Archivi tag: sic58

23-10-2011 ore 16:56

…una classica domenica del cacchio d’ottobre, una di quelle domeniche che non ti alzeresti dal letto, se non ci fosse la motogp. Già, quella corsa che solo un paio di giorni prima, aveva visto il Sic iniziare ad essere grande con i grandi, a chiudere secondo in Australia…Marcone era stato tosto, fortissimo, rimasto dietro solo a quel fenomeno di Stoner, che in casa sua non lo battevi…

Il Sic è li…al via…con i suoi capelloni, con l’asciugamano giallo sul collo. Il babbo Paolo è li accanto a dargli la carica, come sempre, a fargli credere che quella gara poteva essere sua. La Kate gli passa il cartellone del fan club…lui lo sfoggia fiero, con il suo solito sorriso..non puoi non amarlo..

Parte la gara e il 58 è li fra i primi, pronto a dar battaglia, ma…nel secondo giro, alla curva 11….non serve che narro nulla….tutti lo sappiamo…il dolore ancora mi pervade…la triste immagine del casco che ruzzola via….e Marcone fermo li…esanime..non puoi crederci….non puoi pensare che sia toccato a lui…non può essere…

Le lacrime scendono dal mio viso e ancora oggi, al sol pensiero, una lacrima sgocciola dal mio cuore….senza potersene fare una ragione….

Il Sic, quel dannato cazzone, che ne combinava una più di Bertoldo, che ti faceva incazzare per qualche minchiata combinata in pista, non poteva mai farti arrabbiare, perchè quando pensavi di farlo, lui subito se ne usciva con una delle sue….e scoppiavi a ridere.

Scene come la collisione con Barberà al Mugello 2009, quando si presero dentro sul traguardo, con relativa polemica Spagnola, ma lui con la sua naturalezza, se ne esce con “Le gambe di sua sorella ho aperto!” ahahah, funanbolico e fantastico.

Ma come non ricordarlo nelle telefonate a Virgin, nel RevolverSuperSic, con la telefonata di Ringo dj e Marco che risponde dal cesso mentre stava cagando, strepitoso, non voleva farsi sentire, ma senti che parte lo sciacquone…che mona, che figo, che Simoncelli!!!!

Leggi il suo libro, scritto con l’aiuto di Paolone Betramo e finisci dentro a un orgia di minchiate, talmente grandi e ben raccontate, che ti par di viverle, ti sganasci di risate per aneddoti come quello della zia e il botto con lo scooter, le auto sfasciate al babbo, le auto capottate in via di fuga, gli scherzi…no, non potevi non volergli bene.

Lo stesso Rossi, che vedeva nel Sic quasi un fratello, pur cercando di fargli capire che dovesse ragionare e non far minchiate, non riusciva a restare serio con Marco, nemmeno quando combinò il patatrack con Pedrosa a Le Mans ’11….era una forza della natura, era uno normale, messo fra i grandi…

è bello ancora oggi, vedere la voglia di andare avanti della sua splendida famiglia, con il team SIC58 voluto dal suo babbo, con tutte quelle effigi che richiamano ancora Marco, che è sempre presente, li appeso in fondo, con i suoi capelli ricci, e quello sguardo sempre felice…

Ciao Marco

Davide_#58semprenelcuore_QV