Archivi tag: Assen

RITORNO ALLA VITTORIA PER LA SCUOLA DELLA TOP GUN

tre classi, tre grandi battaglie, tre gare dove in molti han buttato via la loro occasione…ma quanto spettacolo!!!

MotoGP

Gara quanto mai incerta e combattuta, che purtroppo ha perso quasi subito uno dei suoi possibili vincitori, con la caduta di Rins. Un vero peccato, perchè pareva davvero in palla, tuttavia, il trio Vinales, Marquez, Quartararò non ha perso occasione per farci stare in ansia sul divano.

Marquez forse è stato un pò guardingo ed alla fine ha preferito un buon secondo posto, ma per tutta la corsa ha cercato di portare a casa la vittoria, che è invece andata in maniera meritatissima a Vinales, che torna al successo con la sua M1, che sul tracciato Olandese, sembra quasi rinata. A dar conferma, la brillante prestazione di Quartararò, che nonostante i problemi di setting e il braccio non ancora al 100% causa intervento di solo qualche settimana fa, porta la M1 sul podio.

Convincente anche la gara di Morbidelli, che nel finale riesce a vincere il duello con Petrux, chiudendo in una ottima quinta posizione. Rossi per tutto il weekend nel dramma con i settaggi ed i tempi, sono l’unica nota stonata della casa dei tre diapason, con una gara finita con una rovinosa caduta, che finisce per portare con se anche Nakagami. Il trittico delle sue piste favorite è stato una vera Caporetto, è c’è da domandarsi se lui e il suo team non abbiano perso la bussola, a forza di cercare dei miglioramenti alla moto.

Ducati in difesa, mai veramente in lotta per il podio, con un Dovi che chiude quarto e Petrucci quinto, insomma, una prestazione davvero incolore, che mostra ancora una volta i limiti della D16 su questo tracciato e che le speranze iridate si fan sempre più lontane, se non ci si riesce a mettere davanti a Marquez.

Suzuki pareva poter avere un weekend positivo, ma la caduta di Rins ne ha tolto molte speranze, con Mir, che dopo aver visto cadere il suo compagno davanti a lui, mentre eran primi e secondi, ha iniziato a perdere prestazione e commettere molti errori, finendo settimo.

Aprilia e Ktm al solito nelle retrovie, seppur pareva che dalle prove qualcosa di positivo potesse uscire.

Moto2

Una gara inziata e proseguita per una buona fase come se fosse la moto3, un plotone di 15 moto che si supera ad ogni curva, cambi di posizione infiniti, ma alla fine diventano una serie infinita di cadute o di qualche incidente.

Gardner vanifica la pole con una caduta, Lowes finisce nella sabbia in un contatto con Martin, che poco dopo scivolato a sua volta. Nel finale, cade Vierge e coinvolge Bastianini, per poi…

…lo scontro fra i due contendenti al titolo, Marquez e Baldassarri. Il Balda era tornato su alla grande e ne aveva di passo, ma quando è arrivato a tiro dello Spagnolo, in un tentativo di sorpasso, perde il davanti e nella caduta coinvolge anche Marquez. Entrambi nella ghiaia e gara finita.Un vero peccato.

Vince Fernandez, davanti a Binder e un buon Marini. Il classico Luthi fa quarto, e si ritrova leader di classifica.

Moto 3

La saga dell’ignoranza in azione, impossibile ricordare tutti i contatti, tagli, penalizzazioni, solo che c’era il solito mega plotone di formiche atomiche lanciate alla ricerca della vittoria, tutti con il coltello fra i denti.

Alla fine la spunta Arbolino, davanti a un Dalla Porta ancora una volta fregato nel finale e Kornfeil che chiude terzo. Pessimo weekend per Canet, che fa solo 12esimo, permettendo a Dalla Porta di ritornare a -7 dalla vetta.

