Archivi categoria: WSBK

“LA BACHECA DEI RICORDI” – PRIMA USCITA

  • Il BEER STOP 😉

Quando possiamo dire; “nelle corse abbiam visto di tutto”

Era l’Agosto del 1988, si correva il mondiale di motocross a Namur, classe 500. Carlqvist, fortissimo pilota svedese bi-campione del mondo, stava più che dominando la corsa in sella alla sua Kawasaki 500 privata.

Poco dopo la metà gara, aveva più di 50 secondi di vantaggio sul secondo e per rendere la sua vittoria epica e immortale, cosa s’inventa?

Il beer stop!

Ebbene si, quando giunse sul tratto di rettifilo asfaltato, si ferma allo chalet e si fa passare una birra, se la gusta e riparte trionfando. (Sarà il suo ultimo successo)

  • Zandvoort, 26 Agosto 1979

“Queste sono purtroppo le esuberanze giovanili di Villeneuve alle quali siamo un po’ abituati”. Cit. Mario Poltronieri

40 anni fa, Gilles compì il famoso giro su 3 ruote.

  • Messico 1991

Ci son personaggi come Zermiani, capaci d’intervistare un pilota sul traguardo mentre spinge la vettura senza benzina.

Ultimo giro, De Cesaris è quarto sulla sua Jordan 191, quando il motore si ammutolisce. Scende dalla vettura e inizia a spingerla, come a imitare Mansell a Sallas 1985.

Zermiani salta il muretto, si affinca ad Andrea e inizia un’intervista;

“Andrea, ma cosa succede? Perchè la spingi? Si è rotto il motore?”

Al che arriva la replica;

“ma invece di dimme tutte ‘ste fregnacce, perché non te metti pure tu a spigne?“ 😅

Poco dopo Ezio Zermiani inizia a urlargli;

“Basta Andrea, basta, sei quarto lo stesso”

(Era doppiato e quindi la gara era finita con il taglio del traguardo di Patrese)

Oggi un pilota che fa una cosa simile, sarebbe radiato dal mondo delle corse e Zermiani fucilato in pubblica piazza

 

  • THE PASS!

Se dici sorpasso pazzesco al cavatappi, quasi tutti ricordano quello di Rossi su Stoner, i più informati ricordano anche Marquez su Rossi…

…ma solo i veri amanti del motorsport ricordano

ZANARDI SU HERTA

Correva l’anno 1996, si era all’ultima corsa. Brian Herta era davanti da tutta la corsa e alle sue spalle vi era il debuttante di quella stagione, il nostro Alex. All’ultimo giro i due sono incollati, le due vetture paiono una sola, si sale verso la salita del cavatappi e…

…nessuno lo credeva possibile, ma Zanardi stacca a vita persa, finisce lungo, quattro ruote sulla ghiaia e rischiando di finire a muro, ma chiude incredibilmente la manovra, uscendo per primo…

Il pubblico è incredulo e lo vede tagliare il traguardo da vincitore, scoppiando in una ovazione pazzesca, per una monovra pazzesca. (Dalla stagione successiva sarà vietato sorpassare così)

Zanna detto Pineapple entra definitivamente nel cuore degli Americani.

Qui il video del duello

 

  • ONE-SHOT WINNER

MotoGP anno 2007.

Dopo 7 anni senza vittorie, l’australiano Chris Vermuelen riporta la casa di Hamamatsu alla vittoria nella classe regina a LeMans sul circuito Bugatti compiendo un capolavoro sulla pista bagnata.

La Suzuki non vinceva dai tempi del mondiale 2000 conquistato da Kenny Roberts Jr.

Ci vorranno altri 9 anni per rivederla vincente con Vinales a Silverstone 2016 in un’altra gara “umida”.

  • UNA PAZZIA, CHE VALE UN CONTRATTO

Curioso e incredibile il modo in cui ottenne l’ingaggio!
Mentre Marco Lucchinelli (a quel tempo team manager Ducati) viaggiava in autostrada a 180 km/h in direzione della pista di Misano, si vide aprire la portiera destra da un pazzo in moto, che lo salutò per poi ripartre impennando…

  • Roma, 1999.

