QUARTARARO VINCE E VOLA IN TESTA AL MONDIALE – PORTIMAO POST GP

Dicevo ai tifosi Yamaha di pazientare, che con l’Europa e l’arrivo dei circuiti di casa “nostra” ad Iwata avrebbe dormito un po’ meglio… 

Il Campione del Mondo in carica sbatte la porta in faccia a tutti i rivali e rifila una paga non indifferente. Nessuna scusa, oggi la Yamaha funzionava benissimo e soprattutto El D1ablo ama follemente Portimao. Ma allora cos’è successo? A cosa è dovuta questa evoluzione di prestazioni? Semplicemente a nulla. Piangere quando le cose non vanno bene è diventato sport nazionale, adesso la M1 è una gran moto ma nessuno si chiede cosa succede al povero Franco Morbidelli (che fermo non è) che prende una delle paghe più allucinanti della storia dei Team Factory (guida la Yamaha da anni ormai).

Quartararo vince a Portimao e si porta in testa al Mondiale, ringraziando il lavoro a dir poco egregio di Jack Miller che stende il povero Joan Mir in staccata alla curva 1. It’s racing baby…

Per la cronaca sul podio ci finiscono il buon Zarco ed un ottimo Aleix Espargaró. Aprilia perde, con questo podio, le concessioni nell’attesa che Vinales capisca a fondo la RS-GP.

Chi esce a testa altissima è Alex Rins, il centauro Suzuki compie una partenza eccelsa ed un recupero incredibile piazzandosi in 4^ posizione. Complice lo strike di Miller su Mir, Alex allunga in classifica sul compagno di marca ed è uno dei candidati al titolo Mondiale e lo sarà ancora di più se, come sembra, Livio Suppo riuscisse a fargli fare quel “click” mentale sulla gestione gara.

Soltanto un 5° posto per il padrone di casa, Miguel Oliveira che è la miglior KTM. Non pervenute le altre. Sarei molto curioso di vederlo all’opera su una moto diversa…

Cosa non mi è piaciuto? La gara di Marc. Quello lì non era Marc Marquez bensì Stefan Bradl. A parte gli scherzi, gara “opaca” per il Marziano che ci ha davvero abituato male. L’impressione dal divano, ripeto DAL DIVANO, è che lui li a Portimao in condizioni di asciutto l’anteriore non lo aveva in mano assolutamente. Con gara bagnata staremmo celebrando la vittoria…. Mette punti in cascina rispetto a Mir e Bagnaia ma ne perde tanti da Quartararo. Il Mondiale adesso deve farlo sul francese.

Cosa mi è piaciuto? La gara e le palle di Alex Marquez. Chiunque avrebbe pensato che il due volte Campione del Mondo lasciasse spazio al fratello maggiore, invece Alex glia ha tirato una staccata da paura, mostrando al mondo che merita quel posto (su una moto diversa a mio avviso).

Bello e commovente l’abbraccio a Pecco Bagnaia , tutto molto Hollywood lasciatemi dire. Non ho visto lo stesso per Bastianini, anzi è palese la “disparità” di trattamento TECNICO E MEDIATICO tra i due. Eppure il figlioccio di Pernat ha vinto due gare, dato una sonora paga fin qui al nipote del “Dio delle moto” però sembra non bastare…

Bastianini e Bagnaia hanno corso doloranti il GP, Enea è finito in terra così come Martin, Miller e Di Giannantonio… Pecco ha chiuso 8°, non male pensando a come poteva finire, malissimo pensando al mondiale. A furia di dire adesso arriva, rischiamo di arrivare al Mugello ancora a secco…

MERCATO PILOTI

Assodato che Pol Espargaró si è giocato il posto in HRC Factory, e vale lo stesso per Jack Miller, resta da capire cosa vorrà fare Fabio Quartararo.

Il Pilota Yamaha è il vero ago della bilancia che potrebbe scatenare il domino. Rins è vicino al rinnovo con Suzuki, mentre Mir dovrebbe avere il coraggio di firmare il contratto con HRC. Jorge Martin è spinto nientemeno che da Dorna per avere il posto in Ducati Factory e nessuno mi toglie dalla testa che una volta in sella alla GP23 del Team Ufficiale comincerà a volare. Nessun Pilota clienti può e deve vincere il Mondiale, Stoner (2006) docet.

Il Mondiale arriverà già questa domenica a Jerez della Frontera, che sarà un banco di prova importantissimo per Bagnaia ed il Team Ducati Factory. Anche per Marc Marquez sarà importante arrivare almeno sul podio, in una pista che non ama particolarmente. Loro due saranno i Piloti da attenzionare per il weekend, il Gap da recuperare non è molto, però non ci possono essere altri passi falsi.

 

 

Francky