi preme rendervi partecipi di un commento tecnico (forse troppo) letto altrove (…) che può presentare grossi spunti di riflessione: “La Ferrari è nata bene, specie l’air scope e la parte superiore, Mercedes è effettivamente troppo grossa sopra”. Il candidato discuta…

Morok6 anni fa ci sarà dietro una teoria gender. Io rimango servo della gleba, a testa alta verso il triangolino che ci esalta…

Lattughiz 北斗の拳 • 6 anni fa “Arai, concimai, seminai, ma alla fine raccolsi solo una gran pedata nel sedere…”

Fiammetta Krtica6 anni fa sicuramente, ma insomma, nessun catastrofismo – come nessuno stappaspumantismo 🙂

Fiammetta Krtica6 anni fa nessuno suda freddo, perchè chi ha fede è protetto dal caldo e dal freddo e dall’umido e dal secco

Kimo Timonen6 anni fa A quanto ho capito Kimi ieri era a vomitare nel simulatore..

lucx 北斗の拳 • 6 anni fa Domani Kimi fa i test con quel che resta della monoposto utilizzata da Vettel?

Morok6 anni fa …ma i tempi non calano. Gatta ci cova. Qui ci vorrebbe un insider, un outsider, un lateralsider, quello che volete

Fiammetta Krtica6 anni fa siamo una manica de stronzi eh, vaddetto :))

gianluca726 anni fa Niki tu visto culo di ferrari? stretto stretto Toto tu no preoccuppare….ya……nostro airscope grosso grosso …ya….noi allargare e sfondare tutto….ya

gianluca726 anni fa Giorno a tutti…anche oggi siamo già campioni del mondo?

Lattughiz 北斗の拳• 6 anni fa Riccio si nasconde dietro una vetrina di denti..

Fiammetta Krtica6 anni fa il giro di uscita dai box di Wehrlein è comunque più rapido del giro tirato di haryanto.

Aviatore6 anni fa E’ una questione contrattuale. Gli aerodinamici li paga McLaren, gli esperti di aerofagia Honda.

lucx 北斗の拳• 6 anni fa E infatti Honda ha licenziato il proprio capo aerofago.

LS6 anni fa Io ho dato toner 2 (cit.), posso dare aerodinamica ad occhio?

LS6 anni fa Secondo me io e lei abbiamo curriculum simili, anch’io occhiologia e brancologia li avevo nel piano di studi. Se lei ha dato pure “Estrazione di metodi numerici dal bussolotto” e “Meccanica Irrazionale”, allora abbiamo specialità similari…

@Fiammetta Nordschleife76 北斗の拳• 6 anni fa Mi piaceva un sacco, poi arrivò Sainz e mi appassionai a Sainz. Si sa, la donna è armadio, comodino, divano.

marloc6 anni fa Lo so..lo so io …!!
Allora il primo che porta le mutandine della Michibata parte quinto; quello che porta proprio la Michibata parte quindicesimo; chi risolve il tensore metrico di un buco nero rotante senza utilizzare la soluzione di Kerr parte ultimo ma se porta Jim Kerr dei Simple Minds può scegliere un altro che parte ultimo al posto suo a patto che indossi le mutandine della Michibata tutto il weekend; chi riesce a convincere il botolo peloso di Hamilton a mordere il culo ad Hamilton parte al posto di Hamilton a patto che faccia tutta la gara con il botolo attaccato al bocchettone della benza tipo scena tre uomini e una gamba e ringhio; chi parte in pole parte secondo; chi parcheggia in seconda fila scena via montenapoleone sul marciapiede parte al posto di Mylander con la safety car; chi risolve il tensore metrico di un buco nero non rotante deve partire con Jim Kerr attaccato al guinzaglio come Roscoe visto prima; chi parte ultimo parte penultimo; chi parte penultimo parte penultimo di fianco all’ultimo; chi fa un tempo che è anche un numero primo parte primo ma solo se riesce a trovare un divisore del numero che non sia il numero stesso ed uno (questa in onore a Bernie); chi riesce a fare lo stesso tempo di un altro pilota parte dalla pit lane ma con le gomme winter; chi fa un tempo pari alla somma dei quadrati dei tempi di altri due piloti che hanno una traiettoria ortogonale fra loro, parte quarto; chi riesce a calcolare il rotore di un gradiente parte in pole ma solo se non è già occupata; chi porta un’amica parte decimo; se l’amica è figa parte nono, se l’amica è un trans parte al posto di Verstappen; chi vince a tressette parte quinto a patto che non si trovino le mutandine della Michibata; chi recita a memoria il credo, credo che non parte; chi riesce a fare un giro in retromarcia parte settimo; chi fa un giro contromano parte anche lui settimo ma in senso inverso al quello di prima; chi fa la pole con la dacia logan parte ottavo.
Ecco …
Mi pare sia tutto…..