Alla presentazione della F399, durante la trasmissione Porta a Porta: il presentatore chiede ai vari ospiti, tutti possessori di Ferrari, che velocità tengono nelle strade normali. Qualcuno ammette di aver superato qualche volta i 200 km/h, poi si rivolge ai piloti:

“Lei, Schumacher, quanto ha fatto?”
“Anche 250-280 km/h”
“Ma non ci sono dei limiti di velocità?”
“No in Germania non ci sono limiti di velocità”

“E lei, Irvine, invece a quanto va di solito?”
“Mah, io di solito sono tranquillo, faccio 200-230 Km/h”
“Anche da lei in Irlanda non ci sono limiti di velocità?”
“No no, ci sono, ma conosco tutti quelli della polizia!!!”

😀

 

  • MIDFINGER

La foto di copertina, beh, per anni si è detto di tutto e di più su quella foto e che storia vi fosse dietro. Il pilota era Ralph Ligouri (alias Ralphie the Racer) e si correva sull’Indiana State Fairgrounds. L’anno era il 1964 e si scopri che era solo un cordiale saluto fra amici, che vollero diventare immortali.

Però dai, a noi piace pensare che siano insulti da duelli in pista e ricordiamocela così no? 😀

 

Spero di avervi strappato qualche risata o almeno fatto rivivere qualche ricordo, ma tranquilli, ce ne saran degli altri 😉

Saluti

Davide_QV

 

 

WSS-L’OROLOGIO SVIZZERO DEI FRATELLI EVANGELISTI

Tic 🕑Tac🕝 Tic 🕒Tac🕞…

Mi fermo sovente a pensare quale sia, tra i Campionati Motociclistici presenti, quello che più ti entusiasma, quello che ti rende più nervoso, più ansioso nell’attesa della gara.
Troppo facile dire la “MotoGP”.
È difficile per chi ha una passione sfrenata per il Motorsport scegliere una categoria “Regina”.
Tutto ciò che è “Racing” è una spanna sopra il resto.
È per tale motivo che, a pochi giorni dalla fine dal Mondiale, vorrei scrivere il mio pensiero su quello che maggiormente mi ha entusiasmato…la “Supersport”… quella che ogni anno regala gare al cardiopalma infiammate da Piloti straordinari.
Pensate che questa stagione ben 10 gare sulle 12 in calendario sono terminate con un distacco inferiore al secondo tra i primi due classificati.
Stagione dominata da una fantastica Yamaha R6 che ha completamente alzato l’asticella ancora più in alto di quanto non avesse già fatto la Kawasaki ZX6R qualche anno indietro.
Ha trionfato in 10 gare su 12, conquistando la bellezza di 27 podi su 36 disponibili.
Soltanto Mahias e “Lello” De Rosa con Kawasaki ed MV Agusta sono riusciti a conquistare i rimanenti 9 podi.
Un plauso enorme va ai fratelli Evangelisti ed al Team Bardhal Evan Bros. Sembra ieri che si imbarcavano nell’avventura del CIV Supersport con Faccani (2013) e dopo soli 6 anni sono sul tetto del Mondo della categoria, avendo dominato il Mondiale.

Certamente il salto di qualità più grande lo hanno fatto, ingaggiando nel 2018, l’orologio svizzero (come amo definirlo), quel Randy Krummenacher che all’esordio nella categoria (2017) vinse sul circuito di Phillip Island in sella alla moto di King Kenan….

Randy quest’anno ha comandato il Mondiale dall’inizio alla fine, imponendosi subito come Pilota di riferimento complice anche il cambio “casacca” del Campione del Mondo uscente Mahias, passato dall’imbattibile R6 alla ZX6R del Team di Puccetti.

