Archivi tag: Renault

FORMULA ONE SEASON REVIEW: 1980

Il Campionato Mondiale F1 del 1980 si svolse in un arco di 14 gare dal 13 gennaio al 5 ottobre, con i motori rimasti spenti per tutto il  mese di febbraio e quello di aprile. La Scuderia Ferrari si presentò ai nastri di partenza cinta sia dell’alloro Piloti che di quello Costruttori vinti l’anno precedente. L’annata passerà alla Storia del Motorsport come la peggiore figura mai fatta in F1 da un Team laureatosi Campione del Mondo l’anno precedente. Il perchè fu in realtà piuttosto semplice: la 312T5 durante l’inverno migliorò di circa mezzo secondo le prestazioni dell’uscente 312T4 mentre la concorrenza più agguerrita, leggasi Williams/Brabham/Renault/Ligier migliorò di circa due secondi suddette prestazioni. Il resto fu solo una logica conseguenza, acuita dal fatto che un poco saggio cambio di componentistica chiave sulla nuova T5 la rese inaffidabile oltre che lenta. La tempesta perfetta insomma, col Drake furioso dopo i primi GP stagionali che impose lo studio di fattibilità di un V12 a 90 gradi derivato in tutto e per tutto dal Flat 12 responsabile del plafonamento dell’effetto suolo sulla T5 ovvero del deficit di performance rispetto alla già citata concorrenza. Forghieri, esponendosi all’ira del Vecchio, disse senza mezze misure che andare in fondo su codesta strada avrebbe forse migliorato le prestazioni della T5 ma di sicuro avrebbe ritardato l’esordio del Turbo per il Mondiale 1981. Fu così che Enzo Ferrari scelse il minore dei due mali decidendo per la sospensione di qualsiasi sviluppo sulla T5 e veicolando invece tutte le risorse sulla prima Ferrari sovralimentata della Storia della F1 affinchè debuttasse come da programmma nel 1981. Come vedremo ce la fece un pò prima, anche se solo con una comparsata durante le Qualifiche di un GP decisamente speciale nel 1980: l’unico GP d’Italia della Storia della F1 che si sarebbe corso sul Dino Ferrari di Imola anzichè a Monza.

13/01/1980 Argentine GP, Buenos Aires

(immagine da grandprix.com)

Il “buongiorno” si vede dal mattino con le Rosse solamente ottava ed undicesima in griglia. In gara però l’onda lunga del 1979 sembra permearne l’andamento con Gilles che risale fino alla piazza d’onore prima di esser tradito dal cedimento di una sospensione e Scheckter che quasi porta a casa un terzo posto in tranquillità prima di esser tradito dal cedimento del motore. Season opener ad Alan Jones ed alla sua Williams FW07, hat trick per l’Australiano autore anche della pole position e del giro più veloce. Completano il podio Nelson Piquet su Brabham ed uno straordinario Keke Rosberg su Fittipaldi. Sesto posto all’esordio in F1, su quella che sarà la peggior Mclaren della storia fino al 2015, per un minuto francese che farà strada, un certo Alain Prost

27/1/1980 Brazil Gp, Interlagos

(immagine da F1world.com)

Lo splendido circuito di San Paolo ospita per l’ultima volta nella sua configurazione originale il GP del Brasile. Jacarepaguà a Rio lo sostituirà per il resto della decade salvo poi cederne nuovamente il testimone dal 1990 in poi nella sua versione ammodernata per la quale un certo Ayrton Senna da Silva farà da consulente. Miglior qualifica dell’anno per Gilles (terzo) che illude tutti partendo imperiosamente in testa e restandoci….un giro. Si ritirerà per noie meccaniche venendo comunque classificato sedicesimo dopo una gara che lo vede inesorabilmente scivolare nelle retrovie col passare dei giri. Ritiro anche per Scheckter, sempre per problemi di affidabilità. Prima vittoria in carriera per Renè Arnoux e primo podio in carriera per Elio de Angelis che conquista la piazza d’onore. Alan Jones dopo la vittoria nel season opener argentino deve accontentarsi del terzo posto

01/03/1980 South African GP, Kyalami

(immagine da auto123.com)

Mesto ritorno per la Ferrari sul circuito che un anno prima vide il debutto della 312T4 bagnato da una storica doppietta.  I due alfieri Rossi si qualificano nono e decimo (unica volta in cui Scheckter si qualifica davanti a Villeneuve nella stagione, probabilmente galvanizzato dall’aria di casa) salvo poi ritirarsi puntualmente in gara. La vittoria è nuovamente di Renè Arnoux che precede il duo Ligier Laffite/Pironi a completare un  podio completamente francese. Complice il ritiro di Alan Jones il buon Arnoux si issa in vetta alla Classifica del Mondiale Piloti dalla quale verrà scalzato da Piquet tre gare più tardi al GP di Monaco. Curiosamente sarà contemporaneamente la prima e l’ultima volta che Arnoux si isserà in testa al Mondiale di F1 nella sua carriera.

30/03/1980 USA West GP, Long Beach

(immagine da Espn.com)

Miglior risultato dell’anno per Scheckter che, partito sedicesimo, taglierà il traguardo al quinto posto. Ritiro d’ordinanza per Gilles partito invece decimo. Grand Chelem di Nelson Piquet che meglio non potrebbe benedire la sua prima vittoria in F1. Completano i primi tre uno splendido Riccardo Patrese ed Emerson Fittipaldi, all’ultimo podio della sua luminosa carriera. La gara verrà funestata dal grave incidente di Clay Regazzoni coi noti postumi dovuti ad un intervento chirurgico sbagliato.

