Il bivio…..o forse solo la direzione che vorrei….

Il bivio, quel punto in cui ti ritrovi tra rami di decisioni da prendere, quel solito momento in cui, hai davanti una scelta abbastanza certa e conosciuta, quella che ti sembra sempre sia quella forse migliore, perchè alla fine, le opzioni di cambiamento, ti sbattono sempre un ignoto da affrontare…..

….ma tuttavia ci sono strade che tu non hai mai provato, ma che altri hanno già percorso, con risultati molto efficaci e di successo, dai quali puoi venire attratto.

Continua la lettura di Il bivio…..o forse solo la direzione che vorrei….

Il falò della Vanity

Sabato 17 settembre 2016. Mi appresto ad assistere alle qualifiche del Gran Premio di Singapore con rinnovato entusiasmo.

Non ho naturalmente seguito un solo minuto delle prove libere, ma una rapida ricerca su internet mi ha confermato che siamo competitivi. Il passo gara è stupefacente, e anche quando non lo è la causa è da ricercarsi nel maggior carico di benzina con cui giriamo. E poi, se non fosse per il pannello delle vanità, saremmo senza dubbio davanti noi. O era la pressione variabile delle gomme? Al momento non ricordo esattamente, ma qualcosa era di sicuro.

Continua la lettura di Il falò della Vanity

2016 FORMULA 1 SINGAPORE AIRLINES GRAND PRIX

Singapore, vado a Singapore (cantava una vecchia song) e via si va, eccoci qua pronti per questo nuovo GP.

La stagione Europea ormai è alle spalle, le certezze più o meno ci sono, par quasi si viva solo una sorta d’attesa per il 2017, più che una fervida emozione per il titolo di WORLD CHAMPION ancora in ballo.

Già, la prima certezza è scontata, ossia, che a meno di grossi regali, una vittoria made in Maranello non arriverà, perchè in tutta l’estate, non c’è stata la minima parvenza di recupero rosso, anzi, si è instaurato il dubbio che la Red Bull sia cresciuta molto di più, diventando concretissima e seconda forza.

Continua la lettura di 2016 FORMULA 1 SINGAPORE AIRLINES GRAND PRIX

Sogno di una notte di mezza estate

E’ necessaria una premessa, i fatti raccontati in questa pagina non hanno attinenza con la realtà e non sono presenti nozioni tecniche o proposte concrete, anzi, certi punti potrebbero far storcere il naso, ma è solamente un sogno senza troppe pretese, o meglio, un delirio da crisi d’astinenza. Citare addirittura Shakespeare (la cui nipote sposò tra l’altro tale John Barnard, omonimo di un personaggio sicuramente noto ai nostri lettori) nel titolo è forse “leggermente” pretenzioso, ma quando si sogna ci si può permettere di tutto, anche di essere artisti o di immaginare un futuro diverso per il proprio sport preferito, quindi buona notte.

Continua la lettura di Sogno di una notte di mezza estate

20 mai più 20? Ai posteri l’ardua sentenza……..

Riecheggia ancora nella nostra mente l’eco del weekend di gara a Monza e penso a quella domenica di Settembre 1979 in cui Gilles guardò le spalle a Jody aiutandolo a mettere in cassaforte un WDC col quale il Drake di fatto vinceva la sua scommessa con Sua Santità, reo di essersene andato alla corte di Ecclestone 2 anni prima per poi non riuscire a difendere il suo WDC nel 1978 (e, addirittura, non salir mai sul podio nel 1979). Dopo quella bandiera a scacchi Gilles dichiarò che avrebbe fatto suo il WDC nel 1980 quando invece, nonostante si sarebbe prodotto in acrobazie sempre più leggendarie, finì per vivere la peggior stagione di sempre della storia Ferrari con 0 podi e due quinti posti come migliori (sic) risultati stagionali.

Continua la lettura di 20 mai più 20? Ai posteri l’ardua sentenza……..