Archivi tag: RAZGATLIOGU

Cinque Volte Rea

Finalmente Toprak.

E’ sempre bello commentare il momento in cui un pilota rompe il ghiaccio con una vittoria mondiale e il turco lo ha fatto alla grande in terra di Francia.
Ha fatto tutto lui, vincendo gara 1 del sabato e la sprint della domenica mattina, portando un team non ufficiale (Puccetti) a quella vittoria che mancava da tanto tempo.
Poco importa delle circostanze favorevoli e del braccino di Rea con occhio al Campionato. Una vittoria è una vittoria e resta segnata negli annali come tale, a maggior ragione se la replichi il giorno dopo.

Non pago ha deciso anche di staccare la spina a questo mondiale e di incoronare Rea stendendo Bautista in Gara 2, permettendo a tutti di mettere la parola fine allo strazio di assistere ad un Campionato che a giugno era già praticamente nella bacheca di Borgo Panigale.
Perciò onore a Toprak (non scrivo il cognome perché lo sbaglio tutte le volte) a Rea ed alla Kawasaki che hanno colorato di verde anche l’annata 2019.

Immagine tratta dal sito motorsport.com

Rea RE per la quinta volta consecutiva, con merito e con la forza di non essersi arreso quando nei primi mesi stava subendo un cappotto storico dal binomio Bautista/Panigale V4.
Ed alla fine anche in SBK rivince lo stesso pacchetto. Come in Formula Uno, come in MotoGP, come negli ultimi anni nel campionato WRC. A questo punto il ragionamento scivola via facilmente: se questi sodalizi continuano a dominare pur essendocene altri all’interno dello stesso team, con il nome di un altro pilota, il risultato finale è che continua a vincere l’uomo e non la macchina….

Mi perdonerete il volo pindarico per arrivare al nocciolo della questione.
Quel pacchetto migliore ad inizio anno era composto da Alvaro in sella alla rossa italiana, ma con un eccessivo sbilanciamento verso il fattore umano. Quando da queste pagine predicavo l’importanza di Bautista nelle vittorie Ducati taluni storcevano il naso, confidando in una moto che sembrava superiore ma che gli altri non riuscivano a far andare. Poi venne la vittoria di Davies in America a confermare regole ma soprattutto eccezioni.

Sul mondiale 2019 pesano delle colpe enormi sia di Alvaro che del team che non è riuscito a migliorare la sua moto e che NON ha gestito i rapporti con l’unico in grado di far andare quel missile dannatamente difficile da dominare una volta messo in pista. Il codazzo degli stracci che stanno volando in pubblico in questi giorni è la degna conclusione di una malgestione che è ormai diventata un abitudine dalle parti di Bologna.
L’anno prossimo si ricomincerà da Scott Redding con tutte le incognite del caso. Al suo fianco Aligi Deganello potrebbe essere un aiuto enorme viste le sue competenze. Ma partiranno svantaggiati, senza dati validi del 2019 in cui nè l’uno e né l’altro hanno avuto l’opportunità di conoscere la Panigale.

Immagine tratta dal sito moto.it

A discorsi ormai chiusi una nota di merito è giusto darla a Van Der Mark che dopo l’infortunio sta ritornando competitivo come la Yamaha: le sue gare sono un buon viatico anche per Razgatliogu che l’anno prossimo sarà suo compagno di squadra.
Piccoli sprazzi anche da parte di Tom Sykes.
Nel 2020 ci sarà un rimescolamento di carte: il turco su una Yamaha, Bautista sulla nuova Honda, Redding sulla V4 e Tom sulla BMW tutti a cercare di battere l’imperatore degli ultimi anni. Qualcuno ci riuscirà giocoforza, presto o tardi… Chi sarà?

PS. Non so voi, ma io mi sono stufato di tutte le scenette di festeggiamenti a fine gara o fine Mondiale.
Il papillon, la giacca sulla tuta, il green carpet mi infastidiscono. Il mio riferimento non è solo per il povero Rea, ma per chiunque abbia cercato di imitare chi le ha inventate.. Capisco magliette e livree celebrative con qualche bandiera (vedi lo scorso anno Bagnaia) ma oltre a ciò faccio fatica ad andare..

Ve li immaginate Kevin Scwhantz, Carl Fogarty, Wayne Rainey o Troy Bayliss conciarsi così?
Io no.
Grazie a tutti.