04/05/1980 Belgian Gp: Zolder

(immagine da Motorsport Images)

In Belgio i due Ferraristi si qualificano in sesta e settima fila per chiudere la gara sesto (primo punto stagionale per Gilles) ed ottavo posto. Prima vittoria in carriera per Didier Pironi con le due Williams di Alan Jones e Carlos Reutemann a completare il podio. Didier Pironi si porta ad un solo punto dalla vetta del Mondiale Piloti, sempre ad appannaggio di Renè Arnoux. Curiosamente dalla gara dopo fino a fine Mondiale a “fare i punti” in Ligier di fatto sarà Laffite. Il “come” sarà il movente principale di Didier per accettare l’offerta Ferrari per il 1981.

18/05/1980 Monaco Gp, Montecarlo

(immagine da Motorsport retro)

Le Tyrrell di Jarier e Daly al via si rendono involontariamente autrici di una delle immagini più iconiche della Storia della F1 col noto incidente a S.Devote che finirà altrettanto involontariamente per offrire un’esposizione mediatica eufemisticamente impressionante al main sponsor del Team inglese, la Candy. Suddetto incidente vanifica l’ottima qualifica di Gilles, sesto sulla sempre pessima T5, che dovrà circumnavigare a passo d’uomo i rottami dell’incidente alla prima curva finendo relegato nelle retrovie e rimontando furiosamente fino al quinto posto finale, ossia al suo miglior risultato stagionale (sic). In testa il poleman Pironi fa il vuoto alle sue spalle salvo poi venir tradito dal cambio. Guy Ligier non gliela perdonerà mai stando già assaporando il successo di una vita al Principato, e gliela farà pagare tutta nel prosieguo della stagione favorendo spudoratamente Laffite. Il caso vorrà che la fortuna restituirà 16 anni dopo a Monsieur Guy il maltolto del 1980. Lole “el gaucho triste” Reutemann torna alla vittoria dopo due anni, completano il podio il già citato Jacques Laffite e Nelson Piquet.

29/6/1980 French Gp, Le Castellet

(immagine da pinterest.co.uk)

Raccapricciante qualifica delle Ferrari che finiscono per partire in nona e decima fila. Chiuderanno doppiate largamente fuori dai punti. Torna alla vittoria Jones che riprende anche la testa nel Mondiale Piloti scalzando Arnoux il quale viene sopravanzato anche da Nelson Piquet, quarto all’arrivo ed a soli due punti dall’Australiano in classifica generale. Completano il podio le Ligier di Pironi e Laffite, col primo ancora con  l’amaro in bocca per il successo sfumato nel Principato il GP precedente. Con la settima gara dell’anno la stagione è giunta alla sua metà e le indicazioni sono chiare: per il WDC è un testa a testa Jones/Piquet coi due transalpini Pironi/Arnoux ad inseguire.

13/07/1980 British Gp, Brands Hatch

(immagine da Getty Images)

Questo Gp di F1 passò alla Storia per un motivo eufemisticamente singolare: durante il weekend di gara le Ligier svilupparono una downforce talmente elevata per via dell’effetto suolo da finire per piegare i cerchi delle gomme. La cosa generò le riflessioni che portarono la Federazione al ban del ground effect per l’anno successivo attraverso l’imposizione dell’altezza minima da terra di 6cm. Come sappiamo finirà in  farsa, ma lo vedremo domenica prossima. Didier e Jacquot monopolizzarono la prima fila salvo poi esser entrambi costretti al ritiro in gara per via della già citata rottura dei cerchioni a causa della tremenda downforce sviluppata dall’effetto suolo della loro JS11 . Seconda vittoria di fila per Alan Jones sulla sua FW07 seguito dal sempre consistente Nelson Piquet. Gradino più basso del podio per “el Lole”. Altro ottimo weekend per le Ferrari, partite in decima e dodicesima fila e finite una ritirata l’altra fuori dai punti. Che incubo

10/08/1980 German Gp, Hockenheim

(immagine da motor-sport.tumblr.com)

Un Circus ancora sotto shock per la scomparsa del Depa pochi giorni prima durante una sessione di test privati sullo stesso Hockenheim Ring vede Alan Jones accaparrarsi pole position e giro più veloce in gara, salvo poi dover cedere il passo in gara a Jacques Laffite, alla prima vittoria stagionale, ed al sempre solido Lole che si accaparra la seconda piazza. Prosegue il de profundis Ferrari qualificatesi in ottava ed undicesima fila (vivaddio in confronto alla T5 la F92-A sarà un bel ricordo eh) e miracoloso sesto posto finale di Gilles. Doveva essere l’anno nel quale la Ferrari si sdebitava con lui per Monza 1979. Life is a bitch and we all know that

17/08/1980 Austrian Gp, Zeltweg

(immagine di Lat Images)

Il Gp d’Austria fu l’ultima spiaggia per le speranze mondiali di Renè Arnoux, miseramente naufragate col nono posto in gara dopo la pole position conquistata imperiosamente in prova. Prima vittoria stagionale per il suo compagno di squadra JP Jabouille, seconda ed ultima in carriera. Le FW07 di Jones e Reutemann si piazzano al secondo e terzo posto mentre Nelson Piquet arranca al quinto preceduto anche da Laffite. Mentre in prova debutta su Lotus senza qualificarsi un certo Nigel Mansell segnaliamo un altro weekend memorabile per le due T5 scattate (si fa per dire) dall’ottava e dall’undicesima fila, ovviamente finite fuori dai punti. Fosse stato meglio correre direttamente il Mondiale con la T4 dell’anno prima ed anticipare di mezza stagione il debutto del Turbo? Ai posteri l’ardua sentenza