Nella prima parte di stagione è stato un rullo compressore, sembrava di vedere Bud Spencer nel film “Lo chiamavano Bulldozer”… 7 podi nelle prime 7 gare (4 vittorie e 3 secondi posti), battendo in 5 occasioni su 7 colui che si sarebbe rivelato un acerrimo rivale per il Titolo, il ravennate Federico Caricasulo.

La seconda parte di stagione invece segna il prepotente ritorno del Campione del Mondo 2018 Mahias. Ottenendo 6 podi nelle ultime 6 gare, tra cui due splendide vittorie a Magny Cours e Losail, diventa l’unico Pilota in grado di vincere con una moto che non sia la YZF-R6.

Il finale di stagione è stato scritto direttamente da Quentin Tarantino.

A Magny Cours round 10 della stagione, Krummenacher scivola alla curva 10 e spalanca le porte del Mondiale a Caricasulo che in quel momento è in testa alla gara ed è virtualmente in testa anche al Mondiale…
Caricasulo cade a sua volta alla curva 13 e poi successivamente alla 3 (2 cadute…) buttando il Titolo letteralmente al vento.
Neanche Jules Cluzel, da anni al Top nella categoria, riesce a sfruttare la ghiotta occasione finendo solamente 6°. Se ripensa ai soli 13 punti di distacco a fine campionato fa davvero male quel risultato.

Ma è nel penultimo round succede l’impensabile…. Alla fine di una gara scialba di emozioni per i portacolori Evan Bros, Randy Krummenacher nell’intervista alla TV internazionale dichiara che il Team vuole che a vincere il Titolo sia il Pilota Italiano (Caricasulo) e che gli sia stato dato un motore meno performante.

Apriti cielo…
Per fortuna sono state immediate le scuse di Randy nei confronti della squadra ma ormai il grosso del danno era fatto.

Si arriva all’ultimo round in Qatar, sulla pista di Losail, con il cuore in gola letteralmente per tutti.

Entrambi i Piloti del Team Evan Bros si giocano il Mondiale ed entrambi potevano anche perderlo, qualora avessero fatto della sciocchezze tra loro.

La gara viene vinta splendidamente da Mahias mentre Krummenacher, preciso come un orologio svizzero, riesce a conquistare un 5° posto subito dietro a Caricasulo andando a vincere per soli 6 punti il Titolo Mondiale meritatissimo.

La classifica finale Piloti :

1° KRUMMENACHER (Yamaha) 213 PTS
2° Caricasulo (Yamaha) 207
3° Cluzel (Yamaha) 200
4° Mahias (Kawasaki) 168
5° Okubo (Kawasaki) 105

Classifica Team

1° Bardahl Evan Bros 420 PTS
2° GMT94 Yamaha 291
3° Kawasaki Puccetti 273
4° Kallio Racing 214
5° MV Agusta 114

Classifica Costruttori

1° Yamaha 290 PTS
2° Kawasaki 181
3° MV Agusta 109
4° Honda 96

immagine tratta dal sito evanbrosracing.com
Interessante sarà il 2020.

✅Riuscirà Krummenacher a riportare alla vittoria del Titolo Mondiale la MV Agusta⁉️
✅Jules Cluzel,uno dei migliori interpreti della categoria, riuscirà a vincere finalmente il Titolo⁉️
✅ Lucas Mahias proverà a riportare sul tetto del Mondo la Kawasaki ZX6R, secondo voi potrebbe farcela⁉️

Non ci resta che attendere impazienti l’arrivo della nuova stagione, il tempo passa veloce, a voi le risposte…

Tic🕑 Tac🕝 Tic 🕒Tac🕞

Francky Longo

immagine in evidenza tratta dal sito evanbrosracing.com

Rea+Kawasaki= un altro triplete…un altro Mondiale..

