FORMULA ONE SEASON REVIEW: 1984

Qui si narrano le gesta di un Santo il quale, dopo aver visto scivolargli via un Campionato Mondiale per un punto nel 1976, si riprenderà il  maltolto per solo mezzo punto e guidando per il Team che gli sottrasse suddetto Mondiale. L’epicità della cosa a parere di chi scrive sta tutta nel fatto che di solito la vita fa l’esatto contrario, ossia presenta il conto anzichè saldare i debiti. Ma i Santi sono Santi, quindi poche storie. La stagione 1984 vede finalmente l’arrivo in Ferrari del promesso sposo Rosso Michele Alboreto, che a Maranello affianca Pinotto dopo che Gianni si è accordato con Renault previo allontanamento dalla Scuderia. Debuttano in F1 due pilotini da niente (LOL): Ayrton Senna e Stefan Bellof. Quasi dimenticavo: Prost si accorda con la TAG-Porsche Mclaren dopo che il suo contratto non viene rinnovato da Renault a fine stagione nel 1983. E niente, fa già ridere così coi mangiarane che gli preferiscono Warwick ed il già citato Gianni. Una curiosità statistica: il Campione in carica Nelson Piquet mette a segno ben 9 (NOVE) pole positions su 16 gare stagionali (una percentuale record) che però gli frutteranno solo 2 vittorie. La Mp4/2 in gara è virtualmente imbattibile, portandone a casa 12 su 16. Porsche vince il Mondiale di F1 da motorista alla prima stagione completa. Il lavoro di sgrossamento operato da Sua Santità nella seconda metà della stagione 1983 ha finito per ripagare eufemisticamente con gli interessi. Assieme ovviamente al know how maturato da Porsche sulle motorizzazioni turbo in altre categorie del Motorsport. Il Santo disse senza mezzi termini che vincere il Mondiale contro un compagno di squadra nettamente più veloce di lui è stato il punto più alto della sua carriera. Come al solito aveva ragione

25/03/1984: BRAZILIAN GP@RIO DE JANEIRO

 

(IMMAGINE DA LAT IMAGES)

Pole di Elio che al via però si fa bruciare da Michele il quale conduce in testa finchè un problema ai freni non lo mette fuori gara. Elio chiuderà terzo dietro al vincitore Prost ed al WDC 1982 Keke Rosberg. Ritiro per Sua Santità il cui Mondiale comincia in salita contro un compagno di squadra che non si augurerebbe (o quasi) neppure al proprio peggior nemico

07/04/1984: THE SOUTH AFRICAN GP@KYALAMI

(IMMAGINE DA YOUTUBE)

Pole di Piquet, vittoria di Sua Santità che bissa quella del 1977. Prost parte ultimo dai box e si classifica secondo, non avesse vinto dopo aver rimontato da doppiato nel 1983 la cosa sarebbe passata alla storia. Primo punto in carriera per ASdS e male le Ferrari, mai in gara per tutto il weekend.

29/04/1984: THE BELGIAN GP@ZOLDER

(IMMAGINE DA CIRCUS F1)

La F1 torna per la prima volta a Zolder dopo il 1982 (e per l’ultima volta nella Storia) ed il GP se lo aggiudica la Rosso 27 con alla guida colui che avrebbe potuto/dovuto prendere il posto di Gilles dopo la tragedia. Il weekend a dire il vero comincia male per le Ferrari, che nelle qualifiche del venerdì, brancolano nel buio. Salvo poi trovare la quadra col set-up per il sabato, far tutta la prima fila in prova e chiudere al primo e terzo posto in gara. Secondo Warwick, curioso doppio ritiro per le due Mecca. Capiterà ancora solo a Dallas.

06/05/1984 THE SAN MARINO GP@IMOLA

(IMMAGINE DA F1RACE.IT)

Il Santo ed il Vecchio si incontrano di persona ai box sette anni dopo l’ultima volta che accadde tale evento. La pole va a Piquet ma la gara va a Prost con Arnoux secondo ed Elio terzo. ASdS non si qualifica: non solo sarà l’unica volta che questo avverrà in carriera ma la cosa lo motiverà a dar sempre il massimo ogniqualvolta si ripresenterà sul Santerno negli anni successivi, nei quali infatti totalizzerà un numero impressionante di pole positions.