Salvatore Valerioti

immagine in evidenza tratta dal sito moto.it

0

Alvaro incorona il Rea

Esistono tanti modi per onorare il merito dei tuoi avversari nelle corse. Quello che ha scelto Alvaro mancava alla mia memoria…. E di campionati a due e quattro ruote ne ho visti..Sembra incredibile come sia riuscito a ribaltare ogni considerazione, ogni pronostico dopo le prime gare: vederlo scivolare a -81 punti in classifica generale non era prevedibile nemmeno sotto l’effetto di una buona dose di superalcolici mixati a sostanze stupefacenti…..eppure è accaduto.
Ad inizio stagione chi scrive rendeva merito al pilota in grado di aver alzato l’asticella grazie alle sue stesse doti perché, mentre le altre Ducati affondavano nelle retrovie, lui vinceva a mani basse sintomo che la differenza era tutta nel polso destro di Alvaro. Poco importava dei giri motore abbassati ed alzati, Bautista faceva una differenza enorme.
Consegnare il titolo a Rea prima della pausa estiva ha davvero dell’incredibile. Johnny ha avuto il merito di non scomporsi troppo ad inizio stagione quando non riusciva a star dietro alla V4 per più di due curve, e la sua costanza di rendimento adesso lo premia alla stragrande. Le prossime gare saranno molto più semplici da gestire e potrà serenamente correre senza prendersi rischi inutili: le altre forze in campo non sono mai sembrate all’altezza di inserirsi nelle posizioni di vertice per sottrargli i punti necessari alla vittoria finale che ormai è più scontata del sorgere del sole.

immagine tratta da gpone.com

A Laguna è finita con due vittorie ed un secondo posto per Rea contro tre zeri assoluti di Alvaro. Ad oggi il ruolino di marcia dei due parla ancora di 14 vittorie di tappa per lo spagnolo e solo 9 per l’inglese, buona parte delle quali consegnate su un piatto d’argento grazie alle cadute dell’ispanico.
Non credo abbia senso parlare delle motivazioni di tutte queste scivolate perché ormai la frittata è fatta, e poco conta il fatto che in gara due della domenica Alvaro si sia ritirato per il dolore alla spalla, procurato dalla caduta del mattino….restano sempre tre zeri dovute a cadute.

immagine tratta dal sito moto.it

La nota positiva del weekend per Ducati è il ritorno alla vittoria di Davies. Dopo un inizio stagione drammatico è stato finalmente autore di un buon weekend suggellato con la vittoria nell’ultima gara in programma e due secondi posti nelle altre due gare che permettono di mantenere alla casa bolognese il primato tra i Costruttori seppur per un solo punto. La speranza è che il povero Chaz sia uscito dal tunnel e che possa regalarci una seconda parte di stagione degna del suo passato. Ducati deve restare in lizza per il mondiale Marche fino all’ultimo e lui è necessario quanto il ritorno sulla retta via di Bautista, perché almeno quel titolo resta alla portata di Borgo Panigale. Chaz è sempre stato sufficientemente vicino alla vetta in tutte e tre le gare e soprattutto non ha trovato altri colleghi in grado di infastidirlo per il podio. Questo deve essere il buon auspicio con il quale il Team Aruba deve ripartire dagli Usa.
Nel complesso le tre gare ci hanno fatto vedere ancora una volta un ottimo Ragzatliogu autore di due terzi posti nelle gare lunghe e un discreto Tom Sykes a podio in superpole race. Pian piano l’inglese sembra venir su, seppure la distanza dal vertice è ancora tanto ampia e immaginarlo a lottare per la vittoria in gara è oggettivamente difficile.
In Yamaha stiamo invece assistendo al passo del gambero. Quella che sembrava la moto più equilibrata di tutte ad inizio stagione ha perso parte dello smalto iniziale in concomitanza con l’incidente di Van Der Mark che ne era stato il miglior interprete sino ad allora. Gli altri piloti non hanno il ”quid” necessario per portarla più avanti, primo fra tutti il nostro Macho Melandri al quale credo si sia spenta la luce definitivamente. L’olandese è stato comunque autore di una bella gara 1 finendo al settimo posto a soli sei secondi dal compagno Lowes seppur ancora convalescente.
Stoico anche il simpatico Laverty finito a punti in tutte le gare seppur in condizioni fisiche ancora precarie.
Gli altri due italiani Rinaldi e DelBianco hanno condotto gare secondo le potenzialità proprie e dei mezzi a disposizione, con l’hondista autore di un ruzzolone in superpole race al cavatappi che poteva avere conseguenze ben peggiori che il semplice ritiro.
Adesso tutti al mare sino a settembre quando si riaccenderanno i motori a Portimao nel weekend che va dal 6 all’8.
I compiti per le vacanze saranno difficili per Bautista e per Ducati che devono recuperarsi sotto l’aspetto tecnico e psicologico. Ci sarà anche il tempo di recuperare gli infortunati con la speranza di vedere delle belle gare negli ultimi quattro appuntamenti stagionali. In palio ci sono 12 vittorie e tanti punti ed almeno uno dei due titoli è ancora alla portata.

Buon estate a tutti i lettori

Salvatore Valerioti

immagine in evidenza tratta dal sito moto.it

0