Si chiude il Mondiale Superbike 2019 nella maniera più “normale” in cui si sarebbe potuto chiudere.
Johnny Rea porta a casa tre vittorie (totale 88!!!) nella modalità a lui più congeniale e con una facilità addirittura disarmante, senza se e senza ma, senza lasciare a nessun altro la possibilità di illudersi anche soltanto per qualche curva. Le tre gare sono state del tutto simili alla seconda parte di stagione, senza sussulti, senza essere state messe in dubbio. Con questi successi Kawasaki è nuovamente Campione del Mondo Costruttori.

immagine tratta dal sito worldsbk.com

Eppure alla vigilia si parlava di pista favorevole a Ducati complici il suo motorone ed il suo allungo. In effetti sul rettilineo la differenza rispetto agli altri era impressionante, ma per completare un giro su se stessi e ritornare sul rettilineo sono necessarie quelle curve in cui la rossa si perde….
Riempire righe tessendo le lodi del binomio Rea/Kawasaki sarebbe ridondante e stucchevole. La realtà dei fatti? Sono stati semplicemente più bravi di tutti e superiori a chiunque nel complesso della stagione. COMPLIMENTI!
Ducati ha portato a casa due secondi posti con Davies ed uno con Bautista ma non ha mai dato l’impressione di potersi avvicinare allo scarico del cannibale. In gara 1 il gallese è stato autore di una bella rimonta causa qualifiche disastrose. Per qualche istante è parso potesse riportarsi su Rea che, appena capito l’antifona, ha aperto la manetta del gas ricacciando la Ducati a distanza di sicurezza e dimostrando che stava semplicemente amministrando.
Pochi spunti e pochissimo spettacolo vero. Tra gli outsider abbiamo finalmente assistito ad un weekend decoroso di Lowes che pare aver compreso che finendo le gare se ne trae un beneficio. Ha agguantato il terzo posto nel mondiale che tutto sommato è un ottimo risultato.
Ragzatliogu (ho imparato a scriverlo) è stato meno brillante del solito: ha anche saltato la Superpole Race per un problema tecnico.
Scorrendo gli ordini di arrivo mi scende la tristezza. Tutti gli altri paiono comparse necessarie a rinfoltire il numero di partecipanti piuttosto che avere reali possibilità di ben figurare. E’ sconsolante vedere che un Campionato così storico, bello ed appassionante in passato sia ridotto ad essere l’ombra di se stesso. Ricordo quando c’erano 5 moto diverse a combattersi le gare, quando le lotte erano un corpo a corpo continuo ad ogni giro. Urgono soluzioni regolamentari per ridare verve, e magari anche una revisione del format perché seguire le tre gare è diventato complesso.
Il prossimo anno arriverà la tanto attesa nuova Honda. Ci si attende lo step di Bmw, il passettino in avanti di Yamaha e la riscossa di Ducati. Le aspettative sono tante ma quante se ne riusciranno a realizzare?
Staremo a vedere. Intanto grazie a tutti quelli che ci hanno seguito nel 2019, con la speranza di avere un 2020 ricco di spunti nuovi che possano permettere a chi scrive di essere più fantasioso e meno monotono come il campionato stesso.
Alla prossima stagione.

Salvatore Valerioti.

Immagine in evidenza tratta dal sito crash.net

2019 WSBK – ROUND DEL QATAR

Titoli di coda per il mondiale 2019 della superbike, giunto sulla pista di Losail per le gare in notturna che si svolgeranno in maniera inconsueta nella giornata di venerdì e sabato.

Ultimi incroci di traiettorie per l’assegnazione del titolo costruttori ancora in ballo tra Kawasaki e Ducati. Il vantaggio per i giapponesi è di 37 punti, in pratica una gara e mezzo e quindi piuttosto rassicurante anche a fronte di una parziale controprestazione.

Il tracciato del Qatar non è il più congeniale per la verdona ma abbiamo visto che ormai il team ufficiale è pronto a porre rimedio anche alle situazioni tecniche più difficoltose.

Ottima occasione quindi per Ducati, sia per Bautista di chiudere l’anno vincendo che è sempre un bel bonus (e per intascarsi quello più tangibile dei premi in caso di vittoria), sia per Davies che sulla V4 correrà anche l’anno prossimo e qui ha già vinto in passato.

