Archivi tag: navarro

ATTO QUINTO, DOVIZIOSOOOOOOOO!!!

CHE GARA!! CHE GARAAAAAAA!!!

3 giri che resteranno nella storia come Barcellona 2009, 3 giri che li riguarderai ogni volta e sarai li con la stessa identica tensione di oggi, arriverai alle ultime due curve e sarai a dire “non ce la fa, non ce la fa” …ti sentirai salire lo sconforto, ma un solo istante dopo, vedrai quella manovra incredibile e tornerai ad avere la pelle d’oca, cominciando a esultare come in quel momento!

GRAZIE DOVIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!

Si temeva di sorbirsi una ennesima gara di dominio Honda/Marquez, ma il Forlivese non ne ha voluto sapere e questa volta, quello che aveva la moto migliore era il 93. Credo che fin dal via Marquez abbia capito che Dovi non gli avrebbe lasciato vita facile, forse anche ricordando la gara del 2017, tanto da sbagliare subito in curva 2 portando largo anche Dovi.

In quel momento, il pensiero era, dai che si rimescolano un pò le carte e almeno qualche giro di duelli e battaglie ce le vediamo, invece che assistere alla MOTOnoiaGP e proliferare di #bastaMarquezHonda #dateunaltramotoaMarquez . Però bastano pochi giri ed ecco la davanti il duo Marquez Dovizioso.

Lo Spagnolo pareva averne più dell’Italiano, ed ha iniziato un martellare di tempi costanti e rapidissimi, fra il 24 alto e il 23 basso, ma il Ducatista è rimasto li, senza farsi sfiancare, anzi, sfiancando lui il favorito per la corsa.

Passano i giri e con il Dovi davanti, pare che Marc continui ad averne ancora di più e sembra che lo studi ad ogni curva, tanto da sembrare che ogni istante sarebbe potuto arrivare il sorpasso e rivederlo provare ad andare via.

Attesa, attesa, i due sempre li e quando Marc, nel T4 passa Dovi, beh AD04 non sta li a farsi prendere dal panico, non oggi, oggi vuole giocarsela fino alla fine e gli replica subito in curva uno, staccando come non esistesse domani. I due salgono verso curva 2 appaiati, nessuno vuole mollare, ma la curva è a favore di Marc, e via dentro.

Dovi mostra ancora di non essere domo, resta li attaccato e sul rettifilo del traguardo ci riprova, ma stavolta arriva un filo lungo alla 1 e lo spagnolo ritorna davanti.

Passa un’altro giro, la Ducati è sempre li sul codone della Honda, paiono due mezzi uniti assieme, rettifilo del traguardo e Marquez si vede ancora Dovi al suo fianco e cerca di spingerlo verso il muro (mi pareva il campione che non sa accettare di venir battuto) staccata e Dovi ripassa, ma alla 2 è ancora il motore Honda ad avere la meglio.

Ultimo giro, pare impossibile, sembra che MM93 stia dando il massimo e allunghi, si spera nel T3 e l’uscita della 9, ma ci son troppi metri, speri nella 10, ma non c’è modo d’attaccare, diamine, vince Marquez…

…ma quando arrivano all’ultima curva, vedi Dovi entrare alla Marquez, come fece lo Spagnolo nel 2017, una manovra che non ti aspetteresti mai dal Forlivese, sei li ad occhi sgranati, si toccano, speri che riesca a chiudere quella curva, ti aspetti che Marquez possa aprire il gas prima e una volata fino al traguardo, ma invece no, Dovi compie una magia, apre il gas e s’invola a VINCEREEEE!!!

ATTO QUINTO!!!

Zeltweg 2017, Motegi 2017, Qatar 2018, Quatar 2019 e Zeltweg 2019

Credo che sia la vittoria più bella di sempre di Dovizioso, sopratutto arrivata senza avere il mezzo migliore nella sfida.

PS so che in pistya c’erano altri piloti, ma ricordo che sul podio è finito Quartararò, il resto erano comparse (uso questo trucco perchè son troppo felice/esaltato/carico)

GRAZIE, GRAZIE ANDREA!!!