31/08/1980 Dutch Gp, Zandvoort

(immagine da F1-photo.com)

Le Rosse limitano i danni in prova piazzandosi in  quarta e sesta fila. In gara ritiro per Gilles ed ottavo posto per Scheckter. Renè Arnoux piazza la zampata per la Pole Position ed il giro più veloce in gara ma è Nelson Piquet a vincere. E’ la seconda vittoria stagionale per il Carioca, avversario sempre più ostico per le speranze mondiali di Alan Jones. L’Aussie chiude undicesimo una gara sottotono col podio completato da Arnoux e Laffite. L’Alfa mostra costanti miglioramenti di performance. Il duro lavoro di affinamento del Depa porta i suoi frutti dopo la sua tragica scomparsa.

14/09/1980 Italian Gp, Imola

E fu così che arrivò il debutto del Turbo Ferrari. Preceduta da una sessione di test privati la settimana prima (e lo shakedown a Fiorano) la 126CK, affidata al solo Gilles, affronta le qualifiche al Dino Ferrari di Imola conquistando l’ottavo posto assoluto in griglia. Per la gara, data per assodata l’impossibilità di finire la stessa per via del Turbo ancora acerbo, Gilles ripiega sulla famigerata T5. Finirà così:

Il Poleman Arnoux finirà solo decimo, Alan Jones segnerà il giro più veloce ma verrà battuto per la vittoria da Nelson Piquet che, col successo del Santerno (il suo terzo stagionale), prende la testa del Mondiale Piloti con un punto di vantaggio sull’Australiano a due gare dalla fine del Mondiale. Terzo posto per il sempre solido Lole. Come detto nell’introduzione sarà la prima ed ultima volta che il Gp d’Italia non si correrà a Monza. La kermesse sul Santerno diverrà un appuntamento fisso dal 1981 al 2006 con l’effige di “Gp di San Marino”.

28/09/1980 Canadian Gp, Montreal

Lo start è al minuto 04:38. In estrema sintesi: una Suzuka 1990 senza la giustificazione di una Suzuka 1989. Jones tira a muro Piquet senza mezze misure. Al restart Nelson usa il muletto il cui V8 Cossie esala l’ultimo respiro dopo essersi portato in testa alla gara. Vince Pironi il quale però viene penalizzato di un minuto per partenza anticipata facendo beneficiare quindi Jones del gradino più alto del podio. Completano lo stesso Reutemann e  Pironi che, nonostante i 60 secondi di penalità, riesce comunque a classificarsi prima del quarto (Watson). La gara passerà alla Storia per la mancata qualificazione del Campione del Mondo in carica, vergogna assoluta per lo stesso a prescindere dal fatto che avesse già annunciato il ritiro a fine anno mesi prima. Gilles si qualifica ventiduesimo e chiude quinto, sempre a proposito di determinazione.

05/10/1980 USA East Gp, Watkins Glen

Il giorno della sliding door di Jack O’Malley. Pole e gara dominate fino alla famigerata bobina che, finendo bruciata, fece spegnere il V12 Alfa e con esso le lecite speranze di vittoria visto che aveva fatto il vuoto alle sue spalle. Vinse Jones suggellando il suo Mondiale Piloti, alle sue spalle si piazzarono Reutemann e Pironi. Le prove passano alla Storia per la folle scommessa di Gilles con Renè sul fare curva 7, la Toe, in quinta (il rapporto più alto ai tempi) anzichè in quarta durante le Qualifiche del sabato. Renè disse “quando vidi la T5 distrutta contro le protezioni mi resi conto che quel pazzo del Canadese non scherzava affatto ma, anzi, che ci aveva provato davvero”. Signori qui si parla di oltrepassare il limite in una curva del genere a bordo della peggior Ferrari di F1 che la Storia ricordi….Gilles vive

 

 

 

Immagine in evidenza da Motorsport.com

0

Hamilton a -1 da Schumacher, la Ferrari resta a casa

2 novembre 2008: un giovanissimo Lewis Hamilton vince il primo titolo mondiale alla sua seconda stagione, togliendolo in extremis a Felipe Massa, che non avrà mai più gloria, dopo quella giornata.

3 novembre 2019: un Lewis Hamilton molto maturo vince il suo sesto titolo mondiale, il quinto in 6 anni avendo perso a sua volta in extremis quello del 2016.

I numeri non mentono mai, in qualsiasi epoca e con qualsiasi vettura essi vengano raggiunti. Fare confronti con altri campioni è sempre inopportuno, l’albo d’oro dice che Lewis ora si trova a -1 dal più grande di tutti i tempi, Michael Schumacher, e si trova ancora al massimo della forma e della motivazione, oltre che guidare per un team che da 6 anni non va in crisi di prestazione se non per gare isolate. Quindi il conteggio andrà avanti, chissà ancora per quanto.

Fatti i doverosi complimenti all’esa-campione, veniamo alla cronaca di una gara ben poco entusiasmante. Si è arrivati ad Austin con temperature inusuali per il Texas. Ed era fin troppo facile prevedere che questo, a qualcuno, avrebbe creato problemi nell’interpretazione delle gomme. E chi sarebbe stato quel qualcuno era altrettanto facile prevederlo.