20/05/1984: THE FRENCH GP@DIJON PRENOIS

(IMMAGINE DA MOTORSPORT IMAGES)

Canto del cigno anche per Digione in F1. La gara la conduce in lungo ed in largo Gianni dopo essere partito dalla pole salvo cedere nel finale al Santo. Buon terzo Mansell che torna così sul podio due anni dopo esserci andato per la prima volta. Michele si ritira e Pinotto arriva quarto. Prost fuori dai punti, si va a Monaco.

03/06/1984 THE MONACO GP@MONTECARLO

(IMMAGINE DA ITALIAN WHEELS)

“Ah se non ci fosse stata la bandiera rossa”. Andiamoci a fondo: senza bandiera Rossa ASdS andava in testa per poi ritirarsi poco dopo per cedimento della sospensione (piallò l’anteriore destra sul cordolo, ai tempi più simile ad un marciapiede, della chicane dopo il Tunnel), Rory Byrne confidò la cosa qualche tempo dopo. Prost riprende il comando salvo essere passato in tromba da Bellof che trionfa per poi vedersi levare la vittoria a tavolino assieme a tutti gli altri punti del Mondiale per via della Tyrrell costantemente sottopeso. Morale della favola: la bandiera rossa ha privato Prost del Mondiale 1984, tutto il resto son chiacchiere da bar

17/06/1984: THE CANADIAN GP@MONTREAL

(IMMAGINE DA LAT IMAGES)

Pole e vittoria del WDC 1983 Nelson Piquet che si ripeterà allo stesso modo la settimana dopo a Detroit. Secondo Sua Santità e terzo Prost. Ferrari che chiudono la zona punti e mai in gara per le posizioni che contano

24/06/1984: THE USA EAST GP@DETROIT 

(IMMAGINE DA LAT IMAGES)

Come anticipato sopra Piquet ripete l’accoppiata pole/vittoria. L’Italia completa il resto del podio con Elio secondo e Fabi terzo. Quarto posto per Prost, mesto ritiro per entrambe le Ferrari. Se qualcuno si lamentava della kermesse in Michigan due settimane dopo si rimangerà amaramente le parole per quello che si vedrà in Texas

08/07/1984 THE SOUTHWEST USA GP@DALLAS 

(IMMAGINE DA FORMULAPASSION)

Col termine “one hit wonder” nel gergo musicale si intendono quei gruppi che piazzano una hit in classifica salvo poi scomparire a vita dalla scena musicale. Di fatto è quello che accadde al circuito di Dallas col suo GP nel 1984. Fu un weekend delirante, col circuito che tra il sabato e la domenica si sbriciola e viene raffazzonato “ad estro” con buona pace del perfezionismo USA. La gara vera e propria diventa quasi subito una corsa ad eliminazione che dissemina vetture ritirate in giro per il tracciato, alcune delle quali anche in traiettoria. Il poleman Mansell (prima in carriera) conduce per poi scivolare indietro e chiudere al sesto posto svenendo mentre spinge la sua Lotus rimasta senza benzina. Le due Mecca si ritirano, prima vittoria della Honda in questo suo rientro in F1 grazie a Rosberg. Pinotto resta fermo sulla piazzola per il giro di ricognizione, parte ultimo ed arriva secondo segnando quello che sarà il suo ultimo podio con Ferrari ed in carriera. Terzo l’ottimo Elio

22/07/1984: THE BRITISH GP@BRANDS HATCH

(IMMAGINE DA RACEFANS.NET)

Pole del “solito” Piquet e vittoria di Sua Santità che approfitta del ritiro di Prost per guadagnargli 9 punti in graduatoria. Secondo si piazza Warwick mentre ASdS arpiona il suo primo podio in carriera sulla pista dove ebbe modo di far vedere quanto valesse ai tempi del Campionato inglese di F3 che vinse su Brundle

05/08/1984 THE GERMAN GP@HOCKENHEIM

(IMMAGINE DA TWITTER)

Hat trick di Prost col Santo secondo e Warwick terzo, ritiro per Michele e sesto posto finale per Pinotto. ASdS si rende protagonista di uno spettacolare incidente alla prima chicane dovuto al cedimento dell’ala posteriore. La supremazia della Mecca-Porsche è talmente palese che è chiaro da mesi che il Costruttori è chiuso ed il Piloti sarà una faccenda privata tra i suoi due alfieri. Ferrari in crisi nera manca di potenza (Forghieri dirà anni dopo che chiese per un anno intero una benzina specifica all’Agip venendo soddisfatto solo verso fine stagione) e mostra palesi limiti di telaio/aerodinamica. E’ allo studio una versione a passo lungo che però non debutterà prima di Monza

