WSBK 2019- Round Misano Rea batte Bautista 2 a 1

Il commento al weekend romagnolo non può che cominciare con una menzione d’onore per l’eroe di giornata Toprak Razgatliogu. Oggi ha dato valore assoluto al prezzo del biglietto ed al tempo trascorso di fronte alla Tv. E’ stato autore di una gara sublime ed è senza ombra di dubbio MVP dell’intero weekend. La vittoria in gara due sarebbe stata strameritata solo per il modo in cui il turco intraversava la sua Kawasaki privata all’entrata della curva del Tramonto, facendoci credere di essere in gara con una supermotard piuttosto che con una maximoto da pista. Fantastiche le sue staccate a ruota posteriore alzata a pochi centimetri da un Rea che si è dovuto sudare la vittoria più di quanto lui stesso potesse immaginare. Il turco ha pelo da vendere e ne risentiremo parlare spesso. Oggi mi ha ricordato un tale Noriyuki Haga.

Il weekend ha premiato Rea che si è portato a casa le due vittorie nelle gare principali contro un Bautista che ha vinto solo la Superpole race.
Il bottino finale dei punti è ampiamente a favore del britannico che, seppur caduto al Tramonto nella gara sprint della domenica mattina, è riuscito a perdere pochissimo tempo finendo comunque quinto. Alvaro ha invece pagato carissima la distrazione avuta in gara due: ha perso l’anteriore all’inizio del secondo giro in una curva lenta a destra esattamente come a Jerez, ed ha perso tanto tempo al punto che la sua successiva rimonta è stata avara di posizioni e punti mondiali.
Sul bagnato del sabato abbiamo assistito al primo podio BMW/Sykes ed ad una bella gara del rientrante Baz (quarto) sulla Yamaha dell’altro rientrante team Ten Kate.
La Superpole race non ha avuto storia con un Bautista imperioso sul gradino più alto del podio completato dalla Yamaha di Lowes e dalla Kawasaki di Haslam che ha superato all’ultimo giro Tom Sykes, piantato in asso dalla sua Bmw mentre stava replicando il podio del giorno prima.

Event Participant during RedBull Yanmala in Ankara, Turkey on October 25th, 2014

(Immagine tratta da redbull.com)

Gara due di domenica ha visto quindi la grande battaglia portata in pista da un Razgatlioglu che ha venduto carissima la sua pelle ad un Rea che si è trovato in casa un rivale inaspettato e sconosciuto nel corpo a corpo. Purtroppo il turco non è riuscito nell’impresa totale ma ha raggiunto un secondo posto con la Kawa di Puccetti che vale la vittoria tra gli indipendenti più bella che potesse immaginare.
L’analisi globale del fine settimana romagnolo porta a delle considerazioni generali sulla Panigale V4: la moto è competitiva solo nelle mani di Bautista. Kawasaki e Yamaha sono globalmente più equilibrate. Seppur anche loro vittoriose con un solo pilota, ovvero Rea per Kawa e Van Der Mark per Yamaha, in gara si comportano mediamente meglio stando costantemente davanti al resto delle Ducati al netto di cadute. Né Davies, né il buon Pirro oggi, né gli altri piloti danno l’impressione di poter combattere con i rivali giapponesi. La stessa bellissima gara di Rinaldi con la V4 del team Barni è stata resa tale dall’assenza dell’olandese e dalle cadute di Bautista, Cortese e Melandri.
A Borgo Panigale dovranno porre rimedio quanto prima. Alvaro guida in maniera eccelsa, con linee diverse da chiunque altro, ma un costruttore come Ducati non può permettersi di mettere in pista una moto che possa essere sfruttata da un solo pilota. Storicamente Ducati non è mai stata così ed urge trovare a breve le soluzioni necessarie per renderla più sfruttabile per gli altri piloti. Davies (in ormai in evidente stato confusionale) non è in grado di stare vicino ai primi né in prova né in gara anche quando le cose gli vanno lisce e non incappa in problemi. Rumors parlano già di punti di vista differenti in merito al rinnovo delle spagnolo che comunque ha ancora ambizioni in MotoGP. Non avere più i servizi di Alvaro per il 2020 e contemporaneamente neanche una moto “fruibile” da tutti è un potenziale pericolo dietro l’angolo.
Il Mondiale si è quindi riaperto con i due di testa separati da soli sedici punti, che restano un inezia considerata la superiorità mostrata sinora dallo spagnolo al netto delle due distrazioni avute. Pensare di complicare la situazione con discorsi di mercato potrebbe portare a perdere un mondiale che sembrava già vinto a mani basse dopo il filotto record di vittorie ad inizio stagione.
Alla prossima.

