#ONTHISDAY 20 ANNI DI GLORIA. L’IMPRESA DI IZUTSU E KAWASAKI

Era bello quando le “wild card” arrivavano sul circuito di casa e davano sonore lezioni di guida ai Piloti Titolari.

Oggi è diventata quasi un eccezione, anzi quasi impossibile. Però negli anni precedenti avveniva spesso, creando notevoli mal di pancia🤗

Sul circuito di Sugo (Giappone) sono state scritte pagine indimenticabili di storia ( un certo Doohan in sella ad una Yamaha nel 1988 vi dice niente⁉️)

#OnThisDay

Sono passati 20 anni da quando un “quasi 30enne” venuto da Osaka, mise a ferro e fuoco il paddock intero. Quello che sarebbe diventato (pochi mesi dopo) il Campione Nazionale Giapponese 2000 SBK vinse entrambe le manche, pole position e record del circuito in gara.

Izutsu in sella alla Kawasaki ZX7RR – Immagine WorldSBK

In sella al suo unicorno verde fece sognare milioni di appassionati, riportando al successo la verdona di Akashi dopo quasi 4 anni sulla pista di proprietà Yamaha (minchia signor Presidente…)

In gara 1 un rocambolesco incidente al via levò di mezzo sia Bayliss che Bonstrom, ed Haga, Edwards e Chili non poterono nulla contro la Furia del cavaliere verde.

In gara 2 andò in scena nuovamente lo show del Pilota Kawasaki che si mise a battagliare con il Campione Nazionale Giapponese in carica Yoshikawa. I Piloti Titolari nulla poterono contro lo strapotere imposto dal “Cavaliere di Akashi” che trionfò anche in gara 2, anzi sia Edwards che Haga ribadirono che…

“Con loro su questa pista è inutile rischiare, è un circuito molto particolare e loro sono dei matti. Non hanno nulla da perdere, noi ci giochiamo il Mondiale”

 

In testa Haga su Yamaha R7, sullo sfondo la verdona di Izutsu con i numero 64. Immagine WorldSBK

 

Quel giorno era il 30 Aprile 2000, venne scritta una pagina indimenticabile del Motorsport.

Quel Pilota è Hitoyasu Izutsu.

 

“Cavalieri di Akashi”

 

Francky

0

FORGHIERI AL BAR MOTORSPORT

In questo periodo l’astinenza da “competizione” aguzza spesso e volentieri l’ingegno. Al di là del proliferare delle varie gare virtuali sulle quali i giudizi sono contrastanti, ho avuto la fortuna di imbattermi per caso nelle dirette che Thomas Biagi sta facendo su YouTube a Facebook il lunedì sera.

(Immagine tratta da giornalesm.com)

Con pochissimi mezzi a disposizione e grazie alle sue conoscenze nel mondo delle corse Thomas è riuscito ad “inventarsi” il Bar Motorsport, un bar virtuale dove invita personaggi storici che possono parlare a braccio, senza una vera scaletta e con domande che possono essere fatte in tempo reale dal pubblico che interagisce in diretta da casa. Da questa settiman è anche riuscito ad aggiungere quel tocco di femminilità che mai guasta, anzi, visto che si parla di Veronique Blasi.

Mi permetto di scriverne perché ho trovato veramente appassionante il fatto che gli invitati parlino senza troppe formalità, raccontando la parte bella delle corse, gli aneddoti che giocoforza non possiamo conoscere e che raccontati ad anni di distanza dai diretti protagonisti hanno un sapore speciale.

E arriviamo al punto di queste righe, ovvero i racconti di Forghieri. Lunedì 27 aprile Biagi è riuscito ad avere proprio Furia che fino a quando è riuscito ad essere in collegamento, ha raccontato qualche perla delle sue. A sorpresa Thomas ha messo dentro anche il mitico Ezio Zermiani che ha aggiunto un po’ di sale e che nelle prossime settimane sarà protagonista di una puntata dedicata.

SERATA PANATHLON ALLA MASERATI

(Immagine tratta da Formulapassion)

Sentire raccontare le storie dall’Ingegnere è sempre emozionante. La sua voce ti affascina, ti porta indietro nel tempo, di fa tornare quello che nelle asettiche corse moderne spesso latita… LA PASSIONE.