Un saluto

Davide_QV

2019 WSBK ASSEN- ALVARO XI

Cambiano le regole, cambiano le piste ma Bautista e la sua Ducati continuano a vincere segnando il record di 11 vittorie consecutive completate da tutte le pole da inizio campionato ad oggi.

Tolti 250 giri motore la supremazia è rimasta devastante al punto da mettere in dubbio la superiorità dell’uomo rispetto alla mezzo meccanico.  Che il pilota ci sta mettendo tantissimo del suo è evidente guardando i risultati dei suoi compagni di marca, ma è anche vero che questa Panigale V4 ha permesso ad Alvaro di girare a 3 decimi dal giro più veloce di una MotoGP dello scorso anno!! La V4 è dannatamente veloce, al punto che gli altri piloti normali non riescono a sfruttarne le potenzialità, forse perché stiamo parlando di una “quasi” MotoGP….

Non resta che applaudire pilota e Team ed essere orgogliosi di questo dominio rosso/italiano che, se non ci si fosse messa di mezzo la neve del sabato, sarebbe arrivato a 12 gare di fila già in questo weekend.

Le due gare hanno avuto uno sviluppo differente ma i valori sono rimasti uguali anche nelle posizioni di rincalzo.

In gara 1 Bautista ha preso il comando alla prima curva con Rea che ha cominciato a rimontare subito. Partito in terza fila è arrivato in seconda posizione facilmente ma senza mai poter pensare di lottare per il primo posto. La Ducati Aruba si è tenuta a debita distanza di sicurezza dando l’impressione di controllare agevolmente il ritmo senza necessità di forzare. La gara è poi scivolata liscia rispettando le gerarchie ormai consolidate  nelle gare precedenti con le Yamaha subito dietro ed il resto del gruppo capitanato dalle Bmw, con un Sykes sempre più evenescente e dietro al compagno di squadra. Male anche Melandri fuori dalla top ten.

Gara 2 è partita illudendo il pubblico che si sarebbe vista la riscossa di Rea. Partito come una molla dalla terza fila, è andato in testa dopo mezzo giro mettendo in riga tutti con un ritmo blando per un terzo di gara. Ad un certo punto anche Davies ha sorpassato Bautista dando l’impressione di aver finalmente capito la V4. Si è vista una bella battaglia a suon di sorpassi e controsorpassi fino a quando Alvaro ha deciso di salutare la truppa sverniciando la Kawasaki di Rea e sgranando a questo modo il gruppone. Bella la gara di Van Der Mark che è risalito dal centro classifica ed ha recuperato a suon di giri veloci su Rea costringendolo al terzo posto finale su quella che sarebbe dovuta essere la pista della riscossa Kawasaki.
Davies con la seconda Ducati ufficiale è finito solo quinto preceduto anche da Lowes autore di due gare consistenti ma lontane dal podio.

Adesso ci saranno 4 settimane di riposo per permettere ai team di capire come lavorare per poter avvicinare il 19 e la sua V4. Nel weekend del 10-12 maggio si correrà in casa Ducati ad Imola per allungare la striscia di vittorie e stabilire nuovi record…..chissà magari il cappotto di gare vinte da un solo pilota ed una sola moto in tutta la stagione..

Icemankr7

IERI HA CORSO DUE VOLTE LA MOTO3???

Scusate l’enorme ritardo, ma ieri ho avuto solo il tempo di pranzare vedendo la motogp e son ricasato tardissimo…tuttavia, meglio tardi che mai. (arrampicata sugli specchi modalità attivata!)

Io della gara di ieri posso solo dire S T R E P I T O S A ! ! ! Una delle gare più belle di sempre, una gara che non si vedeva da una vita in Motogp, con 7/8 piloti a giocarsi i posti del podio e con almeno 5 di essi possibili vincitori.

Ieri non è mancato nulla di nulla, dalle staccate cattive, le rimonte da dietro, le carenate, i sorpassi in punti impossibili, i tentativi di fuga, le divagazioni fuori pista, pareva quasi come se fosse l’ultima corsa della vita di ogni uno di quei piloti.