Il venerdì aveva raccontato di una Ferrari in difficoltà come sempre a far durare le gomme. Ma il sabato non c’è stato il dominio cui la rossa ci aveva abituati dopo il ritorno dalle vacanze. Per di più, il motore abbandona Leclerc nelle FP3, e lo costringe a montare una PU vecchia per il resto del week-end.  Un solidissimo Bottas guadagna così la pole per pochi millesimi davanti a Vettel, Verstappen, Leclerc ed Hamilton, tutti vicinissimi.

Già dalla partenza si capisce che sarà una gara a 3, e che fra questi non ci saranno macchine rosse. Vettel dopo poche curve sprofonda in settima posizione. A Leclerc non va molto meglio, e si vede superato da Hamilton mantenendo la quarta posizione dello start. I primi 3, Bottas, Verstappen e Lewis, si allontanano da lui rapidamente.

Al nono giro finisce la gara di Sebastian, con la sospensione posteriore destra saltata. Al quattordicesimo si ferma Verstappen, le cui gomme erano ormai finite. Bottas si copre da un possibile undercut fermandosi al giro successivo, mentre Hamilton viene invitato a fare la stessa cosa ma rifiuta preferendo continuare. In questo modo, però, gira notevolmente più lento del compagno di squadra, che lo raggiunge e supera al 24° giro. A quel punto si ferma anche l’inglese, ma per potere sperare di vincere non dovrà fare altre soste e sperare che gli avversari invece cambino ancora le gomme.

Rientrato in pista, Lewis inizia a recuperare al ritmo di un secondo al giro. Anche Leclerc, fermatosi al 21° giro per ben 7 secondi (piove sul bagnato), gira su ottimi tempi, segno che con le gomme dure la Ferrari si trova meglio rispetto alle medie con le quali era partito. Le stesse gomme dure non vanno altrettanto bene a Verstappen, che  è costretto a fare la sua seconda sosta molto presto, al 35° giro, e viene subito imitato da Bottas, il quale al rientro in pista inizia a segnare tempi record nel tentativo di raggiungere il compagno di squadra in testa alla gara.

Ma Lewis, come già in Messico, guida da campione del mondo, gestendo benissimo le gomme e continuando con un ottimo ritmo. Ma, purtroppo per lui, con queste Pirelli i miracoli non li può fare nessuno, e a 5 giri dalla fine deve cedere la posizione a Bottas che lo supera di forza dopo avere fallito un tentativo al giro precedente.

Ormai le gomme sono finite, e la minaccia Verstappen incombe. Purtroppo per l’olandese, Magnussen insabbia la sua Haas al penultimo giro proprio alla fine del lungo rettilineo, laddove c’è l’unico punto in cui il sorpasso è teoricamente possibile.

Finisce così con Bottas che vince meritatamente dalla pole, Hamilton secondo e Verstappen terzo. Al quarto posto, staccato di quasi un minuto, arriva Leclerc, autore del giro più veloce nel finale. Quinto un ottimo Albon, rimontato dall’ultima posizione dopo un contatto in partenza. Sesto Ricciardo, con una Renault più vicina del solito ai primi,  tallonato dal fantastico Norris con una McLaren sempre più quarta forza. A confermarlo c’è l’ottavo posto di Sainz, davanti ad Hulkenberg e a Perez, rimontato dal fondo dopo essere partito dalla pit-lane. La sua posizione avrebbe dovuto essere di Kvyat, che però è stato penalizzato subito dopo la fine della gara.

Fuori dai punti, per l’ennesima volta, Raikkonen, davanti al già citato Kvyat, agli inconsistenti Stroll e Giovinazzi, a Grosjean con l’unica Haas arrivata al traguardo, e a Gasly, classificato pur non essendo arrivato al traguardo, e comunque davanti alla Williams di Russel, che al traguardo ci è arrivata ma molto lentamente.

Con i due campionati già assegnati, restano solo la gara di Interlagos e quella di Abu Dhabi. Vedremo se la Ferrari tornerà sui livelli ai quali ci aveva abituato dopo le ferie, o se continuerà il dominio Mercedes che abbiamo visto nelle ultime gare.

p.s. 1
Chiedo scusa ai tifosi di Lewis per l’immagine in evidenza che non lo celebra, ma era troppo pittoresca nella sua “drammaticità” per non essere utilizzata. Il carbonio, generalmente infaticabile e molto tollerante, si ribella al troppo lavoro che gli è stato chiesto ad Austin, fra salti, buchi e cordoli anche messi da un giorno all’altro da una direzione corsa sempre attentissima alla sicurezza. Ma è accaduto solo alla Ferrari, e questo deve fare pensare.

p.s. 2
Abbiamo letto in questi giorni dei malumori degli altri team nei confronti della PU Ferrari. Abbiamo anche saputo di una richiesta di chiarimenti da parte della Red Bull su un dispositivo palesemente irregolare, cui la FIA ha risposto più o meno “non provate a montarlo in macchina se no sono guai”. E improvvisamente, come a Monza lo scorso anno quando impazzavano le polemiche sulla batteria, la Ferrari perde un vantaggio che sembrava evidente. Sicuramente non c’entrerà assolutamente nulla, ma…

p.s. 3
Dopo la bella strategia attuata in Messico, Binotto aveva detto “dobbiamo rischiare di più”. E infatti quando Charles ha rotto la PU, anzichè montarne una fresca beccando 10 posizioni ma potendo contare su una unità fresca da usare nelle ultime gare, ne hanno rimontata una vecchia, col dubbio di non potere più riutilizzare l’altra, e dovere quindi prendere comunque penalità in Brasile. Col senno di poi è stata una scelta sbagliata, a meno che…

p.s. 4
Della presa d’aria Mercedes posta fuori dalla sagoma prevista per la presa dei freni, e adibita non al raffreddamento degli stessi ma a quello delle gomme, si è parlato poco, chissà perchè…

0

Hamilton vince da campione del mondo a Città del Messico

Meglio vincere una gara e non laurearsi campione del mondo che arrivare ottavi e laurearsi campione del mondo. Questo è ciò che ha detto Hamilton a Jenson Button nella rituale intervista a motori appena spenti a fine gara. Ci ha poi pensato Vettel, subito dopo, a sottolineare che la vittoria di oggi di Lewis è una di quelle che solo i campioni del mondo possono ottenere.