Bello l’episodio raccontato di quando a Daytona si ritrova con un’auto distrutta al venerdì con il personale da mandare a riposare in vista della 24h. Chiede un uomo in aiuto a Chinetti (importatore Ferrari per il Nord America), che gli da un carrozziere per aiutare a ricostruire l’auto in una notte. Missione compiuta e Forghieri, non sapendo quanto dare al tecnico gli da 200$ che poi dovrà “giustificare” al Vecchio. A lui sembrò una spesa folle, salvo poi trovare in aeroporto il carrozziere che ripartiva da Daytona con il suo Jet privato.

(Immagine tratta da pinterest)

Anche Zermiani è stato “magnanimo” raccontando di quando dal Sestriere chiese un passaggio in elicottero a Gilles. Doveva andare a Torino nella sede Rai per montare il servizio che aveva appena finito di girare. Appena salì sull’elicottero vide una serie di cartine e mappe stradali e chiese a Gilles il motivo per cui le tenesse. Il canadese gli rispose candidamente come al solito: ho appena cominciato a volare e non so ancora come orientarmi, quindi seguo dall’alto le strade che percorrerei in auto…

Peccato che il collegamento con Furia si sia interrotto ma guardate il video: è una forma di espressione genuina molto distante da quello a cui la TV “preparata” ci ha abituato da ormai troppo tempo, ovvero lo spettacolo senza la passione. Qui io ne ho ritrovata. E il Bar Motorsport ha promesso che l’Ingegnere ritornerà con un altro appuntamento dedicato appena sarà possibile.

 

Per questo grazie a Thomas Biagi che lunedì prossimo ha in programma una nuova puntata con ospiti a sorpresa del passato.

A voi i commenti, grazie

Salvatore Valerioti

(immagine in evidenza tratta da CircusF1)

0

TB #21

Se chiudo gli occhi e penso al MOTOCICLISTA con tutte le maiuscole mi appare l’immagine di cui sotto.

(Immagine tratta da Motosprint)

 

Per un motociclista praticante non sempre questa immagine coincide con il più titolato o il più forte…più facilmente con chi gli ha regalato le emozioni più decise e toste. Se poi questo guida un’oggetto molto simile al tuo almeno nel nome e nella forma ed è quasi tuo coetaneo, ecco che immedesimarti è un attimo.

“Troy Bayliss ingaggiato da Ducati Corse per sostituire sua maestà King Carl Fogarty”

Mi sembrò di aver letto una barzelletta, una bestemmia visto chi andava a sostituire. E chi lo conosceva? Era il 2000…. Un’epoca in cui le informazioni viaggiavano ad una velocità decisamente inferiore.

Non sapevo che avesse vinto il BSB nel 1999 e che Ducati lo avesse spedito in Usa a vincere il campionato AMA SBK sulla Ducati Vance & Hines… si, proprio quella di Gobert e Bostrom…(pole al debutto sulla pista più facile del mondo….Daytona!).

 

(immagini del 1999 e del 2000 tratte da daiedegasforum)

Poi uno lavora anche, ha una propria vita familiare, sociale e non è che può seguire tutte le categorie possibili ed immaginabili del pianeta: non sapevo chi fosse….

Tardozzi e Ciabatti lo vogliono per la SBK mondiale in sostituzione di King Carl e lui debutta a Sugo sdraiandosi DUE volte DUE alla prima curva di entrambe le gare: complimenti eh! Lo sostituiscono per Donington con Luca Cadalora (ecco uno degno di Carl) ma tornano sui propri passi e lo rimettono in squadra a partire dal GP successivo in Italia.

Un pomeriggio di una domenica qualsiasi lui che fa? Va a Monza su una pista che aveva visto prima solo in Tv ed entra nel cuore dei ducatisti e dei motociclisti con uno dei più spettacolari sorpassi della storia delle moto.

A Monza ho messo le ruote della mia moto e, pur essendo un semplicissimo amatore, ho un’idea chiara di cosa voglia dire uscire dalla Parabolica e aprire la manetta al massimo arrivando a palla alla prima variante: fa spavento! Lui lo fa con 4 moto davanti e pianta una staccata passando in sequenza Yanagawa, Haga, Chili ed Edwards: guardandolo in Tv avrei scommesso la casa che non sarebbero bastate neanche le reti per fermarlo vista la differenza di velocità con cui ci si infilò rispetto a Colin che aveva già esagerato….. Eppure… con in sottofondo le urla di Gio Di Pillo entra per primo e resta in piedi..