LoSco6 anni fa Io mi fido anche ma…. Chi cazz’è?

Rosso Ferrari6 anni fa Se in Russia decidono la pole in base a quanta vodka riesci a bere..Kimi in pole con distacchi abissali!

@Fiammetta Nordschleife76 北斗の拳 • 6 anni fa Un primo scoop! Valsecchi non ha perso un grammo X-D

lucx 北斗の拳 • 6 anni fa • Hamilton ha la capacità innata di distruggere tutti i sogni altrui, anche quelli che contano 0

Landerio6 anni fa Amici, amici, amici e poi ti ciulano la bici.

Magic6 anni fa Ora vado a lezione di sintesi da Kimi così la prossima volta (forse) sarò più breve.

lucx 北斗の拳• 6 anni fa Tu hai una mezza idea sul “manettino” Mercedes, io manco quella 🙂 Qualcuno risponderà Ciao

Morok6 anni fa Tiè 20HP, barbone, e vai a vivere un po’

Andras 北斗の拳 • 6 anni fa Barbie mostra il reggiseno ehm i muscoli

Myriam Ferdi6 anni fa Ho bei ricordi del gp del Bahrein dello scorso anno: una serie di strafalcioni di Vettel nel tentativo di superare una mummia finlandese

marloc6 anni fa No vabbè dai. Ana “legata” nella rete.. La Bouchard con la mini e le “schiave” ai piedi.. Faccio la schiuma dal naso già di prima mattina…

Morok6 anni fa Complimenti alla Radiazione ed ai suoi radiatori

lucx 北斗の拳 • 6 anni fa Qualcuno ha notizie del capo radiatore?

Braccio6 anni fa Il mondo non sopporterebbe due me, a dire il vero nemmeno io sopporterei la compagnia di un altro me 🙂

Kimo Timonen6 anni fa Aspetto consapevolmente il Meteorite Quello Grosso, sorridendo.

lucx 北斗の拳• 6 anni fa •  E’ palese che si stanno preparando alla discesa in campo (!) di Audi.
Avremo sicuramente un Q5 a breve.

zebaldo6 anni fa La griglia invertita non mi piace, preferisco l’inversione della grigliata quando da un lato la carne è cotta

Lattughiz 北斗の拳• 6 anni fa • Il fatto è che si è innamorato di Nico e ha deciso che perammore gli lascia vincere il WDC…

Morok6 anni fa O hamiltoniani. O massesi. O sainzisti. O raikkoniani. O ricciardesi. O bottani. O….

Andras 北斗の拳 • 6 anni fa Kimi davanti a Vettel, gombloddone 😂😂😂😂

@Fiammetta Nordschleife766 anni fa Il Titanic aveva la pull rod.

gianluca726 anni fa Vettel:”credo di aver capito dove è andato più veloce kimi”……al bar:)))

Alex Sacchi6 anni fa ci impiega meno una donna a partorire che questi a rimettere la bandiera verde

Lattughiz6 anni fa “Race Car” è palindromo, lo sapevate?… (così su sky sports ammazzano i tempi morti).