Salvatore Valerioti

immagine in evidenza tratta dal sito worldsbk.com

0

2019 WSBK – RIVIERA DI RIMINI ROUND

Di nuovo tappa in Italia per il settimo round del mondiale 2019 della Superbike, ospiti del Marco Simoncelli Circuit a Misano Adriatico.

Si arriva da un round spagnolo ricco di colpi di scena e di “colpi” proibiti con penalità elargite a tutto spiano, che hanno visto finalmente un nuovo vincitore in Van der Mark, terzo pilota dopo Rea e Bautista a vincere una gara in questo 2019.

In termini di classifica generale si potrebbe dire tranquillamente “tanto rumore per nulla”, nel senso che tra cadute e vittorie, le tre gare di Jerez hanno lasciato praticamente invariato il distacco tra Bautista e Rea, fissato a 41 punti.

Il tracciato romagnolo sembra essere un’ottima occasione per Rea per accorciare il distacco in classifica, galvanizzato dai test effettuati di recente proprio a Misano e sicuro di avere la velocità per mettere in difficoltà Bautista. Ad aiutarlo una Kawasaki che ha portato aggiornamenti in chiave elettronica e che sembra possa portare buoni frutti.

immagine da motoblog.it

Dall’altro lato della barricata Bautista deve riscattare il weekend in chiaro-scuro di Jerez, che nonostante due vittorie su tre ha visto calare, seppur di pochi punti, il vantaggio in classifica nei confronti di Rea. La fiducia non manca, il tracciato è già noto allo spagnolo e poi c’è sempre la consapevolezza di aver vinto ben 13 gare quest’anno.

Anche Davies deve riscattare tre brutte gare a Jerez e dovrà guardarsi anche dalla wild-card di lusso che correrà a Misano, Michele Pirro, uno che quando lo si chiama in causa risponde sempre presente.

Anche per Yamaha potrebbe essere un bel weekend, a maggior ragione dopo i fasti di Jerez. Van der Mark arriverà davvero carico e voglioso di tornare a vincere, così come Lowes che deve dimenticare i “motoscontri” avuto con Rea a Jerez.

Il team satellite GRT invece parte con l’handicap della penalizzazione di Melandri, affibbiatagli dopo il contatto con Davies in gara 2 in Spagna. Weekend quindi già in salita per il ravennate che sarà comunque voglioso di fare bella figura in casa propria.

BMW e Sykes impazienti di provare il nuovo motore che dovrebbe consentire al pilota inglese di essere più della partita per le posizioni che contano. A questo si aggiunge una rinnovata serenità personale dopo il problematico divorzio dalla ex-moglie.

La novità più importante di Honda sarà il fatto che Leon Camier non sarà presente neanche a Misano, in ripresa dall’infortunio alla spalla. al suo posto correrà nuovamente Takahashi in coppia con Kiyonari, anche se non ci si aspetta sfracelli da parte dei due piloti giapponesi.

immagine da davidemontella.it

Altre novità in griglia per quanto riguarda Laverty, ancora non in  grado di guidare e sostituito da Lorenzo Zanetti che ha vinto il ballottaggio con Savadori. A questo di aggiunge la wild-card Samuele Cavalieri, 22enne che sta andando forte nel CIV, il che porta a sei il numero di Ducati presenti in pista a Misano.

