Quando la semplicità paga: la Williams FW07

A volte la semplicità è l’elemento che rende un progetto vincente. Questa è la storia della wing-car più vincente: la Williams FW07. E dei primi successi del team di patron Frank, che fino a quel momento nella sua carriera di team manager aveva passato più tempo a calmare i creditori che non a gestire i propri piloti.

Frank Williams iniziò la sua avventura in F1 nel 1970, nel team di De Tomaso, dove il progettista era l’ing. Giampaolo Dallara. Esperienza segnata dalla tragedia di Courage, che di fatto pose fine all’avventura di De Tomaso come costruttore. Continua la lettura di Quando la semplicità paga: la Williams FW07

Pensieri sparsi: F1 Gulf Air Bahrain Grand Prix Sakhir

2016 aprile 06

Finalmente si è depositata quella finissima sabbiolina che per quasi tutto il week end motoristico ha accompagnato il Circus itinerante della Formula 1 e possiamo provare a fare il punto su alcuni dei temi posti da questa gara.
Gli spunti principali di discussione paiono essenzialmente tre: la governance della massima serie in generale e la sua più recente trovata sul format delle qualifiche, in particolare; la palese fragilità delle unità motrici di casa Maranello; infine il traballante assetto finanziario di una buona fetta dello schieramento.
Continua la lettura di Pensieri sparsi: F1 Gulf Air Bahrain Grand Prix Sakhir

IN MY HUMBLE OPINION: 2016 F1 GULF AIR BAHRAIN GRAND PRIX SAKHIR

2016 aprile 03

 Intro
E così eccoci arrivati al secondo episodio di quello spettacolo di arte varia che insistiamo a chiamare “Mondiale di Formula 1”.
Chi avesse visto Qualifiche e Gara, passi pure ai Pensieri Sparsi, risparmiandosi la pippa paurosa della cronaca degli eventi.
Le qualifiche come era banalmente prevedibile si svolgono ancora con il formato della cosiddetta “music chair” nonostante l’esperienza australe di sole due settimane fa abbia mostrato che il sistema è quanto di più ridicolo la Formula 1 abbia partorito negli ultimi anni.
E di cose ridicole, ne abbiamo viste, sia ben chiaro. Continua la lettura di IN MY HUMBLE OPINION: 2016 F1 GULF AIR BAHRAIN GRAND PRIX SAKHIR

2016 FORMULA 1 GULF AIR BAHRAIN GRAND PRIX SAKHIR

Carissimi Ringers ci siamo, il secondo GP stagionale del 2016 è alle porte. L’esito del GP di Melbourne ha lasciato aperti alcuni interrogativi quasi tutti dovuti alla poca linearità della gara ovvero alla bandiera rossa con conseguente cambio gomme durante l’interruzione della gara. Mi spiego meglio: chi vi scrive è più convinto che tra la vera fotografia di MB e Ferrari siano gli 8 decimi che Vettel ha rimediato nel Q3 in Australia anziché il primo stint del GP il giorno dopo.

Ora si corre a Sakhir (dove peraltro lo scorso anno Raikkonen mise assieme la miglior performance del suo 2015) con temperature sensibilmente più elevate rispetto alla prima gara dell’anno e quindi è ragionevole ipotizzare che, finalmente, le voci sui presunti problemi di degrado da parte di MB vengano vivaddio verificate su un banco prova importante come il Bahrein. Fermo restando che chi vi scrive resta persuaso che MB abbia messo assieme la pietra angolare dei due mondiali 2016, Piloti e Costruttori, in quei 5800km percorsi al Montmelò nei test la maggior parte dei quali su gommatura medium, ovvero la più strategica in gara per ovvi motivi.

Escluderei con ragionevole certezza (ma spero di sbagliarmi per amore dello Sport) che la questione a Sakhir non sia un affare privato tra MB e Ferrari ma mai dire mai.  Di sicuro dopo 3+1 GP terminati alle spalle del compagno di squadra mi aspetto un Lewis Hamilton in modalità “non si fanno prigionieri”, e la cosa mi fa riflettere sulla nuova procedura di partenza che contempla una sola frizione a mano e sul fatto se MB abbia fatto i compiti a casa oppure no (vista la strategicità di partir davanti sprecarne la potenzialità per via della nuova procedura è un peccato mortale che può costare molto caro in ottica mondiale).

Non penso che in condizioni neutre ovvero senza interventi da parte di MB il leader del Mondiale Nico Rosberg sia in grado di impensierire Lewis Hamilton, ma che anzi solo Lewis Hamilton di fatto sia in grado di impensierire se stesso. Ferrari a Melbourne ha perso una di quelle gare “strane” tipo le 3 che aveva vinto nel 2015, non avendo ancora di che battere MB sul piano della pura performance tutto questo rappresenta una doppia occasione persa da parte di Maranello. Usiamo questo post per commentare liberamente tutto il weekend di gara ossia FP1/FP2/FP3/Q/R, buon GP a tutti!