Alex MC126 anni fa Il figlio del rallysta ha battuto in qualifica il nuovo Senna/Schumacher/Clark/Fangio. Mannaggia. Mi sta crollando la terra sotto i piedi

Morok6 anni fa il manettino, meglio noto con il termine più classico: “il manico”

Myriam Ferdi Andras6 anni fa “La Ferrari logora chi ce l’ha”

Andras 北斗の拳 • 6 anni fa • Mi permetto di far notare l’equivalenza assoluta tra numero di capelli neri in meno e numero di rughe facciali in più di MAB da quando è stato fatto TP Ferrari

Andras 北斗の拳 • 6 anni fa Noto una tensione più vibrante sul Bring quest’oggi. Si interessano, scambiano commenti

LoSco6 anni fa C’ho un Master in cazzate vintage

LoSco6 anni fa • Ma tu lo hai dato Fondamenti di Futilità? Altrimenti non sei nessuno

Lettore espatriato6 anni fa • Sbarcando a Barcellona, Maurizio vide molti Tifosi e si commosse per loro, perché erano come pecore senza pastore, e si mise a insegnare loro molte cose. Evasione fiscale a Panama in 5 minuti, aerodinamica ed effetto Coanda con i cucchiaini, fare le “o” con il fumo. Essendosi ormai fatto tardi, gli si avvicinarono i tecnici dicendo: “Questo luogo è solitario ed è ormai tardi; congedali perciò, in modo che, andando negli hotel, possano mangiare, ordinare “una coperta in camera” e fantasticare degli aggiornamenti e dei decimi guadagnati. Maurizio non capiva perche’ , con 25 gradi fuori , i Tifosi potessero volere una coperta , ma i suoi tecnici dissero che era meglio cosi. Ma egli rispose: “Voi stessi raccontate degli aggiornamenti e dei decimi guadagnati”. Gli dissero: “Dobbiamo andar noi a raccontare per la cinquantesima volta degli aggiornamenti e fargli bere che guadagneremo secondi sui crucchi?”. Ma egli replicò loro: “Quanti decimi avete guadagnato? Andate a vedere”. E, tornati trafelati, riferirono: “Cinque decimi e due bandelle”. Allora ordinò loro di farli mettere tutti a sedere, a gruppi, sull’erba verde. E sedettero tutti a gruppi e gruppetti di cento e di cinquanta. Presi i cinque decimi e le due bandelle, levò gli occhi al cielo, pronunziò il bestemmione con Antonini, prese i 5 decimi e li diede ai tecnici perché li distribuissero; e divise le due bandelle fra tutti. Tutti ebbero 5 decimi e un pezzo di aggiornamento, festeggiarono, si ubriacarono ed, alla fine , tornarono in albergo parlando di dodici secondi al giro guadagnati sulla Mercedes, di macchina completamente nuova a ogni Gran Premio e mondiale in cassaforte fino alla nascita del nipote di Max Verstappen. Poi, i tecnici, tornando ai box, riguardarono i dati. Erano 0,5 decimi. E , allora, furono parole, ma non per signore.

Flo6 anni fa • Meglio, piove fino a mezz’ora prima, così l’entusiasmo sale alle stelle, poi spunta un sole che nemmeno a Nairobi e ti asciuga la pista proprio prima del via. E viene voglia ti tagliarsi i maroni.

Pier Alberto 北斗の拳• 6 anni fa I lattinari hanno sempre qualcosa che flette troppo…

gianluca726 anni fa Lo sbaaam che avete appena sentito era il rumore del mio tablet lanciato sul muro….grazie e scusate

gianluca726 anni fa • Come promesso ho chiamato a maranello ed il centralinista, consapevole della legittimità della mia richiesta di chiarimenti sulla particolare situazione della rossa, mi ha prontamente passato l’interno di mab. Lo stesso era già a conoscenza della tesi di Marloc (“ma non ne capiva solo di tette? ??”) e di quella di Seldon ed ha subito risposto ai miei quesiti :”vedi caro Luca (mi chiama sempre così. ..tanto che ho il dubbio che mi scambi per lucx)…il problema tra Fp, q3, q2, q1 sta semplicemente nel fatto che…praticamente…..in effetti. …..in parole semplici. ….. oh scusa devo chiamare a Turrini. ..non so che cippa gli ha detto Marchionne. …ti richiamo io…ciao…tuuuuuuu …..tuuuuuuu ”
a scanso di equivoci il presente commento è frutto di momento di scazzo infinito in attesa che mio figlio finisca di distruggermi il PC. :)))

Lattughiz5 anni fa Domenica, barbecue. Per quanto mi riguarda

Morok5 anni fa che ci conservino, almeno per questo, un po’ di incertezza. E poi s’è sempre detto che questo è l’anno di Nico, mica che era l’uomo del primo quadrimestre

@Fiammetta Nordschleife765 anni fa  Le PL andrebbero sempre commentate dai portantini di Un sacco bello: Poessetutto e poessegnente..