Son passati vent’anni dal momento in cui mi innamorai di Troy. Tutto il 2000 fu una battaglia ad ogni curva con 4/5 piloti su moto diverse, perché oltre a quelli sopracitati c’era pure l’altro Aussie sull’Apriliona al secolo Troy Corser, un fermone, vero? Fu spettacolo ma non vittoria finale.

Il posto nel cuore dei Ducatisti conquistato sin da subito. Non era facile sostituire il mosto sacro Foggy, uno duro, cattivo, vincente e che non mollava mai. Lui ci riuscì. Con le stesse armi, con la stessa tenacia dell’inglese, ma con gli occhi dolci e gentili che si contrapponevano allo sguardo da Killer glaciale di Carl a cui i tifosi della rossa erano abituati.

Il mondiale arrivò l’anno dopo, già nel 2001 vinto davanti al Campione Mondiale in carica Colin Edwards e a quella Honda che aveva addirittura costruito una bicilindrica ad hoc per correre nel mondiale SBK e vincerlo.

Troy vince tre delle sei vittorie stagionali tra Monza e Misano: arriva all’ultimo appuntamento di Imola da campione in carica e vuole dare spettacolo. Ducati gli prepara una colorazione replica Paul Smart e lui ci mette l’anima per dare una gioia ai tifosi di casa. Da tutto, anche di più…. e si fracassa una clavicola in uscita dalla seconda delle Rivazza di gara 1: questo è TB21!

(Immagine tratta da Ducatistiblog)

Queste righe non vogliono essere un elenco delle sue vittorie e dei suoi numeri. Quelli li potete leggere ovunque. Credo che un pilota diventi un idolo in base a quante emozioni riesca a suscitare nei suoi ammiratori, in base a quanta gioia riesca a trasmettere con il suo modo di stare in pista e subito dopo fuori, appena si toglie il casco. E Troy è nato col sorriso stampato in volto, con la voglia di dare sempre il 100% ad ogni gara, ad ogni staccata ad ogni curva, anche quando perde, perché si è divertito ed ha divertito dando ogni goccia di sudore e spremendo ogni cavallo dalla sua moto ed ogni grammo di gomma dai suoi pneumatici..

E fu così anche il giorno della gara delle gare ad Imola 2002. Fu una sconfitta, ma appena tolto il casco fu un sorriso smagliante conscio di aver dato tutto. Io c’ero quel giorno, ero li nel retro paddock quando scese a firmare gli autografi dopo la cerimonia del podio che aveva consegnato a Edwards il suo secondo mondiale SBK. Lui era sorridente, soddisfatto di aver fatto e dato tutto ciò che poteva. A noi tifosi era bastato ed avanzato.

(immagine tratta da Bayliss.it)

Dopo la prima esperienza non esaltante in MotoGp, ad inizio 2006 se ne torna in SBK dove trova una nuova moto la 999 e soprattutto delle gomme nuove, le Pirelli al posto delle Michelin usate precedentemente anche in GP.

Naturalmente non ci sono parole, dichiarazioni pompose, adattamenti a moto e gomme… solo silenzio, sorrisi e manetta aperta…Vince il Mondiale un’altra volta.. A fine stagione va a Valencia per l’ultima della Stagione Motogp in sostituzione di Gibernau titolare infortunato: sale su un’altra moto “nuova” con gomme Bridgestone nuove e che fa? Vince il Gp promettendo di non salire mai più su una moto da Gran Premio….. per tutta la gara gli altri lo videro da questa inquadratura…

(immagine tratta da motorinews24)

Per capire l’anima di Troy dobbiamo però arrivare a Donington 2007 SBK. Toseland è forte e la Honda CBR anche: Bayliss vuole schiantare il suo avversario per il titolo proprio a in casa sua. In Gara 1 parte a bomba e se ne va riuscendo nel suo intento di accumulare un vantaggio esagerato in pochi giri. Avrebbe potuto cominciare a controllare la gara, ma Troy non ne è capace: si sdraia malamente fuori da una curva veloce e la mano gli resta sotto la moto al punto di massacrarsi un mignolo. Si precipita in clinica mobile per farselo amputare e correre gara 2: il dito se ne va, ma lui non può correre perché ha preso un colpo ad un testicolo che è gonfio come una arancia e lui manco se ne accorto.. Questo è Troy….