Sì, perchè fin dalle prove sembrava che per la Mercedes oggi sarebbe stata molto dura. Poca velocità sui rettilinei, un passo gara che non sembrava niente di speciale. E una macchina distrutta, quella di Bottas, in un incidente che è di fatto costato ad un arrogante Verstappen una pole che aveva già messo in cassaforte. Su questo episodio torneremo alla fine.

E così la Ferrari ottiene la sesta pole di fila con Leclerc, e Vettel a completare un’altra prima fila tutta rossa. Visto il poco brillante esito di un’analoga situazione in Russia e Giappone, la curiosità era tanta per vedere in che modo i rossi avrebbero gestito la partenza. Allo spegnersi dei semafori, le due Ferrari partono bene, ma Hamilton ancora meglio, e affianca Vettel, il quale lo manda con due ruote sull’erba e lo fa desistere. Verstappen ne approfitta per affiancarlo e i due si prendono a ruotate finendo entrambi fuori pista in curva due, perdendo così diverse posizioni.

I ferraristi tentano di scappare seguiti da vicino da Albon, mentre le due Mercedes iniziano a recuperare posizioni. Anche Verstappen è costretto alla rimonta, ma un eccesso di fiducia lo porta ad infilare Bottas a sorpresa nello stadio. Il finlandese non gli concede tutto lo spazio e gli buca la gomma posteriore destra, costringendolo ad un giro intero su tre ruote che gli farà perdere più di un minuto.

Il tentativo di fuga di Leclerc e Vettel non riesce, e sia Albon che Hamilton restano a pochi secondi da loro. Il thailandese è il primo a fermarsi, al 15° giro, e viene subito imitato da Charles al giro successivo. Entrambi montano nuovamente gomme medie, e dovranno quindi fermarsi nuovamente.

Al 24° giro si ferma anche Hamilton per montare gomme dure, rivelando così la strategia ad una sola sosta. Questo lo costringerà a fare quasi 50 giri con le stesse gomme. In Ferrari decidono di non ripetere la stessa scelta, e Vettel resta in pista, così come Bottas.

Nel frattempo Leclerc non riesce a girare su tempi incisivi, e vanifica così il potenziale vantaggio di una strategia a 2 soste. I suoi tempi sono simili a quelli dei primi due, che però girano con le gomme montate alla partenza.

Al 37° giro si ferma Bottas per montare gomme dure, e al giro successivo tocca a Vettel fare la sua unica sosta. Purtroppo per lui, ciò avviene subito dopo avere perso 4 secondi nel doppiaggio di Sainz e Kvyat in lotta fra loro, e questo lo porta a perdere la posizione su Albon, dietro al quale rientra in quarta posizione. Ma quel che è peggio è che il distacco da Hamilton è diventato piuttosto consistente. Ma rispetto all’inglese potrà contare, nel finale di gara, su gomme di 13 giri più nuove.

Al 43° giro si ferma Leclerc, le cui gomme, oltre che poco efficaci, sono state rovinate da un bloccaggio. Ma il pit-stop si rivela disastroso facendogli perdere 4 secondi, e rientra così in quinta posizione dietro ad Albon, che però si fermerà al giro successivo.

La parte finale della gara non riserva sorprese: Hamilton ha amministrato benissimo le proprie gomme e non consente a Vettel di avvicinarsi a sufficienza. Allo stesso modo Bottas non può attaccare Vettel per via della grande superiorità della Ferrari sui rettilinei, che rende vano pure l’uso del RDS. Leclerc riesce a recuperare ben 7 secondi sui primi, ma una volta arrivato a 3 secondi da Bottas non riesce ad avvicinarlo ulteriormente a causa delle alte temperature.

Finisce così con Hamilton che coglie la sua 83a vittoria e rimanda ad Austin la festa per il sesto titolo. La cosa farà di sicuro felici gli organizzatori di Austin e i padroni americani del circus. Al secondo posto Vettel, che conferma di essere ritornato quello di una volta, con una impeccabile gestione della gara e delle gomme. Terzo Bottas che è sembrato avere anche più passo del compagno di squadra, ma ha dovuto pagare la brutta posizione di partenza seguita all’incidente nelle prove.

Quarto Leclerc, che, come ha ammesso lui stesso, ha ancora molto da imparare dal compagno per quanto riguarda la gestione delle strategie. Ma il tempo ce l’ha, e di sicuro non ci metterà tanto. Quinto Albon autore della miglior gara dell’anno per la seconda Red Bull. Il suo distacco da Leclerc dimostra che gli austriaci hanno operato la scelta giusta sostituendolo a Gasly, perchè il thailandese  non soffre la pressione e svolge il suo lavoro con calma e pazienza. Il primo podio non è lontano.