Lettore espatriato5 anni fa …… A proposito di Stella Cometa , pare che i Re Magi ( Sergio, Maurizio e Sebastiano) si siano recati , carichi di Oro, Fumo e Birra , in una grotta vicina alla Lunigiana.

gianluca725 anni fa Su Sky f1 siberia dicono che c’è un diretto collegamento tra la presenza della Masolin sulla Pit Line ed il tasso di umidità, con fenomeni temporaleschi se si avvicina Jacques Villeneuve. ..boh

Lettore espatriato5 anni fa 2 warnings per Verstappen. Quando lo puniscono ? A 35 warnings ?

lucx 北斗の拳 • 5 anni fa • Con il distacco di Allison da Maranello continua quello che è il vero tormentone della Ferrari.
La “paternità”.
Non si sa, oltre ogni ragionevole dubbio, di chi fosse figlia:
la F14T
la SF15T
Di chi è “figlia” la SF16-H.
Di chi sarà “figlia” la SF17qualcheletteradell’alfabeto.
E se le voci di un Binotto “pro tempore” sono vere, anche della SFannoacaso+qualsiasiletteradell’alfabeto

LoSco5 anni fa …… il progetto 2017 è meglio affidarlo a uno che ci si possa dedicare a tempo pieno, nel 2018. Cosi’ lo famo bene 😀

@Fiammetta Nordschleife765 anni fa Ma chi “ha nato” Lauda? Niuno, egli nasce come Minerva dalla testa di Giove, come Venere dalla spuma del mare!!

SUNINGOUT5 anni fa • La Masolin ? La Saderini ? Sky fa cagàre , ma quanto a gnocca nun je poi ddii niente !!!

Pier Alberto 北斗の拳 • 5 anni fa Ho capito bene che la MB ha le fric c’est chic nel vanity panel?

Andras 北斗の拳• 5 anni fa e niente, a maiali come noi Ringers getti ‘na ghianda e ce fai felici :-))))

Landerio5 anni fa Ho deciso che invierò il curriculum in Ferrari che tanto per andar a bere fiaschi di vino a giro per il mondo io sono allenato.

Andras 北斗の拳• 5 anni fa Il lato B. Mandano in streaming delle foto nude di Bieber al Negro che si arrazza e rimonta

Andras 北斗の拳 • 5 anni fa Ho appena finito una Skype con papà Milton. È ufficiale: per il primo compleanno del Blog del Ring mamma Neyde prepara la fajolada per tutti i Ringers! Bruno Lalli porta il vino, zio Emmo le ballerine di Samba. Ed il cruzeiro si impenna!!!!!!!

lucx 北斗の拳• 5 anni fa Visto il tuo famigerato bacio 😘 della morte 💀 in realtà stavano cercando di risolvere il problema alla radice. A Vettel invece per farsi strada il partenza stanno pensando mettere la motosega (a buon mercato) sul muso anteriore.

marloc  • 5 anni fa In mezzo al gruppo a “su-suca” rischi di non finire il primo giro…

Lettore espatriato  • 5 anni fa Raikkonen e Turrini sono come due macchine in scia . Tu credi che a guadagnare velocita’ sia solo quella dietro (Kimi). Invece se ne avvantaggiano entrambe .

Aviatore • 5 anni fa Ron ha capito che per dominare gli ci vuole ancora qualche giorno

Andras 北斗の拳• 6 anni fa Difficoltà nel 2014? Nel senso che con Nico subito out il Neghèr ha corso col braccio fuori pensando a Justin Bieber in costume?

ILKönz5 anni fa Vabbè, Annomobene a malapena sa formulare frasi di senso compiuto nella sua lingua madre, figuriamoci in inglese.

drnice5 anni fa troppe red bull fanno male. c’è scritto anche sull’etichetta. basta leggerla.

drnice5 anni fa appunto. se vanno a torino quelli stanno ad amsterdam, se vanno a londra quelli stanno a torino………l’importante è sapere dove andare.
per andare dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare ????(cit.)