Quando sei il più grande devi smettere da vincente. Per il 2008 Ducati gli mette sotto il culo la nuova 1098 tutta da sviluppare: per lui sarà l’ultimo anno, l’ha promesso alla moglie, ma vuole lasciare il segno. Ha un inizio di stagione sfavillante ma le Yamaha di Haga e Corser non gli rendono la vita facile. Potrebbe chiudere il discorso a Vallelunga con quattro gare di anticipo e invece si ingarella con Haga dando l’anima fin quando non esagera e va a raccogliere la ghiaia col culo nel corso dell’ultimo giro..

Tardozzi ebbe il suo da fare per tenerlo calmo… ma per l’appuntamento di Magny Course in Francia ci riesce. Lo convince a trattenersi in gara uno e con il terzo posto arriva anche il terzo mondiale…

E’ la liberazione. Quando Troy corre senza dover far calcoli è semplicemente divino, imbattibile.

Vince gara due e fa doppietta nell’ultimo appuntamento stagionale di Portimao chiudendo da imbattuto ed imbattibile. Tolto il casco saluta tutti da RE con di fianco la moglie felice di averlo finalmente tutto per se…

La carriera agonistica di Troy si chiude a 39 anni, con un decennio in cui ha dato spettacolo e trasmesso la gioia di correre ai suoi tifosi. Il “carrozziere di Taree” si ritira da Campione del Mondo. Mai una parola fuori posto, mai una lite, mai un bisticcio nonostante le carenate date e prese in pista. Sempre e solo gioia straripante dai suoi occhi ogni volta che toglieva il casco.

Resta l’unico pilota in grado di vincere con quattro moto completamente diverse della stessa marca in due categorie differenti…se non è un’icona Ducati lui chi mai?

(Immagine tratta da ducatistiintegralisti.it)

Grazie Troy

Firmato un tuo tifoso..

Icemankr7

 

(immagine di copertina tratta da Worldsbk.com)

0

FORMULA ONE SEASON REVIEW: 1994

“A volte nella vita non ottenere quello che si desidera è uno straordinario colpo di fortuna” – Anonimo

Ayrton Senna voleva salire sulla Williams Renault dal momento in cui, dopo pochissime gare del Mondiale 1992, aveva capito che la Scuderia di Sir Frank e Patrick Head (ma anche e soprattutto Adrian Newey) aveva messo in pista una Mp4/4 ed avrebbe fatto lo stesso negli anni successivi. Come scritto nella review del 1992 Prost fu più lesto mettendo le mani su un sedile Williams per il 1993 ed assicurandosi di non avere il Paulista dall’altro lato del box. Quando però fu chiaro che, col Mondiale vinto passeggiando, Prost si sarebbe ritirato l’accordo tra il Paulista e la Williams fu siglato al volo per il 1994. Tutto bene quindi? Nemmeno per idea: la rivoluzione tecnica di fine 1993 col ban di tutti i driving aids elettronici (quindi parliamo delle sospensioni attive come del traction control e di molto altro) non solo rese imprevedibili e pericolose tutte le monoposto ma spezzò nettamente l’egemonia tecnica Williams che arrivava da un dominio assoluto nel Piloti come nel Costruttori sia nel 1992 che nel 1993. Fu palese fin da subito che Senna sulla nuova Williams FW16 non si trovava affatto a suo agio. Ma proprio per niente: scarso feeling di guida e pessimo comfort nell’abitacolo. Praticamente dai primissimi test ad Estoril comincia un certosino lavoro di “taglia e cuci” dettato dal Paulista a Newey concernente per l’appunto sia il feeling di guida che il comfort durante la stessa. Di fatto sarà tutto inutile, la FW16 resta una bestia imbizzarrita che Senna metterà comunque in pole nelle prime tre gare stagionali disputate attingendo a piene mani dalle sue riserve extra di talento rispetto alla concorrenza. L’incidente fatale al Tamburello del primo maggio verrà provocato dal cedimento del piantone dello sterzo in seguito all’ennesima modifica richiesta dal Paulista nel weekend di gara ed effettuata con colpevole dabbenaggine dal box Williams. Il processo che seguì la scomparsa di Senna vide come da copione un solo Uomo deporre come Cristo comanda ossia Michele Alboreto. Il quale non ebbe problema alcuno a dichiarare che l’escursione del volante della FW16 di Senna che si vedeva dal cameracar non poteva assolutamente esser definita “normale” ma che anzi dimostrava appieno l’anomalia di funzionamento che portò alla tragedia. Il 1994 con anche la scomparsa di Roland Ratzenberger durante il funesto weekend di Imola assieme a svariati altri  incidenti di varia gravità (Alesi al Mugello durante test privati, Barrichello sempre ad Imola, Wendlinger a Monaco, Montermini al Montmelò, Berger a Monza) e la patetica chiusura del recinto a buoi scappati col raffazzonamento alla bene e meglio dei circuiti del Mondiale (Barcellona, Montreal, Hockenheim, Spa, Monza) segnò di fatto la fine della F1 degli Eroi per gettare le basi di quella dell’Audience portato all’estremo, degli Sponsors, delle Hospitalities, delle gare corse in mezzo al nulla in Stati col PIL in crescita fissa a doppia cifra grazie al fatto che l’1% della popolazione detiene il 99% della ricchezza. E, per finire, dei Socials. Una nuova F1 che, semplicemente, non poteva permettersi il lusso della Morte in mondovisione ma che, quando 20 anni dopo si ritroverà a fare i conti con l’evitabilissima tragedia del compianto Jules Bianchi a Suzuka, reagirà nello stesso modo ipocrita col quale reagì il 2 maggio 1994

