Archivi categoria: Blog F1

I dubbi su HALO

Ormai è noto a tutti, che dal 2018 il sistema scelto per aumentare la protezione della testa dei piloti, sarà il sistema Halo, una rivoluzione importante nella F1, che non vedeva una modifica così grossa sulla sicurezza dei piloti, da quel lontano 1996 e l’introduzione delle protezioni laterali.

Tale soluzione non è stata esente da critiche, che continuano ancora oggi, con i piloti e team che paiono in parte essersi arresi alla imposizioni della Federazione, pur riservando  molti dubbi sulla sua efficacia.

I dubbi maggiori sono tutti incentrati sulla vera efficacia di tale soluzione, che oltre a far storcere abbondantemente il naso dal lato estetico, non mette sul piano sicurezza, una vera e totale protezione per il pilota, visto che tale soluzione andrà ad evitare solo le grosse collisioni, permettendo che detriti medio piccoli possano ancora colpire il pilota, ma per spiegare meglio la cosa, vediamo cosa sarebbe successo negli ultimi incidenti fatali del mondo delle ruote scoperte.

Se prendiamo l’incidente che capitò al compianto Senna, non serve vi dica che l’esito dell’impatto non sarebbe cambiato di una virgola, con il puntone della sospensione che si sarebbe conficcato sempre nella tempia del pilota Brasiliano. La stessa cosa, vale per l’incidente del giorno prima di Ratzenberger.

Se prendiamo l’ultimo incidente fatale della F1 di Jules Bianchi, anche in questo caso, l’esito dell’impatto non avrebbe avuto differenze, visto che il decesso è arrivato a causa dei danni provocati dalla pesante decelerazione.

Se passiamo al mondo della Indycar, nell’incidente di Dan Wheldon, pure qui l’esito non avrebbe subito variazione, visto che una vettura che finisce sulle reti con la parte superiore, andando a perdere completamente tutta la struttura del roll bar, avrebbe perso anche Halo.

Nell’incidente fatale a Justin Wilson, la punta del musetto sarebbe arrivata lo stesso sul casco del pilota, andandogli a provocare il trauma letale, visto che il sistema Halo è molto aperto, e mantiene ancora molto esposto il pilota

Ma passiamo anche a casistiche dove forse avrebbe avuto efficacia, come nel caso dell’incidente mortale di Henry Surtees, dove forse Halo, avrebbe permesso che la ruota non prendesse in pieno capo il pilota, salvandogli la vita, ma non ne abbiamo una certezza così piena.

Se prendiamo un’altro caso molto pericoloso, quale la molla persa da Barrichello, che prese in piena testa Massa in ungheria 2009, beh, anche in questo caso Halo non avrebbe garantito al 100% che si potesse evitare l’impatto e le relative conseguenze.

Tratte queste considerazioni e si potrebbero tirar fuori molti altri esempi, si evince il perchè ci siano così tanti dubbi e discussioni a riguardo di questo sistema, che ricordiamo avere anche la pecca di limitare la visibilità al pilota. Il sottoscritto non ne capisce la fretta nella sua introduzione, anzi, considera la soluzione del Aeroscreen Red Bull e dello Shield molto più efficaci.  A mio avviso, sarebbe addirittura meglio, trovare il modo di creare una cellula di sicurezza chiusa e removibile, come si usa nella F1 motonautica.

Saluti Davide_dubbioso_QV

 

2017 FORMULA 1 ROLEX BRITISH GRAND PRIX Silverstone

Benvenuti al Mondiale di F1 più appassionante degli ultimi 5 anni, inutile negare l’evidenza. Dobbiamo risalire al 2012, anno in cui Alonso spremette il sangue da una rapa di nome F2012 provando ad impedire il tris iridato di Vettel, per trovare un Campionato in cui le prime guide dei due Teams rivali si son contesi aspramente il WDC. Francamente il triennio 2014/2015/2016 di appassionante ha avuto poco mentre, seppur promettesse bene ad inizio annata, il 2013 diventò un proforma una volta che Vettel e la sua RBR9 trovarono la quadra ed asfaltarono la concorrenza intera vincendo il WDC con largo anticipo sulla fine del Mondiale.