19/08/1984: THE AUSTRIAN GP@ZELTWEG

(IMMAGINE DA SKY SPORT)

“Nemo Propheta in Patria sua”. Tranne i Santi. L’Immane finalmente sbanca Zeltweg e mette a segno un altro 9 a 0 su Prost ritiratosi. Secondo si piazza il poleman Piquet, buon terzo Michele. Ancora una volta al netto di qualche problema di affidabilità le due Mecca fanno quel che vogliono in gara. Riescono di fatto (specie con Sua Santità) a disinteressarsi delle qualifiche per lavorare esclusivamente in ottica gara e fare a fette il resto della concorrenza. Micidiali

26/08/1984: THE DUTCH GP@ZANDVOORT 

(IMMAGINE DA STATS F1)

Pole e vittoria per Prost che precede l’Immane sul traguardo, chiude il podio Mansell confermando i progressi della Lotus al primo anno con la motorizzazione Renault turbo. Pinotto segna il suo ultimo giro più veloce in gara in carriera ma chiude solo undicesimo, Michele si ritira. Non il miglior viatico con Monza alle porte ma tant’è, ogni Ferrarista degno di tal nome ha sicuramente visto di peggio

09/09/1984: THE ITALIAN GP@MONZA 

(IMMAGINE DA LAT IMAGES)

Consueta pole di Piquet altrettanto consuetamente vanificata in gara, l’Immane piazza il 9 a 0 definitivo su Prost, ritiratosi, e torna alla vittoria a Monza sei anni dopo la tragica edizione del 1978. Sul podio pure Michele con la C4 a passo lungo e Patrese con l’Alfa. A due gare dalla fine il Santo precede Prost di nove punti….e mezzo in classifica generale

07/10/1984: THE EUROPEAN GP@NURBURGRING

(IMMAGINE DA RACEFANS.NET)

La F1 torna sul Nurburgring 8 anni dopo la drammatica edizione del 1976 ovviamente non utilizzando la Nordschleife bensì il nuovo tracciato a sud-ovest della stessa inaugurato qualche mese prima da una gara corsa dai Piloti di F1 su delle Mercedes 190 preparate e vinta da ASdS. Sua Santità ai microfoni dice di non provare nulla di speciale a correre nuovamente da quelle parti ma in realtà è davvero fuori fase per tutto il weekend, chiudendo solo quarto in gara infilandoci pure un testacoda che avrebbe avuto esito ben peggiore per il Mondiale se non fosse riuscito a tenere acceso il Tag-Porsche. Vittoria del poleman Prost che precede Michele ed il poleman Piquet i quali finiscono entrambi la benzina sul rettilineo d’arrivo dando vita ad un taglio del traguardo al rallentatore. Si va ad Estoril con Prost separato dall’Immane da soli tre punti….e mezzo

21/10/1984: THE PORTUGUESE GP@ESTORIL

(IMMAGINE DA PINTEREST)

La pole è del “solito” Piquet e la gara, dopo la sfuriata iniziale di Rosberg, va saldamente nelle mani di Prost. Pare una gara stregata per Sua Santità il quale, dopo essere partito più vicino alla fine della griglia di partenza che non  al suo inizio, in gara sputa fin troppo sangue nel tentativo di passare la Toleman-Hart di Johansson finendo per riuscirci non senza un sia pur piccolo contatto con la stessa. Quando parecchi giri dopo passa ASdS per la terza posizione Nigel Mansell sulla sua Lotus Renault è troppo più avanti per essere raggiunto e superato. Il tempo di pensare che Prost ce la sta per fare e Mansell ha un problema al cambio che gli costa prima un testacoda poi il ritiro. Il Santo a quel punto traghetta la sua Mp4/2 in seconda posizione fino all’arrivo diventando iridato per la terza ed ultima volta in carriera grazie a mezzo punto di vantaggio su Prost. Chiude il podio (e che podio) ASdS, accordatosi con la Lotus Renault per il 1985 ove prenderà il posto del Mansueto a sua volta accordatosi con la Williams-Honda. Ferrari chiude una stagione assolutamente mediocre al netto del lampo di Zolder. A conti fatti la successiva sarà pure peggio per la delusione che lascerà in tutti i Ferraristi in primis Michele Alboreto. Ma questa è un’altra storia

(IMMAGINE IN  EVIDENZA DA PHC EVENTS)

0