THE 1994 BRAZILIAN GRAND PRIX: INTERLAGOS, MARCH THE 27TH

(FOTO DA TWITTER)

Pole di Senna, vittoria del Kaiser. In mezzo un sorpasso a cavallo dei reintrodotti rifornimenti in corsa ed il Paulista che si gira alla Juncao mentre prova a rimontare. Alesi chiude terzo su una Ferrari dal nome altisonante, 412T, che richiama i fasti di 20 anni prima ma che è un ferro da stiro capace di andar forte solo sul dritto. Chiuderà doppiato preceduto da un ottimo Hill

THE 1994 PACIFIC GRAND PRIX: AIDA, APRIL THE 17TH

(FOTO DA FORMULAPASSION)

Altra pole d’ordinanza di Senna, altro ritiro. Stavolta addirittura alla prima curva complice un contatto con Hakkinen prima e Larini, che correrà qui e ad Imola in sostituzione di Alesi (infortunatosi con la 412T al Mugello durante dei test privati), sopraggiunto a frittata già fatta. Sul pessimo tracciato nipponico si impone nuovamente il Kaiser che vola già via nel Mondiale Piloti

THE 1994 SAN MARINO GRAND PRIX: IMOLA, MAY THE 1ST 

(FOTO DA PINTEREST E DA MOTORSPORT IMAGES)

THE 1994 MONACO GRAND PRIX: MONTECARLO, MAY THE 15TH

(FOTO DA YOUTUBE)

La F1 arriva a Monaco portandosi appresso un clima surreale. Il Re non c’è più, il nuovo Re sta vincendo in carrozza il Mondiale e la FIA non sa che pesci pigliare dopo il palese fallimento del cambio regolamentare ormai sotto agli occhi di tutti. Non si fa nemmeno in tempo a scendere in pista che Karl Wendlinger sbatte violentemente alla chicane dopo il Tunnel e finisce in coma. Se la caverà ma è un altro choc ad un mondo già scosso. Pole e vittoria vanno al Kaiser che fa così 4 su 4

THE 1994 SPANISH GRAND PRIX: BARCELONA, MAY THE 29TH

Andrea Montermini (ITA) Simtek S941 was injured during free practice and could not take part in the race.
Spanish GP, Barcelona, 29 May 1994

Il carrozzone “regala” un altro incidente serio anche al Montmelò ove Montermini sbatte violentemente uscendo dall’ultima curva ed è costretto a dare forfait per il resto del weekend di gara. Compare così una chicane  posticcia fatta con dei pneumatici in mezzo al T3 per evitare volutamente di prendere a velocità troppo elevata la curva dell’incidente in questione ma anzi farla affrontare in accelerazione (che poi sarà il principio ispiratore della modifica alla seconda di Lesmo). La gara segna il primo successo dell’anno di Hill che precede il Kaiser il quale corre più di mezza gara col cambio bloccato in quinta. Debutta sulla seconda FW16 David Coulthard dopo che Sir Frank prova a convincere Patrese senza riuscirci

THE 1994 CANADIAN GRAND PRIX: MONTREAL, JUNE THE 12TH

(FOTO DA YOUTUBE)