La situazione là in cima alla classifica del WDC è perlomeno curiosa: la Ferrari (ovvero Vettel) non vince da Monaco ma, nonostante tale astinenza, nelle ultime 2 gare il vantaggio di Sebastian su Hamilton è andato aumentando. Il tutto mentre la sensazione, netta, è 1 che MB si sia ripresa il benchmark della performance assoluta sia in prova che in gara e 2 che per motivi probabilmente ascrivibili al suo stile di guida unico la W08 sia un cavallo difficilmente domabile per Hamilton mentre calzi sempre meglio addosso a Bottas. Già, Bottas: alla vigilia di Silverstone il divario in classifica tra Vettel ed Hamilton è superiore a quello tra Hamilton e Valtteri. La cosa non solo fa riflettere quanti tra noi, in primis chi scrive, sprezzava la scelta di Wolff lo scorso inverno ma suggerisce pure un paio di considerazioni di quelle interessanti circa i GP in cui a Bottas è stato imposto un “freno” dal suo box per proteggere la gara del suo caposquadra. Nel senso: se Hamilton infilasse un ritiro e Bottas vincendo ancora lo superasse in classifica che piega prenderebbero le cose chez Brackley? Ai posteri l’ardua sentenza.

Si parlava di Ferrari: la 668 era e resta un’ottima vettura ed il suo costante lavoro di affinamento fatto di poche (ma buone) modifiche ad ogni GP si sta dimostrando un’ottima scelta (direi a questo punto che la leggendaria versione B a passo lungo fosse veritiera quanto il fiabesco Unicorno). Vettel, fresco trentenne, corre che pare Lauda nel 1977 (il quale caso vuole allungò nel Mondiale sui diretti inseguitori a Zeltweg senza vincere la gara, anzi arrivando secondo proprio come Sebastian) ergo salvo tanto clamorosi quanto improbabili ribaltoni chi scrive resta convinto che il Piloti prenderà la strada di Maranello. Esattamente come il Costruttori prenderà la strada di Brackley, con buona pace di chi s’è inventato l’alibi del PAR (ovvero l’acronimo di Piuttosto (che) Ammettere (la) Realtà) perchè finchè il poleman di Monaco su circuiti che non siano per l’appunto Monaco o Spa finisce “quinto su quattro” i 100 milioni di dollari per la vittoria nel WCC la Ferrari continuerà a vederli giusto col telescopio. Con buona pace sia di chi in 2 minuti di intervista sprezza l’ipotetico ritorno di Alonso (e si vanta di non aver contattato Verstappen) sia di chi farnetica che Ricciardo sulla 668 non avrebbe più punti di Raikkonen. Infatti il Dentone ha comunque più punti di Raikkonen nonostante guidi una F1 con almeno 30cv in meno della Ferrari e, vedasi Vettel, decisamente meno riuscita come vettura della Rossa.

Si parlava di Ricciardo: mi permetto di far notare che nessuno ha fatto più punti di lui nelle ultime 5 gare, sempre con buona pace del nutrito esercito di crocerossine/i battenti bandiera finnica. Ovviamente lo Smiling Assassin è bello che tagliato fuori dalla lotta per il WDC “grazie” a quel che guida e, soprattutto, alla Power Unit che si ritrova ma si potrà contar sempre su di lui per il ruolo di Outsider d’Eccellenza. La ruota tornerà a girare per il verso giusto anche per Verstappen il quale sono sicuro regalerà emozioni nella seconda metà dell’anno. Redbull ha un enorme problema in prospettiva che si chiama Renault ovvero Tag Heuer: è convinzione di chi scrive che, perdurando suddetto sodalizio, a Milton Keynes continuerà il digiuno iridato fino a data da stabilire. Spero per loro che il “piano A” non sia attendere l’ingresso di un nuovo motorista o finiranno per aver sprecato anni su anni senza mai aver trovato il bandolo della matassa.

