Tutti gli articoli di Andras

Father, husband, F1 enthusiast, sportsman :)

Buon Natale, Bring

Questo è il nostro terzo Natale assieme. Lo sproloquio ricco di argute circonlocuzioni verbali (e metafore) ve lo siete già sorbito per il secondo compleanno del Bring ergo a questo giro vi risparmio un sermone che farebbe impallidire il potentissimo Professor Guidobaldo Maria Riccardelli. Buon Natale a tutti, l’immagine in evidenza è il mio personalissimo messaggio verso tutti coloro che si sono impelagati nell’inutile polemica sulle grid-girls. Senza produrmi in un epiteto misogino o, peggio ancora, sessista lunga vita al binomio donne&motori che da sempre è stato l’ispirazione di ogni appassionato degno di tal nome. Speriamo di non svegliarci un giorno e doverci scusare di essere dei profondi estimatori della femmina della specie, so che suona paradossale ma se mi guardo intorno non mi sembra poi così improbabile come ipotesi. Mi sbaglierò come al solito, perlomeno a questo giro lo spero di cuore.

 

AUGURI A TUTTI

E SONO DUE

Gli anni che abbiamo passato assieme qua su nordschleife1976.com

Non è facile in queste occasioni evitare retorica e frasi fatte. Parlerò sinceramente, penso sia l’unico modo per farcela. La gestione di questa avventura assieme è un percorso che, per quanto mi riguarda, regala stimoli e motivazioni che provo solo in ambiti decisamente più seriosi di questo contesto, quelli ai quali come amo ripetere alla Redazione “sottraiamo tempo per scrivere gli articoli”. Nessuno di noi è un giornalista e nemmeno ci va vicino a somigliargli, a mio parere questo è un raro privilegio che, sposato alla nostra imprescindibile politica no-profit, da il suo personalissimo contributo nel riportare il Motorsport verso gli appassionati in un momento in cui (alla faccia del no-profit) un gigante come Liberty Media sta spendendo fior di quattrini studiando un modo per riuscirci. Il nostro privilegio è esulare dall’interesse comunemente inteso e pertanto offrire qualcosa che può essere apprezzato o meno ma di sicuro non può essere tacciato di poca genuinità o, pure peggio, non originalità. Del nostro fiore all’occhiello che, usando una sorta di neologismo, chiamiamo “il tempio del pluralismo” già sapete tutto. Qui si tifa liberamente e si lasciano gli altri liberi di fare altrettanto, nella vita (ad avere un po’ di testa) si realizza alla svelta che uno dei pochi vantaggi di aver più strada alle spalle che non davanti è che se c’è ancora del valore aggiunto da poter far proprio sta tutto nell’affrontare, comprendere, metabolizzare ed assimilare le diversità anzichè rifiutarle per partito preso. Uscire dalla nostra zona di comfort è la strada per evolvere non solo come appassionati ma anche e soprattutto come persone e, nella Babele del Web, riuscire in tutto questo su un Blog di persone tenute assieme da un senso di appartenenza ad una comunità intrisa di valori condivisi è anch’esso valore aggiunto. Di più: valore aggiunto gratuitamente fruibile da chiunque voglia unirsi a noi. Altro nostro leitmotiv è quello di “dar voce a chiunque abbia qualcosa da dire”, e questo significa sì commentare gli articoli ma, innanzitutto, scriverli. Durante il nostro ultimo anno la Redazione è cresciuta in modo significativo aggiungendo alla vecchia guardia new entries come (in rigoroso ordine alfabetico) Aury Vantage, Chris, Landerio e Rocinante. Menzione speciale per Dave che era già tra noi ma che negli ultimi 12 mesi s’è inventato da 0 la sezione MotoGP i cui articoli trasudano competenza, passione ed obiettività. Non dimentico certo il resto della Redazione ossia Aviator, Braccio (l’uomo dei reportages pre-Campionato e pioniere della Formula E), Mr Brown (il Re della F1 vintage), Lattughiz, LoSco, Marloc (what else?), Pier Alberto (l’Ing. dell’articolo “a caldo” del dopo GP, ma non solo), Fiammetta. Grazie anche alle wild cards Filippo/Niki/LS/Seldon ed ai sempre importanti Lucx e Morok, con me fin dall’inizio quando questo posto era solo un’idea nella testa di chi scrive. Un grazie infine a tutti coloro che sono intervenuti nei commenti, nessuno escluso

LUNGA VITA AL BRING!!!!!!!!                                                                       #wearebring                                                                                                                             #wearebetter

 

2016 FORMULA 1 GULF AIR BAHRAIN GRAND PRIX SAKHIR

Carissimi Ringers ci siamo, il secondo GP stagionale del 2016 è alle porte. L’esito del GP di Melbourne ha lasciato aperti alcuni interrogativi quasi tutti dovuti alla poca linearità della gara ovvero alla bandiera rossa con conseguente cambio gomme durante l’interruzione della gara. Mi spiego meglio: chi vi scrive è più convinto che tra la vera fotografia di MB e Ferrari siano gli 8 decimi che Vettel ha rimediato nel Q3 in Australia anziché il primo stint del GP il giorno dopo.