Il Kaiser torna al successo sul Gilles Villeneuve di Montreal che, come il Montmelò, presenta una chicane extra posticcia nel T3. Le due Ferrari chiudono terza e quarta

THE 1994 FRENCH GRAND PRIX: MAGNY COURS, JULY THE 3RD

Magny-Cours, France, 30th June – 2nd July 1994, RD7.
Nigel Mansell returned to Williams for the French Grand Prix but retired on lap 45 with gearbox issues. Action.
Photo: LAT Photographic/Williams F1. Ref: 1994williams10

La notizia del weekend è il ritorno del Mansueto sulla Williams al posto di DC. Ad onor del vero Hill gli starà davanti per tutto il weekend ma non basterà per evitare la sesta vittoria del Kaiser in sette gare. Altro podio per la Ferrari con Berger stavolta

THE 1994 BRITISH GRAND PRIX: SILVERSTONE, JULY THE 10TH

(FOTO DA PINTEREST)

Un Team che corre irregolarmente col traction control, bandito dalla Federazione alla fine dell’anno prima, e che la gara dopo rischierà di bruciar vivo pilota e meccanici al pit avendo eliminato un filtro dal bocchettone di rifornimento (al fine di risparmiare due o tre centesimi a rifornimento) dice al proprio Pilota di ignorare la bandiera nera espostagli per oltre 10 giri di fila (ad onor del vero in ossequio ad una regola particolarmente stupida ossia aver sopravanzato di poco il poleman al via del giro di formazione). Il Pilota chiude al secondo posto, che non solo perderà per squalifica ma che gli costerà pure due gare di stop come penalità. Hill, vincendo qui come nelle due gare di stop ed anche nell’altra in cui il Kaiser verrà squalificato (Spa), tornerà prepotentemente in corsa per il Mondiale Piloti. Secondo podio dell’anno per Mika Hakkinen su Mclaren Peugeot

THE 1994 GERMAN GRAND PRIX: HOCKENHEIM, JULY T HE 31ST

1994 German Grand Prix.
Hockenheim, Germany.
29-31 July 1994.
Gerhard Berger (Ferrari) 1st position, Olivier Panis (Ligier Renault) 2nd position and Eric Bernard (Ligier Renault) 3rd position behind on the podium.
Ref-94 GER 17.
World Copyright – LAT Photographic

E fu così che Ferrari tornò alla vittoria dopo quasi 4 anni dal successo di Jerez nel Settembre del 1990. Questa vittoria rappresenterà a tutti gli effetti la fine del periodo più nero della Storia Rossa recente anche se la strada per l’iride sarà ancora lunga. Berger vince con merito grazie anche a circostanze particolarmente favorevoli tra le quali un maxi-incidente al via che leva di mezzo parecchi rivali pericolosi ed il V8 Ford del Kaiser che va arrosto mentre lo insegue attaccato ai suoi scarichi. Sorrisi amari per Alesi durante i festeggiamenti al box Ferrari per il suo V12 saltato per aria una curva dopo il via (sic). Come anticipato nel report della gara precedente la Benetton si produce nel tremendo spettacolo qua sotto ai box. Nota ilare: primo GP di Fiorio come TP Ligier e doppio podio per la scuderia francese. Prost, al lavoro come commentatore della TV transalpina, credendosi fuorionda si produce in un:”ma che razza di culo quello là ad andare a podio con due Piloti su quel cesso di macchina che si ritrovano”. L’ammmmore

(FOTO DA LAT IMAGES)

THE 1994 HUNGARIAN GRAND PRIX: BUDAPEST, AUGUST THE 14TH

(FOTO DA SUTTON IMAGES)

Quando il Kaiser, dopo la delusione di Hockenheim, commentando il doppiaggio della Ferrari a Budapest disse “la Ferrari è tornata al posto che le compete” pensai “bello stronzo”. In realtà era solo pragmatismo tedesco, la 412T B o non B non curva comunque quindi a Budapest non ha speranze. Contrariamente a lui che mette invece a segno un’altra vittoria davanti ad Hill ed al compagno di squadra Jos the Boss Verstappen al primo dei due suoi podi stagionali

THE 1994 BELGIAN GRAND PRIX: SPA, AUGUST THE 30TH 

(FOTO DA TWITTER)