Rest of the pack: la cosa più interessante era e resta provare a capire dove sarà Alonso nel 2018 anche se, fosse confermato il ritorno di Mclaren alla motorizzazione Mercedes Benz (o addirittura il passaggio a quella Ferrari ribattezzata Alfa Romeo), con ogni probabilità la sua opzione migliore sarebbe restare dov’è. LS sostiene che alla Mclaren di quest’anno basterebbe una PU targata Renault per issare Alonso in terza fila ergo con una PU della MB, sia pure in versione “clienti”, le cose potrebbero anche essere addirittura più interessanti. Il tutto mentre si rafforza sempre più l’ipotesi di un ritorno in F1 di Robert Kubica, cosa che penso farebbe la felicità di chiunque ami lo Sport.

That’s all Ringers, buon GP d’Inghilterra a tutti!

Non è una Formula 1 per vecchi…

Abbiamo ancora negli occhi la staccata assassina di Rosberg su Hamilton nel 2016; staccata, si dirà nei giorni successivi, causata dal deterioramento dei freni della monoposto numero 6. Telemetria alla mano, ovviamente. Con quelle immagini e con l’impressione di essere in un film dei fratelli Cohen arriviamo alla qualifiche del sabato. Aspettando la pioggia come un novello Godot. Perché diciamocelo; è con la pioggia che le gerarchie e le aspettative vengono sovvertite. E come in un film dei fratelli Cohen (o nella geniale pièce di Samuel Beckett) non solo non arriva la pioggia. Ma Javier Bardem e Tommy Lee Jones si devono piegare al colpo di genio di Grosjean che parcheggia la sua Haas ammutolita nel bel mezzo del tracciato facendo svanire ogni chances residua dell’ultimo minuto delle qualifiche.
Il cronometro del sabato dice che Valtteri Bottas partirà al palo, seguito da Vettel e da Raikkonen. Hamilton deve scontare il cambio del cambio sulla sua W08.
Solo ottava piazza per lui.
Partenza feroce di Ricciardo mentre, speculare, il fato di Max Verstappen pare volergli far pagare con gli interessi ogni barlume di fortuna possa aver avuto nei mesi precedenti. Lui ci mette del suo facendo stallare in partenza il suo propulsore e rimanendo come una “sitting duck” nel bel mezzo della piazzola di partenza. La manovra di Daniel costringe Raikkonen ad andare largo e questo favorisce anche Grosjean. Nelle retrovie eccellente partenza delle due Williams con Massa e Stroll. Al Lap 9 Hamilton che partiva dalla ottava piazza, si libera dei backmarker su FI e Haas ed inizia la sua rincorsa su Kimi Raikkonen e al podio.
Al Lap 15 il primo Pit Stop per la Renault di Hulkemberg mentre Hamilton macina decimi su decimi sull’alfiere ferrarista mentre un po’ tutti in pista paiono iniziare ad avere blistering, compreso Hamilton che monta le Super Soft rispetto agli altri su Ultra Soft. Al Lap 22 Hamilton è negli scarichi del finlandese e immancabile arriva la comunicazione all’alfiere nero che i suoi freni stanno salendo di temperatura in maniera preoccupante. Intanto in testa alla gara Valtteri continua a infilare giri veloci su giri veloci con una consistenza impressionante. Mentre i dischi incandescenti in ingresso alla Remus sulla monoposto di Hamilton, visti i problemi del giorno prima e le indicazioni via radio, hanno un qualcosa di malvagiamente beffardo. Al Lap 30 la Haas, questa volta di Magnussen, perde potenza; perlomeno lui, contrariamente al suo compagno di squadra il giorno prima, riesce a non piantare la monoposto in mezzo alla pista. Al Lap 32 Hamilton si gioca il set nuovo di Ultra Soft conservato durante le qualifiche. Al 34 Ricciardo gioca la carta della Super Soft rossa mentre Hamilton inizia a mettere in pista il suo tipico ruolino di marcia impressionante. Al Lap 35 Vettel si ferma per le Super Soft in risposta alla manovra di Ricciardo, conservando la sua seconda posizione. Al giro 39 Hamilton conferma come le Ultra Soft non siano la scelta principale per la W08; l’inglese dopo l’exploit iniziale a suon di giri veloci sembra pagare amaramente l’indigestione della Mercedes sulle viola in Austria.