Al sesto posto Verstappen autore di una buona rimonta, ma responsabile di avere buttato una potenziale vittoria a causa del suo atteggiamento arrogante, in prova e in gara. Settimo e primo della F1/2 l’idolo di casa Perez, autore, come al solito, di una prestazione consistente. Ottavo Ricciardo che conferma il buono stato di forma della Renault che si era visto in Giappone. Nono Gasly, entrato nei punti grazie all’incidente fra Kvyat e Hulkenberg, con il primo penalizzato e classificato 11° e il secondo promosso al 10° posto.

Fuori dai punti Stroll, sempre inferiore al compagno, Sainz, con una McLaren letteralmente sparita in gara dopo l’ottima quarta fila ottenuta nelle qualifiche, e Giovinazzi, vittima di un pit-stop degno di uno sketch di Benny Hill, con un team Alfa Romeo che sembra allo sbando dopo il ritorno di Resta alla Ferrari.

Ancora una volta non pervenute le Haas, con Magnussen e Grosjean relegat al ruolo di ostacoli mobili facendo compagnia, in questo alle Williams.

Prossima tappa ad Austin fra una sola settimana. Le magliette commemorative per il sesto titolo di Lewis erano già pronte nei bagagli del team Mercedes, ora verranno spedite in Texas dove di sicuro verranno indossate a fine gara.

E, dopo la cronaca, qualche altro spunto di discussione interessante:

  1. Ormai è certo che la SF90 possa combattere ad armi pari con la W10 su qualsiasi circuito. Ma anche oggi il team Ferrari si è dimostrato leggermente inferiore a quello Mercedes. Non ci sono stati errori dei piloti, come nelle gare scorse, ma qualche piccola sbavatura nella gestione dei pit-stop e delle strategie sì, e ha fatto la differenza. Per potere combattere per il mondiale c’è ancora molto da lavorare su quel  fronte.
  2. Ancora una volta abbiamo visto piloti più veloci arrivare dietro ad avversari più lenti ma essere costretti a mantenere una distanza di almeno 2 sec. Leclerc stesso ha dichiarato che quando arrivava a 2-3 secondi dalla macchina davanti, le temperature salivano e le gomme si surriscaldavano. Visto che, a quanto pare, le macchine del 2021 non saranno tanto diverse da quelle del 2020 (così vogliono i team), evidentemente questo problema resterà ancora a lungo.
  3. Il teatrino delle qualifiche è stato squallido. Tre ore per stabilire che Verstappen se ne era fregato della bandiera gialla fanno pensare che non ci fosse alcuna intenzione di penalizzarlo, nonostante l’evidenza. Non è un esempio di coerenza da parte di chi governa la F1, ma, l’abbiamo detto più volte, la coerenza non è un requisito necessario in quel mondo.
  4. Fortunatamente i padroni del vapore sono rinsaviti, e quindi niente qualification race nel 2020.
  5. La storia del ripartitore di frenata illegale della Renault è passata un po’ sotto silenzio, ma avrebbe meritato maggiore attenzione perchè, se è vero che l’avevano montato fin dall’inizio dell’anno, ed è vera anche la descrizione che ne è stata fatta, si trattava di una violazione del regolamento non molto diversa, come gravità, a quella che costò l’esclusione dal campionato alla Tyrrell nel 1984. Guarda caso, la sanzione molto leggera è arrivata nella stessa settimana in cui la nuova dirigenza del gruppo francese ha fatto sapere che rivedrà tutti gli impegni sportivi. A pensar male, in F1, ci si prende sempre.
  6. Oggi Kubica si è tolto la soddisfazione di lottare col compagno e di superarlo inquadrato dalle telecamere. E’ un episodio allo stesso tempo insignificante e straordinario, perchè bisogna sempre tenere conto del percorso che ha fatto Robert per arrivare fino a lì. Peccato non poterlo vedere su una macchina competitiva a combattere anche con altre avversari ad armi pari.

Immagine in evidenza dal profilo Twitter @MercedesAMGF1

0

La Mercedes vince il sesto titolo a Suzuka, la Ferrari ricomincia a sprecare

Il GP del Giappone ci ha regalato un format diverso, con qualifiche e gara nello stesso giorno. E quindi provo anche io a fare qualcosa di diverso, una non-cronaca, come avevo promesso qualche giorno fa. Procederò fornendo 10 punti e spunti di discussione, perchè di cose su cui riflettere oggi ce ne sono tante, pur non essendo stata la gara più divertente della stagione.

1) Sesto titolo costruttori Mercedes. Uguagliato il periodo d’oro Ferrari 1999-2004. Con tante differenze e molte analogie. Cito solo la più grande, delle differenze: all’epoca si fece di tutto per fermare il dominio rosso, e ci si riuscì. In quest’epoca no, ed è probabile che fra più o meno un anno parleremo dello storico settimo titolo. Meritatissimo, sia ben chiaro. Ma in realtà la storia è già stata fatta oggi, perchè con Leclerc a 115 punti e 4 gare da disputare, è matematico che il titolo lo vincerà un pilota Mercedes, e sarà anche in questo caso il sesto consecutivo, cosa mai riuscita a nessun’altra squadra.

2) La SF90 2.0 è andata bene anche a Suzuka, centrando una clamorosa prima fila. Ma, soprattutto, in gara non ha sfigurato, a dispetto di quello che si era visto il venerdì, e chissà come sarebbe andata se…

3) … Sebastian e Charles non avessero (probabilmente) pensato più a fregarsi l’un l’altro che a partire bene. Il tedesco è stato autore di un jump-start come, dalla pole, non se ne vedevano da tempo, mentre il monegasco probabilmente pensava ad altro nello scatto, e poi ha peggiorato la situazione buttando fuori Verstappen. Fossero rimasti primo e secondo, chissà. Alla fine Vettel ha parzialmente rimediato all’errore con un ottimo secondo posto difeso senza grandi problemi negli ultimi giri dagli attacchi di Hamilton. Leclerc si è divertito con tanti sorpassi ma è arrivato solo fino alla sesta posizione.