Come noto a Spa si corse con l’oscena chicane alla salita verso il Radillon. Fortunatamente scomparve già l’anno dopo in favore di vie di fuga infinite su tutto il tratto in questione. Pole (la prima in carriera) di Barrichello in condizioni variabili, vittoria del Kaiser che però verrà squalificato per consumo eccessivo del pattino in legno sul fondo dell’auto probabilmente dovuto ad una violenta scordolata durante un traversone in gara sull’umido. Hill non solo eredita la vittoria ma approccia i due weekend di gara successivi sapendo che il Kaiser non sarà in pista per scontare la squalifica dovuta ai famigerati fatti di Silverstone

THE 1994 ITALIAN GRAND PRIX: MONZA, SEPTEMBER THE 11TH

1994 Italian Grand Prix.
Monza, Italy.
9-11 September 1994.
Jean Alesi leads teammate Gerhard Berger (both Ferrari 412T1B’s) with Johnny Herbert (Lotus 109 Mugen-Honda) behind at the start.
Ref-94 ITA 04.
World Copyright – LAT Photographic

Leviamo dal tavolo i malintesi: questa gara Alesi non la vinceva nemmeno se evitava di distruggere il cambio sfrizionando compulsivamente a 20.000 giri in folle durante il suo primo pit coi noti risultati quando innestò la prima (sic). Il motivo è estremamente semplice: avrebbe fatto un pit in più rispetto ad Hill il quale lo stava seguendo come un’ombra quando si fermò per non ripartire più. Damon vince in solitudine mentre Coulthard rompe il motore alla Parabolica col traguardo in vista venendo comunque classificato sesto. Il suo secondo posto l’eredita l’acciaccato Berger fresco reduce da uno schianto pauroso alla Roggia durante le prove

THE 1994 PORTUGUESE GRAND PRIX: ESTORIL, SEP. THE 25TH

1994 Portuguese Grand Prix.
Estoril, Portugal.
23-25 September 1994.
Gerhard Berger (Ferrari 412T1B) leads David Coulthard, Damon Hill (both Williams FW16B Renault’s), Jean Alesi (Ferrari 412T1B), and Mika Hakkinen (McLaren MP4/9 Peugeot) at the start.
Ref-94 POR 03.
World Copyright – LAT Photographic

Il fuoco di paglia iniziale di Berger illude ma non dura, le Rosse si ritirano entrambe ed Hill vince davanti a Coulthard ed Hakkinen (al quinto podio stagionale, il terzo consecutivo). Damon ha fatto quel che doveva vincendo le due gare in cui il Kaiser sarebbe stato assente e nelle quali la Benetton segna 2 soli punti (!!!)

THE 1994 EUROPEAN GRAND PRIX: JEREZ, OCTOBER  THE 16TH

1994 European Grand Prix.
Jerez, Spain.
14-16 October 1994.
Damon Hill (Williams FW16B Renault) leads Michael Schumacher (Benetton B194 Ford), Heinz-Harald Frentzen (Sauber C13 Mercedes), Gerhard Berger (Ferrari 412T1B) and Rubens Barrichello (Jordan 194 Hart) at the start.
Ref-94 EUR 10.
World Copyright – LAT Photographic

Il Kaiser torna in pista ed ovviamente vince, davanti al solito Hill ed Hakkinen.  Ferrari quinta e decima in crisi come sempre sui tracciati misti in barba alla “B” messa dopo la sigla 412T

THE 1994 JAPANESE GRAND PRIX: SUZUKA, NOVEMBER THE 6TH

(FOTO DA FORMULAPASSION)

Capolavoro assoluto di Hill che vince una gara bagnatissima disputata in due manches ed assegnata per somma dei tempi. Il Kaiser giunge secondo precedendo Alesi il quale vince uno spettacolarissimo duello con Mansell protrattosi per molti giri. Il Gran Premio d’Australia deciderà il Mondiale coi due contendenti divisi da un solo punto

THE 1994 AUSTRALIAN GRAND PRIX: ADELAIDE, NOV.  THE 13TH

Michael Schumacher (GER) Benetton B194 is catapulted into the air after colliding with Damon Hill (GBR) Williams FW16. As both drivers retired Schumacher was controversially crowned World Champion.
Australian Grand Prix, Adelaide, 14 November 1994.