Al giro 41 Bottas deve dare la sveglia ai suoi al box che, presissimi dalla gara di Hamilton, paiono essersi dimenticati che hanno un loro pilota in prima posizione. Il Pit Stop del finlandese della grigia non è impeccabile e Kimi Raikkonen, autore di una prestazione fino al momento precisa, diligente e oculata, si ritrova in testa alla gara. Al Lap 46 Carlos Sainz, autore nei giorni precedenti al Gran Premio di una strisciante polemica intestina al team, deve ritirarsi. Al giro 49 i ruoli di lepre e volpe fra Hamilton e Raikkonen paiono essersi invertiti. Ora è il finlandese a dare la caccia all’inglese che sta ancora pagando cari i giri fenomenali su Ultra Soft subito dopo il Pit Stop.
“I struggle hard here” è il commento via radio di Hamilton mentre i primi tre stanno mettendo in pista i loro giri veloci in una gara forsennata su ritmo da qualifica.
Al Lap 61 i problemi che hanno afflitto Hamilton paiono rientrati e la sfida è tutta fra Hamilton e Ricciardo e Vattel con Bottas; entrambe le coppie sotto i tre secondi si gap fra i primi e gli inseguitori.
Al giro 68 Vettel è negli scarichi di Bottas quando come nel film di questo Weekend ogni volta che sta per arrivare il climax, un Perez ti finisce in mezzo alla pista.
Tutto rimandato agli ultimi due giri.
E come nel film dei Cohen, tanto tuonò che alla fine non piovve.
Posizioni confermate fino alla linea d’arrivo.
Gara magistralmente condotta dall’inizio da un Valtteri Bottas ora molto vicino a Lewis Hamilton in termini di punteggio mondiale.
Sarà sempre di più un problema per gli uomini di Brackley chiedere al finlandese un sacrificio in ottica del mondiale del suo compagno di squadra.
Vettel al secondo posto si conferma campione di razza autore di una gara pressoché impeccabile e magnifico terzo Daniel Ricciardo che ha difeso a suon di giri perfetti e pulitissimi (e una staccata in difesa alla Remus su un Hamilton arrembantissimo semplicemente perfetta) il podio sull’inglese.
Hamilton vede ancora una volta allungarsi il gap nei confronti del primo in classifica mondiale. In un weekend segnato dalla sfortuna, inconvenienti tecnici e da piccolissimi errori, quanto lasciato sul campo dall’inglese non è nemmeno moltissimo.
Certo ora oltre che da Vettel e dalle sue ruotate in regime di SC, Hamilton rischia di doversi guardare anche dal compagno di team.
Tutto rimandato a Silverstone dove Hamilton oltre ad essere di casa mostra sempre ottime prestazioni; Ferrari porterà l’evoluzione dell’ICE.
I giochi sono ben lontani dall’essere fatti e questo per la serie regina è un bene.
Forse meno bene, e lo dico con un piccolissimo accenno di polemica, cha l’allargamento di Ricciardo in partenza su Raikkonen, assomigli moltissimo a quello di Vettel su Massa in Mexico.
Lì partirono 3 punti sul patentino al tedesco; biasimo mondiale e una serie di colpi dal Gianicolo per infamia mondiale; qua nemmeno una indagine da parte dei commissari.
Basta mettersi d’accordo.
Magari anche per lo strike tirato in partenza da Kvyat che di fatto mette fine alla gare di Alonso e Verstappen.
La cosa più emozionante del weekend, diciamolo, è Daniel Ricciardo che insegue sul palco i malcapitati per fargli bere lo champagne.
Questa volta è il turno di un elegantissimo Martin Brundle.