Citare tutto ciò che è successo è praticamente impossibile, dovrei scrivere un romanzo di seicento pagine, ma il vedere come Marquez entrava a tutti nella prima S, era sesso puro, tanto che Rins ha deciso di imitarlo, con annessa carenata e lo Spagnolo quasi che finisce per prati.

Vedere Rossi e Lorenzo prendersi dentro a 240 km/h, invece è stato da brivido lungo la schiena, come il saltare in piedi per i sorpassi di Vinales sulle curve veloci prima dell’ultima staccata. Ultima staccata, quel punto dove non si sa come, Vinales stacca su Dovi, ma uscire daventi è l’Italiano! Epico.

Ma poi come non restare increduli a tre moto appaiate sul rettifilo opposto, che arrivano alla staccata assieme nella gara a chi stacca dopo, che fa a pari con il “Stacco dopo io, no io!” di Rossi e Dovi, finendo per andare larghi entrambi, perdendo la speranza di fare podio.

Ieri poi persino Jorge si è messo a fare dei gran bei duelli corpo a corpo con Marquez, Dovi e gli altri, tranne poi finire dietro nel finale di gara, non avendo il ritmo per lo step ulteriore che ha fatto il 93 e un pelo meno gli altri (che forse abbiano cambiato tutti serbatoio? 😀 )

Lo Spagnolo ha quasi ucciso definitivamente il campionato e forse questo non aver nulla da perdere da parte di tutti, ha reso possibile una corsa simile e possiamo solo alzarci in piedi ad applaudire ognuno di questi centauri.

Grazie MARC, Grazie Alex, Grazie MAVERIK, Grazie ANDREA, Grazie Vale, Grazie Cal e Grazie Jorge!

La moto2 ha rivisto il dominio di Bagnaia, mentre la moto3 ha visto il trionfo di Martin, riportando i favoriti per il titolo nei posti del podio più alti.

Saluti

Davide_QV

MOTOGP 2017 – Motul TT Circuit Assen NETHERLANDS

Si, avete letto bene: siamo lieti di portavi una nuova competizione da leggere e commentare sul Bring ossia il MOTOMONDIALE. Quale occasione poteva essere migliore se non l’UNIVERSITÁ DELLE DUE RUOTE di Assen?

Ok sappiamo tutti che la pista è stata in parte snaturata dalle modifiche fatte nel 2006 ma, pur storcendo un pò il naso, le modifiche hanno lasciato quel fascino di tracciato super veloce e da pelo qual’è sempre stata Assen, teatro di duelli spettacolari con gare mai scontate, con piloti che hanno spesso pagato tributi fisici importanti e, in alcuni casi, quasi fatali come per Uncini.

Ma bando ai lati oscuri e ricordiamo solo i numeri infiniti di sorpassi che vede ogni gara, di qualsiasi categoria si parli, con la ultima esse sempre teatro di epici e rocamboleschi finali, come nel 2015 fra Marquez e Rossi, o la gara buttata via di Edwars, o mondiali in fumo come fra Fogarty e Chili, o piloti che han tagliato il traguardo stando a lato moto come AJO.

Ma il TT di Assen non è magia solo per questo ma anche la stranezza che, fino a un paio di anni fa, il gp si corresse al sabato con la leggenda che i suoni prodotti dalle moto dessero fastidio al prete che doveva dir messa (non vi è mai stata conferma certa). Ma, oltre a questo, una mecca per gli appassionati di due ruote che fanno sempre il tutto esaurito per questo evento esaltandosi per le manovre o vittorie di chiunque, insomma passione pura a genuina.

Si potrebbero scrivere pagine e pagine di storia sul circuito di Assen ma siamo al primo PRE GP del MOTOMONDIALE sul BRING, trovo quindi doveroso focalizzarmi su questo aspetto e parlare di come sia andata la stagione 2017 fino ad oggi.