4) Quando negli anni scorsi il Verstappen 1.0 si scontrava con Vettel e Raikkonen, questi ultimi avevano sempre la peggio. Il Max 2.0 oggi con Leclerc è stato la vittima. Segno dei tempi che cambiano.

5) Non oso pensare a come sarebbero state giudicate le due mancate penalizzazioni dei ferraristi nel caso in cui fossero stati in piena lotta per il mondiale. Non si era mai visto un pilota muoversi sulla griglia e non essere penalizzato, così come, fino a poco tempo fa, un pilota che buttasse fuori un altro avrebbe preso di sicuro una punizione. Oggi niente. Ci spiegheranno che il regolamento è stato rispettato alla lettera, ma la percezione è che si sia passati dal tutto al niente. Bene così.

6) La Honda in casa propria è stata quasi inesistente. Indipendentemente dal problema di Verstappen, il super-motore da 2 GP non è sembrato nulla di speciale. Albon, autore di un ottimo quarto posto, è arrivato a quasi un minuto, di pochissimo davanti a Sainz con una McLaren che monta l’odiato motore Renault. Non una grande prestazione. C’è da credere che in Red Bull, e, in particolare, Helmut Marko, stiano lavorando sodo per tenere calmo Max….

7) … e al fatto che nel 2020 la Honda raggiungerà la Mercedes e la Ferrari, come ha sostenuto Helmut stesso qualche giorno fa, probabilmente non credono nemmeno gli ingegneri giapponesi.

8) Un pensiero per il personale dei team che si è dovuto sobbarcare due montaggi e smontaggi nel giro di 3 giorni. Vedendo le attrezzature che portano ad ogni week-end, vengono i brividi solo a pensare a tutto il lavoro di coordinamento necessario per mettere in piedi lo show, figuriamoci se bisogna smontare il teatro e rimontarlo nel bel mezzo dello show stesso. E’ una cosa che gli appassionati non vedono, ma la Formula 1 è un vero e proprio miracolo di organizzazione del lavoro non solo per quanto riguarda le auto.

9) Leclerc si è fatto due giri con l’ala anteriore rotta, ed è stato richiamato ai box su indicazione della FIA solo dopo che un pezzo dell’ala stessa è finito sulla macchina di Hamilton che lo seguiva, proprio nel punto più veloce della pista. Si è corso un rischio altissimo, ed è ridicolo che, con tutta l’attenzione che si ha (giustamente, viste le tragedie passate) sul problema dei detriti vaganti, non si pensi a fermare immediatamente una macchina in quelle condizioni. Non è la prima volta che accade, forse bisognerebbe ripensare le procedure da usare in questi casi.

10) Infine, la classifica degli altri. Abbiamo detto di Sainz ottimo quinto con la McLaren consolidata quarta forza del mondiale. Con Ricciardo settimo e Hulkenberg decimo la Renault continua con le prestazioni mediocri, e sul suo futuro in Formula 1 si addensano nubi molto pesanti considerando il cambio al vertice del gruppo avvenuto nei giorni scorsi.  Punticini buoni per Gasly, ottavo, e Perez, nono e salvato da un errore della direzione gara che ha congelato la classifica finale al giro prima di quello conclusivo, rendendo ininfluente la sua uscita di pista. Nei bassifondi finiscono, ancora una volta, le Alfa Romeo e le Haas vittime, evidentemente, di una incapacità cronica nel trovare setup e strategie adeguate, e l’avere i piloti che hanno non le aiuta di sicuro. Citazione finale per la Williams, per la quale è emersa pubblicamente la situazione ridicola in cui versa, che ricorda molto da vicino gli inizi della scuderia, a metà anni 70, quando patron Frank teneva insieme la squadra grazie ad espedienti vari ed assortiti. Corsi e ricorsi storici.

Mancano 4 gare alla fine di un mondiale il cui esito era già stato scritto dopo la prima prova in Australia. La Ferrari può terminare in alto nella speranza di rimanerci per il 2020, e avrà probabilmente se stessa, e non la Mercedes come avversario principale. Sempre che a qualcuno non venga in mente di studiare un po’ meglio la sua MGU-K ed emanare qualche “chiarimento” regolamentare (il riferimento al punto 1 è ovviamente voluto).

P.S. nutro la speranza che mercoledì prossimo al meeting FIA che delibererà il regolamento 2021 si presentino tutti sobri e, rinsavendo, si rendano conto che la qualification race è una cosa assurda e lascino perdere. Allo stesso modo, è ridicolo che l’organizzatore si metta a sviluppare un’auto e voglia poi imporla a tutti i team. La Formula 1, ovviamente, non è l’Indycar, ma sembra che qualcuno non l’abbia capito.

 

Immagine in evidenza dal profilo Twitter @MercedesAMGF1 

0

Ferrari ancora più veloce in Russia, doppietta Mercedes

Vinca il migliore. In Formula 1 non sempre succede. O, meglio, apparentemente non sempre succede. Perchè, a ben vedere, i risultati non sono mai frutto del caso, ma rispecchiano i valori in campo, in un modo o nell’altro. E, come diceva il grande Vecchio, “la sfortuna non esiste”.