L’invincibile e i due che son sempre li.

La Germania ci consegna l’ottava vittoria di Marquez su questo tracciato, pilota che è quasi imbattibile nei circuiti sinistrorsi, tuttavia Folger, con una gara spettacolare, non l’ha lasciato molto tranquillo fino a 2 giri dalla fine.

Nella Moto2 invece, un Morbidelli mai sazio di vittorie, corona ancora una volta un weekend favoloso con un’altra prestazione strepitosa.

Nella Moto3, un Mir sempre sul pezzo, pronto a vincere la lotta contro chiunque e involarsi più che mai verso il titolo 2017.

La gara della MotoGP è stata davvero bella ricca di duelli, incerta fino alla fine, se facciamo eccezione al terzo posto del podio di Pedrosa, sempre troppo distante dai primi due, ma con ampio margine sul gruppo inseguitore.

La gara ha visto Marquez e Folger girare a ritmi indiavolati, per buona parte della gara si poteva quasi pensare che sarebbe arrivato il giorno in cui MM93 potesse essere sconfitto da qualcuno su questo tracciato, ma negli ultimi due giri, lo Spagnolo ha dato fondo a tutto andando a vincere meritatamente.

Nelle posizioni di rincalzo, Vinales vince la lotta con il compagno di squadra, giungedo quarto, proprio davanti a Rossi. Le due Yamaha alla fine salvano la faccia con un buon piazzamento, considerando tutti i problemi che han presentato nel weekend. Continua questa indecifrabilità della moto 2017, che pare anni luce lontana dalla sempre prestazionale moto del 2016.

Subito a ridosso delle due moto blu, un ottimo Bautista con la migliore delle Ducati in pista. Questo weekend alla fine è stato parecchio difficile per la casa di Borgo Panigale, con il Dovi che perde la leadership di campionato giungendo ottavo, ma peggio va a un Lorenzo estremamente deludente, che giunge 11esimo, davanti a un Petrucci con problemi di gomma.

Da segnalare Espargarò settimo con l’Aprilia, sempre più in crescita e prestazionale, mentre Suzuki e Iannone, continuano la loro stagione difficile con un ennesima caduta.

La pausa estiva ci da quindi una classifica per il mondiale con 4 piloti tutti ravvicinati, ma con Marquez che ancora una volta stupisce tutti, mettendosi a capo della lotta per il titolo, seguito a 4 punti da Vinales, a 6 punti il Dovi e a 10 un mai domo Rossi, insomma tutti i preamboli per una stagione quanto mai incerta, son tutti presenti.

In Moto2 il Morbido completa un’altra gara da vero campione, con forza e talento respinge qualsiasi attacco di Oliveira,  portando a casa i 25 punti, che sommati agli 0 di Marquez e Luthi, lo fan schizzare a +37 in classifica. La stagione è ancora lunga, ma si può davvero iniziare a credere al primo titolo tricolore nella categoria.

Ancora una ottima prestazione per Pecco Bagnaia, che centra ancora un podio alla prima stagione nella categoria, con dei concreti Corsi e Pasini alle sue spalle.

In Moto3, ancora una gran vittoria per Mir, con un solito duello fino all’ultima curva con Fenati, chiude il podio Ramirez. Canet uscito fuori per una caduta. Gara come sempre ricca di emozioni, sorpassi e contro sorpassi.  Lo squadrone italico vede un Bulega giungere quarto. Anche qui la classifica vede un +37 fra primo e secondo.