Ora si corre a Sakhir (dove peraltro lo scorso anno Raikkonen mise assieme la miglior performance del suo 2015) con temperature sensibilmente più elevate rispetto alla prima gara dell’anno e quindi è ragionevole ipotizzare che, finalmente, le voci sui presunti problemi di degrado da parte di MB vengano vivaddio verificate su un banco prova importante come il Bahrein. Fermo restando che chi vi scrive resta persuaso che MB abbia messo assieme la pietra angolare dei due mondiali 2016, Piloti e Costruttori, in quei 5800km percorsi al Montmelò nei test la maggior parte dei quali su gommatura medium, ovvero la più strategica in gara per ovvi motivi.

Escluderei con ragionevole certezza (ma spero di sbagliarmi per amore dello Sport) che la questione a Sakhir non sia un affare privato tra MB e Ferrari ma mai dire mai.  Di sicuro dopo 3+1 GP terminati alle spalle del compagno di squadra mi aspetto un Lewis Hamilton in modalità “non si fanno prigionieri”, e la cosa mi fa riflettere sulla nuova procedura di partenza che contempla una sola frizione a mano e sul fatto se MB abbia fatto i compiti a casa oppure no (vista la strategicità di partir davanti sprecarne la potenzialità per via della nuova procedura è un peccato mortale che può costare molto caro in ottica mondiale).

Non penso che in condizioni neutre ovvero senza interventi da parte di MB il leader del Mondiale Nico Rosberg sia in grado di impensierire Lewis Hamilton, ma che anzi solo Lewis Hamilton di fatto sia in grado di impensierire se stesso. Ferrari a Melbourne ha perso una di quelle gare “strane” tipo le 3 che aveva vinto nel 2015, non avendo ancora di che battere MB sul piano della pura performance tutto questo rappresenta una doppia occasione persa da parte di Maranello. Usiamo questo post per commentare liberamente tutto il weekend di gara ossia FP1/FP2/FP3/Q/R, buon GP a tutti!

 

2016 F1 Rolex AUSTRALIAN GRAND PRIX Melbourne

Ci siamo: a quasi 4 mesi da Abu Dhabi 2015 riprende la rincorsa a Lewis Hamilton ed alla sua AMG Mercedes. Le curiosità sono tante: innanzitutto quantificare lo svantaggio Ferrari in condizioni di Qualifica e Gara ossia col duo MB che da tutto senza risparmiarsi (dando quindi per assodate 2 cose: 1 che Ferrari sia ancora indietro e 2 che MB si sia nascosta (ed alla grande aggiungo) a Barcellona). A mio parere gli spunti sono anche altri, ovvero verificare lo stato di forma di Redbull che potrebbe sopravanzare Williams come terza forza del mondiale (ometto per carità di Patria cosa potrebbe fare RBR con una PU della MB sia pure “clienti” come quella del team di Grove).

Il fatto che facciano fatica a farmi venire in mente altri teams oltre ai quattro già citati ed il fatto che il primo a venirmi in mente sia stato Haas la dice lunga sul cosiddetto “elefante nella stanza” che, giocoforza, la F1 volente o nolente dovrà prima o poi affrontare ossia il potenziale tracollo finanziario che minaccia alcuni teams (Force India e Sauber i primi due ai quali penso) e la mediocrità alla quale sembrano destinati altri (Mclaren Honda, Manor). Ragione per la quale mi sorprenderebbe se la quinta e la sesta forza del Mondiale non fossero per l’appunto Toro Rosso e Haas, naturalmente in quest’ordine. Meritevole di menzione il ritorno di Renault come Costruttore anche se a pelle la sensazione netta è che non abbiano a disposizione un budget che possa loro consentire di mettere il pepe sulla coda ai primi delle seconde linee (ossia RBR e Williams) nè in futuro nè tantomeno quest’anno.

Utilizziamo questo post e questo soltanto per commentare liberamente il weekend di Melbourne ossia FP1/FP2/FP3/Q/R. Un’analisi dettagliata della gara ove postare i commenti a bocce ferme verrà pubblicata da Morok alla mezzanotte di domenica.

Buon Mondiale a tutti dal Blog del Ring!!!!!!!!