Dovrei parlare anche di Moto2 e Moto3?

Bravo Binder a farsi il regalo di compleanno e vincere in Moto2, con Marquez alle sue spalle che allunga in classifica, precedendo Navarro. Peccato per la caduta fra Marini e Bastianini, che potevano giocarsi la vittoria.

Bravo Fenati a tornare alla vittoria, davanti a Arbolino e McPhee che fregano all’ultimo un Vietti favoloso, che sbaglia “solo” a prendere il limitatore a 2 metri dal traguardo, finendo quarto.

Saluti

Davide_esaltato_QV

MOTOGP 2019 – GRAN PREMIO d’ITALIA OAKLEY

MUGELLOOOOOOOOOOO….BUONGIORNOOOOOOO!!!!!

Scusate, ma è sempre un’emozione sentire il DIPI 😀

Dunque, tornando a noi…

Mugello, la casa degli Italiani, mmm no, diciamo l’unica e vera università delle moto, rimasta identica sin dalla sua costruzione, incredibile saliscendi, su cui si possono confrontare i tempi di ogni epoca, tanto da vedere che la pole della 500 del 1976, con Agostini, era di oltre 22 secondi più lenta di quella dello scorso anno, fatta da Rossi.

Il gp d’Italia è da parecchi anni terra Spagnola in tutte le classi, con rare eccezioni di Dovizioso in Motogp, Iannone e Pasini in Moto2, Migno e Fenati in Moto3.

Incredibilmente, non è una delle piste dove Marquez ottiene grandi risultati, anzi, spesso autore di qualche caduta, ma non per questo ci si può illudere che non arrivi una ennesima sua vittoria.

Lorenzo solitamente qui ha sempre ottenuto grandissimi risultati ed è quello che ha vinto più spesso, che arrivi la riscossa in sella alla sua Honda, come fu lo scorso anno con la Ducati? Difficile crederci, ma non impensabile.

Rossi, Vinales, Morbidelli e Quartararò saranno li a sperare che ancora una volta la M1 ben si adegui al tracciato, come tendenzialmente è sempre stato. Possiamo aspettarci qualcosa di positivo da loro e se così non fosse, la stagione si farà davvero in salita per la casa di Iwata,

Dovizioso, Petrucci, Miller, Bagnaia e Pirro, tutti chiamati a regalare gioia ai propri tifosi, ma sopratutto a porre fine al filotto vincente di Marquez, se si vuol sperare in un mondiale ancora combattuto ed incerto.

Rins e Mir, due piloti da cui è difficile capire cosa aspettarsi su questa pista. In Francia ci sono state delle difficoltà, ma la guida di Rins e una Suzuki convincente, potrebbe portarlo nuovamente a podio.

Iannone ed Espargarò, mi verrebbe da stendere un velo pietoso, con l’Italiano che sta nuovamente spaccando un team, muovendo accuse sulla via di sviluppo scelta da Espargarò…forse sarebbe il caso di dar più gas e far vedere dei risultati convincenti.

Espargarò P. e Zarcò, anche qui una chiamata di riconferma prestazionale per il primo, mentre ora di dover mostrare il proprio valore per il secondo, che sta deludendo ogni aspettativa.

Moto2

Un campionato che vede Baldassarri sempre come favorito, ed un coriaceo Luthi sempre pronto a massimizzare il risultato. Da tenere sott’occhio il vero possibile rivale per l’Italiano, ossia Navarro, autore di 3 podi consecutivi.

Moto3

Fare un pronostico è impossibile, possiamo solo goderci la corsa e vedere chi la spunta, mancando, per ora, dei piloti che spicchino nella mischia.

ORARI TV

Sky Sport MotoGP HD

Domenica 2 giugno

11:00 – Gara Moto3
12:20 – Gara Moto2
14:00 – Gara MotoGP

Dirette TV8 e TV8 HD

Domenica 2 giugno

11:00 – Gara Moto3
12:20 – Gara Moto2
14:00 – Gara MotoGP

Saluti

Davide_QV