Ok ora ci attende una lunga pausa per il motomondiale, con i team che però non staranno fermi negli sviluppi e modifiche alle moto, godiamoci questo relax, perchè sicuramente non mancheranno le emozioni nei prossimi mesi.

Davide_holiday_QV

 

l’Assen delle meraviglie

Come si può titolare un weekend con delle gare così fantastiche, così combattute, così incerte fino all’ultimo metro? Emozioni pure ed indescrivibili.

La moto3 teatro di infiniti sorpassi e contro sorpassi come suo solito, con un Fenati che a momenti fa il colpaccio, con un giro finale da panico, piegato solo da un Canet stratosferico. Classifica che si accorcia, con un Mir arrivato solamente nono.

Nota stonata del weekend, l’annuncio del ritiro a fine stagione della Mahindra, che si dichiara più interessata alle competizioni dei mezzi elettrici.

La moto2 ha visto il nostro Morbidelli dominare un’altra volta la corsa, ed ha firmato con il suo stesso team, per passare nella stagione 2018 in motogp con la Honda. Davvero una stagione incredibile per il Romano cresciuto a Tavullia. Peccato per la penalizzazione presa da Pasini che si ritrova quarto. Gara anche qui combattutissima ed incerta fino alla fine, con abbastanza carenate, e sopratutto l’incertezza della pioggia nei giri finali. Il podio si chiude con Luthi e Nakaghami. Spettacolo.

Ma arriviamo alla classe regina, quella dove si crea una lotta pazzesca fra Zarcò, Rossi, Marquez e Petrucci, che non perdono un istante per passarsi e ripassarsi, ma quando la pista inizia ad avere qualche goccia di pioggia, il primo ad andare per finire fuori pista è Vinales, che butta via gara e leadership di classifica, rischiando di essere investito da Dovizioso. A quel punto Dovi sta risalendo in maniera pazzesca, si mangia facilmente tutti quelli davanti, arrivando alle spalle di Rossi, ma quando pare tutto volgere al meglio per il Forlivese, inizia a fare qualche errorino, perdendo terreno dalla coppia Rossi-Petrucci.

Nel finale di gara i rischi non mancano, con qualche doppiaggio che fa salire più di qualche brivido, con un Crutchlow che pareva capace di andare a podio.

Ma alla fine a spuntarla è il “giovincello” di Tavullia, quello che sommando i suoi numeri sulla carena, fa 10 come le vittorie ottenute da lui qui ad Assen, cosa dire ancora di sto 38 enne? Spesso in molti lo danno per finito, che ormai sta li solo per i soldi, eppure alla fine, stupisce sempre. Come disse un giorno Lin Jarvis “Rossi pull a rabbit out of the hat”, ed anche oggi è andata così, con una gara pressoché perfetta. Chiudono il podio Petrucci ed un buonissimo Marquez, con Dovizioso dietro di lui.

Nel finale c’è stata la polemica con Zarcò, reo di aver messo a rischio la gara del dottore per la seconda volta in questa stagione. Rossi forse poteva risparmiarsi certe frasi, ma lo stesso Zarcò poteva stare un pò più attento, ma sono le corse.

Dovizioso è ora primo in classifica, con un vantaggio comunque limitato dal trio Marquez, Vinales e Rossi, ma è li strameritatamene, forse oggi ha usato più la testa che il rischio, ed ha fatto benissimo.

Capitolo Jorge Lorenzo, beh una situazione abbastanza difficile da giustificare, con una partenza da posizioni infelici dopo aver bagliato le qualifiche e una gara assolutamente incolore e desolante. E’ davvero brutto vedere un pilota del suo talento, non riuscire a domare un mezzo che, nelle mani dei suoi compagni di marca, pare non avere problemi per stare con i più forti. Per Ducati c’è da ripensare ai 15.000.000 dati al Maiorchino, contro il 1.000.000 dato al Dovi e poco più di 180.000 al Petrux.

Cosa dire ancora? A voi il commento.

Davide_esaltato_QV