Che il Kaiser fosse particolarmente nervoso lo si capì già il venerdì quando la sbranò contro il muro nello stesso punto in cui andrà poi solamente a “baciarlo” in gara. Che poi Hill fu così naive da provare a passarlo in un punto dove in tutte le edizioni precedenti si vide un solo sorpasso, Senna su Mansell nel 1986 al primo giro, ben sapendo che andava ad attaccare il Distinto Gentiluomo di Macao 1990 non ci piove

Col duo di testa fuori dai giochi ed il Mondiale assegnato al Kaiser Gerardo si inventa una delle sue celeberrime coglionate andando lungo alla curva “Hakkinen 1995” e regalando quella che poi sarà l’ultima vittoria in carriera al Mansueto. In Williams il dispiacere per Hill non dura nemmeno fino alla bandiera a scacchi già che han vinto a mani basse il WCC. Si chiude un anno terribile nato male col ban delle sospensioni attive, che portò in pista vetture pericolosissime, proseguito peggio con la storpiatura posticcia dei tracciati e conclusosi ignobilmente con la già citata manovra della quale sopra. In mezzo le tragedie di Ayrton e Roland, il grave incidente a Wendlinger e quello a Montermini, ma anche quelli Rossi con Alesi al Mugello e Berger a Monza. L’innocenza che la F1 pensava di aver riconquistato dopo otto anni senza vittime era persa definitivamente stavolta

 

1+

BELLA ED IMPOSSIBILE – La “KR”

Direte… “Sì ma quella in evidenza è la staccatona di Toni Elias alla fine del rettilineo dell’Estoril… Quella in cui fece piangere talmente tanti appassionati che provarono a replicarla con le loro moto in pista…

Focalizzati sul numero 10. Quella è stata la più riuscita delle moto “KR”.

Partendo dal principio scopriamo che il marziano (KR Sr) chiude i rapporti con Yamaha e decide di fare in proprio presentandosi con una moto di “Proprietà”.

Nacque la KR.

Motore 3 cilindri a 2 tempi che sviluppava 178 CV…. Un mostro ⁉️ No, una favola. Scegliere di competere “in proprio” nel Mondiale dei prototipi è una favola che pochi ci hanno regalato.

Quella moto ebbe pochissimo successo (come normale che sia) soprattutto nei primi anni di vita. Dal 1997 al 2000 correrà sotto le insegne “Modenas” mentre dal 2001 al 2003 sotto le insegne “Proton”.

Proprio in questi anni, a cavallo del salto generazionale tra 500 e MotoGP la scuderia di Kenny ingaggia  per la KR3 due Piloti che danno tanto gas…. Aoki e McWilliams.

Proprio Jeremy regala, in quel di Phillip Island,una pole stratosferica nel 2002 in sella a quel gioiello argentato, una due tempi contro le nuove MotoGP….

Jeremy McWilliams in sella alla KR3 sul circuito di Phillip Island nel 2002. Per lui una magnifica pole position. Immagine Motograndprix.com

Dopo molte gare corse anche in MotoGP, con la 3 cilindri, finalmente viene presentata la KR5 con un nuovo motore 5 cilindri a V.

La KR5 (2005). Il numero 67 lo riconoscete? È quello di “Shakey” Byrne, il pluridecorato Campione del BSB. Immagine MotoGP.com

Al progetto prende parte niente di meno che Jonh Barnard (si si… Quel Jonh Barnard, quello della F1). Purtroppo la moto, costruita per la categoria MotoGP, fu un flop clamoroso.

Ancor più grande fu il tonfo nel 2005 quando la KR si affidò al motore KTM (in foto sopra), tanto che Kenny Roberts Jr scappò di corsa lasciando il posto al fratello Kurtis.

Poi arrivò lei…

KR211V – Non servono altre parole…

Arrivò anche qualcos’altro oltre a lei, la KR211V… Arrivò il motore 5 cilindri a V Honda e la KR iniziò a volare letteralmente.

Gommata Michelin, il pilota di punta Kenny Roberts Jr sfiorò la vittoria. Sì piazzò a podio in Catalogna ed all’Estoril chiudendo la classifica finale al 6° posto, mettendosi dietro Piloti come Edwards, Stoner (Honda LCR), Gibernau ed altri con moto ufficialissime….

” Quello fu il canto del cigno di una moto che ha affascinato tantissimo chi vi scrive, perché le moto più belle sono quelle che ti emozionano di più”…

… E nulla è più emozionante di una favola…

KR

 

Francky

P.S. Una chicca da gustarvi, se non l’avete già fatto, sulla KR3…

https://youtu.be/fYqhje4lvaY

 

 

0