Il gran caldo atteso sarà una variabile di non poco conto in ottica gara, e potrebbe scompaginare gli equilibri visti fino ad ora. Di sicuro ad aumentare la temperatura in pista ci penseranno Bautista e Rea, con quest’ultimo che ha già dimostrato quanto possa essere imprevedibile in caso di “vena chiusa”…

Attesi molti tifosi sulle tribune, sperando che i ducatisti possano regalare la gioia della vittoria che gli è stata negata in quel di Imola.

*immagine in evidenza da laperlariminihotel.it

Rocco Alessandro

 

0

F1 2019 FRENCH GP: AN INTRODUCTION

Bisogna ammettere che Liberty Media/FIA sono davvero dei geni del male. Uno pensa che una vittoria di Vettel e della Ferrari in Canada possa riaccendere le speranze di avere un mondiale un po’ meno monocromatico rispetto a quanto visto fino a questo momento.

E in effetti la vittoria dei “rossi” arriva ma viene derubricata a secondo posto per una inflessibile eppure stolida decisione dei commissari di gara che puniscono Vettel per una manovra difensiva al limite che in altri tempi, quelli degli idoli dei piloti di oggi, sarebbe stata accompagnata da un banale commento quale “It’s racing…”.

La genialità (involontaria?) del dinamico duo LM/FIA sta proprio nell’aver creato un caso mediatico con inevitabile coda polemica e ricorsuale che ci accompagnerà per molto tempo. E fa arrivare i due protagonisti e relative squadre con una dose di tensione extra rispetto al solito. Più tensione, più interesse, più battaglia. Il tutto con il filotto di vittorie Mercedes ininterrotto da inizio stagione.

Il precedente dello scorso anno, tra l’altro, fa bene sperare il suddetto dinamico duo, quando Vettel centrò Bottas dopo lo start rovinando la sua gara e prendendo una penalità. Un eventuale “incontro ravvicinato” tra i piloti dei due team andrebbe tutto a favore di un’esacerbazione dei rapporti tra Ferrari e Mercedes e relativi sottoposti. Carey/Todt già si sfregano le mani…

immagine da it.eurosport.com

Al di là di queste vanesie speculazioni, il Gp di Francia potrebbe essere interessante giusto nelle fasi dopo lo start. Anzi, l’ottima prestazione Mercedes a Montreal fa capire quanto più la Mercedes sia migliorata nei suoi punti deboli rispetto alla Ferrari.

Vero che in Francia le rosse si presenteranno con qualche novità aerodinamica che anticipa un ben più corposo aggiornamento previsto per Silverstone, ma non sembra abbastanza per affermare che possano essere assolute protagoniste al pari di Mercedes.

Il menomato circuito del Paul Ricard è un circuito da medio carico, con tratti ad alta velocità (peccato per il rettilineo del Mistral troncato a metà da una chicane…), curve lente e una in appoggio ad alta velocità, con almeno tre frenate importanti. Il tutto necessita di una monoposto con bilanciamento aerodinamico, buona trazione e stabilità in frenata con rischio di bloccaggi.

La recente riasfaltatura ha reso il manto stradale più liscio e quindi più gentile nei confronti delle gomme, ma una grossa incognita saranno le temperature che potrebbero aumentare il degrado, considerando che sono previste temperature atmosferiche piuttosto alte.

Pirelli ha scelto di portare le specifiche C2, C3 e C4, in pratica medium, soft e ultrasoft in specifica 2018, sempre con l’obbiettivo di poter permettere ai piloti di minimizzare l’impegno nella gestione degli pneumatici in gara.

immagine da press.pirelli.com

Dal punto di vista del numero di set scelti, Ferrari e Mercedes si sono perfettamente copiati, seguiti da Gasly mentre Verstappen ha optato per un treno di C3 in più. Come successo in Canada, si proverà la possibilità di passare il taglio in Q2 con la C3 in modo da assicurarsi una gara con un solo pit stop. I team del mid-field si sono tendenzialmente orientati su mescole più morbide.