ILKönz5 anni fa • E tanto per cambiare, si rompe il cambio di Vettel. Scusate il gioco di parole.

Andras 北斗の拳• 5 anni fa “Dopo l’uscita di Allison nel team c’è il clima giusto” – MAB
Agile, in scioltezza. Daje

ILKönz5 anni fa Pinone post FP3: Ferrari bellissima sorpresa, resta da capire come ci sono arrivati.
Appunto.

gianluca725 anni fa No no…si narra che Dove passa Marloc non cresce più il pelo….lassa sta:))))

Pier Alberto5 anni fa Scende la notte, la temperatura cambia e la SF16-H si trasforma in mr. Hyde.

Pier Alberto5 anni fa 58 qualifiche, 55 pole Mercedes. A momenti neanche la Dallara in Indycar fa questi numeri…

Morok5 anni fa metti che sono con la MIchibata alle spalle e non me ne sono accorto, ed il Marloc avanza verso me…

gianluca725 anni fa Nell’attesa si consigliano attività rilassanti domenicali….uccidere la moglie, rasare il cane del vicino che abbaia la notte, andare in un luogo di culto ferrarista e dire forza Alonso o andare in uno Alonsiano e scrivere petrovvvvvv…insomma cose del genere. ..buona domenica 🙂

Andras 北斗の拳• 5 anni fa Non ci capì “poco”. Ci capì una sega!

 

Ringrazio per l’attenzione e chiedo perdono se ho esposto solo il 2016, ma voi non vi rendete conto di cosa ci voglia per leggere un anno di commenti con attenzione. Divertente, ma lungo lungo lungo.

Antonio!

 

BASTIAN CONTRARIO: L’USURA DELLA PAZIENZA

Il GP della Turchia, conclusosi domenica scorsa, ha riproposto nuovamente l’argomento che ormai, su questa rubrica, sta diventando stantìo per quanto viene ripetuto, che è quello dell’ipocrisia di tutto il circo (sempre con rispetto parlando dei circensi) della F1. Il sottoscritto, all’indomani dell’evento (una settimana prima per l’esattezza), invocava una fatwa sul tutto il mondo della F1, auspicando pioggia ad ogni GP, al fine di far collassare il sistema stesso e di farlo annegare nella sua stessa ipocrisia. Purtroppo, non riesco ad essere benevolo, a maggior ragione dopo lo spettacolo al quale abbiamo dovuto assistere, in cui alcuni piloti (dopo Sochi, questo è stato il secondo GP di seguito bagnato) per l’ennesima volta non volevano ascoltare il proprio box: solo che, in questo caso, i box non chiedono ai piloti di fermarsi per montare gomme da bagnato: no! In questo caso “li supplicano” per montare un altro treno di gomme intermedie… preghiera che poi viene esaudita da tutti e con riluttanza da pochi, tranne che da Ocon il quale si è sparato tutta la gara con lo stesso set di intermedie.

Hamilton, dopo aver saputo dell’impresa del francese, per poco non gli prendeva un coccolone visto e considerato che anche lui non avrebbe voluto fermarsi. Quindi il suo muretto, domenica in Russia gli ha “regalato” la vittoria con la chiamata tempestiva ai box, questa volta gli ha negato un risultato molto importante in termini di punti per la corsa all’iride. Il nodo gordiano, comunque, non è il disappunto del campione inglese, quanto proprio l’ipocrisia alla quale dobbiamo assistere. La F1 si spende tanto e vende con convinzione il “prodotto sicurezza” in pista e poi mostra al mondo tutta la sua vulnerabilità regolamentare. Tra Abu Dhabi 2020 (con Grosjean) e Monza 2021 (incidente tra Verstappen ed Hamilton), la F1 ha avuto un enorme ritorno mediatico a favore del dispositivo di protezione frontale denominato Halo. Chili di lodi sono state tessute in suo favore, mostrando a ripetizione come “l’infradito” abbia salvato Romain dall’impatto contro il guardrail o come lo stesso abbia salvato il malcapitato Hamilton dalla ruotata sulla testa da parte di Verstappen.