Per il resto ormai la stagione ha già detto praticamente tutto e anche gli ultimi tasselli dei piloti ancora non “accasati” stanno andando a posto. Ultimo in ordine temporale l’arrivo di Leon Camier sulla V4 Panigale del team Barni al posto di Rinaldi. Il passaggio da Honda a Ducati sarà impegnativo per l’inglese ma fare peggio della stagione appena corsa in sella alla Honda è difficile.

Anche In GRT Yamaha facce nuove con la line-up del 2020 composta da Federico Caricasulo e Garrett Gerloff. Il primo si sta ancora giocando il titolo nelle supersport 600 mentre il secondo è un 24enne texano che si è fatto valere nel MotoAmerica Superbike, dove ha dominato l’ultima parte di stagione con quattro successi e che ha avuto il traino di Ben Spies.

Ormai, in attesa delle ultime tre gare di stagione, lo sguardo è già ricolto al futuro con due team che stanno già mettendo carne al fuoco in ottica 2020.

Uno è Ducati con Scott Redding, fresco campione del British superbike, che è già in pista a Valencia per il primo approccio alla V$ in versione WSBK. Redding dovrà soprattutto abituarsi ad un ruolo dell’elettronica molto più marcato rispetto alla moto guidata quest’anno e inoltre dovrà iniziare fin da subito a capire cosa non va e che indicazioni dare ai tecnici per migliorare la moto in staccata e percorrenza di curva.

immagine da tuttomotoriweb.com

Avendo un trascorso da pilota MotoGP dovrebbe incontrare più o meno le stesse difficoltà di Bautista, al netto del diverso stile di guida. Di sicuro la scelta Ducati è stata molto coraggiosa, cambiare un pilota vincente con uno di talento ma che è un pò un salto nel buio e considerando che l’obbiettivo è affondare la corazzata Kawasaki-Rea. In bocca al lupo!

Anche Honda sta tenendo fede ai propositi di rivincita testando la nuova CBR a Suzuka. Moto con livrea camouflage e pilota “anonimo” rappresentano il primo vero debutto della nuova Fireblade, in attesa della presentazione ufficiale all’EICMA di Milano i primi di Novembre.

immagine da moto.it

Si può già dire che la nuova moto avrà il 4 cilindri in linea a fasatura variabile. Molte le “chicche” prese dall’esperienza moto GP come le alette, un telaio a doppio trave di alluminio e nuovo forcellone. Insomma, l’arma totale per riportare il mondiale ad Hamamatsu è pronta per dare grattacapi ai suoi avversari.

In tutto ciò, la Kawasaki cosa fa? Indiscrezioni sembrano suggerire che anche la casa di Minato stia pensando ad un profondo aggiornamento della ZX-10R, in primis dal punto di vista motoristico cercando di incrementare i poco più 200CV al momento a disposizione e mettersi in pari con la potenza del V4 Ducati.

Intanto godiamoci le ultime gare della stagione 2019 e speriamo di avere un campionato ben più combattuto nel 2020.