Importante sarà evitare di raffreddare le gomme anteriori nel lungo rettilineo del Mistral e di evitare il graining della gomma più sollecitata, l’anteriore sinistra. Rispetto a Barcellona abbiamo pressioni di gonfiaggio sensibilmente più alte, 0.5 psi in più.

Ancora una volta, l’occasione sembra ghiotta per la Mercedes e Hamilton per quanto riguarda la vittoria e l’incrementare ulteriormente il vantaggio di punti sull’immediato inseguitore Bottas.

Come già detto, Ferrari porterà qualche aggiornamento aerodinamico e la caratteristica di avere poco drag in rettilineo accoppiata alla potente PU potrebbe consentirle di avvicinarsi alle prestazioni Mercedes.

Red Bull dovrebbe portare aggiornamenti sia di motore che di aerodinamica, consentendole di avvicinarsi a Ferrari, in una situazione simile al Gp di Spagna. Renault si aspetta molto dal Gp di casa, in quanto farà esordire corposi aggiornamenti di aerodinamica che, secondo le aspettative, dovrebbe consentirle un bel salto prestazionale.

Binotto ha già messo le mani avanti affermando che questo Gp assomiglia molto di più a quello di Spagna che a quello canadese. Ergo, differisce ancora nel tempo una ormai sempre più improbabile riscossa ferrarista in ottica mondiale. Rumors indicano che a Silverstone ci sarà una Ferrari sostanzialmente diversa, con più carico e più drag, vedremo che frutti porterà tutto questo lavoro.

Dall’altra parte della barricata gli anglo-tedeschi non devono fare altro che proseguire nel lavoro che hanno già sapientemente messo in campo da quest’inverno. Sono stati cani da caccia l’anno scorso e sono lepri quest’anno, due situazioni che sanno gestire bene, per cui non ci si devono aspettare “regali” inaspettati.

Chiudiamo con una “curiosa” polemica aperta da Kubica nei confronti della sua squadra, accusandola più o meno velatamente di favorire le prestazioni di Russell a discapito delle sue. In questi casi il rischio di apparire ridicoli è alto e se non fosse per la specchiata professionalità del pilota polacco, sarebbe scontato bollare il tutto come una sciocchezza. In ogni caso è l’ennesimo aspetto negativo della stagione di Kubica, che, al di là della pochezza delle Williams sembra davvero aver poco da dire nella sua seconda parte di carriera in F1.

*immagine in evidenza da ilpost.it

Rocco Alessandro

 

0

Il pentacampeón fa il rookie e stende il campionato ai piedi di Marquez

Dovendo scrivere del Gran Premio di Catalogna mi sono venute le idee più strane.

Ho pensato, in ordine sparso, che “la fortuna aiuta gli audaci” riferendomi al vincitore ma nell’occasione ha “solo vinto” e non è stato artefice di gesta epiche che giustificassero il titolo (dell’articolo).

Ho pensato a “il primo strike con la moto nuova” cercando un improbabile rinverdimento del (brutto) cabaret italiano a cui il nostro eroe del giorno ci aveva abituato nel tentativo di emulare Rossi per i festeggiamenti post vittoria.

Ho persino riesumato la Mondaini con “che barba che noia” per una fotografia più generale del GP di Catalogna che ha visto suonare per tutte le classi l’inno di casa.

Ma, come sempre, la realtà supera la fantasia ed ecco che Meregalli ai microfoni di Sky non le manda a dire “il pentacampeòn, come lui ama precisare di essere, è sembrato più un rookie che un campione” detto con un’acrimonia che mi ha lasciato spiazzato. Però è la fotografia esatta di quel che è successo.