La Ferrari è arrivata a Sochi con la curiosità di vedere se la straordinaria e inaspettata prova di forza di Singapore, seguita alle quasi annunciate vittorie di Spa e Monza, fosse la conferma della ritrovata competitività di un progetto, quello della SF90, nel quale ormai credeva solo la Ferrari stessa.

E, ancora una volta, la pista ha confermato: sempre davanti alla Mercedes nelle prove libere, pole di Leclerc con 4 decimi di vantaggio su Hamilton che ha acchiappato in extremis la prima fila, soffiandola a Vettel per pochi centesimi. Con Bottas e gli altri lontanissimi.

A Sochi il terzo sta meglio di tutti, e, infatti, alla partenza Vettel prende il comando grazie alla strategia concordata a tavolino, con Leclerc che gli dà la scia e impedisce che Hamilton faccia lo stesso. Ma non ce n’era bisogno, perchè Lewis pattina troppo e si fa superare temporaneamente anche da Sainz.

Sebastian si invola, ma Charles inizia immediatamente a reclamare la prima posizione. Ai ripetuti inviti del box di restituire la posizione, il tedesco risponde chiedendo che il compagno si avvicini di più. Ma il compagno non ce la fa, e resta staccato di diversi secondi, con Hamilton più o meno alla stessa distanza dietro di lui. L’inglese ha gomme più dure, ed è chiaro che si fermerà più tardi (in attesa di una Safety Car, dirà Toto Wolff dopo la gara…).

E così per ridare a Carlo ciò che è di Carlo, la squadra lo fa fermare al 23° giro, lasciando Vettel in pista quel tanto che basta per rimandarlo in pista dietro il compagno. A quel punto, con gerarchie ristabilite, Lewis teoricamente dietro di 6 secondi, e Bottas inesistente in quarta posizione, non resterebbe che aspettare che trascorra la restante metà della gara per festeggiare la terza vittoria di Leclerc, la quarta di fila per la Ferrari e la seconda doppietta consecutiva.

Ma al 27° giro ecco la doccia fredda: l’ibrido della macchina di Vettel cede di colpo, per motivi di sicurezza la squadra gli intima di fermare la macchina appena possibile, pur essendo a tre curve dall’entrata box. Sebastian esegue ma la deve lasciare nella via di fuga. Si attiva inesorabile la Virtual Safety Car che consente ad Hamilton di fare il suo pit-stop mantenendo la testa della corsa, in una replica al contrario di quanto successo lo scorso anno a Melbourne.

Ma, subito dopo la VSC, Russel va contro le barriere a causa di un problema ai freni, e viene mandata in pista la Safety Car reale. Charles vuole assolutamente mettersi a parità di gomme con Hamilton, la squadra lo accontenta ma lo fa entrare ai box un giro troppo tardi, facendogli perdere la posizione su Bottas.

Si riparte con 20 giri da fare, e la speranza, per la Ferrari, è la grande superiorità sui rettilinei, che dovrebbe permettere a Leclerc di passare agevolmente Bottas. Così non è, perchè la Mercedes con le gomme soft ha un gran passo, e, soprattutto, Charles non riesce ad uscire dall’ultima curva abbastanza vicino al finlandese.

Finisce così, senza emozioni ulteriori, con una doppietta Mercedes e la Ferrari che si porta a casa un terzo posto come contentino, ma anche tanto su cui riflettere, a partire dall’ennesimo problema di affidabilità, per continuare con l’altrettanto ennesima polemica-non polemica fra i piloti determinata da un Leclerc scalpitante e un Vettel che ai giochi di squadra non è mai stato avvezzo.

Al quarto e quinto posto le due Red Bull, partite con una penalizzazione e un “super-motore” Honda che le ha fatte rimontare ma di sicuro non brillare particolarmente.

La lotta fra le vetture della F1/B è stata interessante, con Sainz vincitore in sesta posizione assoluta, seguito da Perez, Norris, Magnussen e Hulkenberg a chiudere la zona punti.

Week-end pessimo per le Toro Rosso, anch’esse vittima di penalizzazioni per il cambio di motore, e, soprattutto, per le Alfa Romeo, mai veloci e con due piloti particolarmente pasticcioni (Kimi anticipa la partenza come un novellino, e Giovinazzi riesce a far fuori Grosjean e Ricciardo alla prima curva).

Prossima tappa: Suzuka. Riguardando le ultime 4 gare nel loro complesso, al di là degli entusiasmi per l’esplosione di Leclerc, la rinascita di Vettel e la ritrovata competitività della SF90, bisogna ammettere che se quella di oggi è stata una gara persa per un’episodio, le altre tre sono state vinte di strettissima misura. La Mercedes è ancora più consistente in gara, e non è detto che la SF90 sia diventata una macchina da mondiale. In Giappone avremo ulteriori risposte in merito a questo, ma suggerisco ai ferraristi di non farsi troppe illusioni, sperando di essere smentito.

P.S. 1: Meglio gestire due piloti affamati e scalpitanti, o un cannibale e il maggiordomo, facendo girare quest’ultimo 1 sec. al giro più lento per aspettare gli avversari?

P.S 2: Le regole 2021 non sono ancora state approvate. Pare che la maggior parte dei team voglia mantenere lo status quo, contestando alla FIA il fatto che le gare sono già spettacolari ora e non c’è bisogno di rivoluzionare l’aerodinamica. Se passasse questa linea, continueremo a vedere i sorpassi grazie all’undercut e le rimonte fermarsi quando il distacco arriva a 1,000 sec. Contenti loro…

P.S. 3: “bring back those f****** V12s”. E come dargli torto…

 

Immagine in evidenza dal profilo Twitter @MercedesAMGF1

0