*immagine in evidenza da pirelli.com

Rocco Alessandro

Rea fa 85 in Argentina

Va in archivio anche l’appuntamento argentino del mondiale Superbike che ormai deve solo assegnare il titolo costruttori.
I risultati rispecchiano l’andamento di questo campionato:
Bautista dominatore dell’inizio evento ovvero la gara del sabato;
Rea protagonista assoluto delle due gare della domenica praticamente senza rivali con Alvaro in difficoltà;
Piccolo sprazzo per Davies per gara 2 di domenica tutto sommato bella da parte sua;
Yamaha a giocarsi le posizioni di rincalzo con un consistente Van Der Mark regolarmente davanti al suo compagno Lowes mentre le due “satellite” di Melandri e Cortese affondate nelle retrovie;
Sempre ottimo e combattivo Ragzatliogu autore di tre podi con una moto “indipendente”;
Sparite le Bmw e mai comparse le Honda.
Quindi tutto come da copione nonostante le aspettative di vedere qualcosa di diverso una volta chiusi i giochi mondiali.
Ma andiamo per ordine cominciando dalla gara del sabato che ha visto, meglio dire NON ha visto partire ben sei moto di una griglia abbastanza scarna già di suo. Davies, Laverty, Melandri, Cortese, Camier e Kyonari non hanno preso il via in quanto hanno giudicato pericolose le condizioni della pista. In effetti il tracciato era sporco fuori traiettoria ed i piloti hanno portato a termine una gara con un ritmo mediamente più lento di quasi 3 secondi a giro con punte di addirittura quattro….. Probabilmente, ribadisco probabilmente, avranno avuto ragione gli assenti. Sicuramente, ribadisco sicuramente, al sabato non è caduto nessuno dei partenti, quindi forse si è trattato di un esagerazione per coloro che hanno parlato addirittura di mancanza di requisiti per l’omologazione. Lungi dal dover giudicare per chi scrive comodamente da una scrivania, però mi sovvengono un paio di riflessioni.
1.Se il motivo dello “sciopero” è stata la mancanza di grip allora si dovrebbero anche abolire tutte le gare corse sul bagnato o semplicemente sull’umido.
2.Se il motivo dello “sciopero” era una carenza nelle infrastrutture come le vie di fuga o l’organizzazione dei soccorsi allora non si sarebbero dovuti schierare neanche la domenica quando la pista è diventata più veloce complice il calo delle temperature di aria ed asfalto.
Lo svolgimento della gara del sabato è stata la replica delle gare di inizio stagione quando Bautista si involava senza rivali dopo qualche piccola schermaglia iniziale con Rea. Il tutto faceva pensare ad una domenica tutto sommato semplice per Ducati che ancora spera nel mondiale Costruttori.
Invece il “cannibale” è salito in cattedra domenica, dominando entrambe le gare in modo apparentemente semplice. In gara 2 Bautista è apparso in terribile difficoltà con la gomma posteriore che l’ha mollato presto impedendogli di entrare nelle curve alla sua maniera e costringendolo ad una gara in difesa con una guida sulle uova sempre impacciato ad ogni ingresso curva e con una moto che si impennava una volta riaperto il gas. Il suo compagno di team è apparso molto più a suo agio e per qualche giro ha pur dato l’impressione di averne per andare a recuperare il fuggitivo Rea che, appena capito il pericolo, ha alzato il ritmo tenendo tranquillamente a debita distanza Davies.
Il podio è stato completato al terzo posto in tutte e tre le gare da Toprack il turco volante che con la sua moto clienti ha staccato il resto dei piloti, primo tra tutti Haslam sulla stessa Kawa di rea che appare sempre più un pesce fuori dall’acqua in questo campionato. Per lui si parla di un ritorno nel BSB e verrà sostituito da Lowes che quest’anno ha preso regolarmente paga dal compagno di marca quando questo era almeno all’80% delle sue possibilità dopo l’infortunio.
Il campionato è arrivato ormai all’ultimo appuntamento che si svolgerà in Qatar nel weekend del 24-26 ottobre. La Ducati è ancora in corsa per il titolo costruttori che manca a Bologna dal 2011, ovvero dai tempi di Carlos Checa e del team Althea. La pista potrebbe essere favorevole con il suo lungo rettilineo del traguardo e soprattutto perché conosciuta benissimo da Bautista che ci ha corso per anni in Motogp. Ma per centrare tale risultato servirà anche un Davies nelle condizioni migliori, altrimenti il digiuno iridato raggiungerà vette di durata inimmaginabili per la casa motociclistica che da questa categoria ha tratto buona parte del suo prestigio ed ha fatto la storia dello stesso.
Ci vediamo in Qatar.

Salvatore Valerioti

Immagine in evidenza tratta da motoblog.it