Eppure, le stesse immagini in HD ci hanno mostrato, in maniera inequivocabile, le gomme dell’alfiere francese della Alpine che erano arrivate praticamente sulle tele. Un preoccupatissimo Mario Isola, che veniva intervistato in diretta durante il GP, denunciava apertamente (il linguaggio del suo corpo era eclatante) il comportamento pericoloso delle squadre che stavano spingendo i loro piloti con il “prodotto” Pirelli ormai al limite. L’usura dello pneumatico era evidente, eppure nessuno accennava a fermarsi. Quindi, ricapitolando la F1 impone il cambio gomme in caso di gara asciutta e accetta il fatto che le gomme da bagnato, grazie all’usura, possano diventare delle slick!

Ad essere sinceri, non so se anche per voi miei cari ed affezionati (pochi) lettori, oltre ad essersi usurate le gomme, si è usurata anche la pazienza. Spiace ripetermi, eppure la F1 merita queste magre figure che, guarda caso, vengono a galle proprio quando piove: non è possibile cambiare gli assetti tra qualifica e gara (nonostante al sabato ci sia stato sole e alla domenica abbia piovuto o viceversa), bisogna andare al massimo anche su ettolitri d’acqua sparsi in pista, altrimenti la macchina non genera carico necessario… è possibile arrivare al traguardo con un unico set di gomme da bagnato senza mai cambiarlo! Dov’è la ricerca spasmodica della sicurezza in tutto questo? Il sottoscritto non vede nulla di tutto ciò, se non proprio il contrario di quanto richiesto. Il sistema tenderà sempre ad auto proteggersi, eppure fino a quando potrà andare avanti in questo modo, nascondendo i problemi come polvere sotto al tappeto? Singolare come l’attuale campione del mondo si sia incazzato, appena è venuto a sapere di Ocon: proprio lui che si è speso in preghiere social di ogni tipo, ringraziando Halo e chi lo ha voluto… proprio lui voleva continuare a rischio della tanto millantata sicurezza! L’usura, si sa, è relativa; specie se ti stai giocando un mondiale. Peccato che la pazienza si sia ormai consumata oltre le tele… passatemi l’assioma di stampo gommista.

Il set di gomme usurato di Ocon, almeno agli occhi del sottoscritto, ha fatto passare in secondo piano tutto il resto, sebbene il comportamento della rossa ed il risultato finale del podio meritano, comunque, una considerazione a parte.

Hamilton, a differenza del suo acerrimo avversario, non riesce a pescare il jolly dopo la sostituzione di una parte della sua pu. Ciò che più dovrebbe dar da pensare è proprio il fatto che Verstappen ha una unità completamente nuova e, partendo dal fondo della griglia, è arrivato a podio (secondo) in Russia. Hamilton retrocede di sole dieci posizioni e, nonostante questo ed il mezzo che si ritrova, arriva solo quinto. Scommetto che anche il campione del mondo a fine gara aveva la pazienza usurata: non deve essere rinfrancante vedere quel ragazzino dannatamente costante e sempre col fiato sul collo. Verstappen, se non vince, è praticamente sempre secondo, non mollando mai di un millimetro. Mi rendo conto che non è impresa impossibile, considerando che a parte i loro stessi compagni, i due contendenti al titolo non hanno praticamente nessuna concorrenza. Anche se si sa, con la pioggia tutti possono diventare eroi per un giorno, così piloti come Yuki “san” Tsunoda e, soprattutto Sergio Perez, tirano fuori “la scienza”, come si suole dire, e tengono dietro di loro il campione del mondo, il tempo necessario per far guadagnare un certo margine di sicurezza all’olandese volante, per arrivare a podio (Bottas questa volta ha fatto bene i compiti). Vedremo negli Stati Uniti, dove entrambi i contendenti partiranno alla pari, cosa combineranno.