Oddio tutto si potrebbe riassumere come un grande casino perchè, al momento, pare che i più in crisi siano quelli che hanno il pilota primo in classifica e che ha vinto 3 delle 7 gare, ossia Vinales, che assieme al suo compgano di marca, Rossi, non stanno capendo poi molto di queste Michelin con prestazioni che passano dal dominio a figuracce da un gp all’altro. Ed infatti è probabile che ad Assen le Yamaha corrano con due telai diversi, con Vale che ha preferito il nuovo 2017B mentre Maverik, non capendo cosa abbiano di diverso i due telai, quasi sicuro correrà con quello che ha usato fino ad oggi. La cosa pazzesca è che, al momento, le Yamaha 2016 di TECH3 hanno sempre meno problemi a trovare il setting e gestire l’usura gomme.

In casa Honda non pare che la situazione sia molto più rosea con un Marquez che pare metterci molto e troppo di suo, finendo per cadere anche nel cambio moto in pitline a Barcellona. Chiudo l’attimo comico ricordando che pure la Honda non riesce a comprendere a pieno questa gomma 2017, ma loro sembrano avere il problema opposto alle Yamaha ossia vanno meglio dove manca un pò di grip. Pedrosa in questa stagione pare essere nuovamente sul pezzo, dando dei grattacapi al compagno di box.

Ma passiamo a chi sta stupendo tutti, ossia la Ducati, che arriva ad Assen con un Dovizioso galvanizzatissimo, reduce dalla doppia vittoria al Mugello e Barcellona, con una moto che si sta mostrando forse quella che si adegua meglio a tutte le piste andando forte anche dove solitamente non eccelleva. Unica nota stonata un Lorenzo che non sta avendo le prestazione che tutti si aspettavano da lui, forse è ancora in difficoltà di apprendimento ma nel frattempo Petrucci sta facendo delle gran belle gare.

Suzuki pare aver buttato via tutto ciò che di buono aveva trovato nel 2016 e, ad uno Iannone troppo distratto, gli viene proibito di poter portarsi appresso Belen che a quanto pare lo deconcentra troppo.

Aprilia sta stupendo positivamente, con prestazioni in continua crescita, mentre KTM pare una semplice comprimaria. Ma diamo tempo al tempo.

In Moto2 ci si sta godendo una stagione di prim’ordine del buon Morbidellinonostante Luthi e Marquez non siano troppo lontani in classifica ma, soprattutto, pare che lo squadrone Italiano stia tornando in forze fra i grandi con Bagniaia che par essersi adeguato da subito alla categoria e poi c’è il ritrovato Pasini.

In Moto3 c’è il buon Mir che pare essere nella sua stagione quasi perfetta, ma dietro di lui c’è un Fenati mai domo che pare aver sbollito le baruffe 2016 con lo sky racing team ed aver ritrovato la lucidità mentale. Il resto dello squadrone italico porta qualche ottimo risultato ma mostra troppa altalenanza di prestazione, con risultati vittoriosi come Migno al Mugello per poi tornare in mezzo al gruppo a Barcellona. Insomma c’è ancora da fare prima di vedere un campione Italiano in questa categoria.

Bene, il pre gp è servito: ora la sola cosa che vi chiedo è quella di mettere da parte i tifi praticamente calcistici, che spesso animano le discussioni del motomondiale, quindi  sappiate sin d’ora che non verranno accettati commenti eccessivamente pro verso un pilota solo o talebanismi per la marca del cuore, non verranno manco tollerati svilimenti o insulti a qualsivoglia pilota perchè si parla di gente che ogni gara mette a rischio la propria pellaccia, dove anche il più lento in pista, darebbe schiaffi prestazionali a chiunque di noi qua dentro 😉

Saluti

DAVIDE_due ruote_QV

P.S. ricordatevi che la MotoGP correrà alle 13.00, per evitare la concomitanza con la F1 😉