George Lorenzo, partito bene e ritrovatosi nel gruppetto dei primi per la prima volta con la Honda ufficiale, si è steso nel tentativo di una impossibile staccata , portando con sè tre dei probabili protagonisti: Dovizioso, Vinales, Rossi. Il gran Premio di Catalogna non è ancora praticamente iniziato ma è già finito per tre dei big e soprattutto per il primo dei contendenti il titolo di campione del mondo a Marquez, Andrea Dovizioso.
Evidentemente la tensione per il viaggio in Giappone alla ricerca di una moto cucita su misura e le conseguenti polemiche con il compagno di squadra dentro e fuori dalla pista sono risultati fatali per il sistema nervoso di George Lorenzo. D’altronde non è da adesso che l’ombra di Marquez nello stesso box sembra pesare come un macigno per il compagno.

Cosa dire del GP dopo l’antefatto? Al via Dovizioso con la sua Ducati, pur partendo dalla seconda fila, si era prontamente portato in testa nel tentativo di esorcizzare un probabile tentativo di fuga di Marquez. E Marquez, scampato il pericolo dello strike di Lorenzo, ha fatto proprio questo. E’ fuggito via, ha inserito il cruise control e navigato in solitaria fino al traguardo. L’unico suo problema è stato lo scoppio durante i festeggiamenti, a moto ferma, dell’airbag della tuta. Il cambio di tuta ha completato la foto del gram premio: Marquez bello lucido fresco come se non avesse corso.

In realtà, dimenticato il fuggitivo, dimenticate le vittime di Lorenzo, il GP è stato sufficentemente combattuto e interessante. Petrucci si è reso protagonista assieme a Quartarolo e Rins di una bella battaglia per il podio e alla fine si ritrova antagonista per il titolo assieme al compagno di squadra. Forse inferiori alle aspettative le prestazioni della Suzuki di Rins ma è solo un dubbio perchè le prestazioni di Marquez con le gomme morbide hanno lasciato zero chances a chiunque. Quartarolo, invece, dopo la magnifica pole, in gara ha confermato la sua capacità di prestazioni costanti nel gruppo dei primi e ha avuto ragione di Petrucci per la piazza d’onore del podio dopo una bella lotta.

In un gran premio caratterizzato da un maxi captombolo poteva mancare una menzione speciale per Cal Crutchlow? Il simpatico inglese ha pensato bene di cadere in solitaria a due giri dalla fine quando stava portando a casa un buon piazzamento al quinto posto. Le telecamere hanno risparmiato inquadrature di Cecchinello.
In conclusione il risultato ha allargato la rosa dei pretendenti a una folta schiera di piloti tra cui Petrucci. Dovizioso si ritrova un “nemico” in casa e dovrà dedicare tempo a meditare una politica più creativa dell’attendismo iniziale e della ragioneria attuale. Per battere Marquez serve molto di più e il ventaglio di concorrenti serve solo a ridurre ulteriormente le già esigue chances di tutti.

La Moto2 ha visto la conferma di Marquez junior. Il cambio di strategia e il lavoro concentrato tutto sulla gara a discapito anche di una qualifica modesta sta cambiando il suo campionato. Sono problemi seri per i nostri in lotta per il campionato.

La Moto3, piacevolissima di solito, sta implodendo sulla troppa importanza della scia favorevole. Le PL, le qualifiche e la stessa gara sono incentrate più sull’attesa dell’occasione propizia piuttosto che su traettorie.  Il surplace visto sabato lascia un senso del ridicolo. Sono piovute penalizzazioni da parte della federazione, ma dubito che basti.  Gara vinta da Ramirez (prima vittoria) ma intanto Canet scappa in classifica iridata su Dalla Porta. Bravissimo Vietti, magistralmente al 3 posto.

Alla prossima
Valther

0

TT ISLE OF MAN 2019

Dopo aver scaldato i motori nel primo grande appuntamento delle corse su strada, la North West 200, gli unici “cavalieri del rischio” degli di tale nomea rimasti nel motorsport sono arrivati nel tempio sacro delle corse su strada, nella gara che a vincerla fa entrare di diritto nell’olimpo dei motociclisti: il TT Isle of Man 2019.