Chi di certo non conosce usura al tempo è il tifoso ferrarista, che fermo come una roccia sta lì ad aspettare l’agognata prima vittoria dell’anno della rossa. Nel week end turco, la Ferrari ha dato spettacolo in qualifica, con quello splendido gioco di squadra tra i due alfieri rossi, prima, e la rimonta di Carlos e il passo gara mostrato da Charles in gara, dopo. La Ferrari è decisamente sulla strada giusta e prova ne è che anche lo spagnolo con pu nuova ha dato conferma della bontà del lavoro che si sta svolgendo a Maranello e , comunque, è in chiave 2022. Perché è bene ricordarlo: tutto il lavoro svolto sino ad ora è comunque rivolto principalmente all’anno che verrà. La Ferrari di Binotto, con le sue scelte a partire dai piloti innanzitutto, sta avendo ragione e, ad essere sinceri, il futuro lascia ben sperare. Ovvio che queste considerazioni (del tutto personali), si basano su quello che la rossa sta mostrando gara dopo gara: una cosa è certa e cioè che in Gestione sportiva e nella squadra c’è serenità ed armonia. Il gioco di scie tra Carlos e Charles, per permettere al monegasco di trarre un vantaggio, è stata una vera goduria per gli occhi, perché una intesa del genere non si vedeva da tempo a Maranello ed in pista. Ci preoccuperemo dei litigi tra i due piloti rossi quando “avremo” la monoposto competitiva, nel mentre dobbiamo resistere all’usura del tempo, attendendo giorni migliori e sperando che ciò sia sufficiente a non usurare la pazienza di noi ferraristi.

Vito Quaranta

RICCIARDO E LA MCLAREN RISORGONO A MONZA. VERSTAPPEN E HAMILTON SI SCONTRANO.

Finalmente Monza. Col pubblico (poco). E con il programma espanso grazie alla Sprint Race del sabato, con la qualifica il venerdì, a rendere le tre giornate più vive.

E il week-end parte all’insegna di Bottas, autore della “pole” e vincitore in scioltezza della Sprint. Mentre per il suo compagno la garetta si rivela ancora una volta insidiosa e, con una partenza orribile, vanifica una potenziale pole (visto che Valtteri dovrà partire in fondo causa cambio della power unit), passando da secondo a quinto, dietro Verstappen e le due McLaren che sui lunghi rettilinei brianzoli volano. E a Lewis non resta che pronosticare una facile vittoria per il rivale.

Si spengono i semafori e Ricciardo parte a fionda superando Verstappen, il quale non prova nemmeno a contrastarlo. Ottima partenza anche per Hamilton, nonostante le gomme più dure montate con suo disappunto. L’inglese supera Norris e alla Roggia arriva affiancato a Max, che non gli lascia spazio e lo costringe al taglio di chicane, facendogli perdere la posizione anche su Norris. Dietro di loro, Giovinazzi, autore di un’ottima partenza, arriva lungo e rientrando in pista viene tamponato da Sainz, cui aveva soffiato la posizione all’avvio, finendo contro le barriere. 

Breve periodo di Virtual Safety Car, e, alla ripartenza, Verstappen entra subito in zona DRS con Ricciardo, ma, come già detto, la McLaren vola e Max non riesce a tentare l’attacco. Stessa cosa per Hamilton, che non riesce in alcun modo ad avvicinarsi a Norris.

Al decimo giro, dietro i primi 4 a debita distanza ci sono Leclerc, Perez e Sainz.

Al dodicesimo giro Hamilton riesce finalmente ad arrivare a tiro di Norris e a tentare un attacco, rintuzzato dal connazionale senza troppa difficoltà. Approfittando del duello fra i due inglesi, Leclerc sembra potersi avvicinare, ma è solo un’illusione.

Al giro 21 i tempi iniziano ad alzarsi e i distacchi fra i primi 4 anche. Verstappen va lungo alla prima chicane e perde mezzo secondo, lasciando respirare un po’ l’ex compagno di squadra. E al giro 23 Ricciardo decide di fermarsi ai box ed esce subito dietro Sainz. La Red Bull copre la mossa e fa fermare anche Verstappen, che incappa in un pit-stop lunghissimo e perde 9 secondi. Contemporaneamente, Hamilton supera Norris e la situazione si ribalta completamente.

Ora in testa alla corsa c’è Lewis che, ricordiamolo, ha montato le gomme più dure, e inizia a segnare tempi ottimi, ma la squadra lo fa fermare subito.

Anche per Lewis il pit-stop è molto lento, e così all’uscita si ritrova esattamente di fianco a Verstappen. Entrano assieme alla prima variante, nessuno dei due alza il piede e lo scontro è inevitabile, con la gomma posteriore destra di Max che distrugge l’airbox della vettura di Hamilton e sfiora pericolosamente la sua testa. Se non ci fosse stato l’halo, l’esito avrebbe potuto essere poco piacevole.