Edizione importante perché è la centesima che si corre sul mitico tracciato del Mountain e da cui ci si aspetta un concentrato di emozioni extra, se possibile ancora più grande di quelle regalate dall’edizione 2018, in cui sono stati battuti molti record sul giro e sulla durata di gara complice le perfette condizioni atmosferiche.

Quest’anno purtroppo il meteo è stato molto meno favorevole, diciamo più in linea con la media dell’isola caratterizzato da pioggia, nebbia e freddo. Queste difficili condizioni hanno falcidiato la settimana di prove, costringendo i piloti a girare pochissimo e anche i primi giorni di gare, con conseguente cambiamenti di orari e programma delle gare previste.

Finalmente il 3 giugno si sono potute disputare le prime gare, con ben tre appuntamenti previsti.

Cominciamo con la prima gara senior delle superbike, disputata su 2 dei 6 giri previsti causa bandiera rossa. La gara è stata una lotta furiosa sul filo dei decimi tra i due protagonisti dell’edizione 2018 e i più attesi di quest’anno, Hickman e Harrison. Quest’ultimo si è portato in testa fin da subito tallonato da Hickman con i due separati da poco più di un secondo al termine del primo giro. Hickman aumenta il passo nel secondo giro e arriva al termine del pit stop del secondo giro al comando con pochi decimi di secondo, che arrivano a 6 nel passaggio a Glen Helen.

Quando la gara sta entrando nel vivo arriva però la bandiera rossa, con classifica congelata al termine del secondo giro e che regala la vittoria a Peter Hickman, su Dean Harrison  e Conor Cummins. Ritirati sia McGuinness che McGee. Ai piedi del podio Hillier, Rutter e Dunlop.

Peter Hickman. Immagine da manxradio.com

Purtroppo la causa della bandiera rossa a Snugborough è stata la caduta di Daley Mathison, 27 anni, che nell’incidente ha perso la vita. E’ l’ennesima morte al TT, e ogni volta si ripropone il quesito se sia giusto o meno continuare a correre in condizioni così pericolose. Ogni volta la risposta è la stessa: sono piloti che amano quello che fanno e pienamente consapevoli dei rischi che corrono. Certo, non tutti possono essere d’accordo ma allo stesso modo non tutti i piloti sono in grado di accettare questo tipo di rischio. Mathison è morto facendo quello che amava di più e tanto basta.

Daley Mathison. Immagine da bbc.com

Seconda gara di giornata la supersport, anch’essa condizionata dal maltempo, costringendo ad accorciarla a 2 dei 4 giri previsti. Scatta subito in testa Hillier, su Johnston, Johnson e Coward.  Al termine del primo giro si rifà sotto Hickman seguito da Harrison. Nel secondo giro le posizioni si consolidano con Johnston al comando su Hillier, Hickman e Harrison.  Anche in questa caso, quando la gara cominciava a entrare nel vivo, si è messo a piovere e il Clerck of the Course ha deciso di far terminare la gara al termine del secondo giro, decretando la vittoria di Johnston su Hillier e Hickman.

Tra le due gare, c’è stata anche la prima gara dei sidecar, col nono successo in carriera dei fratelli Birchall.

Il maltempo ha continuato a farla da padrone facendo saltare la giornata di mercoledì e costringendo a fissare ben quattro gare al giovedì.

Si parte con la seconda gara della supersport, prevista su due giri. Anche il questo caso battaglia sul filo dei millesimi tra Hickman e Harrison, che si alternano al comando nel corso del primo giro che si conclude con Hickman su Harrison e Hillier.

Harrison ci prova nel secondo giro e si riporta al comando ma nulla può contro il ritmo indiavolato di Hickman che riesce a vincere con margine di pochi decimi su Harrison e Hillier, Cummin, Coward e Dunlop.

Nella seconda gara dei sidecar altro successo dei fratelli Birchall, al decimo successo in carriera nel TT.

Terza gara di giornata la superstock, con dominio pressoché totale di Peter Hickman. Sui tre giri di gara previsti, il ritmo di Hickman è stato constantemente il più rapido permettendogli di aumentare progressivamente il margine su Harrison. Alla fine vittoria con ampio margine, oltre 26 secondi e bella lotta per il podio tra Dunlop e Johnson con quest’ultimo ad avere la meglio per soli 208 millesimi.

Con questo successo Hickman entra nel club del hat-trick del TT, in compagnia di nomi pesanti quali Hailwood, Joey e Micheal Dunlop, McGuinnes e Hutchinson.

Nella lightweight il colpo di coda del campione, inaspettato per quello che si era visto fino a quel momento. Micheal Dunlop è riuscito a ripetere il successo del 2018 al termine di un bel duello con Coward. Alla fine il distacco è stato solo di 1.3 secondi ma è tutto quello che basta per assicurarsi la vittoria. Terzo Johnston più staccato. Bonetti, reduce dal successo alla North West 200, termina al sesto posto.

Quinta gara di giornata quella riservata alle moto elettriche, il TT Zero, che ha visto l’ennesimo successo con record sul giro di categoria per Rutter su McGuinnes, sul podio dopo due anni e Ian Lougher.

Dulcis in fundo la gara più importante del Course, la senior TT sulla distanza di 6 giri. Finalmente il meteo ha concesso una giornata con condizioni perfette e si è visto lo spettacolo migliore tra tutte le gare fin qui disputate.

Inutile dire che il duello principale è stato quello tra Hickman e Harrison, con il primo nel ruolo di mattatore e il secondo ad inseguire cercando di chiudere in ogni modo il gap. E che passo per Hickman, autore di un giro da standing start da oltre 134 miglia all’ora. Hickman ha fatto capire subito di voler “ammazzare” la gara arrivando al primo pit stop con 8 secondi su Harrison, 24 su Cummins  e 34 su Dunlop.

Il distacco su Harrison è inesorabilmente salito fino ai 17 secondi al termine del quinto giro. Ma  a questo punto il colpo di scena. al termine del secondo pit la moto di Hickman ha cominciato a perdere acqua con conseguenti problemi di raffreddamento che lo hanno costretto a usare marce corte, giri di motore bassi e a rallentare il ritmo. Ne ha approfittato Harrison, bravo a crederci anche quando ormai sembrava destinato al secondo posto, che ha facilmente chiuso il gap e si è involato verso la sua prima vittoria di una senior TT.

Per Hickman invece si è trattato solo di portare la moto al traguardo, riuscendo nell’obbiettivo di conservare il secondo posto per soli 5 secondi. Terzo Cummins che chiude una buona edizione del TT, che ha preceduto Dunlop e Hillier.

Dean Harrison. Immagine da newsletter.co.uk

Con questo finale thrilling si è chiusa la centesima edizione del TT Isle of Man che ha confermato una volta di più come i piloti che corrono anche in pista, come Hickman e Harrison nel british superbike, sembrano avere una marcia in più rispetto al “classico” pilota da corse su strada. Hickman si è dimostrato ancora una volta il più forte pilota di road races in circolazione, a cui solo un problema tecnico ha impedito di conquistare il poker di successi al TT 2019.

Si conferma anche Harrison, ragazzo dalle straordinarie doti velocistiche e che può ancora crescere. Sembra ormai passato il tempo per i “vecchi” McGuinness e Hutchinson. piegati da l tempo che passa e gli infortuni rimediati negli ultimi anni.
Anche per Micheal Dunlop un’edizione in tono minore, salvata solo dal successo nella Lightweight.

Prossimo appuntamento di rilievo l’Ulster GP di metà agosto, altra gara storica e di gran fascino che riserverà di sicuro altre emozioni.

*immagine in evidenza da shop.iomtt.com

Rocco Alessandro

 

 

0