L’immagine delle due macchine nella ghiaia, una sopra l’altra, entrerà nella storia. Intervento inevitabile della Safety Car, e la gara riparte con Ricciardo davanti a Leclerc e Norris. Seguono Perez, Sainz e Bottas.

Norris supera Leclerc con una bellissima manovra alla Curva Grande, e si porta dietro al proprio compagno di squadra. Le Ferrari in rettilineo non vanno, e Bottas supera Sainz. Subito dopo anche Perez supera Leclerc, ma lo fa tagliando la chicane senza restituire la posizione, il che gli costerà 5 secondi di penalità. Poi è il turno di Bottas passare davanti al monegasco, che si riprende brevemente la posizione per poi capitolare definitivamente. Nel frattempo le McLaren cercano di prendere il largo. A questo punto i loro avversari per la vittoria sono i compagni di squadra dei due che si sono scontrati poco prima.

Norris chiede al suo box di avvisare il compagno di aumentare il ritmo. 17 giri separano la McLaren dalla vittoria, ma Bottas sembra essere incredibilmente veloce e Ricciardo viene avvisato di questo.

A 10 giri dalla fine i primi sono in fila distanziati fra loro e incapaci di tentare un attacco a chi li precede. Norris chiede un’altra volta cosa deve fare e il team lo consiglia di starsene buono in seconda posizione.

Bottas riesce ad attaccare Perez alla Curva Grande ma il messicano si riprende la posizione alla Roggia. Poi Mazepin parcheggia la macchina alla Ascari, e la direzione gara decide saggiamente di non far uscire la Safety Car ma di usare la Virtual. 

Ricciardo sfrutta tutte le situazioni con grande esperienza, e si mette Norris a due secondi, con Perez e Bottas ad un altro secondo e mezzo. Mancano 7 giri alla fine, e la doppietta McLaren è sempre più vicina.

E, infatti, non succede più nulla, e Ricciardo raddrizza con una splendida e meritatissima vittoria una stagione che fino a qui era riduttivo definire disastrosa. E con il suo compagno di squadra Norris dietro di lui, la McLaren coglie non solo la prima vittoria dopo 9 anni, ma anche la prima doppietta dopo 11. Al terzo posto in pista arriva Perez, ma la penalità lo retrocede al quinto. Sul podio ci va quindi Bottas, rimontato dalle ultime posizioni, seguito da Leclerc, Perez e Sainz, Poi Stroll, Alonso, Russell e Ocon. 

Poca gloria per le AlphaTauri, fuori gioco fin dalla partenza, per Vettel, che sembra vicino al ritiro, e per le Alfa Romeo, con Kubica che, in fin dei conti, è arrivato a pochi secondi da Giovinazzi, il quale, dopo la prestazione odierna, vede probabilmente diventare una chimera la riconferma del posto.

Ho parlato di vittoria meritatissima per Ricciardo. Se è vero che i due favoriti si sono scontrati, è anche vero che fino al momento del fattaccio la gara l’aveva dominata lui. Niente a che vedere con la vittoria di Gasly lo scorso anno, o di Ocon in Ungheria quest’anno. Semplicemente, Ricciardo e la McLaren sono state fortissime a Monza. Come dimostra il giro più veloce segnato all’ultima tornata, segno che Daniel non aveva nemmeno espresso tutto il suo potenziale, come ha poi confermato a fine gara.

Quanto allo scontro fra titani, è difficile trovare una responsabilità precisa. Nessuno dei due molla, e, come ha riconosciuto Verstappen alla fine, per fare la curva bisogna collaborare, e oggi questo non è successo. Bene per la Formula 1, che deve continuare a scrivere pagine che restino nella storia, senza dovere continuamente tirare fuori dagli archivi quelle degli anni settanta, ottanta e novanta.

Ora si va a Sochi, con una Red Bull chiaramente più in forma della Mercedes. E con la prospettiva di tanti altri duelli all’arma bianca fra i due contendenti, sperando che eventuali repliche avvengano sempre a cinquanta all’ora, come oggi, possibilmente senza che le macchine finiscano una sopra l’altra.